User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: ciao ROBERTA TATAFIORE

  1. #1
    AnarcoLiberale ''egoista'
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito ciao ROBERTA TATAFIORE

    "Il vuoto. Roberta Tatafiore lascia un vuoto, ed ora viene il momento, per noi che restiamo, di sentirci in colpa. Si arriva alla conta delle telefonate non fatte, dei pensieri non condivisi, degli auguri e dei saluti persi.

    Non credo avrebbe voluto questo. La libertà per Roberta era un istinto. Sapeva che la vita è fatta di strade che s'intrecciano e ogni tanto si separano. Era una donna di un'affettività profonda, sincera, fatta di grandi slanci, grandi abbracci, grandi litigi. Era una scrittrice appassionata, una ricercatrice serie, un'amica di quelle che non bastano mai. È indimenticabile da tanti punti di vista ma anzitutto per due cose: la bontà disarmante, e il suo humor strepitoso.

    Roberta amava i gatti. Vilfredo Pareto diceva che i gatti sono molto meglio degli uomini. Il gatto è un animale individualista. Non è vero che non sappia che c'è il tempo dell'amicizia, o del sentimento. Sa solo che non è lì, che si esaurisce la vita.

    Roberta era attrezzata alla solitudine. Una solitudine, in prima battuta, intellettuale. Aveva pagato, nelle relazioni e nelle amicizie, il suo distacco da quello che era arrivata a definire "femminismo collettivista". In un Paese dove cambiare idea non costa nulla, era una delle poche persone ad avere scandagliato in profondità le ragioni del suo mutamento di prospettiva. Non rinnegava niente, ed era il suo bello. Parlare con lei era come discutere con un pezzo della storia delle idee. Era stata al Manifesto, era stata radicale, aveva passato la vita a spezzare ipocrisie fino ad approcciare il tema della prostituzione in un'ottica di rivalutazione dei rapporti volontari fra persone, anche se regolati dal denaro ("atti capitalistici fra adulti consenzienti"). Di tutte le sue esperienze d'intellettuale e di militante politica, il tratto unificante era la vocazione libertaria, mai complice e sempre dissacrante nei confronti del potere.

    Non ce ne sono di persone assieme così curiose, e così rispettose del privato. La curiosità di Roberta l'aveva resa una delle voci più interessanti, quando si trattava di scrivere del divertente e stralunato mondo dell'industria del sesso. Non giudicava mai, e credo capisse sempre, con profondità rara, le ragioni delle preferenze e dei comportamenti, dei cosiddetti vizi, delle cosiddette virtù. O forse più semplicemente sapeva che non c'è bisogno di ragioni, che ognuno è quel che è e basta e avanza.

    Non giudicava i trasgressivi, e non giudicava neanche i bacchettoni. Il suo rispetto avvolgeva tutto il vasto spettro delle convinzioni diverse dalle sue. L'amore per la libertà, sua, era rispetto totale del privato altrui.
    Non credo di aver mai conosciuto nessuno che nel comportamento, prima ancora che nelle parole, considerasse tanto intoccabile la libertà degli altri.

    Roberta guardava con simpatia questo Istituto, e con complicità intellettuale. Hanno scritto che ha meditato anche la sua ultima, come una scelta radicale di libertà.

    Preferirei non fossi stata tanto libera, amica mia".

    aLBERTO MINGARDI

    http://www.movimentolibertario.it/ho...d=170&fn_cid=4

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    *****istrator
    Data Registrazione
    29 Mar 2009
    Messaggi
    863
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: ciao ROBERTA TATAFIORE

    Autrice di libri sul mercato del sesso a 66 anni ha scelto di scrivere
    un diario sulla sua fine. "La mia è stata una scelta", il suo ultimo biglietto
    Suicidio programmato, l'addio shock
    della femminista Tatafiore
    di SIMONETTA FIORI

    Suicidio programmato, l'addio shock della femminista Tatafiore

    Roberta Tatafiore
    ROMA - "La mia è stata davvero una scelta", è scritto nell'ultima lettera agli amici, quella del congedo. "Una scelta a lungo riflettuta, preparata, accompagnata negli ultimi tre mesi dalla stesura di un diario, impegno che ha dato luce a questi miei ultimi giorni". In poche righe la costruzione di un suicidio, consumato mercoledì prima di Pasqua in una stanza d'albergo.

