User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Mar 2004
    Località
    Veneto/Padania
    Messaggi
    283
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Prendere visione prego!

    Manifesto di Odalengo: FAQ - Frequently Asked Questions



    PERCHÉ IL MANIFESTO È STATO PUBBLICATO SU INTERNET ?


    Vista la gravità e l'urgenza degli argomenti esposti, il Sindaco di Odalengo Piccolo, primo firmatario del Manifesto, era pronto a presentarsi in Consiglio nazionale per discuterlo, ma gli fu seccamente comunicato che la sua audizione era rinviata a data da destinarsi.



    I SOTTOSCRITTORI DEL DOCUMENTO VOGLIONO CONTRAPPORSI ALLA LEGA?


    Questa è l’accusa più prevedibile e goffa.

    Ricorda i tempi di Stalin, quando chi diceva, ad esempio: "la popolazione non ha più carbone per riscaldarsi", veniva accusato di essere "al servizio dei circoli imperialisti".

    No. I sottoscrittori sono Militanti che hanno la Lega nel cuore, lo hanno dimostrato in anni di fedele militanza e vogliono fare l’impossibile per non vederla rovinare come sta accadendo.

    Si sono ritrovati liberamente per parlare di Lega e di politica e le loro osservazioni sono state indirizzate alla persona stessa del Segretario federale, a riprova della chiarezza e dell’onestà dei loro intenti.



    CRITICA POLITICA SERIA O SLOGAN?


    Fermo restando il fatto che la linea politica della Lega Nord Padania viene stabilita in sede federale, il Manifesto contiene un’analisi ed un elenco di punti, eventualmente da approfondire, che individuano gravi errori e malfunzionamenti del Movimento in Piemonte.

    A questa critica civile e ragionata i nostri dirigenti nazionali, impossibilitati a confutarla politicamente, hanno risposto con degli slogan. Eccone alcuni esempi (vedi la comunicazione ai Militanti della Segreteria nazionale datata agosto 2003):

    “Bisogna rilanciare il Movimento”. Questa è la penosa ripetizione di una frase udita fino alla nausea già al Congresso di Leinì, quando propagandavano la loro candidatura. Ma che hanno fatto poi per ‘rilanciare il movimento’ nei due anni della loro gestione? Forse il crollo del tesseramento, la chiusura di sezioni e circoscrizioni, la perdita della città di Alessandria, i disastri elettorali ad Ivrea e Orbassano e la discesa del consenso al 2% ?

    “La Lega ha bisogno di un forte impulso” (slogan usato all’approssimarsi di elezioni). Ma da dove deve venire questo ‘forte impulso’ se non da chi ha occupato tutte le possibili cariche direttive del movimento piemontese e lo ha ridotto nella condizione attuale? Forse dai Militanti, senza alcuna voce in capitolo, il cui unico compito riconosciuto è quello di vendere i biglietti della lotteria e, in caso di disaccordo sulle decisioni dei capi, minacciati di espulsione o direttamente espulsi come è accaduto in Valsusa per la questione TAV ?

    “Occorre ripartire per una più intensa azione sul territorio”. Ma su quali nuove basi? Ma cambiando che cosa della fallimentare politica finora condotta?

    I problemi non si risolvono ripetendo frasi fatte, ma individuando le cause del malessere, cambiando le cose che sono da cambiare ed allontanando i responsabili del disastro.



    IL MANIFESTO É “INCOMPRENSIBILE E DIFFAMATORIO” ?


    Ogni persona dotata di normale intelligenza può giudicare se la richiesta di trasparenza amministrativa, il no al cumulo delle cariche, il no alle ‘squadre’ interne, il no allo scavalcamento della militanza e una migliore comprensione dell’animo del Piemonte siano cose “incomprensibili e diffamatorie” (vedi circolare della Segreteria provinciale di Torino del 25 agosto 2003).

    Certo, sono cose che possono dare fastidio a qualcuno e portarlo a sproloquiare.



    IL MANIFESTO HA A CHE FARE CON LA VICENDA DELL’ASSESSORATO REGIONALE ?


    No. Basta confrontare le date. Il manifesto è stato discusso all’inizio di Luglio e pubblicato il giorno 17 dello stesso mese. Le prime indiscrezioni di stampa relative alle perquisizioni che hanno interessato l'assessorato regionale sono del 22 luglio 2003.

    Ci sarebbero state molte cose da dire a proposito di quel tristo episodio, con i suoi annessi e connessi, ma si è preferito, per ora, non trattarne.

    L’episodio è semmai servito a dimostrare la gravità delle condizioni in cui ci troviamo e la correttezza delle critiche fatte.



    Il Manifesto è raggiungibile sul sito Internet



    www.padania.to.it



    Per aderire basta un click.



    12 settembre 2003

    I Sottoscrittori del Manifesto

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Mar 2004
    Località
    Veneto/Padania
    Messaggi
    283
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Manifesto di Odalengo - Tre mesi dopo: il punto della situazione


    17 ottobre 2003

    Dopo tre mesi esatti (compresi i tempi morti di agosto), non appaiono più solo “gente che fa perdere tempo”, né “30 straccioni”, i Militanti che, da Odalengo Piccolo, hanno manifestato la loro sfiducia nell’attuale segreteria piemontese e ne chiedono le dimissioni, obbedendo all’imperativo morale di richiamare tutti coloro che amano la Lega sulla necessità di un ritorno alle origini, al fine di realizzare, con rinnovato impegno e limpida operatività, il compito che ci siamo preposti: difendere l’avvenire della nostra Gente e della nostra Terra, della nostra Storia e della nostra Cultura, attraverso il difficilissimo e quanto mai impegnativo contesto politico attuale.

