User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Niceforo Alfredo

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post Niceforo Alfredo

    Lo scienziato siciliano Alfredo Niceforo eleborò uno scrupoloso studio dei caratteri fisici e biologici delle popolazioni a sud delle Alpi, riecheggiando Metternich egli affermava : "L’Italia è una , ma politicamente soltanto..." . I suoi studi craniometrici lo associano alla figura di un "Kosinna nostrano" . I suoi postulati si basano sulle teorie già espresse dal Meigs per l’America , dal Kollmann e dal Quatrefages secondo cui "Le Razze ed i Popoli possono perdere e mutare i loro caratteri , ma conservano sempre quelli del cranio "("Compres-rendus de l’Académie des Sciences"1887).
    Migliori ? Peggiori ? Siamo certamente diversi .
    Niceforo divide le popolazioni "italiane" in due razze distinte : gli arii al Nord , i mediterranei al Sud. : "I crani arii si trovano nel Nord-Italia , dominano nella valle del Po , e s’infiltrano più o meno numerosi nell’Italia centrale fino alla valle del Tevere ; i crani mediterranei predominano invece al sud e nelle isole : il che indica una distribuzione ben netta delle due stirpi nei due estremi d’Italia , con una certa mescolanza nel centro"(1) ed ancora "oggi l’Italia è pur sempre divisa, in linea generale, in queste stesse due zone abitate dalle due razze diverse , gli ari predominanti al nord e fino alla Toscana( celti e slavi), e i mediterranei predominanti al sud. E gli attuali ari dell’Italia settentrionale , vale a dire i piemontesi , i lombardi, i veneti , i romagnoli , che appartengono a quella stirpe che venne a invadere l’Europa primitiva , sono perciò - antropologicamente - fratelli dei tedeschi , degli slavi, dei francesi celti ."(2) Involontariamente , date le cognizioni scientifiche dell’epoca , Niceforo fu un assertore del concetto di "imprinting" ante-litteram .Tali teorie , al riguardo delle due stirpi , divennero abbastanza comuni nell’ambiente accademico dell’epoca , prima di venire soppiantate dai nazionalismi guerrafondai . A.Mosso , nell’opera " Le cagioni dell’effeminatezza dei popoli latini"( Nuova Antologia " , 16 Nov. 1897) dice : "La popolazione dell’Italia settentrionale è poco diversa dalle razze anglo-sassoni".
    Per ciò che riguarda i mediterranei , Niceforo suddivide questa categoria in due tipi differenti meditarranei bruni e mediterranei biondi ( che sarebbero assimilabili ai mediterranei inglesi ) e riconduce il tipo mediterraneo "più vicino alla spagnuolo, al greco, che non al piemontese ; e viceversa il piemontese è - per razza - più fratello di uno slavo o di un tedesco di quel che non sia un siciliano ".(3)
    Il Butter fa eco nei suoi "Alps and Sanctuaries" : "Gli italiani del nord sono più somiglianti agli Europei del nord, tanto nel corpo quanto nella mente, di qualunque altro popolo io conosca".
    Il Niceforo parla della nostra famiglia aria come risultante dell’unione di due civiltà : quella dei proto-celti e quella , più tardiva dei proto-slavi , che vennero attraverso le Alpi-orientali , ad occupare la regione veneta e quella bolognese " collocandosi accanto ai fratelli invasori della valle del Po"(4)
    L’opera prosegue per 620 pagine circa , con catalogazioni , tabele numeriche e grafiche : dati scientifici atti a zittire le critiche dei "patriottardi" ai quali egli volle rispondere contro i "Seguaci di una scuola che , alle aprioristiche e metafisiche affermazioni e denegazioni , antepone lo studio vivo e palpitante dei fatti reali , offriamo , come risposta alle critiche e come nuova affermazione delle nostre credenze, questa lunga serie di fatti . I fatti , se non ci sbagliamo , valgono assai più delle parole e delle idee astratte : queste sono carta moneta senza valore , mentre quelli sono moneta in oro . "(5)
    Attualmente , al di fuori degli italici confini , la differenziazione tra le due razze è riconosciuta : "Mediterranei dinaricizzati Tipi residui dell’ibridizzazione risultante dal miscuglio tra Mediterranoidi, Dinarici, Alpini o Armenidi ) ; non un tipo compatto, ha diverse varianti regionali ; elemento predominante [sopra il 60%] in Sicilia e nell’Italia meridionale , importante elemento in Turchia [35%], Siria occidentale, Libano ed Italia centrale, comune in Francia [15%] ed Italia settentrionale"(in The Races of Humanity ,in Richard McCulloch " The Nordish Quest ",pubblicato da Towncourt Enterprises, Inc., P.O. Box 9151, Coral Springs, FL 33075). Risulta ovvio che la percentuale del 15% dichiarata quale "comune"( aggettivo che il McCulloch fa corrispondere con una percentuale "minoritaria" tra il 15% ed il 25%)è il risultato degli ultimi 20 anni di politica utilitaristica a spese della nostra Terra. Sul valore e sulla superiorità di alcune qualità dei celto-germani della Gallia Transalpina( o Cisalpina) prima e della Langbard poi , si sono espressi molti studiosi e teorici come De Gobineau e Chamberlain : il primo fu assertore di una netta superiorità dei Longobardi rispetto ad altri popoli germanici più o meno "ortodossi" ( "Come non è raro trovare nella Foresta Nera o nei dintorni di Berlino , tipi perfettamente celtici o slavi, così è facile osservare che nella natura dolce e poco attiva dell’Austriaco o del Bavarese non ha nulla a che fare con quello spirito di fuoco che animava il Franco od il Longobardo,il secondo era predisposto a notare più una grande eredità che un effettivo valore della nostro ramo slavo-celto-germanico : "Può darsi che i Galli totalmente romanizzati abbiano voluto differenziarsi dai loro vicini Franchi o Burgundi , così come più tardi i Galli stanziati da secoli nel Nord-Italia , che Floro rappresenta come "super-uomini" [corpora plus quam humana erant] , facendoli ancora rassomigliare fisicamente ai Germani , ma non solo fisicamente , giacchè avevano in comune la voglia di migliorare , la giogia e la propensione per la lotta e la guerra - come più tardi i Goti - che li spingerà a guerreggiare sino in Asia , il loro amore per il canto...Tutto questo rappresenta un segno tangibile della fratellanza razziale celto-germanica , mentre sarebbe più arduo trovare simili contatti con i ceppi greco-italici".
    Un ragionamento può sembrare superficiale ma veritiero : se studiosi siciliani , tedeschi, inglesi e francesi rivendicano le nostre differenze ...perché non dovremmo accertarle ?