    Così ha deciso di andarsene Roberta Tatafiore, 66 anni, femminista impegnata, autrice di saggi sulla condizione femminile, sulla pornografia e sul mercato della prostituzione, da De bello fallico a Uomini di piacere e Sesso al lavoro. La notizia della sua morte figurava ieri sul Foglio e sul Manifesto. Un progetto, quello del suicidio, inseguito con gelida determinazione. Prima la "scelta di clandestinità", quel vivere di nascosto dagli amici, dal lavoro, dai giornali ai quali collaborava. Tre mesi di silenzio, anche di bugie - "Sto lavorando in Svizzera, starò a lungo fuori" - interrotto da frettolose telefonate che mai tradivano il suo disegno. Poi la scelta dell'albergo, vicino al suo appartamento dell'Esquilino. Un ultimo saluto alla casa, ai suoi libri, alla gatta, agli oggetti amati della sua bella famiglia calabrese. Le lettere di addio agli amici le ha spedite all'ultimo, missive piene di tenerezza e sorriso. L'ho scelto io, state sereni. Se Silvia Plath prima di ammazzarsi ha imburrato le fette di pane per i figli, Roberta Tatafiore per le persone amate ha lasciato parole lievi. La cameriera l'ha trovata verso sera, una corsa in ospedale, poi il precipitare nel mondo delle "larve nere".

    Il tema della morte non le era estraneo. Roberta Tatafiore cercava le "larve nere" nei romanzi e nella cronaca, ne era attratta e al contempo minacciata. "Lasciatemi addormentare come Saffo", così titolava ieri il Foglio una sua pagina sull'aldilà scritta nell'estate di due anni fa. Appare una costruzione letteraria anche questa sua morte, lucidamente inseguita, progettata, e raccontata in un memoriale di una cinquantina di pagine. Come una traccia lasciata agli amici, un gesto di condivisione. "È un diario dei suoi ultimi tre mesi, una cronaca meticolosa del suo progetto di morte", dice Daniele Scalise, giornalista e compagno di molte avventure. "Una sorta di "diario della clandestinità" in cui è dettagliatamente raccontato come Roberta s'è organizzata, che libri ha letto, come ci si prepara al suicidio". Il suicidio come possibilità di un'esistenza piena.

    Quale filo spezzato abbia piegato una personalità straripante, vitale, generosa è difficile ora capire. "Come tutte le donne veramente sofferenti", dice Scalise, "Roberta non esibiva il dolore". Spirito irrequieto e profondamente libero, dopo una lunga militanza a sinistra - tra Noidonne, Manifesto e il mensile Lucciola per i diritti civili delle prostitute - negli ultimi tempi s'era avvicinata alla destra, ai suoi giornali, condividendo con Isabella Rauti la rubrica Thelma & Louise sul Secolo d'Italia. Ma anche questo nuovo territorio politico l'aveva delusa. Contro lo "statalismo chiesastico" esibito sul caso Englaro era incentrato nel febbraio scorso un suo appassionato intervento sul sito di DeA, donne e altri, probabilmente il suo ultimo articolo. In primo piano, ancora una volta, il suicidio, in tedesco Freitod, libera morte. Anche questo suo epilogo, in fondo, è rivendicazione di possesso. Ognuno di noi è padrone della propria vita, forse Roberta Tatafiore ha voluto ricordarcelo. Con dolcezza, senza rancore.

    http://www.repubblica.it/2009/04/sez...tatafiore.html

  3. #3
    AnarcoLiberale ''egoista'
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: ciao ROBERTA TATAFIORE

