User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: 1916-2006

  1. #1
    Veritas liberabit vos
    Data Registrazione
    02 May 2009
    Località
    Nolite timere, pusillus grex. Ego vici mundum
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up 1916-2006

    Fatima, la dottrina cattolica e la Teologia della Storia (1)



    Fatima 1916-2006


    Il 90° delle Apparizioni dell’Angelo del Portogallo ai tre pastorelli.

    Spunti-Luci sull’Est
    Agosto 2006, pp.13-15

    Ci è sembrato opportuno ricordare ai nostri lettori l’inizio della storia di questo avvenimento epocale, cioè le sei apparizioni della Madonna a Cova da Iria nel 1917. Come forse pochi ricordano, esse furono precedute dalle apparizioni dell’Angelo del Portogallo (o della Pace) ai piccoli veggenti Lucia, Giacinta e Francesco. Questo fatto è stato commemorato il 10 giugno scorso, nel Santuario di Fatima, con un pellegrinaggio di numerosissime bambine e bambini – circa 30.000 e provenienti da diverse zone del Portogallo, nonché dall’arcipelago di Madeira e delle Azzorre – ed ha avuto come motto: «Non abbiate paura, sono l’Angelo della Pace», cioè l’espressione utilizzata dal celeste inviato ai tre pastorelli. Anche questa soprannaturale preparazione a Colei «che è venuta dal Cielo» fa parte integrante del «più importante avvenimento del XX secolo», il quale deve essere per noi luce e speranza in mezzo al caos del mondo contemporaneo.


    Prima delle apparizioni della Madonna, Lucia, Francesco e Giacinta – Lucia de Jesus do Santos e i suoi cugini Jacinta e Francisco Marto, tutti residenti nel villaggio di Aljustrel, parrocchia di Fatima – ebbero tre visioni dell’Angelo del Portogallo o della Pace.

    Prima apparizione dell’Angelo

    La prima apparizione dell’Angelo avvenne nella primavera o nell’estate del 1916, in un antro o grotta del colle di Cabeço, vicino ad Aljustrel, e si svolse nel modo seguente, come narra suor Lucia: « Giocavamo da qualche tempo, ed ecco che un vento forte scuote le piante e ci fa sollevare lo sguardo per vedere cosa succedeva perché la giornata era serena. Allora cominciammo a vedere a una certa distanza, sulle piante che si stendevano in direzione dell’Oriente una luce più bianca della neve, con l’aspetto di un giovane trasparente, più spendente di un cristallo attraversato dai raggi del sole. A misura che si avvicinava, ne venivamo distinguendo i tratti: un giovane dai 14 ai 15 anni, di una grande bellezza. Eravamo sorpresi e quasi rapiti. Non dicevamo parola. Giunto vicino a noi disse: “ Non abbiate paura. Sono l’Angelo della pace. Pregate con me”.
    E, inginocchiatosi a terra, curvò la fronte fino al suolo. Spinti da un moto soprannaturale, lo imitammo e ripetemmo le parole che gli udimmo pronunciare: “Dio mio! Credo, adoro, spero e vi amo. Vi chiedo perdono per coloro che non credono, non adorano, non sperano e non vi amano”.
    Dopo aver ripetuto questo tre volte, si alzò e disse: “Pregate così. I Cuori di Gesù e di Maria sono attenti alla voce delle vostre suppliche”. E scomparve.
    L’atmosfera soprannaturale che ci avvolse rea tanto intensa che quasi non ci rendevamo conto, per un lungo lasso di tempo, della nostra stessa esistenza, restando nella posizione in cui ci aveva lasciato, e ripetendo sempre la stessa preghiera. La presenza di Dio si sentiva così intensa e intima che non osavamo neppure parlare fra di noi. Il giorno seguente sentivamo lo spirito ancora avvolto in questa atmosfera, che andò scomparendo soltanto molto lentamente.
    Di questa apparizione nessuno pensò di parlarne, né di raccomandarne il segreto. Essa lo impose da sé. Era così intima, che non era facile pronunciare su di essa la minima parola. Ci fece anche, forse, maggiore impressione, per il fatto che fu la prima manifestazione di questo tipo».