    Più di 500 firme, larghissimo consenso ed unità d’intenti sui programmi hanno fatto seguito, in tempi brevissimi, al documento iniziale, in un contesto di pesante situazione dell’area piemontese.

    Gli interventi del Segretario Federale all’ultimo Nazionale (immediatamente travisati e disattesi dalla segreteria provinciale torinese in maniera strumentale per giustificare la chiusura delle tre Sezioni torinesi: ma risponderà anche di questo), ed al recentissimo raduno di Baveno, toccano punti chiave, mettendo in luce collegiali ed ineludibili gravi responsabilità della segreteria nazionale. Questi i riscontri oggettivi che hanno creato tale situazione:

    commissariamenti e sub-commissariamenti diffusi con motivazioni inattendibili;
    chiusure e fusioni di Sezioni e Circoscrizioni (a Torino tre sezioni in un sol colpo, con sub-commissario) senza alcuna consultazione preventiva con la Militanza interessata, con il solo scopo di controllare il crescente dissenso (Torino è solo un esempio fra i tanti);
    reiterate e documentabili irregolarità nel tesseramento, con particolare riferimento agli strumentali mancati rinnovi e congelamenti delle Militanze, inequivocabilmente mirati al controllo delle cariche interne attraverso una sorta di “Golpe strisciante”;
    assessorato regionale: con laceranti contrasti di scelta a livello dirigenziale, prima per la nomina poi per la sostituzione. Nessuna spiegazione, nessun chiarimento e confronto con la Militanza, nemmeno per fare le proprie scuse a chi, suo malgrado, ha visto di riflesso colpita la propria immagine di onesta ed entusiasta fede politica in un Movimento che aveva, e dovrà tornare ad avere, nella trasparenza e nel richiamo alla legalità i suoi imprescindibili fondamenti;
    accumulo ingiustificato di cariche, interne ed istituzionali, sottratte a collaboratori di sicura fede leghista, capaci e disponibili ma volutamente emarginati;
    mancata informazione, da ormai due anni, sul bilancio piemontese della Lega;
    incredibile contrasto, a poche ora di distanza, tra le dichiarazioni di intenti del segretario nazionale alla Militanza convocata - “portare nuovi iscritti, aprire nuove sezioni e sedi” - e le comunicazioni sub-commissariali provinciali torinesi- “chiusura delle sedi cittadine esistenti” – con attuazione immediata.
    Di fronte a questa indiscutibile crisi, invece di cambiare radicalmente indirizzo, la “dirigenza” piemontese ha solo saputo ripetere litanie del tipo 'bisogna rilanciare', 'dobbiamo intensificare', 'occorre evangelizzare' etc.

    Chi deve rilanciare, intensificare, evangelizzare?

    “Loro”, tempo non ne hanno, impegnati come sono a frusciare per i corridoi dei palazzi, rincorrendo assessorati e clientele, a discutere su chi riavrà l’assessorato perso ed a combinare, come stanno facendo nel Novarese ed altrove, discutibili alleanze con esponenti di improvvisati movimenti e personaggi vari fuoriusciti da altri partiti.

    Sarebbe questa, come dicono, la ‘gente nuova di cui abbiamo bisogno’ ?

    I Militanti, che hanno costruito le poltrone si cui stanno seduti questi dirigenti, non solo servono sempre meno, ma iniziano a dare decisamente fastidio se dimostrano di saper essere critici: ad un movimento 'di plastica' bastano le fotografie sui giornali e le apparizioni televisive.

    La Lega è altro. E' nata come un movimento rivoluzionario, con un solido impianto ideale, quello del federalismo liberale ed antistatalista, dell'identità dei popoli, del recupero dei valori morali padani, ed ha tutte le possibilità di radicarsi nella società piemontese e di vincere in modo duraturo.

    E’ quindi più che mai indispensabile procedere senza alcuna esitazione sul programma delineato nel “Manifesto di Odalengo”, intensificando gli sforzi di tutti per la riaffermazione dei sani principi che devono continuare a guidare la Lega. I Militanti non sono più disposti a veder rovinare un Movimento politico che è costato una montagna di sacrifici.

    Chi, in due anni, ha prodotto solo disastri, ne deve rispondere.

    E risponderne ora, prima che sia troppo tardi.

    Il Comitato per il "Manifesto di Odalengo"

 

 

Discussioni Simili

  1. Cambio di rotta, prendere visione.
    Di Templares nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-08-09, 14:17
  2. PRENDERE VISIONE: Regole sui titoli
    Di Venom nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-07-09, 11:04
  3. Prendere visione : provvedimenti dell'Amministrazione
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-07-09, 07:22
  4. invito a prendere visione...
    Di FrancoAntonio nel forum Monarchia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-04-09, 20:03

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226