    La morte libera tra anarchia e diritto

    A corpo freddo (di Eluana) e a mente raggelata (la mia) mi interrogo sulle ragioni dell’esito paradossale del cosiddetto Caso Englaro : il padre di Eluana è riuscito sì a liberare sua figlia da una vita-non vita (e in questo gli va tutta la mia solidarietà), ma a un prezzo molto alto: avremo la legge peggiore che esista al mondo sulle volontà di fine vita, malgrado la grande mobilitazione di tante teste competenti e intelligenti e dei sempre generosi Radicali per far sì che ciò non avvenga. A meno di clamorosi cambiamenti durante l‘iter accelerato della legge, dopo la legge la libertà di donne e uomini farà un passo indietro altrettanto clamoroso. La vittoria del padre di Eluana per sua figlia, sancita dai tribunali, si rovescerà in una sconfitta per tutti - sancita dal parlamento. Una vittoria di Pirro, politicamente parlando.
    Anche in altri paesi, quelli ai quali dovremmo somigliare, è aumentata la presa del potere religioso (segnatamente cattolico) che pretende di azzerare il pluralismo etico, insito in qualsiasi società, e di imporre erga omnes una morale confessionale. Ma da noi la Chiesa si incontra con la maggioranza del ceto politico, tanto di governo quanto di opposizione, e riesce a far sì che la sua visione morale venga sussunta nelle leggi emanate da governo e parlamento.
    E’ il trionfo della “religione civile”, lanciata dal duo Ratzinger-Pera anni fa che ha inaugurato un nuovo tipo di statalismo: lo statalismo chiesastico. Di conseguenza, nei suddetti altri paesi, il conflitto inevitabile tra i diversi modi di intendere a chi appartiene la propria vita - dalla nascita alla morte – non è così violento e sgangherato come in Italia. Di conseguenza la competizione manichea tra laicità e confessionalità dello stato ci imbriglia tra schieramenti contrapposti e costringe ciascuno a militare nell’uno o nell’altro campo, azzerando la libertà di pensiero e di critica.
    Così, nel Caso Englaro, hanno taciuto quanti - pur dalla parte del padre di Eluana - non hanno apprezzato la via giudiziaria alla sua liberazione. Hanno taciuto quanti non hanno apprezzato il non chiamare con il loro nome, pratiche eutanasiche, gli interventi medici messi in atto per proteggere la morente dall’eventualità di soffrire durante la disidratazione e la denutrizione. “Alla domanda sulla percezione del dolore (in un soggetto in coma vegetativo permanente e irreversibile, ndr) la scienza può rispondere in maniera solo in modo approssimativo”, ha scritto Anna Meldolesi, della cui competenza mi fido, in un articolo su Il Riformista, specificando che: “la letteratura scientifica smentisce comunque che si tratti di atroci sofferenze”.
    Come che sia, preferisco il trattamento con sostanze sedanti cui è stata sottoposta Eluana Englaro che potrebbero aver accelerato la sua morte, piuttosto che la mancanza di un tale trattamento, come è accaduto nel caso di Terry Schiavo.
    Il fatto è che nelle società in cui viviamo, non ci sono che due modi di morire di propria volontà: ricorrere al suicidio (che, non a caso, in tedesco si chiama Freitod, libera morte) oppure affidarsi alla legge che stabilisce i confini entro i quali uno, alcuni o alcuni altri, possono accelerare la nostra dipartita. La legge ci mette a disposizione il testamento biologico (e chiamiamolo così, per piacere, visto che i parlamentari, tanto di maggioranza quanto di opposizione, hanno cassato la parola testamento perché alluderebbe al fatto che la vita sarebbe “bene disponibile”) in caso diventiamo incoscienti e impossibilitati a decidere, il suicidio assistito e l’eutanasia in caso siamo capaci di decidere.
    Ma poiché il morire è cosa spiritualmente e esistenzialmente pregnante, nonché materialmente complicata, se non possiamo o non vogliamo morire di nostra mano, se non possiamo o non vogliamo aspettare che il nostro destino si compia in base alla legge naturale (che di naturale ha ormai ben poco visto che le nuove tecnologie della cura possono prolungare la vita ad libitum) altra scelta non abbiamo che sperare, sperare che pietà umana e perizia medica ci accompagnino nel trapasso in un luogo necessariamente pubblico (una clinica, un ospedale, un hospice) perché regolato da norme pubbliche.
    Nella nostra solitudine di morenti saremo comunque creature dolenti e bisognose, aggrappate alla vita e timorose della morte, e - coscienti o non coscienti - delegheremo allo stato la nostra esecuzione. Non è una prospettiva esaltante. Chi, finora, l’ha criticata con le parole più adatte è Clara Jourdan, sul numero 83/2007 di Via Dogana. Esprimendo contrarietà al testamento biologico e all’eutanasia, scrive: “…mettere questo momento delicatissimo della fine della vita in forme necessariamente burocratizzate è preoccupante e deresponsabilizza chi negli ospedali e ai capezzali ha il compito di vegliare sulle creature malate. Meglio lasciare che chi aiuta a morire corra dei rischi, per amore di quel legame”.
    Sono d’accordo con Letizia Paolozzi quando, sulla scorta di un intervento di Angelo Panebianco, afferma che c’è una “intrattabilità politica” del tema della fine. Ma sono costretta a ammettere che solo la politica come la conosciamo può incanalare nel modo meno peggiore possibile questo tema, cercando di rispettare la volontà di tutti i morenti, credenti e non credenti, atei o agnostici, stoici o epicurei, senza imporre ad alcuno l’obbligatorietà di questa o quella pratica di fine vita.
    L’alternativa cui Letizia accenna di lasciar fare agli umani permettendo loro di acconciasi a organizzare la morte propria e altrui nella “zona grigia” sottratta al controllo statale non è però più realizzabile.
    “Prima”, un prima antropologico non ancora compiutamente studiato, lo stato non doveva occuparsi della morte che avveniva esclusivamente nell’ambito delle famiglie, le quali si arrangiavano come potevano, anche mettendo in atto pratiche eutanasiche ante litteram e “sopra la legge” (cfr. il mio articolo “L’eutanasia e l’Accabadora”, pubblicato su Secolo d’Italia, ripreso da questo sito nella sezione anima/corpo”).
    E a tutt’oggi si sa, si dice, che la “zona grigia” delle morti anticipate ma concordate tra familiari e medici al capezzale dei morenti sia estesa. Dopo una legge occhiuta sulle volontà di fine vita, però, la “zona grigia”, tenderà inevitabilmente a restringersi. Solo la depenalizzazione del suicidio assistito e dell’eutanasia potrebbero sottrarci a quei controlli burocratizzati che diventeranno inevitabili. Il problema è che per depenalizzare occorre comunque legiferare.
    C’è un solo paese al mondo, la Svizzera, che già nel 1940, ha legiferato nel senso della depenalizzazione. Il codice penale della Confederazione definisce il suicidio assistito in modo tale che, interpretando la norma “a contrario”, lo consente. La legge, infatti, punisce l’istigazione al suicidio solo se praticata o tentata per “motivi egoistici”. Ciò ha permesso, già da parecchi anni, la presenza di associazioni private (Dignitas e Exit) votate a eseguire le volontà di fine-vita. Il denaro che esse percepiscono va esclusivamente a coprire le spese per il servizio e la polizia lo può accertare perché ogni morte viene denunciata fornendo alle forze dell’ordine un’ampia documentazione.
    Recentemente, però, sta aumentando la pressione per regolamentare in qualche modo quello che finora è un rapporto consenziente tra i volontari della morte, se così li vogliamo chiamare, e gli individui liberi di decidere quando e come porre fine ai propri giorni. Da un lato, in alcuni Cantoni, gli ospedali pubblici che ospitano malati terminali decisi a abbreviare le loro sofferenze, hanno aperto le porte alle associazioni per eseguire gli “interventi”. Dall’altro il Consiglio Federale (l’equivalente del governo centrale), sotto la pressione di un’opinione pubblica allarmata dall’aumento della domanda di suicidi assistiti che “fanno notizia”, nel luglio dell’anno scorso, ha espresso in un documento la seguente posizione: nessuna intenzione di modificare la legge del 1940, bensì la proposta di discutere con le associazioni stesse la loro collocazione all’interno del sistema sanitario.
    Sia Dignitas che Exit hanno accolto con favore il documento del governo mirando alla possibilità, in un futuro, di ancorare alla costituzione il “diritto alla morte dignitosa”, il che condurrebbe inevitabilmente a far rientrare sotto la protezione statale le pratiche che finora si svolgono in maniera privata. Ritengo, questa, una prospettiva di normalizzazione che non mi piace. Da anarchica impenitente penso, infatti, che dove avanza il diritto la libertà arretra. Convinzioni personali a parte, mi chiedo come fare, qui e ora nel mio paese, a mettere la sordina a quel “dispiegamento di potenza” (come lo chiama appropriatamente Bia Sarasini) che ha fatto il bello e il cattivo tempo nella politica e sui media intorno alla umana troppo umana vicenda di Eluana Englaro.
    Non trovo risposta, ma so che dare una risposta è essenziale.