    Seconda apparizione dell’Angelo

    La seconda apparizione avvenne nell’estate del 1916, sul pozzo della casa dei genitori di Lucia, presso cui i bambini giocavano. Così narra suor Lucia ciò che l’Angelo disse loro – a lei e ai suoi cugini – in quella occasione:
    « - “Che fate? Pregate! Pregate molto! I Cuori santissimi di Gesù e di Maria hanno su di voi disegni di Misericordia. Offrite costantemente all’Altissimo preghiere e sacrifici”
    - “Come dobbiamo fare a sacrificarci?” chiesi. “In tutti I modi possibili, offrite a Dio un sacrificio un atto di riparazione per I peccati con cui è offeso e di supplica per la conversione dei peccatori. Attirate così sulla vostra Patria la Pace. Io sono il suo Angelo custode, l’Angelo del Portogallo. Soprattutto accettate e sopportate con sottomissione la sofferenza che il Signore vi manderà”.
    E scomparve.
    Queste parole dell’Angelo si incisero nel nostro spirito, come una luce che ci faceva comprendere chi era Dio; come ci amava e voleva essere amato; il valore del sacrificio e come gli era gradito; come, per riguardo ad esso, convertiva i peccatori».



    Terza apparizione dell’Angelo

    La terza apparizione avvenne alla fine dell’estate o all’inizio dell’autunno del 1916, di nuovo nella grotta del Cabeço, e si svolse nel modo seguente, sempre secondo la descrizione di suor Lucia: «Appena vi giungemmo in ginocchio, con I volti a terra, cominciammo a ripetere la preghiera dell’Angelo: “Dio mio! Credo, adoro, spero e vi amo e vi chiedo perdono per tutti coloro che non credono, non adorano, non sperano e non vi amano”. Non so quante volte avevamo ripetuto questa preghiera, quando vedemmo che su di noi brillava una luce sconosciuta. Ci alzammo per vedere cosa succedeva, e vedemmo l’Angelo con un calice nella mano sinistra e sospesa su di esso un’Ostia, dalla quale cadevano nel calice alcune gocce di sangue. Lasciando il calice e l’Ostia sospesi in aria, si prostrò a terra vicino a noi e ripeté tre volte la preghiera:
    “ Trinità Santissima, Padre, Figliolo e Spirito Santo, vi adoro profondamente e vi offro il Preziosissimo Corpo, Sangue, Anima e Divinità di Nostro signore Gesù Cristo, presente in tutti i tabernacoli della terra, in riparazione degli oltraggi, dei sacrilegi e delle indifferenze con cui è offeso. E per I meriti infiniti del suo Santissimo Cuore e del Cuore Immacolato di Maria, vi chiedo la conversione dei poveri peccatori”.
    Poi, sollevandosi prese di nuovo il calice e l’Ostia e diede l’Osita a me e ciò che conteneva il calice lo diede da bere a Giacinta e Francesco, dicendo nello stesso tempo: “Prendete e bevete il Corpo e il Sangue di Cristo orribilmente oltraggiato dagli uomini ingrati. Riparate i loro debiti e consolate il vostro Dio”.
    Di nuovo si prostrò a terra e ripeté con noi altre tre volte al stessa preghiera: “Santissima Trinità….” E scomparve.
    Portati dalla forza del soprannaturale, che ci avvolgeva, imitavamo l’Angelo in tutto, cioè prostrandoci come lui e ripetendo le preghiere che lui diceva. La forza della presenza di Dio era così intensa, che ci assorbiva e ci annientava completamente. Sembrava che per un tale lasso di tempo ci privasse perfino dell’uso dei sensi corporali. In quei giorni facevamo le azioni materiali come portati da questo essere soprannaturale che a ciò ci spingeva. La pace e la felicità erano grandi, ma soltanto interiori, con l’anima completamente concentrata in Dio. Anche la stanchezza fisica che ci prostrava era grande.
    Non so perché , le apparizioni della Madonna producevano in noi effetti molto diversi. La stessa gioia intima, la stessa felicità e pace. Ma, invece, di questo abbattimento fisico, una certa agilità espansiva; invece di questo annientamento nella divina presenza, un esultare di gioia; invece di questa difficoltà nel parlare, un certo entusiasmo comunicativo. Ma, nonostante questi sentimenti, sentivo l’ispirazione a tacere, soprattutto alcune cose. Negli interrogatori, sentivo l’ispirazione interiore che mi ispirava le risposte che, senza mancare alla Verità, non scoprissero ciò che per il momento dovevo occultare». ( Cfr. Antonio Augusto Borelli, Fatima: messaggio di tragedia o di speranza?, Roma, Luci sull’Est, 2004, pp. 15 e 19)


    I compiti degli Angeli

    A questo proposito e molto utile conoscere quello che ci insegna San Roberto bellarmino, S.J. Dottore della chiesa nell’opera «De Ascensione mentis in Deum per scalas rerum creaturarum (Elevarsi interiormente a Dio utilizzando come scala le realtà create)»:

    Cinque sono i compiti degli Angeli.

