User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Amicizie pericolose

  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    18 Feb 2004
    Messaggi
    172
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Amicizie pericolose

    La fonte è l'Espresso.Benchè di parte, alcune cose scritte nell'articolo sono incontestabili.A quanto pare non bisogna scomodare sempre gli ebrei x tirare in ballo la massoneria, basta guardarsi un po' di più in casa..

    Francesco Bonazzi per l’Espresso


    La notte di martedì 17 agosto, il governo non si è fatto sorprendere. Quando nel carcere di Regina Coeli è andata in scena la rivolta dei detenuti, ai posti di combattimento non c’erano solo il responsabile del penitenziario trasteverino e il capo delle guardie. Ma addirittura i pezzi grossi del ministero di Giustizia. A cominciare dal ministro Roberto Castelli, dal provveditore regionale alle carceri Ettore Ziccone, e dal generale Enrico Ragosa, ex temutissimo capo delle squadre speciali della polizia penitenziaria, oggi capo dell’ufficio Beni e Servizi di via Arenula.


    Danni alle cose a parte, nessuno s’è fatto male e la situazione è stata brillantemente risolta in poche ore, almeno dal punta di vista mediatico. Certo, a Regina Coeli restano 400 detenuti di troppo su mille. Ma a ben vedere, può tornare utile anche il riaccendersi delle polemiche sulla fatiscenza e sul sovraffollamento delle carceri, dove sono rinchiuse 56 mila persone (15 mila in più della capienza “legale”). Specie se si tratta di vendere le strutture che si trovano in zone di pregio e di costruirne di nuove in periferia, il tutto con l’aiuto dei privati.

    Un business, quello del mattone con le sbarre, che nei prossimi due anni potrebbe valere quasi un miliardo di euro. E per il quale, proprio come in occasione della rivolta del 17 agosto, al ministero di via Arenula hanno già i motori accesi. Non a caso l’attrezzo societario per dividere la super-torta è pronto da mesi e ha anche un nobile nome: Dike Aedifica Spa.

    I soldi, innanzitutto, sono davvero tanti. Le risorse per la costruzione di nuove carceri ammontano a 329 milioni di euro. Si tratta in gran parte di fondi avanzati dagli anni passati e, in base ai piani del ministero per il biennio in corso, serviranno per nuovi penitenziari da costruire a Rieti, Marsala, Savona, Rovigo, Sassari, Cagliari, Tempio Pausania, Oristano e Forlì. A questi, si devono aggiungere i circa 93 milioni dell’ultimo piano straordinario di edilizia penitenziaria (nuove strutture a Varese e Pordenone).

    Soprattutto vanno sommati i 461 milioni di euro del piano-carceri affidati il 16 giugno, con apposita convenzione ministeriale, alla Dike. Vanno create altre 11 strutture, da Pinerolo a Catania, senza gravare sulle casse statali. Come? Vendendo ai privati un’ottantina di vecchie carceri che possono attirare l’interesse dei grandi costruttori, visto che si trovano tutte in pieno centro. Nella prima lista ci sono piccoli penitenziari, ma in una seconda fase dovrebbe toccare a complessi di enorme valore come Regina Coeli e San Vittore.

    La regia di tutto sarà affidata a Dike, che ufficialmente è posseduta interamente da Patrimonio Spa, la società del Tesoro creata per valorizzare il patrimonio immobiliare dello Stato. Ma basta fare una banale visura camerale per scoprire che Dike, iscritta al registro delle Imprese dal 18 luglio 2003, ha anche un socio privato che detiene il 5 per cento del capitale. Il suo nome è Renzo Musumeci Greco, erede di una grande famiglia di spadaccini.


    Il cinquantaduenne Renzo è titolare di una palestra dove, a due passi dal Pantheon, hanno imparato a incrociare le lame D’Annunzio, Mussolini, Gina Lollobrigida, Charlton Heston e, più recentemente, Monica Bellucci. Che ci faccia un grande spadaccino in una società come la Dike non lo si capisce neanche dalle altre attività di Musumeci Greco, che pure ama diversificare. Il “maestro” ha interessi anche nella Parioli Travel Service ed è amministratore unico di due srl, la MG Datasystem e la Semark, che si occupano di elaborazione dati. Mentre nel novembre 2003 ha ceduto il 100 per cento di una società di costruzioni, la Grandi Stazioni Ingegneria, sempre di Roma.

    Meno bizzarra, ma forse più illuminante, la composizione del cda Dike. Presidente è Adriano De Maio, oggi rettore della Luiss e in passato collega di Castelli al Politecnico di Milano. Tra i tanti consigli dove siede (dal Sole 24 Ore a Telecom Italia Media), De Maio vanta anche un posto in Impregilo, colosso delle costruzioni che solo recentemente ha un poco trascurato il settore delle carceri. Amministratore delegato è un altro grande amico (e compaesano) di Castelli come il costruttore lecchese Vico Valassi, ex presidente dell’Ance.

