User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

Discussione: Lunezia

  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    22 Aug 2006
    Messaggi
    471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lunezia

    si sta facendo strada l'idea di ridare un territorio ufficiale agli Apuani che ne furono estromessi nel 180 a.C.
    prego visitare il sito
    www.lunezia.4000.it
    salucc

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    itaglia=paese miserabile
    Data Registrazione
    23 Aug 2006
    Località
    Tra le nebbie del Grande Fiume
    Messaggi
    939
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da montecristo2006 Visualizza Messaggio
    si sta facendo strada l'idea di ridare un territorio ufficiale agli Apuani che ne furono estromessi nel 180 a.C.
    prego visitare il sito
    www.lunezia.4000.it
    salucc
    A mio avviso il progetto lunezia dovrebbe trovare sinergie.
    L'emilia-romagna è una regione artificiale voluta dai savoia in un primo tempo
    per contenere il potere del lombardo veneto, e il repubblicanesimo romagnolo
    e reiterata dalla costituente per volere dei comunisti di allora.
    La romagna scalpita da anni, realtà come modena e reggio non si sentono ben
    tutelate, ferrara è nell'abbandono, solo bologna, bologna e l'emilia romagna sono un tutt'uno.
    In fondo l'unico denominatore di questa regione sono la via emilia e la sinistra, forse è il momento di cambiare.

  3. #3
    www.noterdechedelada.net
    Data Registrazione
    16 Mar 2005
    Località
    al di qua dell'adda
    Messaggi
    2,196
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tra un po' passeranno di lì quelli di Arte Nord...
    Valtrumplino sicuramente

    Lombardo forse

    Padano..per quel che resta

    Italiano MAI!

  4. #4
    Hej på dig, Evert
    Data Registrazione
    14 Dec 2005
    Località
    TOSCANA ÜBER ALLES
    Messaggi
    408
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ARTISTA Visualizza Messaggio
    A mio avviso il progetto lunezia dovrebbe trovare sinergie.
    L'emilia-romagna è una regione artificiale voluta dai savoia in un primo tempo
    per contenere il potere del lombardo veneto, e il repubblicanesimo romagnolo
    e reiterata dalla costituente per volere dei comunisti di allora.
    La romagna scalpita da anni, realtà come modena e reggio non si sentono ben
    tutelate, ferrara è nell'abbandono, solo bologna, bologna e l'emilia romagna sono un tutt'uno.
    In fondo l'unico denominatore di questa regione sono la via emilia e la sinistra, forse è il momento di cambiare.
    Sinceramente io andrei cauto dall'assegnare Lunigiana e La Spezia a Parma... Per esempio, al di là della lingua locale che è un misto ligure-emiliano con spruzzate qua e la di toscano, la lunigiana conserva notevoli legami culturali e storici con la Toscana propriamente intesa (a giro ho visto più stemmi del granducato sui palazzi che a firenze, quasi..)

    Secondo me la soluzione migliore sarebbe creare una provincia denominata Lunezia, con capoluogo spezia ad amministrazione congiunta toscana e ligure. Questa provincia dovrebbe ricomprendere tutta la provincia di massa e carrara più quella, ovviamente, di spezia.

    Senza contare che il sistema portuale dell'alto tirreno, di rilevanza europea, è un sistema comune da Piombino fino a Savona e sarebbe davvero da stupidi darne una parte ad una regione oltreappenninica con capoluogo parma (che ha altre vocazioni e altri interessi). Meglio lasciarlo a due territori con vocazione marittima quali la liguria e la toscana.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    22 Aug 2006
    Messaggi
    471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    la "vocazione" marittima dipende dalle "vocazioni" di chi produce e movimenta merci. I porti NON producono, movimentano i prodotti!!!!
    Quanto agli emblemi scolpiti, un conto è ciò che è "etichetta" un conto è ciò che è sentimento.
    salucc.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Knorr Visualizza Messaggio
    Sinceramente io andrei cauto dall'assegnare Lunigiana e La Spezia a Parma... Per esempio, al di là della lingua locale che è un misto ligure-emiliano con spruzzate qua e la di toscano, la lunigiana conserva notevoli legami culturali e storici con la Toscana propriamente intesa (a giro ho visto più stemmi del granducato sui palazzi che a firenze, quasi..)

    Secondo me la soluzione migliore sarebbe creare una provincia denominata Lunezia, con capoluogo spezia ad amministrazione congiunta toscana e ligure. Questa provincia dovrebbe ricomprendere tutta la provincia di massa e carrara più quella, ovviamente, di spezia.

