User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Fallaci

  1. #1
    Patrie dal Friul
    Data Registrazione
    11 Jul 2002
    Località
    Udin
    Messaggi
    1,148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Fallaci

    l’Apocalisse di oriana
    Nuovo libro della Fallaci, un’invettiva contro il Mostro islamista e la Bestia collaborazionista di un’Europa che preferisce distruggere il “concetto biologico di famiglia” piuttosto che difendersi. Da leggere
    Milano. Oriana Fallaci torna in libreria, oggi, con un cofanetto che raccoglie la sua Trilogia post 11 settembre (“La Rabbia e l’Orgoglio”, “La Forza della Ragione”, “Oriana Fallaci intervista sé stessa”) riveduta, corretta e ampliata. All’intervista ha aggiunto un lungo Post Scriptum di 103 pagine, praticamente un altro libro, sempre sotto forma di colloquio con se stessa, che ha intitolato “L’Apocalisse”.
    Il Foglio lo ha letto in anteprima e ve lo racconta. L’Apocalisse è la visione mistica di Giovanni l’evangelista, il racconto di “un mostro che saliva dal mare”, con sette teste e dieci corna, così forte e così potente che nessuno ebbe il coraggio di contrastarlo e al quale fu consentito di “pronunciare frasi arroganti, offendere Dio, maledire il suo nome”. Un mostro che ricevette il potere su ogni uomo e su ogni cosa e al quale fu consentito “di far guerra a coloro che appartengono al Signore”. Il Mostro, secondo Fallaci, è l’Islam, il credo in nome del quale si uccidono centocinquanta bambini a Beslan e tutte le altre orrende cose che sono accadute in questi anni. Nell’Apocalisse, ricorda Fallaci, c’è anche un altro tipo di mostro: “Un mostro che saliva dalla terra”, una “Bestia” che “prese a esercitare il potere per conto del Mostro”. Secondo la scrittrice, la Bestia è il gruppo dei “collaborazionisti”, l’Europa che lei chiama “Eurabia”, “l’Occidente che divorato dal cancro morale fa il gioco dell’Islam. Rassegnato, soggiogato, pavido”. Sono la quinta colonna del Mostro, sono i volenterosi carnefici della nostra civiltà, quelli che inconsapevolmente lavorano ai fianchi la nostra tradizione, quelli che non hanno aperto gli occhi né l’undici settembre né l’undici marzo, coloro che nonostante le decapitazioni in Iraq e lo sgozzamento di Theo van Gogh ad Amsterdam fanno addirittura fatica a definire “islamico” il terrorismo in nome di Allah.
    Lo stile letterario di Fallaci è il consueto: ricco, potente, evocativo, vivo. Per capire il suo modo di scrivere bisogna pensare a un neologismo americano: “It’s-all-about-me-journalism”. Fallaci parla di se stessa, usa la sua biografia, talvolta il suo stesso corpo e la sua malattia, per arrivare diritta al cervello e alle viscere di chi la legge. E guai a dirle che “rifarsi all’Apocalisse” per spiegare il mondo, può sembrare “un gioco intellettuale” o “un trucco letterario” o “una fantasia di scrittori” o “una fiaba”. Secondo Fallaci, “invece è la tragica realtà in cui viviamo duemila anni dopo Giovanni l’evangelista. Per capirlo basta dare un’occhiata ai giornali e alla Tv, o ascoltare le insensatezze che dicono i politicanti europei”.