    Il primo è quello di cantare in perpetuo lodi ed inni al Creatore. Ed affinché ci rendiamo conto di quanto Dio tenga in grande stima un tale servizio, va considerato che a quest’ufficio vengono destinati gli angeli superiori: essi, quasi precedenti nel canto, sono seguiti da tutti gli altri cori angelici all’unisono con gaudio incredibile […]
    Impara da qui, anima mia, di quanta venerazione sia degno Iddio dal momento che anche quei supremi principi del Cielo, che pure lo assistono sempre e contemplano ininterrottamente il suo volto, non osano mai dimenticare, nel lodarlo, il timore e la riverenza, nonostante il loro eccelso grado e la loro familiarità. E tu, che sei polvere e cenere, cosa risponderai, quando, nel giudizio, verrai accusata di sonnolenza e divagazioni in un’opera così divina alla quale non eri neppure degna di esser assunta? Comincia almeno da adesso ad apprendere, lasciandoti ammaestrare da un esempio così elevato, ad innalzare – con timore e tremore, con attenzione e vigilanza, con amore e desiderio – le debite lodi e gli inni al tuo Dio.

    L’altro compito degli Angeli è quello di presentare in offerta a Dio le preghiere degli esseri mortali e altresì raccomandarle al suo suffragio. Così difatti spiega l’arcgangelo Raffaele nel libro di Tobia: “ Quando er[i] in preghiera [in lacrime] e…tu seppellivi i morti…Quando, poi, tu non hai esitato ad alzarti ed ad abbandonare il tuo pranzo…io presentavo l’attestato della tua preghiera davanti alla gloria del Signore”; e nell’Apocalisse San Giovanni vede un angelo ritto davanti all’altare con un incensiere d’oro: “Gli furono dati – scrive – molti profumi perché li offrisse insieme con le preghiere di tutti I santi, bruciandoli sull’altare d’oro, posto davanti al Trono [di Dio]” […]

    Il terzo compito degli angeli è quello di essere inviati come messaggeri per comunicare le notizie che Dio vuole trasmettere, soprattutto se esse riguardano la redenzione e la salvezza eterna. Così insegna, infatti, l’Apostolo agli Ebrei: “Non sono essi [gli angeli] tutti spiriti incaricati di un ministero, inviati per servire coloro che devono ereditare la salvezza?” […]
    La ragione per cui Dio, che è dovunque e, di per sé, potrebbe senza ostacoli parlare direttamente al cuore degli uomini, voglia comunque inviare gli angeli, sembra essere questa: far comprendere agli esseri umani che le cose umane sono sotto la Provvidenza di Dio e da lui tutto viene retto e governato; gli esseri umani, difatti, potrebbero facilmente scambiare le ispirazioni divine per proprie valutazioni e riflessioni. Invece, vedendo o sentendo degli angeli mandati da Dio e verificando che i messaggi si realizzano appunto come essi avevano predetto, non possono più nutrire dubbi circa la verità che è Dio a provvedere alle cose umane e che, in particolare, da lui vengono dirette e disposte tutte quelle realtà relative alla salvezza eterna degli eletti.

    Il quarto compito degli angeli è quello di proteggere gli esseri umani, sia i singoli che le moltitudini. Piacque, infatti, alla pietà di Dio Padre nostro di affidare ai suoi potentissimi servitori le infermità dei mortali e preporli ad essi quasi come degli educatori rispetto a bambini, oppure come quasi dei tutori per degli orfani, o anche come avvocati per I clienti, o come pastori per le pecore, o come medici per gli ammalati, o come difensori per I deboli, o infine come protettori per coloro che non sono in grado di difendersi da soli e si rifugiano sotto la protezione di chi ha più possibilità […]

    L’ultimo compito degli angeli è quello di esser altresì dei soldati o dei capi armati “ per compiere la vendetta tra i popoli e punire le genti”. Sono degli angeli coloro che fanno ardere nel fuoco e nello zolfo città infami; che sterminano I primogeniti di tutto l’Egitto, che con un solo assalto sbaragliano molte migliaia di Assiri. Saranno altresì degli angeli che nell’ultimo giorno “separeranno I cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente”.