    Roberta Tatafiore

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Messaggi
    661
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: ciao ROBERTA TATAFIORE

    Se la morte può essere intesa come l'ultimo capitolo di un libro, questa donna è una delle poche persone che hanno consegnato all'editore la propria opera già pronta per andare in stampa...

    Se tutti avessimo il coraggio di fare come lei, in maniera tanto responsabile da sembrare quasi disumana, ma in realtà umanissima, forse la vita ci apparirebbe meno brutta, qualunque cosa ci accada.

    R.

    Un fiore alla memoria di un libro finito bene.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Apr 2009
    Località
    lì dove la marijuana è libera
    Messaggi
    1,095
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: ciao ROBERTA TATAFIORE

    ciao roberta

 

 

Discussioni Simili

  1. Roberta Lombardi: Disponibili anche a votare Prodi
    Di Andre86 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 19-04-13, 16:52
  2. Le risate di Roberta Lombardi in Aula
    Di Rick Hunter nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 13-04-13, 22:09
  3. Come la pensa Roberta Lombardi
    Di capitan harlock nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-03-13, 18:47
  4. Ciao ciao Draghi, ciao ciao Italia. Si torna al 92-94
    Di cadutima nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 30-01-13, 11:18
  5. A Roberta
    Di brunik nel forum Fondoscala
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 15-09-06, 18:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226