User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Keine Experimente

  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Keine Experimente




    Keine Experimente

    Le elezioni tedesche e la “sgermanizzazione” della Germania

    di Florian


    Ora che Angela Merkel è stata confermata cancelliera e può governare finalmente con l’alleato preferito, ovvero i liberali, la Germania può rimettere in moto quel programma di riforme che era stata impedito finora dalla presenza dei socialdemocratici nella Grossa Coalizione.

    In Germania il conservatorismo ha assunto nel dopoguerra un carattere moderato, accorto e pragmatico, simboleggiato da un vecchio slogan di Adenauer: keine experimente, nessun esperimento. Su queste basi, durante la guerra fredda la CDU si è adoperata fruttuosamente nel modernizzare la Germania nel rispetto della sua storia e della sua tradizione. Oggi però la Germania corre un rischio, quello di non essere più “tedesca”. Ancora all’epoca di Kaiser Franz e dell’Ispettore Derrick si poteva affermare consapevolmente che i deutschen (dell’ovest) rimanevano tali senza per questo essere più considerati nazisti o antioccidentali. Ma il pericolo di una Germania “tedesca” si ripropose in tutta Europa al momento dell’unificazione, dopo che i fratelli dell’est si erano sottratti al soffocante regime comunista. Per tale ragione fu chiesto alla Germania, già a suo tempo de-nazificata, di “sgermanizzarsi” e considerarsi in primo luogo il motore dell’integrazione europea. A questo proposito contribuirono in larga misura socialisti e verdi che, tornati al governo nel 1998 con Schroeder, sulla scia di un moderno riformismo, hanno incarnato la Germania nell’epoca della globalizzazione: liberale, tollerante, multiculturale. Non più Monaco, ma Berlino.

    La sgermanizzazione della Germania ha portato sensibili cambiamenti in politica come in società. La politica, tradizionalmente legata allo schema bipartitico CDU-CSU/SPD, ha segnalato la forte ascesa di nuovi soggetti politici d’intento modernizzatore e d’impronta fortemente occidentale (liberali, verdi), e il ritorno dei veterocomunisti (Linke), che hanno trovato nelle regioni dell’est un consistente bacino elettorale. Per quanto riguarda la società, invece, la sgermanizzazione ha significato il progressivo abbandono del modello tradizionalista e la modernizzazione dei costumi e degli stili di vita, in un passaggio dalla campagna alla città e dalla città al cosiddetto villaggio globale. I nuovi tedeschi sono cittadini sempre più sprovincializzati e cosmopoliti, sensibili ai diritti dell’individuo e delle minoranze, ovvero politicamente corretti. Non c’è da stupirsi se siano andati in brodo di giuggiole quando Barack Obama è andato a salutarli nella sua tournèe europea preelettorale.

    Ieri la Merkel ha vinto, ma a guardare bene i risultati elettorali si può notare come le forze più propriamente conservatrici - CDU e CSU in testa – non solo non si siano rafforzate, ma abbiano continuato a perdere consenso. Al contrario delle forze che più si identificavano con la modernizzazione (i liberali e i verdi), o con la protesta (Linke). Il trend della CDU-CSU è invece negativo, segno di una costante disaffezione dell’elettorato, fattosi tra l’altro sempre più anziano. Mentre la conservatrice CSU crolla in Baviera, perdendo per la prima volta la maggioranza assoluta dei consensi, la scena politica è occupata dal liberale Westerwelle, difensore dei diritti civili e gay confesso. Se si identifica il moderno conservatorismo con il perseguimento di politiche liberiste allora si può azzardare che la Germania abbia davvero fatto qualche passettino verso destra, ma se rapportiamo il conservatorismo al tradizionalismo allora i conti è difficile che tornino.

    Nonostante sia la Merkel che lo stesso Westerwelle siano lontani dal libertarismo che ha caratterizzato il partito Tory al tempo della Signora Thatcher, il rischio che le riforme economiche finiscono col provocare effetti imprevisti e magari non auspicati anche in ambito sociale, come è già avvenuto in Inghilterra, riguarda anche la Germania. Per quanto Margaret Thatcher fosse provvista di una sana formazione vittoriana, contrariamente alle sue intenzioni, le riforme liberiste da lei promosse nel modernizzare l’Inghilterra esaltarono le pulsioni individualiste ed edoniste del suo stesso elettorato cosicché i suoi discepoli, come Michael Portillo, univano già il liberalismo economico al liberalismo sociale, facendo assomigliare tristemente i nuovi tories ai vecchi liberali di Manchester.