    Senza contare che il sistema portuale dell'alto tirreno, di rilevanza europea, è un sistema comune da Piombino fino a Savona e sarebbe davvero da stupidi darne una parte ad una regione oltreappenninica con capoluogo parma (che ha altre vocazioni e altri interessi). Meglio lasciarlo a due territori con vocazione marittima quali la liguria e la toscana.
    Dico la mia, come sul forum liguria: etno-culturalmente parlando, fino a Lerici è Liguria. Con un'eccezione: la città di La Spezia, che è sostanzialmente sorta nel 19 secolo con l'istituzione della Regia Marina che ha attratto un forte flusso migratorio dalla Lunigiana.

    Ma la riviera di Levante tutta è forgiata di una genovesità che trasuda non solo dal paesaggio e dalla lingua, ma anche dall'architettura e dai costumi, come quelli alimentari.

    Detto questo, trovo normale che l'asse di sviluppo di Spezia passi per l'asse con Parma, cioè per Pontremoli e la Lunigiana.

    Più in linea generale a me sembra che ci troviamo di fronte a una crisi complessiva del sistema regionale: le attuali frammentazioni non corrispondono più ai bisogni della società civile.

    Ormai le istituzioni padane occidentali si muovono su una scala che corrisponde a una grande area, quella del Nord Ovest. Forse per questo, e anche per altre ragioni di opportunità politica che aveva illustrato Miglio, sarebbe opportuno - più che pensare a Romagna o Lunezia - creare una regione padana.

    Con dei forti contrappesi in termini di autonomie locali, ovviamente.

    Provate a pensare cosa può significare una Padania unita, come regione, in termini politici. Pensate a come verrebbero rivoluzionati i rapporti con lo Stato, ma anche con l'Unione Europea. Pensate come sarebbe impossibile, a quel punto, negare uno statuto speciale.

  7. #7
    Forumista
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    782
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da montecristo2006 Visualizza Messaggio
    si sta facendo strada l'idea di ridare un territorio ufficiale agli Apuani che ne furono estromessi nel 180 a.C.
    prego visitare il sito
    www.lunezia.4000.it
    salucc

    Ridiamo un territorio anke all'uomo di Neanderthal o a quello di Cro Magnon...

  8. #8
    Emiliano-Luneziano
    Data Registrazione
    13 Jan 2007
    Località
    Emilia Lunense
    Messaggi
    219
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da umbro Visualizza Messaggio

    Ridiamo un territorio anke all'uomo di Neanderthal o a quello di Cro Magnon...
    No, non limitiamoci a fissare il dito quando ci mostrano il cielo ! Ci basta leggere la storia antica e confrontarci sulle opportunità del presente.
    Riporto uno scritto TRATTO DAL SITO http://www.vinoclub.it/terredilunezia.htm