    Il mondo degli “sgomentevoli”
    Fallaci ha ascoltato tutte queste insensatezze pronunciate da chi, in “La Forza della Ragione”, definisce uomini “sgomentevoli”. Nel tritacarne fallaciano finiscono Jacques Chirac, Laurent Fabius e, soprattutto, José Luìs Rodrìguez Zapatero. E poi Romano Prodi, chiamato più volte “Mortadella”, criticato più per come ha guidato l’Unione Europea che come leader dell’Ulivo. E poi, le due Simone, che lei chiama “le due Simonette”, ingrate con chi le ha liberate e invece grate, gratissime, con i carcerieri che in fondo le avevano trattate bene. Anche il presidente Carlo Azeglio Ciampi viene investito dalla rabbia orgogliosa di Fallaci, così come il Corriere della Sera (“ululando come un lupo impazzito giurai che sul Corriere non avrei pubblicato più neanche il mio necrologio”), e con il Corriere le prende anche Magdi Allam (mai citato per nome), l’Islam moderato (“non esiste”), l’idea di far entrare la Turchia nella Unione europea, la Costituzione europea privata delle sue radici giudaico-cristiane, il matrimonio e l’adozione gay, Yasser Arafat, il nuovo Premio Nobel per la Pace che accusa l’Occidente di aver diffuso l’Aids per sterminare gli africani e, ovviamente, Osama bin Laden. Fallaci rivela di aver incontrato lo sceicco in un albergo di Beirut: “Parlo del giovanotto che nel luglio del 1982 vedemmo a Beirut. Quello incredibilmente alto e dignitoso che vestito di un candido djellaba camminava per il salone del grande albergo dove c’eravamo appena trasferite, che un paio di volte girò attorno alla nostra poltrona lanciandoci un’intensa occhiata di antipatia. Anzi di ostilità”.
    Figure, persone e storie apparentemente diverse e lontane, ma che Fallaci lega a un unico filo: c’è una religione che predica l’odio e lo sterminio della civiltà, e la civiltà è stanca e troppo politicamente corretta per accorgersene. Ma l’occidente non solo non se ne accorge, fa molto di più e di peggio: si adopera per accogliere l’invasione, per ridurre le difese, per sminuirsi e favorire il piano di conquista: “Il professor Bernard Lewis è un ottimista a profetizzare che l’Europa sarà tutta musulmana entro il 2100. Se non ti opponi alla nuova follia, lo sarà al massimo entro il 2017”. E mentre accade tutto questo arriva “il señor Zapatero” a buttare alle ortiche “il concetto biologico di famiglia”, autorizzando il matrimonio gay e, “quel che è peggio, mille volte peggio”, l’adozione gay. “E questo senza che nessuno gli dicesse almeno cretino: il mondo va a fuoco, l’Occidente fa acqua da tutte le parti, il terrorismo islamico non fa che tagliarci la testa, e tu perdi tempo coi matrimoni-gay e le adozioni-gay?”. L’atea Fallaci ne ha anche per Karol Wojtyla: “Questo senza che la Chiesa Cattolica si ribellasse, senza che il Papa (di nuovo) si difendesse. Magari tirando in ballo la Madonna di Czestochowa a cui è tanto devoto e che certo non avrebbe gradito l’iniziativa di Zapatero”. Il punto, spiega Fallaci, è che spesso l’omosessualità diventa ideologia, “come se fosse uno stato di grazia anzi di superiorità” e “la normalità uno svantaggio anzi uno stato di inferiorità”. La presunta superiorità, scrive Fallaci, ha un punto debole: “Quello che, buttando alle ortiche il concetto biologico di famiglia, il señor Zapatero finge di scordarsi. L’omosessualità non permette di procreare. Se diventiamo tutti omosessuali, la specie finirebbe. Si estinguerebbe come i dinosauri”. Fallaci spiega a lungo questo concetto, anche attraverso il racconto di un pranzo romano con Pier Paolo Pasolini, due mesi prima della sua morte: “Per essere concepiti, ci vuole un ovulo e uno spermatozoo. Che ci piaccia o no, su questo pianeta la vita funziona così” e “nell’immagine di due uomini o di due donne che col neonato in mezzo recitano la commedia di Maria e Giuseppe vedo qualcosa di mostruosamente sbagliato”.
    Il ragionamento della scrittrice trova conferme nel caso di Rocco Buttiglione al Parlamento europeo, colpevole di aver pronunciato la parola “peccato”: “Vi colsi la prova definitiva del nostro cupio dissolvi, l’ansia di autodistruzione che ormai divora l’Occidente attraverso il suo cancro intellettuale e morale”. Fallaci non ama Buttiglione, “mi irrita la sua mellifluità alla Mortadella, la sua educata spocchia alla D’Alema e la condiscendenza con cui invita a rileggere De Captivitate Babylonica Ecclesiae o Regulae ad directionem Ingenii”, ma “se non mi brucia sul rogo perché la penso in modo diverso da lui, ha il diritto d’essere cattolico come io ho diritto d’essere atea”.