    Altro consigliere di spicco è il sociologo del diritto Lorenzo Morris Ghezzi, già inserito dal guardasigilli padano nelle commissioni di riforma dei codici, presidente del tribunale massonico del Grande Oriente d’Italia ed ex socio di Luigi Crespi nella fallimentare avventura di Hdc-Datamedia. Attualmente, Morris Ghezzi figura nei cda di varie società, tra cui un paio di cooperative edilizie milanesi (Giardino Nuovo e L’edera).

    Il cda della Dike è completato da Enrico Leopardi, dirigente delle Ferrovie e grande amico di Castelli, da Cesare Righi, rappresentante di Patrimonio, e da Leo Di Virgilio. Chiude la pattuglia dei beati costruttori di carceri il capo della segreteria personale di Pietro Lunardi, ovvero Giovanni Paolo Gaspari. Nipote del mitico “Zio Remo”, ras democristiano degli Abruzzi, Giovanni Paolo fece parlare di sé quando Lunardi lo nominò consigliere personale per la Tav, della quale era anche direttore finanziario (in pratica, si riuniva con se stesso).


    Se questi sono i protagonisti (e i potenziali conflitti d’interesse) delle carceri prossime venture, non meno interessanti sono i poteri affidati a Dike: progettazione, rilevazione delle esigenze e delle priorità di edilizia carceraria, individuazione delle aree, rapporti con gli enti locali, dismissioni, interventi di manutenzione. Come ha osservato “Il Sole 24 Ore” del 28 giugno scorso, «il modello è quello anni Ottanta delle concessioni di committenza come quelle affidate a Italposte e Italsanità». Un modello poi spazzato via da Tangentopoli e dalle direttive europee sugli appalti. Ma Dike ha poteri ancora maggiori, visto che in teoria può anche progettare e costruire direttamente le nuove carceri.

    Nel suo primo anno di vita, Dike ha fatturato zero euro e ne ha persi 202 mila. Ma ha davanti a sé un futuro radioso. Lo Stato le sta trasferendo la proprietà delle carceri da vendere e presto avrà beni per almeno 500 milioni di euro. In attesa che la macchina parta, i veri dominus delle carceri sono due personaggi che per ora non figurano in Dike: Giuseppe Magni e il generale Ragosa. Magni è il sindaco leghista di Calco, Brianza lecchese. In passato ha fatto il grossista di pesce e di materiali ferrosi e almeno lui non è un esperto di edilizia, ma di voti.

    Magni è infatti il regista della macchina elettorale di Castelli, che quando è diventato ministro lo ha prontamente nominato consigliere personale per l’edilizia carceraria. E il sindaco di Calco gira tutte le case di pena d’Italia, studiando progetti e budget. Suo compagno di ventura è il genovese Ragosa, che negli anni Novanta ha diretto gli Scop (i progenitori dei Gom, il reparto speciale delle guardie carcerarie). Nel ’97 è passato al Sisde e due anni dopo è stato chiamato in via Arenula dal ministro Oliviero Diliberto per costituire i discussi Ugap, sorta di intelligence all’interno delle carceri che Franco Frattini, all’epoca presidente del Comitato di controllo sui servizi, accusava di «manovrare i pentiti». Ragosa è stato abile a convincere il leghista Castelli che, senza di lui, nei penitenziari potrebbe succedere di tutto. Così, anche quando Dike lavorerà a pieni giri, in via Arenula giurano che saranno ancora Magni e Ragosa a dare le carte.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'aveva già postato catilina qui:

    http://www.politicaonline.net/forum/...hreadid=117585

    io attenderei visto le fonti che ha omesso, ma apprendo dal tuo post che è un articolo de l'espresso.
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  3. #3
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    De Maio, presidente della Dike è napoletano.
    Che cazzo voleva catilina, che fosse Napolitano oppure Bassolino??

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bhè ma cosa ci si aspettava andando al governo con un piduista?
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si potrebbero spostare le carceri p.es. in Romania (come sta facendo l' Austria): costerebbero meno e non ci sarebbero conflitti di interesse. Dare la tangente ai Romeni e meglio che darla agli italici ci cui sopra: i Romeni incassano e basta, gli italici ci costruiscono sopra una "connectionne"

  6. #6
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Orso Brrrrr
    De Maio, presidente della Dike è napoletano.
    Che cazzo voleva catilina, che fosse Napolitano oppure Bassolino??
    quello che probabilmente "disturba" e' che stavolta a gestire un appalto pubblico non siano tutti della razza di catilina ..

    dal suo punto di vista si tratta di un intollerabile " furto" etnico ai danni della sua tribu ...

 

 

Discussioni Simili

  1. Amicizie pericolose
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-06-07, 11:41
  2. Amicizie pericolose
    Di Hymir nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 02-09-04, 01:06
  3. amicizie pericolose...
    Di Wasabi nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-02-04, 00:54
  4. amicizie pericolose...
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-05-03, 18:33
  5. Amicizie Pericolose
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-08-02, 15:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226