User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: 23 Aprile, San Giorgio

  1. #1
    allevatore
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    campagna lombardo-veneta
    Messaggi
    4,930
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito 23 Aprile, San Giorgio

    Vita

    La figura storica di San Giorgio, il cui culto è diffusissimo fin dai tempi più antichi in tutta la cristianità, è evanescente, e mescolata con elementi chiaramente leggendari, tanto che la Chiesa nel 1969 declassò la sua festività a "memoria facoltativa", senza però intaccare la devozione popolare.
    Il nome greco del santo, Georgios, significa "uomo della terra, agricoltore", e questo spiega perché questo santo guerriero, il cui colore preferito è il verde, sia anche protettore dell'agricoltura, e invocato contro la siccità.

    Giorgio nacque in Cappadocia verso la metà del III secolo, e militò nell'esercito romano fino al grado di tribuno. Quando nel 303 Diocleziano lanciò la persecuzione contro i cristiani, Giorgio strappò l'editto e proclamò pubblicamente la sua fede. Fu allora sottoposto a tutto il repertorio di torture ben noto alla martirologia, ma ogni volta gli angeli intervennero a salvarlo, naturalmente non per privarlo della palma del martirio, ma per confondere i suoi persecutori. Alla fine fu decapitato e seppellito a Lydda in Palestina: sulla sua tomba fu edificata una basilica, poi distrutta dal Saladino.

    Leggenda

    In epoca successiva a Giorgio fu attribuito l'episodio della lotta contro il drago. Nella città libica di Silene vi era uno stagno abitato da un mostruoso essere che uccideva ogni creatura vivente col fiato. Per placarlo i poveri pastori del luogo gli offrivano due pecore al giorno, e quando cominciarono a scarseggiare le pecore, una pecora e un giovane, estratto a sorte. Quando fu estratta la figlia del re, passò di lì San Giorgio, che ferì con la sua lancia il mostro; poi disse alla principessa di legarlo con la sua cintura, e di portarselo in città al guinzaglio, come un cagnolino. Giunto in città, San Giorgio ottenne la conversione del re e di tutta la popolazione, poi uccise il drago (le giunte posteriori parlano anche delle nozze fra Giorgio e la giovane principessa Sabra).

    In questa leggenda non è difficile trovare il ricordo di antichissimi miti precristiani della lotta contro il mostro, rappresentazione del male; ed è evidente il richiamo anche all'Arcangelo Michele, capo supremo dell'esercito celeste, e vincitore del diavolo.


    Patronati e iconografia

    Un'ulteriore caratterizzazione di San Giorgio si ebbe con l'età delle Crociate. Il Santo guidò alla vittoria i Crociati durante l'assedio di Antiochia (1089); e comparve in sogno a Riccardo Cuor di Leone durante la III Crociata. Per questo l'emblema di San Giorgio, la croce rossa in campo bianco, fu adottata sia dai crociati, sia dall'Inghilterra. Re Edoardo III, vittorioso a Calais contro i Francesi (1347), proclamò San Giorgio patrono d'Inghilterra, al posto di Edoardo il Confessore, e istituì l'Ordine di San Giorgio, o della Giarrettiera, a ricordo della striscia di cuoio tinta di blu che Riccardo I legava alla gamba dei suoi cavalieri.

    San Giorgio è, con San Martino, patrono dei cavalieri; per estensione, in età moderna, dei Boy Scout. È patrono degli armaioli e tutti quelli che hanno a che fare con armi, armature e altri attrezzi dei cavalieri, compresi i fabbricanti di selle e piumaggi. È patrono, abbiamo visto, dell'Inghilterra, nonché di di Genova e di Venezia, almeno fino al trasporto nella città lagunare delle reliquie di San Marco. È patrono dei contadini, è invocato contro la siccità e contro il morso di serpenti. È invocato anche contro la peste e la sifilide, malattie infettive diffuse negli eserciti.

    È uno dei quattrordici "Santi Ausiliatori".

    Le rappresentazioni insistono sul tema della lotta contro il drago; sono presenti anche la principessa, il vessillo bianco con la croce rossa, il cavallo bianco, talvolta l'agnello offerto in sacrificio.



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    S.GIORGIO



    Croce di S.Giorgio nella bandiera padana










    telero del trittico S.Giorgio

    Vittore Carpaccio,pittore veneto padanissimo



    PER APPREZZARLO MAGGIORMENTE, Cliccate qui (è il mio preferito)


  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up

    A San Giòrg a Milàn se mangia panera e pan mejn panna e focaccine dolci gialle. Questo costume si collega strettamente alla spontanea baldoria che seguì (siamo nel 1340) all'uccisione, nel giorno di San Giorgio, da parte di un drappello di Luchino Visconti (1292-1349) dell'efferato capobanda Vione Squilletti, che terrorizzava il contado fuori Porta Ludovica. Un oste del posto offrì da bere e, gran lusso, anche panna fresca e dolcetti di farina gialla ai soldati e a tutta la gente presente, poi lì fuori appese un cartello "qui morì Vione"..e ora da quelle parti c'è ancora la via Morivione. Perèmm che le sciore milanesi continuino questa tradizione.
    "Armaa come on San Giòrg" si usa dire quando uno è pronto a andare a caccia e a pesca con un gran armamentario, sul ridicolo.
    A San Giòrg la spiga in l'orz (l'orzo fa la spiga)
    Da G. Oneto.."una diffusissima tradizione vuole che la Croce di San Giorgio si trovasse sul pennone del carroccio nella battaglia di Legnano (29 maggio 1176)...prova del suo impiego viene fornita da un fregio posto sulla milanese Porta Romana, costruita nel 1171, ora conservato al Museo del Castello...

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito BUFFONATE COMUNISTE



    Il mito di S.Giorgio colpì anche lev Trotzskij, che non voleva fare di lenin un santo ortodosso,e si fece ritrarre a cavallo come s.giorgio mentre uccide il drago della "controrivoluzione".Ciò dimostra la tendenza dell'uomo a mitizzare ,anche in situazioni sociali e ambientali in cui si fa appello al massimo della razionalità.Te capì?


    Tratto dal n°17 di focus extra, rivista peraltro massonica e mondialista

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 26-04-19, 00:12
  2. 23 Aprile. San Giorgio
    Di Juv nel forum Lega
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 24-04-19, 00:17
  3. 23 aprile - S. Giorgio martire
    Di Augustinus nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 23-04-19, 22:44
  4. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 25-04-08, 21:07
  5. 23 aprile 2008 San Giorgio.
    Di Juv nel forum Padania!
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 25-04-08, 11:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226