    Ecco perché le persone pie debbono amare questi concittadini propri, cioè gli angeli santi, mentre le cattive dovrebbero aver terrore della potenza degli angeli ministri dell’ira di Dio onnipotente, dalle cui mani nessuno potrà mai sottrarle (cfr. op. Cit cap. VI, «Scritti spirituali». Brescia, Morcelliana, 1997, pp. 299; 301; 303; 305; 307; 309).



    www.lucisullest.it

    http://vandeano2005.splinder.com/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veritas liberabit vos
    Data Registrazione
    02 May 2009
    Località
    Nolite timere, pusillus grex. Ego vici mundum
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    L'Apostolo di Fatima

    Fatima, la dottrina cattolica e la Teologia della Storia (2)




    L’Apostolo scelto
    dalla Madonna



    Fondatore della Suore Riparatrici di Nostra Signora dei Dolori di Fatima, il canonico Manuel Nunes Formigão salvò Lisbona da un orribile castigo e meriterebbe di esser maggiormente conosciuto.

    Spunti-Luci sull’Est, febbraio 2006, p.11


    Il nome del compianto canonico Manuel Nunes Formigão (1883-1958) rimarrà per sempre unito a Fatima come parte integrante della sua storia. Infatti, non si può studiare l’evoluzione degli avvenimenti della Cova da Iria senza trovare, continuamente, la figura di quest’uomo provvidenziale che s’incaricò di orientarli, definirli, ed imprimere loro il suo segno inconfondibile.
    Per valutare in tutta la portata il suo coinvolgimento nel fenomeno di Fatima, occorre non dimenticare il contesto dell’epoca che ha preceduto il riconoscimento episcopale delle Apparizioni. Era un momento d’investigazione de esame ed il canonico Formigão ci appare esattamente come l’investigatore instancabile che interroga i veggenti e gli altri testimoni, uno dopo l’altro, su tutti I dettagli. E’ così meticoloso e perseverante che la piccola Lucia, durante una delle interviste, gli cade esausta ai piedi. I suoi interrogatori sono ancor oggi fra le migliori fonti per riconoscere l’autenticità della storia di Fatima. Era un iter di prudenza estrema. Occorreva rispettare il carisma soprannaturale, in caso vi fosse; e allo stesso tempo rispettare l’autorità, dalla quale era stato duramente provato per 13 lunghi anni. In questo il canonico Formigão è stato di un equilibrio unico. Né precipitoso, affrettando i tempi oppure sostituendosi alla Gerarchia, come tante volte accade, né scettico fino a chiudere la porta al soprannaturale. I suoi interrogatori ci mostrano uno spirito arguto che cerca la verità ad ogni costo. Costui è stato il primo e serio e rigoroso critico di Fatima. Però, al di là del valore del suo sforzo umano, io vedo la sua fronte cinta dell’aureola di una gloria ancor più elevata. Il canonico Formigão è stato l’Apostolo scelto dalla Santissima Vergine, sul quale Lei si è espressamente pronunciata (facendo il suo nome) e al quale ha affidato due compiti delicatissimi. Uno riguarda la vita particolare di Lucia ed è ancora presto per parlarne. L’altro, di maggiore importanza, ha una ripercussione sociale che nessuno sarà capace di misurare.
    Portato da una persona di fiducia, un giorno arriva la canonico Formigão questo strano messaggio comunicato dalla Santissima Vergine per mezzo di Giacinta. Si trattava di fondare un gruppo di pie anime dedite alle riparazioni eucaristiche per evitare a Lisbona un orribile castigo. Era il febbraio 1920. Giacinta, dieci anni, era agonizzante nell’ospedale di Estefãnea, a Lisbona. Occorreva molta umiltà, molta fede, molta docilità all’illuminazione dello Spirito santo per prendere sul serio un messaggio del genere, venuto da una bambina in preda ad una febbre alta, che facilmente poteva sbagliare oppure delirare…
    Però il canonico Formigão capì e accettò il compito. La Santissima Vergine sapeva che poteva affidarsi a lui. E l’Opera nasce, si diffonde, realizza il suo fine secondo i voleri del Cielo e Lisbona rimane in piedi…
    Al miscredente del nostro secolo sembrerà strano e magari ridicolo che la pace sociale ed il futuro di una città possano dipendere dalle devozioni eucaristiche di un gruppo di religiose. Secondo le notizie divulgate dalle agenzie di stampa, tutte le convulsioni del pianeta sono facilmente spiegabili con le cause seconde e l’uomo della strada non riesce ad andare oltre la prospettiva naturale delle cose. E se non c’è altra spiegazione, tirando in ballo il caso si risolve tutto. Però l’uomo di Fede sa che il caso non esiste (è soltanto «lo pseudonimo di Dio quando Dio non vuole firmare») e che al di là delle cause intermedie, ce n’è un’ultima dalla quale tutto dipende e senza la quale neppure un capello cade dalla nostra testa.
    E’ proprio quello che ha verificato il canonico Formigão , ed è per questo che la Congregazione delle suore Riparatrici di Nostra Signora dei Dolori di Fatima è oggi una realtà alla quale la Patria tanto deve. Un giorno ho visitato quest’uomo di Dio, nel suo letto di morte. Già immobile, senza possibilità di parlare mi ha chiesto, con un gesto, che gli dessi l’assoluzione. Alla fine sorrideva, guardandomi con gli occhi molto aperti, occhi che sembravano guardare al di là del transitorio e dell’effimero…mai dimenticherò quello sguardo che riassumeva tutta la sua vita. Il canonico Formigão era un uomo straordinariamente illuminato e pieno di fede (cfr. Periodico, Apostolo de Fatima, n°24, luglio-agosto 2005, Torres-Novas, Fatima, p.2)