    1 In A.Niceforo "Italiani del Nord-Italiani del Sud" , "Le due Razze" p.18-19, Torino 1901
    2 ibid.,p.22.
    3 Ibid., p.22.
    4 Obod., p.20 .
    5 Ibid., "Al lettore", VII -VIII.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Studi genetici ed ematologici


    Con l’avvento della genetica , l’attenzione si sposta al patrimonio più recondito ed apparentemente impalpabile dell’essere umano : il codice scritto nel sangue : ciò che può regredire, nascondersi , assumere le caratteristiche più diverse ma che c’è . Questa è la chiave che può condurci alla salvezza della nostra razza slavo-celto-germanica .
    Secondo il sistema dei gruppi sanguigni , ABO e quello del Fattore di agglutinazione Rh ( dal nome del Macacus Rhesus) possiamo classificare meglio i caratteri della "razza longobarda" : come dimostrato sin da alcuni studi compiuti negli anni ’60 su un campione della popolazione anglo-sassone degli Stati Uniti , l’85% della popolazione bianca è di gruppo Rh+ .La frequenza con cui ricorrono i gruppi sanguigni del sistema AB0 è stata verificata nella popolazione originaria di Milano : il 44% è di gruppo 0 , il 40% è di A, l’11% di B il 5% AB ( i dati corrispondono a quelli dell’Europa Occidentale : dove il 47,45 % è di 0 ed il 30,5% è a1 ed il 10,5% è A2 )
    (1) . Ma la teoria delle differenze portata avanti dal Niceforo e colleghi , trova delle corrispondenze all’indomani dell’avvento della genetica e dello studio del fattore Rh ?
    Nello studio dell’archeologo statunitense Albert.J.Ammermann e del famoso genetista genovese Luigi L. Cavalli-Sforza ( professore alla Stantford University ) , nel sesto capito , nel quale si parla del fattore Rh , presente quasi esclusivamente tra i caucasici : "Ricerche condotte su un campione su un campione della popolazione bianca americana misero in evidenza che questi anticorpi reagivano con i globuli rossi nell’84 per cento delle persone controllate ( chiamate Rh positivo) , ma non con quelli del restante 16 per cento ( chiamati Rh negativo) e che fra le popolazioni non europee i fattori Rh+ erano presenti nella grande maggioranza dei casi ( quasi il 100%)"(2).
    Tale fattore Rh- è alto nella Scandinavia e nell’Europa del Nord, medio nell’Europa centrale ( nella quale è compreso il nord-Italia) e basso nell’"Italia meridionale, in Grecia , Turchia e vicino oriente"(3).
    I moderni genetisti vedono nell’espansione neolitica dell’agricoltura la causa principale di questa espansione del fattore Rh, il fatto che questo fattore sia presente nella Scandinavia e nella zona dei Pirenei , zone periferiche riuspetto all’originaria espansione, lascia ben sperare sul mantenimento delle peculiarità genetiche delle nostre popolazioni.