    Il trasferimento a Tonga
    Cinque cose avevano convinto Oriana Fallaci a lasciare l’Italia per trasferirsi a Tonga (non a “Sant’Elena” perché “io per Napoleone ho sempre nutrito malevolenza”), altre quattro l’hanno fatta restare. La prima è stata la reazione di chi, di fronte a gente che ha ucciso 150 bambini in nome di Allah, ha dato la colpa a Putin. Poi il suo Corriere della Sera che ha promosso un tragicomico Manifesto sull’Islam “moderato” sponsorizzato dal ministro Beppe Pisanu e lodato da Carlo Azeglio Ciampi. L’Islam moderato non esiste, scrive Fallaci: “Il Corano è ciò che è. E i fondamentalisti, gli integralisti non sono il suo volto degenere. Sono il suo vero volto, il suo volto fedele”. Esistono, però, i musulmani moderati, “certo che esistono, ma sono una minoranza esigua”, come Abdel Rahman al-Rashed che sul giornale Asharq al-Awsat ha scritto un articolo che Fallaci riporta per intero e il cui succo è questo: “E’ un fatto che non tutti i musulmani sono terroristi, ma è ugualmente un fatto che tutti i terroristi sono musulmani”. Infine la pantomima delle “due Simonette”, Zapatero e il caso Buttiglione. Ma sono state la firma a Roma di una Costituzione europea “senz’anima”, il video di bin Laden (“in lui vidi qualcosa di apocalittico”), l’assassinio di van Gogh e la reazione italiota alla morte del “padre del terrorismo”, cioè di Arafat, a farla rimanere: “Non bisogna cedere. Bisogna resistere. Io non voglio cedere. Voglio resistere. Perché voglio vedere la sconfitta del Mostro, voglio vedere la vittoria dell’Angelo che lo imprigiona”.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La Fallaci ha successo anche perche' quando prende
    una posizione la tiene e tutto entra in subordine
    a quella,
    per sbirulino invece una posizione e' solo il primo
    passo d'un balletto fine alle proprie voglie di protagonismo,
    per lui le contraddizioni non contano ... poi si vedono i
    risultati in cabina elettorale ... poi li senti per giunta
    lamentarsi dando la colpa " ai padani che non capiscono
    niente ".



  3. #3
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Rotgaudo
    La Fallaci ha successo anche perche' quando prende
    una posizione la tiene e tutto entra in subordine
    a quella,
    per sbirulino invece una posizione e' solo il primo
    passo d'un balletto fine alle proprie voglie di protagonismo,
    per lui le contraddizioni non contano ... poi si vedono i
    risultati in cabina elettorale ... poi li senti per giunta
    lamentarsi dando la colpa " ai padani che non capiscono
    niente ".


    due cose...
    La prima sulla Fallaci...sicuro che non abbia mai cambiato posizioni?
    Specie sulla Lega...mi chiedo poi perchè continui a scagliarsi contro la Lega,nonostante sia l'unico partito che sostiene le sue teorie.


