User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Marco Revelli

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Jun 2003
    Località
    Umbria. Dove regna "Il Capitale" oggi più spietatamente. Votano la guerra, parlano di pace... sinistra "radikale", sei peggio dell'antrace ! Breaking news: (ri)nasce il partito dell'insurrezione !
    Messaggi
    8,772
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Question Marco Revelli

    Vorrei chiedervi un'informazione. Conoscete Marco Revelli ? Potreste brevemente farmi un riassunto del suo pensiero ? E che voi sappiate, esistono in Europa movimenti o associazioni che si rifanno al suo pensiero ? Grazie.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    sembra l'estate di cerrapungi
    Data Registrazione
    20 Jan 2006
    Località
    Non chiedermi di dove sono, perchè vuoi solo risposte brevi
    Messaggi
    1,640
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Esmor
    Vorrei chiedervi un'informazione. Conoscete Marco Revelli ? Potreste brevemente farmi un riassunto del suo pensiero ? E che voi sappiate, esistono in Europa movimenti o associazioni che si rifanno al suo pensiero ? Grazie.

    1. Il coraggio di mettersi in discussione

    Marco Revelli è figlio di Nuto Revelli, capo partigiano recentemente scomparso e autore del bellissimo La guerra dei poveri. Insegna presso l’Università del Piemonte Orientale, nella Facoltà di Scienze Politiche, ma non si riesce ad attribuirgli una qualifica precisa: storico, sociologo, filosofo, economista? La sua ultima fatica è Nonviolenza – Le ragioni del pacifismo (Fazi), con Fausto Bertinotti e Lidia Menapace. A mio parere è un intellettuale che sta contribuendo in maniera decisiva al mutamento strutturale della cultura comunista in Italia. Egli stesso, con la sua biografia, le sue radici, le sue battaglie culturali tutte interne alla storia dell’industria italiana (la Fiat) e del pensiero politico nato dal confronto con quella realtà (da Gramsci all’operaismo degli anni Sessanta), fino agli approdi odierni (la non-violenza come nuova fondazione della politica, la contaminazione fra culture politiche diverse, la centralità della questione ecologica) mostra una coerenza mobile, che, pur di rimanere fedele alla propria scaturigine, non esita a mettere in discussione tutta la propria storia e la propria tradizione.

    2. Il Novecento? Un secolo ossimorico

    Nel suo libro maggiore Revelli tenta ambiziosamente di tenere insieme i fili della storia novecentesca, utilizzando due parole chiave: politica e lavoro. Nel XX secolo si afferma l’homo faber, sia nel campo del lavoro che in quello della politica (I deliri dell’“homo faber” è il titolo della prima parte). Il deliro di quest’uomo è quello di poter plasmare tutto, di non riconoscere limiti. L’approdo: «l’uomo è stato ridotto alla sua funzione produttiva, ed il mondo a realtà fabbricata». Tempo degli assassini, il “secolo breve” ha prodotto morte in cifre spaventose. Le sue tre icone il comunismo, Auschwitz e Hiroshima, tutti e tre casi di eterogenesi dei fini e segno della sproporzione tra l’umano limitato e una tecnica gigantesca divenuta vero soggetto della storia. Attraverso suggestive letture, anche lontane dalla propria tradizione culturale (da Celine a Jünger, da Gramsci a Bataille), Revelli mostra come il “lavoro totale” abbia fagocitato l’uomo, precludendogli qualunque zona franca.
    Nella seconda parte del libro (I dilemmi dell’uomo flessibile) viene indagata la terza rivoluzione industriale, quella tecnologica degli anni Sessanta/Settanta, che, pur nata da radici egualitarie e democratiche, con il superamento del fordismo, lungi dal produrre una tecnologia della liberazione, come nelle intenzioni dei suoi promotori, ha posto le premesse per una pervasività ancora più totalitaria sulle vite (sulla nuda vita) degli uomini, facendoci cadere «nella rete del lavoro totale».
    La terza parte (I peccati della politica e il futuro dell’uomo solidale) ritorna sulla prima metà del secolo dal punto di vista della “grande politica”. Ed è un confronto serrato e coraggioso con la propria storia, quella del comunismo novecentesco, visto come necessario svolgimento della sua radice “violenta” e della sua pretesa di “fare la storia”, riducendo il sociale a opera (dunque il Partito come omologo della fabbrica fordista).

    3. Che fare?

    La resa dei conti con il XX secolo sembra non lasciare scampo. Tutte le ipotesi di liberazione si sono ribaltate nel proprio opposto. Ciò da cui ci siamo liberati, però, è la scaturigine di molti mali del pensiero moderno (dall’Illuminismo a Marx), e cioè l’idea che la liberazione sia una conseguenza della storia e del suo divenire (che ritroviamo anche nelle ultime utopie tecnologiche nate in America). Una riappropriazione di responsabilità, dunque.
    Per la “sinistra” questo libro segna un punto di non ritorno: l’avvio di un meticciato culturale che deve continuare senza paure, la messa in crisi definitiva della tradizione marxista (nelle sue premesse filosofiche: la storia, la dialettica) e leninista e gramsciana (la necessità della violenza, la fabbrica come modello di società). Ma verso dove? Questo libro dà solo una risposta germinale, poi elaborata nel corso di interviste ed interventi dall’autore. Il “volontario è la figura del nuovo secolo, l’uomo “solidale”: non più un soldato (del lavoro, della militanza) ma un “civile”, non più supportato dal grande progetto e da una ideologia (filosofia della storia, «sapere organico e predittivo) ma dotato di strumenti incerti, costretto (per fortuna!) a discernere negli avvenimenti mutevoli e a procedere per prove ed errori. L’uomo solidale rifiuta la scissione tra “passione e ideologia” e, pur avverso al monadismo della cultura liberale, vuol vivere il “noi” conservando la pluralità e le differenze («messa in rete dell’eterogeneità» la chiama Revelli). Soprattutto il “volontario” sa che non si tratta di “edificare” (attraverso macchine burocratiche, partiti, controllo degli apparati statali) ma di “essere”: un «modello di alterità da vivere», dunque, ripristinando il controllo sugli esiti del proprio operato, contro ogni deresponsabilizzazione della politica e del lavoro ridotti a macchina.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Jun 2003
    Località
    Umbria. Dove regna "Il Capitale" oggi più spietatamente. Votano la guerra, parlano di pace... sinistra "radikale", sei peggio dell'antrace ! Breaking news: (ri)nasce il partito dell'insurrezione !
    Messaggi
    8,772
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie Unknown per le risposte fornitemi. invito anche altri a fare altrettanto.
    Ma Revelli quindi parte - almeno inizialmente - da posizioni comuniste ? No, perché me lo sento descrivere più che altro come un riformista o un socialista di sinistra. Per quanto riguarda l'esistenza di movimenti o associazioni che si ispirino al suo pensiero, mi pare di desumere che la figura del "volontario" da egli tracciata renda questo difficile, dato lo spirito anti-organzizazione che mi pare il suo discorso determini. Dico giusto ?

    Altra domanda: per Revelli, ammesso che il suo pensiero la preveda, in quali modalità può avenire un'effettiva trasformazione complessiva della società ?

 

 

Discussioni Simili

  1. Marco Revelli: chi è costui?
    Di Federale nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 29-11-07, 17:27
  2. E' morto Nuto Revelli.......
    Di Gianmario nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 11-02-04, 16:45
  3. Addio Nuto Revelli
    Di Wyatt Earp nel forum Piemonte
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-02-04, 23:33
  4. Maarco Revelli sul libro di Cardini
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-10-02, 12:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225