    1 Medicina Viva, Fabbri Editori , 1976 .
    2 In A.J. Ammerman e Luigi L. Cavalli-Sforza "La transizione neolitica e la genetica di popolazioni in Europa" , Torino, Boringhieri 1986. Pagina 113, Capitolo 6 : "L’Analisi dei Geni", 6-2. IL fattore Rh-
    3 Ibid. , pag.113 , 6.2 Il fattore Rh-

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nel 1952 Mourant e Watkin pubblicarono un poderoso lavoro per determinare la frequenza dei tipi sanguigni in varie parti del Galles . Nel Galles "gli abitanti sono polimorfici : si trovano persone del gruppo 0 , A, B, ed AB(...) La distribuzione non è uniforme (...) a seconda della località si osservano variazioni di frequenza molto significative "(1) . Un tale studio applicato alla Langbard sarebbe auspicabile...
    Secondo il genetista Alberto Piazza ( Lo scienziato che si dedica alla mappatura dell’eredità genetica degli "italiani") ; è all’inizio dell’Età del Ferro, dal 1000 all’800 a.C., che si consolida l’eredità ancestrale che ci portiamo addosso (2).
    Gilberto Oneto ne "l’Invenzione della Padania" , pone alle nostre radici un substrato celtico «la cui influenza genetica è stata pressochè nulla sia per l’esiguità numerica dei loro stanziamenti sia perché anche questi sono stati completamente spazzati dalla seconda grande ondata di migrazioni celtiche che ha interessato gran parte della Padania a partire dal V secolo a.C.»(3) , tale ondata comporterà l’allontanamento degli Etruschi e rinsalderà e rafforzerà la componente celtica di Liguri e Veneti . «Si è trattato di una sorta di potentissimo imprinting che ha resistito a due millenni di dure prove storiche di occupazioni , di "pulizie culturali"fatte di menzogne, silenzi e brutali tentativi di sradicamento .(...)la romanizzazione dell’area è stata lenta e difficile(...)e non riesce mai a penetrare stabilmente nelle vallate alpine ed appenniniche . L’occupazione romana ha esercitato una forte influenza in termini culturali ma non ha lasciato tracce sulla composizione etnica( e sul patrimonio genetico) della Padania perché la pur massiccia colonizzazione di vaste aree è stata effettuata con legionari di stirpe celto-germanica e perché ha interessato questi esclusivamente le città principali ( di fondazione e non) e centuriazioni agrarie situate lungo le principali strade della bassa valle ; cioè aree che sono state più esposte ai grandi rivolgimenti e devastazioni seguite alla caduta dell’Impero .»(4) . L’autore prosegue chiarendo come questa sia la ragione della persistenza dei nostri caratteri genetici e ne rappresenti una cospicua parte con il bagaglio di sangue germanico dei Longobardi e dei Goti ( in misura minore. «Innanzitutto, sembra che i Longobardi siano arrivati in numero molto più rilevante rispetto a quello di altri gruppi ( una massa variabile fra i 250.000 e gli 800.000 individui a seconda delle diverse fonti, un numero in ogni caso enorme soprattutto se rapportato all’esigua popolazione dell’epoca) e che - anche a causa della loro quantità - si siano insediati molto capillarmente su tutto il territorio e non solo nella bassa e nei centri principali. Anzi. I Longobardi erano per propria natura più portati agli insediamenti agricoli diffusi e non erano particolarmente attirati dalla vita urbana : questo ha consentito loro un rapporto culturale e genetico alle popolazioni autoctone ,più lento ma più duraturo ed incisivo . Ci sono perciò aree della Padania (Friuli) o con essa confinanti (Toscana)dove il residuo genetico longobardo è fortissimo.In generale poi la loro presenza ha costituito un ulteriore elemento di amalgamazione delle antiche popolazioni protoceltiche e celtiche con le quali i Longobardi dovevano comunque avere forti affinità etniche e culturali »(5).

    1 In Theodosius Dobzhansky "L’Evoluzione della Specie umana" ( p.237-238 : "Le razze microgeografiche del Galles"), Giulio Einaudi Editore.
    2 In Giovanni Maria Pace "Gli Italiani dell’Età della Pietra" (Milano, Longanesi 1993), pag.226.
    3 In "L’Invenzione della Padania ", Foedus editore , Brescia 1997, pag.53
    4 Ibid, pag.54.
    5 Ibid.pag.57.

 

 

Discussioni Simili

  1. COLPA D'ALFREDO
    Di brunik nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-03-10, 13:11
  2. Complimenti Alfredo!
    Di aggiano nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 03-09-05, 13:20
  3. Grande Alfredo!
    Di Chris76 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-01-05, 11:55
  4. Alfredo Cattabiani
    Di runen nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-09-03, 01:37
  5. Alfredo Cattabiani
    Di runen nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-09-03, 17:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226