    Si prega gentilmente di comunicare le Grazie ricevute per l’intercessione di questo Servo di Dio a: Secretariado da Canonização do P. Manuel Nunes Formigão Religiosas Reparadoras de Fátima- Rua de Santo António, 71 – Apart. 227 – 2496-908 Fátima - Portugal

    www.lucisullest.it

    http://vandeano2005.splinder.com/

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Aug 2006
    Messaggi
    103
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    si è importante ricordare gli avvenimenti di Fatima, da li è iniziato un percorso che terminerà col finire delle apparizzioni a Medjugorje.

    Per questo è importante parlare soprattutto de presente piu' che del passato, Medjugorje

  4. #4
    Veritas liberabit vos
    Data Registrazione
    02 May 2009
    Località
    Nolite timere, pusillus grex. Ego vici mundum
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up Fatima heri, hodie, semper

    Citazione Originariamente Scritto da blizzo
    si è importante ricordare gli avvenimenti di Fatima, da li è iniziato un percorso che terminerà col finire delle apparizzioni a Medjugorje.

    Per questo è importante parlare soprattutto de presente piu' che del passato, Medjugorje
    Amico carissimo, comprendo e rispetto la tua posizione. Non sono né un sostenitore né un detrattore delle presunte apparizioni in Bosnia. Tuttavia reputo che l'Evento Fatima non ha - come nessuna mariofania - una sola dimensione spirituale, bensì anche teologico-storica e politica ancora attaulissime. Per questo è importante ricordarlo, soprattutto in tempi di lobotomia spirituale per tanti cattolici, o meglio per tanti "folletti del Sillon".
    Saluti.

 

 

Discussioni Simili

  1. La Russia del periodo 1906 - 1916
    Di Anton Hanga nel forum Eurasiatisti
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-06-09, 15:02
  2. 1916: Elezioni nella Repubblica Italiana
    Di Manfr nel forum FantaTermometro
    Risposte: 286
    Ultimo Messaggio: 30-08-07, 17:17
  3. Elezioni nella Repubblica Italiana 1916
    Di Enrico1987 nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 04-07-07, 17:49
  4. 26 Aprile 1916 / Nasce l'IRA
    Di ITALIANO (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 26-04-07, 10:03
  5. mostra: Il secolo Asburgico 1848 -1916 - Immagini di un impero
    Di halexandra nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-08-06, 18:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226