    La Storia.
    "Terre di Lunezia"... terre perché , nonostante i profondi legami geografici, storici e culturali, non costituiscono ancora un'unica entità dal punto di vista amministrativo. Antiche e radicate tradizioni, retaggio di un lontanissimo passato, sono alla base dell'identità della regione "Emiliano - Lunense", o "Lunezia", che, pur non costituendo una regione "reale" è ben viva nella coscienza degli abitanti e, idealmente, comprende le province di Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Massa Carrara e La Spezia.
    La storia è testimone dell'identità di questa terra, che, già nella preistoria, era abitata dalla popolazione dei Liguri-Apuani, la quale ha lasciato profonde tracce della propria esistenza, nonostante la successiva incidenza della dominazione romana. La strenua resistenza opposta dai Liguri-Apuani all'invasione, infatti, costrinse i Romani alla deportazione in massa della popolazione locale nel 180 a.C., poco prima della deduzione della colonia di Luni. Le tracce più evidenti lasciate dai Liguri Apuani sono le statue - stele lunigianesi, monoliti che rappresentano figure umane stilizzate: quelle maschili hanno gli attributi tipici dei guerrieri (pugnali ed asce), quelle femminili sono caratterizzate dalla presenza di seni e gioielli. Questi menhir rappresentano un caso unico, che non trova paragoni nel resto della Toscana, né in Liguria, mentre si possono riscontrare analogie culturali ed artistiche in Trentino, in Valcamonica e in Valle d'Aosta.
    La fondazione del "municipium" di Luni, da cui deriva il nome stesso della Lunigiana, ha condizionato profondamente la storia locale: lo sfruttamento delle cave di Carrara, la costruzione della via Aurelia a ridosso della costa e l'importanza commerciale del porto di Luni, sono il frutto della "romanizzazione" di tutta la zona.
    In epoca cristiana la diocesi Lunense, sede di un importante e potente vescovado, mantenne la propria egemonia sul territorio, e, durante il Medioevo, l'ordinamento feudale contribuì a disgregare ancora di più i centri della Lunezia, le cui vicende, da allora, seguirono percorsi parralleli ma indipendenti.
    La questione mai sopita dell'unione delle Terre di Lunezia tornò prepotentemente alla ribalta nel 1814, anno del trattato di Fontainebleau, che sancì il passaggio a Maria Luigia, moglie di Napoleone Bonaparte, del Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla. In questa sede venne discussa dagli statisti la possibilità di unire i territori di Parma e Piacenza con la Val di Magra e La Spezia, che costituiva il naturale sbocco al mare del Parmense. Talleyrand, già contrario alla presenza dei Bonaparte in Italia, si oppose, poiché la vicinanza della Spezia all'Isola d'Elba, dove era detenuto Napoleone, avrebbe potuto indurre Maria Luigia ad un tentativo di liberazione del marito.
    La soluzione più logica secondo le analisi degli statisti dell'epoca, quindi, fu contestata solo a causa problemi politici contingenti, in un'Europa in cui era ancora vivo il ricordo delle gesta di Napoleone. Se questo non fosse accaduto, probabilmente, l'annessione della Spezia e della Lunigiana al Ducato di Parma e Piacenza avrebbe condizionato anche la ripartizione in regioni avvenuta dopo l'unità d'Italia. Così non fu, ma, anche durante il Risorgimento, continuarono i tentativi di unificare questi territori: nel 1861 Pontremoli tentò di ottenere l'annessione a Parma, La Spezia, invece, nel 1871 propose di unire il proprio territorio a quello di Massa Carrara, mentre Massa fin dal 1863 richiedeva una revisione dei confini. Pontemoli chiese ancora di essere staccata dalla provincia di Massa Carrara nel 1888 e nel 1892, ma anche in queste occasioni senza successo. Innumerevoli furono, ancora nel corso del Novecento, i tentativi di costituire una regione "Emiliano-Lunense", per sempio alla fine della Seconda Guerra Mondiale, quando venne proposta una regione comprendente Piacenza, Reggio Emilia, Parma, Modena, La Spezia e la val di Magra.
    Le terre di Lunezia sono tuttora divise fra Toscana, Liguria ed Emilia Romagna... ma, nonostante questo, sono zone piene di attrattive e di luoghi unici da visitare, dalla Lunigiana storica, con i suoi castelli, i borghi medievali e i musei, alla Spezia, con le splendide località che la incorniciano (Porto Venere, Cinque Terre e Lerici solo per fare alcuni esempi), dai suggestivi paesaggi delle Apuane alla "terra dei castelli" dell'antico ducato di Parma e Piacenza.
    Si tratta di un territorio ricchissimo dal punto di vista storico culturale, il cui futuro non è legato soltanto al turismo, poiché le potenzialità economiche delle terre di Lunezia sono varie: il fiorente porto della Spezia, la rigogliosa pianura Padana del Parmense, le cave di marmo delle Apuane uniche al mondo... e altre risorse tutte da scoprire.

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    22 Aug 2006
    Messaggi
    471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    grazie Pramsan!!! Per la tua pazienza nell'illustrare ciò che non tutti hanno ancora compreso.
    Anche se la non conoscenza delle cose porta ad ironie fuori luogo, bisogna comunque riconoscere a tutti una sorta di curiosità positiva che non guasta.
    Suggerirei, in un prossimo futuro, di organizzare un dibattito/incontro, magari nei dintorni di Parma (Parma centro è impraticabile per le auto!!!) per "omogeneizzare" le nostre reciproche conoscenze in merito all'argomento Lunezia, produrre i soliti "atti del congresso" e divulgarli in modo coordinato.
    Potrebbe essere un buon punto di partenza sotto i diversi aspetti del
    - diritto internazionale
    - idealità culturali
    - assonanze filologiche
    Potremmo ripartire dai recenti Benelli/Lunezia e Bay/Seme di Luna oltre che da Ambrosi ed altri più datati.
    Una specie di "Bibbia di Lunezia"... cosa ne dici?
    Se OK ribalta il concetto sul forum lunezia.4000.it e vediamo se questa volta ce la facciamo...
    salucc

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Messaggi
    1,539
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da umbro Visualizza Messaggio

    Ridiamo un territorio anke all'uomo di Neanderthal o a quello di Cro Magnon...
    Ridiamo un cervello a chi non ce l'ha.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Lunezia
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-12-09, 21:29
  2. Lunezia
    Di Ein Tirol nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 05-12-08, 19:07
  3. Lunezia
    Di Pramsan (POL) nel forum Emilia-Romagna
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 04-07-08, 11:36
  4. Lunezia
    Di Pramsan (POL) nel forum Lombardia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-06-08, 16:07
  5. Lunezia
    Di montecristo2006 (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 14-08-07, 19:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226