    Il conservatore tradizionale non è affatto ostile al mercato e non è nemmeno un immobilista sul piano sociale, ovvero non chiede la cristallizzazione della tradizione, che proprio in quanto tale si alimenta del cambiamento. Riguardo quest’ultimo, però, il conservatore si augura che avvenga lentamente, per gradi, e che non crei scompensi e rotture nel corpo sociale. Keine experimente, come diceva saggiamente Adenauer. Il che non significava star fermi, e difatti la sua Germania ferma non lo fu mai, ma camminare adagio con prudenza e rispetto per i valori ereditati. Valori che in quanto vecchi non è detto che per questo non siano validi, piuttosto il contrario. I nuovi conservatori, però, a volte si dimenticano di essere conservatori e, invece di seguire il prudente modello antico, volgono alla conquista di nuovi diritti individuali con un impeto e una fiducia nel futuro non minori di quelli tipici dei loro avversari di sinistra. Per cui essi capita sovente che essi vincono conquistando l’elettorato dell’avversario, incuranti del fatto che il loro bacino tradizionale si assottigli sempre più. Questo è purtroppo accaduto nella Francia di Sarkozy e sta per accadere nell’Inghilterra di Cameron, nell’Italia di Fini ed è possibile che accada anche nella futura Germania del duo Merkel-Westerwelle. Per quanto, a differenza di francesi, inglesi e italiani, il carattere del popolo tedesco sia molto più tradizionalista.

    Negli anni novanta del secolo scorso l’orologio del mondo è schizzato avanti ad una velocità impressionante, in quanto il lascito, non voluto, del conservatorismo libertario degli anni ottanta, è stato il presuntuoso e folle liberalismo socialdemocratico del decennio successivo. La globalizzazione ha significato il progressivo indebolimento delle specificità e delle sovranità nazionali, speculazioni finanziarie con l’indebolimento del potere d’acquisto, famiglie allargate, libertinismo sessuale, omosessualità galoppante, neofemminismo di riporto, multiculturalismo al seguito di impressionanti flussi migratori, declino inesorabile delle religioni tradizionali a vantaggio di spiritualità individualistiche e sincretiche. Tutto ciò ha rappresentato il trionfo del liberalismo tout court, la cui “sinistra” ha potuto incidere sul piano sociale una volta che la “destra” aveva opportunamente arato la strada sul fronte dell’economia. E poiché non vi sono stati sensibili ripensamenti sulla direzione di marcia, il rischio è che ieri, in Germania, se la destra ha vinto, il conservatorismo – quello autentico – possa aver avuto l’ennesima battuta d’arresto.

    Per queste ragioni auspichiamo che la Signora Merkel, caratterizzatasi già per lo stile rigoroso e impeccabile, e per il suo intelligente pragmatismo, continui nella politica dei piccoli passi che ha contraddistinto felicemente la passata legislatura. Che il suo occhio accorto e vigile impedisca l’accelerarsi di quei processi disgregativi che da alcuni anni stanno affliggendo la Germania, la scristianizzazione, la frantumazione dei vincoli comunitari, la perdita di coscienza nazionale, la cosiddetta Ostalgie, che spinge molti tedeschi dell’est a rimpiangere il vetusto regime comunista, lo svilupparsi di mode abiette sponsorizzate dal modernismo cosmopolitista. La Signora Merkel dovrebbe adoperarsi per riportare i tedeschi nella loro Germania, obiettivo molto più importante, oggi, per un conservatore, che favorire ulteriormente lo sviluppo economico. Se questo dovesse essere perseguito a danno della tradizione, non vorremmo rimpiangere allora l’arretratezza. Keine experimente, appunto.
    Ultima modifica di Florian; 05-10-09 alle 10:38
    SADNESS IS REBELLION

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: Keine Experimente

    Che la signora Merkel non ci convincesse del tutto era chiaro sin dalla timidezza e dalla titubanza con cui, mesi orsono, la comunità conservatrice di questo sito aveva accolto alcuni dibattiti di approfondimento sulla politica tedesca e la stessa figura della Kanzelerin. Ieri abbiamo festeggiato la disfatta della socialdemocrazia, e la chiusura della scialba parentesi di Grosse-Koalition, che non era riuscita ad esprimere politiche chiare, da una parte o dall'altra, se non una genericissima stabilità forzata.
    Abbiamo festeggiato, quindi, la nascita di un governo più omogeno, ora in grado di approvare provvedimenti più netti, senza i lacci e i lacciuoli di una unione fra cristiano-democratici e progressisti sorta non per convinzione, ma per necessità.

    Ma se i socialisti vivono il loro momento più buio, certo l'estrema sinistra non può dirsi scontenta di un risultato lusinghiero per Oskar Lafontaine e per dei Verdi in recupero rispetto ai risultati passati. Il passaggio all'opposizione dell'SPD rischia anzi di convincere i dirigenti socialdemocratici a compiere un salto verso il definitivo apparentamento con Linke e Verdi, fino a creare una forza rosso-verde, oggi ancora poco convincente sui programmi, ma non lungi dal costituire una grande minaccia per la coalizione alternativa. Non ci dimentichiamo che CDU/CSU e FDP vincono per poche frazioni di punti in termini percentuali, e con una maggioranza piuttosto esigua in termini di seggi. Resta attuale anche il rischio di una frattura interna all'SPD tra fautori dell'alleanza con la Linke ed esponenti più moderati e riformisti, allergici al massimalismo di Lafontaine.

