User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: SIMMACO !

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Apr 2009
    Messaggi
    1,202
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito SIMMACO !

    Era stato il divo Augusto, il 28 agosto del 29 a.C., a porre nella Curia chi aveva appena costruito una statua della dea Vittoria che proveniva di Tarante, dedicandovi un altare: di bronzo dorato, rappresentava un. figura femminile alata, i piedi nudi su un globo, le vesti svolazzanti e u corona d'alloro sul capo. È un'immagine familiare ai Romani di ogg: perché con l'Unità d'Italia le Vittorie alate sono ricomparse com simbolo della rinascita nazionale su ponti ed edifici pubblici: alcune, come quelle di Cesare Zecchi sull'Altare della Patria (1910), ricalcano statua del Senato antico, altre invece guidano quadrighe, come quelle d! Paolo Bartolini sulla cima dello stesso Altare (1925) o come la solitària Vittoria sul Palazzo di Giustizia dello scultore Ettore Ximenes (1885-1926), che regge con la mano destra le redini e con la sinistra addita l'insegna delle legioni romane.
    Dai tempi di Augusto i senatori entrando nell'aula bruciavano incenso o libavano vino all'altare della Vittoria: omaggio alla divinità tutelare dell'Impero e testimonianza di fedeltà del Senato alla famiglia regnante,
    Ma il culto della dea Vittoria era molto più antico. Riferisce Dionisio di Alicarnasso che gli abitanti di Cotilia, una cittadina vicino a Rieti, centro di irradiazione delle popolazioni italiche, «ombelico d'Italia», attribuivano al lago omonimo, oggi scomparso, prerogative divine: «lo considerano sacro alla Vittoria e ne garantiscono l'inaccessibilità, recintandolo con palizzate affinchè nessuno si accosti alla sorgiva, tranne che in determinati periodi dell'anno nei quali coloro cui compete questa dignità sacrale salgono sull'isoletta che si trova nel lago e compiono 1 sacrifici prescritti dalla legge» '.
    Lo stesso Dionisio scrive che gli Arcadi di Evandro, prima ancora della fondazione di Roma, avevano delimitato sulla sommità del Palatino un'area per un recinto sacro a Nike, «stabilendo anche per questa divinità cerimonie sacrificali annuali che i Romani celebrano tuttora» ,
    Damaso e di far avvertire l'imperatore tramite il vescovo di Milano. B Graziano, per non scontentare Ambrogio, si era rifiutato all'ultimi) momento di ricevere Simmaco.
    Ora invece il nuovo imperatore sembrava ben disposto perché, dovcn do fronteggiare l'usurpatore Massimo, aveva interesse a mantenere compatta e unita l'Italia al suo fianco. Nel luglio del 384 Simmaui giunse a Milano con l'assenso dei senatori cristiani e lesse nella sala de Concistoro, di fronte a Valentiniano n e al suo consiglio, la celebre Relatio.

    "Già nel 357 d.C. Costanze n, mentre visitava Roma aveva ordinato di rimuovere l'altare dalla Curia lulia. Ma quattro anni dopo, con la restaurazione pagana di Giuliano, la statua era tornata al suo posto, lant'è vero che sotto Valentiniano (364-375) e durante la maggior parte del regno di Graziano si continuava a sacrificare pubblicamente alla Vittoria. I senatori cristiani se ne astenevano ma non richiedevano la rimozione del simulacro forse perché lo interpretavano come simbolo e pegno dell'unità della res publica, della prosperità di Roma.
    Fu Graziano, sollecitato probabilmente da Sant'Ambrogio, a rompere nel 382 la pace religiosa fra gentili e cristiani nel modo più clamoroso perché non si limitò alla rimozione dell'Ara ma prese due altre gravi decisioni, confiscando le terre possedute dai templi e dai collegi sacerdotali e privando le cerimonie e i sacrifici tradizionali del finanziamento pubblico."

    in questo modo si affievoliva l'influenza romana dallo Stato. Nella cerchia dei Romani fedeli ,grande fu lo sconforto. Per loro era inconcepibile uno Stato che non finanziasse il culto: si infrangeva un antico patto fra la res publica e gli dei , dei che avevano come fine la tutela stessa, la conservazione dei riti [ «Abolire il finanziamento pubblico ai culti tradizionali», scrive Del Ponte, «era rompere quell'antico contratto:


    Quinto Aurelio Simmaco, rievocato da Macrobio nei Saturnali \\ con altri esponenti della nobiltà pagana dell'epoca, da Vettio Pretestato a Flaviano, era figlio di quel Lucio Aurelio Aviano Simmaco che aveva svolto le funzioni di pontifex maximus da quando, l'imperatore Graziano aveva rifiutato la toga praetexta. Celebre fin da giovane per la sua eloquenza, era stato proconsole in Africa nel 373-M sotto il regno del tollerante Valentiniano (364-375). .

    Al consiglio imperiale, che comprendeva cristiani e pagani, Simmacoo esponeva il pensiero del Senato. Rappresentava anche i senatori cristiani che almeno nella maggioranza avevano accettato le argomentazioni ilei «gentili»: o perlomeno dovevano averle accolte come proposte ragione-I voli per evitare inutili e dannose fratture politiche. «Chi ha propri costumi», diceva Simmaco, «ha anche propri riti. La mente divina ha assegnato a ogni città culti diversi. E come ogni nato riceve un'anima, così a ogni popolo vengono attribuiti geni particolari che regolano il SUo destino... Pertanto per gli dei patrii, per gli dei indigeti richiediamo pace.»
    furono i riti italici ad entrare in grecia, e non viceversa.

    Platone, "libro delle leggi"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Apr 2009
    Messaggi
    1,202
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: SIMMACO !




    Ultima modifica di acchiappaignoranti; 04-12-09 alle 19:18
    furono i riti italici ad entrare in grecia, e non viceversa.

    Platone, "libro delle leggi"

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,701
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Simmaco l'antagonista di sant'ambrogio


 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226