Sandro Di Giovanni di corsa nel deserto per solidarietà col popolo Saharawi


Sarà Sandro Di Giovanni a rappresentare la città di Civitavecchia in occasione della "Sahara Marathon", che si svolgerà nel deserto del Sahara algerino alla fine di febbraio. All'evento sportivo, tra i cui promotori figura l'Alto Commissariato per i Rifugiati dell'Onu, il Comune di Civitavecchia ha aderito su iniziativa dell'allora delegato allo Sport Elso De Fazi. La competizione consiste in una "ultramaratona" che si correrà interamente nel deserto tra dune e laghi salati, per un percorso totale di ben 180 chilometri, da coprire in 4 tappe, quindi 4 maratone per 4 giorni consecutivi. Gli atleti partecipanti, come sosta tra una tappa e l'altra, pernotteranno nelle tende berbere, ospiti di famiglie nomadi. I maratoneti arriveranno da tutto il mondo per portare solidarietà alla popolazione Saharawi, nell'ambito di un progetto internazionale, in cui ogni atleta partecipante si farà carico di raccogliere fondi e materiali da caricare sul volo charter, per portare questi aiuti al popolo del deserto. «Sono felice e onorato di questa occasione che la città mi offre - ha commentato Sandro Di Giovanni -. Ho dovuto modificare la mia preparazione atletica per una gara che si annuncia particolarmente intensa, ma va bene così. Chi ama la corsa mi può capire e sa che sarà un'esperienza formidabile». E a questo proposito Di Giovanni ricorda una celebre frase di Ursula Leguin, «E' bene avere una meta verso cui viaggiare, ma, alla fine, è il viaggio ciò che conta».