    L'alleanza fra Merkel e Westerweller può suscitare una spontanea simpatia fra i liberal-conservatori, ma anche un sentimento d'inquietudine fra coloro che mantengono fermo il punto sui temi etici. Se da un lato i conservatori tendono a concordare sulla necessità di una diminuzione del peso e del controllo dello Stato sull'economia, per quel che riguarda i cosiddetti diritti civili, le unioni omosessuali, la legalizzazione delle coppie di fatto, l'aborto, vi è una frattura insanabile tra due fazioni pronte a darsi battaglia. Westerwelle, gay dichiarato, in verità non sembra pronto a scatenare una guerra "libertaria" al punto da allearsi con le sinistre pur di ottenere "avanzamenti" nella legislazione tedesca su questi temi scottanti. L'alleanza non spicca per proposte rivoluzionarie, ma per il mantenimento della barra verso un centro forse un pò paludoso, ma pragmatico.

    In verità, l'unica cosa da fare è attendere Angela Merkel al varco, ora che può governare senza l'interdizione socialdemocratica, in libertà (anche se relativa, poichè Westerwelle chiederà dazio). Le politiche effettive vanno distinte dai programmi e dagli enunciati ideali di campagna elettorale. Ci sarà davvero un processo di liberalizzazione? Non è del tutto scontato. La palude potrebbe prevalere, i contrasti con i liberali paralizzare l'esecutivo. La Merkel, semplicemente, potrebbe deludere. Resta la minaccia dell'impulso individualista di tipo edonista; il pericolo che politiche liberali sui temi etici oscurino ogni parvenza conservatrice. Il liberalismo, in fondo, nasce e si sviluppa come antagonista del conservatorismo. In esso è sempre presente un germe progressista, una "costola di sinistra".

  3. #3
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Keine Experimente

    Citazione Originariamente Scritto da FalcoConservatore Visualizza Messaggio
    Che la signora Merkel non ci convincesse del tutto era chiaro sin dalla timidezza e dalla titubanza con cui, mesi orsono, la comunità conservatrice di questo sito aveva accolto alcuni dibattiti di approfondimento sulla politica tedesca e la stessa figura della Kanzelerin. (...)

    (...) L'alleanza fra Merkel e Westerweller può suscitare una spontanea simpatia fra i liberal-conservatori, ma anche un sentimento d'inquietudine fra coloro che mantengono fermo il punto sui temi etici. Se da un lato i conservatori tendono a concordare sulla necessità di una diminuzione del peso e del controllo dello Stato sull'economia, per quel che riguarda i cosiddetti diritti civili, le unioni omosessuali, la legalizzazione delle coppie di fatto, l'aborto, vi è una frattura insanabile tra due fazioni pronte a darsi battaglia. Westerwelle, gay dichiarato, in verità non sembra pronto a scatenare una guerra "libertaria" al punto da allearsi con le sinistre pur di ottenere "avanzamenti" nella legislazione tedesca su questi temi scottanti. L'alleanza non spicca per proposte rivoluzionarie, ma per il mantenimento della barra verso un centro forse un pò paludoso, ma pragmatico.

    In verità, l'unica cosa da fare è attendere Angela Merkel al varco, ora che può governare senza l'interdizione socialdemocratica, in libertà (anche se relativa, poichè Westerwelle chiederà dazio). Le politiche effettive vanno distinte dai programmi e dagli enunciati ideali di campagna elettorale. Ci sarà davvero un processo di liberalizzazione? Non è del tutto scontato. La palude potrebbe prevalere, i contrasti con i liberali paralizzare l'esecutivo. La Merkel, semplicemente, potrebbe deludere. Resta la minaccia dell'impulso individualista di tipo edonista; il pericolo che politiche liberali sui temi etici oscurino ogni parvenza conservatrice. Il liberalismo, in fondo, nasce e si sviluppa come antagonista del conservatorismo. In esso è sempre presente un germe progressista, una "costola di sinistra".
    Non sono per nulla ostile alla Signora Merkel di cui apprezzo prima di tutto la compostezza e lo stile di governo. E' una donna che stimo. Un genere di politico che vorrei governasse il mio paese. Competenza, rigore e serietà prima d'ogni altra cosa. Il mio discorso intendeva dare solo in parte un giudizio sulle elezioni tedesce e fornire invece una lettura più ampia e complessa su quel che significa essere conservatori oggi. Quel che significa di fatto e quel che vorremmo significasse in linea di principio.
    Ultima modifica di Florian; 29-09-09 alle 13:45
    SADNESS IS REBELLION

  4. #4
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Keine Experimente

    Ho un po' rivisto l'articolo di ieri, mantenendone però inalterato l'impianto.
    SADNESS IS REBELLION

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-01-13, 20:52
  2. Arbeit macht frei, keine Arbeit macht freier!
    Di Naitmer nel forum Fondoscala
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 02-04-10, 15:46
  3. Rammstein - Keine Lust
    Di Zefram_Cochrane nel forum Musica
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-11-05, 19:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226