    Seconda cosa...ma se i Padani non voterebbero Bossi perchè ha cambiato idea o tattiche...perchè continuano a votare fini? Votano più fini che Bossi...fosse vero quello che dici,fini dovrebbe essere scomparso politicamente secoli fa.
    Saluti Padani

  4. #4
    TEUTOBURGO
    Data Registrazione
    04 Nov 2003
    Località
    Celtia Insübrica
    Messaggi
    235
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    oriana fallacci è solo una terrona
    che attacca i musulmani perchè
    assomigliano tanto nei suoi ricordi
    di bambina ai suoi genitori

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Wyatt Earp
    due cose...
    La prima sulla Fallaci...sicuro che non abbia mai cambiato posizioni?
    Specie sulla Lega...mi chiedo poi perchè continui a scagliarsi contro la Lega,nonostante sia l'unico partito che sostiene le sue teorie.


    Seconda cosa...ma se i Padani non voterebbero Bossi perchè ha cambiato idea o tattiche...perchè continuano a votare fini? Votano più fini che Bossi...fosse vero quello che dici,fini dovrebbe essere scomparso politicamente secoli fa.
    Saluti Padani
    Fini puo' dire cio' che vuole e tutto il contrario di quello
    che dice senza tema perche' ha un elettorato consolidato -
    del quale e' portavoce e difensore -
    costituito da statali e da meridionali ben accasati, a loro basta
    che l'andazzo vada avanti cosi' come va avanti ora.
    Bossi invece, con le sue sparate e le sue piroette
    si e' reso poco credibile agli occhi dell'elettore del Nord, elettore che si sente sempre meno tutelato e che di conseguenza non va piu' a votare.

  6. #6
    TEUTOBURGO
    Data Registrazione
    04 Nov 2003
    Località
    Celtia Insübrica
    Messaggi
    235
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma FINI è un meridionale
    Fini è uno di loro
    Fini è un extracomunitario che parla la lingua dell'invasore

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Pienamente d' accordo con Rotgaudo che Fini esiste perché difende una somma di parassiti e/o chi vive di una serie di prebende di origine assistenziale mentre la Lega ha perso credibilitá e sopravvive per la disperazione di chi non trova/ha alternative al sistema romano tout-court...quel sistema di cui la Lega é un piccolo satellite in cerca di spazio. Battaglie isolate e poi incoerenti con la sua politica d' insieme non risollevano le sorti del movimento.

    La fallaci: mi piace il suo stile, ho letto piacevolmente i suoi libri, sui quali non ho nulla da eccepire. Ha un difetto grande come una casa: é itagliana e fiera di esserlo.
    Non riconosce i pregi della Lega nella lotta all' espansione islamica? É vero, ma a volte mi metto nei panni di un cittadino che vive la politica in maniera piú "leggera" e che non ha mai guardato la Lega con simpatia: é difficile avere un approccio positivo (oggi) verso un movimento che ha fatto tante piroette, tanti giri e rigiri, tanti discorsi molte volte poco coerenti con l' agire pratico.

    Paolo

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    20 Oct 2004
    Messaggi
    76
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da MOOOM
    Ma FINI è un meridionale
    Fini è uno di loro
    Fini è un extracomunitario che parla la lingua dell'invasore
    Fini è notoriamente nato a Cefalù

  9. #9
    Bovaro padano
    Data Registrazione
    28 Jul 2003
    Località
    ovunque dove non ci siano afroterroni
    Messaggi
    767
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da alfonso guarau
    Fini è notoriamente nato a Cefalù
    No a Modena é quello dei tortellini

  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    20 Oct 2004
    Messaggi
    76
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da green
    No a Modena é quello dei tortellini
    aaaahhhh capito tutto. MI aveva ingannato l'accento tipico della trinacria

 

 

Discussioni Simili

  1. Fallaci
    Di MEROVINGIO nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 01-06-06, 22:07
  2. Fallaci
    Di grande roberto nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 10-03-05, 20:33
  3. La Fallaci come D'Annunzio?
    Di Banditore (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-11-02, 00:18
  4. Non E' La Fallaci
    Di Wolare nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-11-02, 21:32
  5. La Fallaci
    Di FLenzi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 96
    Ultimo Messaggio: 09-11-02, 21:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226