User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 30
Like Tree1Likes

Discussione: Liturgia.

  1. #1
    Cacciaguida
    Data Registrazione
    29 May 2008
    Messaggi
    35,409
    Mentioned
    595 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Liturgia.

    "La liturgia della chiesa nell’epoca della secolarizzazione" di Roberto de Mattei
    77 pp., Solfanelli, 7 euro

    L’argomento del pamphlet è di quelli densi: “La liturgia della chiesa nell’epoca della secolarizzazione”. Sotto c’è un problema che, raccontato in breve, è questo: la chiesa si è lasciata turbare da un’ansia illusoria di rinnovamento e ha modificato la propria liturgia. Ma il gioco non è valso la candela di cera. Ha abbandonato l’eterno per incontrare il proprio tempo, ha deviato dalla tradizione per abbracciare la società del progressismo: e dopo, con orrore, che cosa ha scoperto? Che il suo è stato l’abbraccio catastrofico con un’età postmoderna già imputridita all’interno e che all’esterno porta segni sempre più evidenti di fallimento. Ora rimediare non sarà facile. La chiesa si è allontanata dalle proprie premesse più salde, si è in parte tramutata in una versione light di se stessa per dimostrarsi non-passatista e ha indebolito il suo messaggio più autentico e attraente. Lo prova la crisi delle vocazioni religiose con tutta la forza dei fatti: la Riforma del Concilio non l’ha risolta, ma anzi l’ha decisamente aggravata. Per citare Joseph Ratzinger: “Quello che sapevamo solo teoreticamente è diventato per noi esperienza concreta: la chiesa sussiste e cade con la liturgia”.
    Nella storia recentissima della chiesa c’è stato quindi un Prima, quando ancora questa crisi poteva essere evitata. Ma a noi tocca vivere nel Dopo: nel tempo presente, quando ormai la crisi deve essere affrontata. Roberto de Mattei – “sono uno storico, un cattolico laico che vive però con partecipazione i problemi della chiesa” – propone allora il ritorno alla tradizione come antidoto all’idea, filtrata all’interno della chiesa, che la secolarizzazione è comunque un processo storico irreversibile, e quindi, poiché irreversibile, anche “vero”. E avanza un progetto di risacralizzazione della società: dove “l’esperienza di sacro” di cui la società ha disperatamente bisogno si raggiunge attraverso il sacrificio e lo spirito di penitenza. “Al principio dell’edonismo e dell’autocelebrazione dell’Io che costituisce il nucleo del processo rivoluzionario plurisecolare che aggredisce la nostra società – scrive De Mattei – bisogna contrapporre il principio vissuto del sacrificio”.
    Il capitolo iniziale sull’abbandono del latino durante la liturgia, argomento di una delle tre conferenze da cui è tratto questo pamphlet, è il manifesto convincente del Grande equivoco. Credevamo di essere moderni e anche di farvi un favore, abbiamo invece sperperato il nostro tesoro comune. Il latino non è stato abolito dal Concilio – come si crede grossolanamente – ma non è più usato, anche se una costituzione apostolica del 1962, la Veterum Sapientia, raccomanda il contrario con precise disposizioni. Eppure il latino era per sua natura la lingua della chiesa, perché possiede tutte le caratteristiche che servono. E’ lingua universale, che supera i confini delle nazioni. Si può ribattere che non è più in uso – ma per De Mattei si tratterebbe di un’obiezione povera. Una lingua non muore quando non è parlata, ma quando svanisce dalla cultura e dalla memoria di un popolo. Altrimenti, e per assurdo, dovremmo chiamare lingue morte anche l’ebraico, risorto nel Ventesimo secolo con il sionismo, e l’arabo classico, che oggi è parlato soltanto in alcuni contesti formali. Il latino è una lingua stabile dal punto di vista lessicale e grammaticale, quindi è anche un vettore solido, capace di sfidare il passare dei secoli e di conservare l’integrità e l’immutabilità della dottrina cattolica. Il latino è infine lingua sacra: la lingua della liturgia tra l’assemblea e Dio. E non importa afferrarne tutte le parole: la liturgia non è orizzontale, non lega i fedeli tra loro, ma è verticale, è diretta verso Dio. Come dice al linguista Beccaria la vecchietta alzando il dito verso il cielo, l’importante è che capisca lui.

    di Daniele Raineri
    IlFoglio

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Apr 2009
    Messaggi
    273
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Liturgia.

    Caro fratello, anche io qualche tempo fa ero stato abbagliato e attirato dalle sirene della tradizione liturgica romana e mi ero avvicinato a movimenti tradizionalisti i più disparati e "fantasiosi", quando finalmente ho capito che L'Eucaristia non è un rito magico e dobbiamo seguirla con piena umiltà di cuore nei luoghi e nei tempi che ci indica la Chiesa Cattolica, l'unico Corpo Mistico di Cristo.

  3. #3
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Liturgia.

    Citazione Originariamente Scritto da Orwell Visualizza Messaggio
    Caro fratello, anche io qualche tempo fa ero stato abbagliato e attirato dalle sirene della tradizione liturgica romana e mi ero avvicinato a movimenti tradizionalisti i più disparati e "fantasiosi", quando finalmente ho capito che L'Eucaristia non è un rito magico e dobbiamo seguirla con piena umiltà di cuore nei luoghi e nei tempi che ci indica la Chiesa Cattolica, l'unico Corpo Mistico di Cristo.
    Per curiosità: ritieni che per i tradizionalisti - quelli veri, intendo - credi che reputino l'Eucaristia sia un rito "magico"?

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    81
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Liturgia.

    Citazione Originariamente Scritto da Augustinus Visualizza Messaggio
    Per curiosità: ritieni che per i tradizionalisti - quelli veri, intendo - credi che reputino l'Eucaristia sia un rito "magico"?
    No assolutamente no!!!!!! Io questo non lo credo, pero, a quell'epoca avevo circa 17 - 18 anni, parlo tra gli anni '50 e '60, con mio padre fervente presidente di AC assistevo al rito dell'Eucarestia, ma la Chiesa della mia Parrocchia a Roma era abbastanza grande, non esistevano microfoni, vedevo solo un sacerdote rivolto di spalle, che parlava tra se e se, e ti dico tra la balaustra e l'altare maggiore c'erano 25 - 30 metri.
    Non ci capivo nulla, mentre guardavo mio padre e lo imitavo nei gesti di ossequio, o lo stare in ginocchio e/o in piedi.

    Non era un rito magico, ma neppure qualcosa che si poteva capire, forse per quelli che l'avevano conosciuta fin da piccoli gli poteva essere familiare, ma a me che mi ci si portava per forza era una specie di punizione. :gratgrat:

    Ahhhh........ricordo anche una grande tristezza nella liturgia, come ti posso dire come un funerale senza il defunto.

    Ricordo anche che la Chiesa in questione era dei francescani, quando mi andavo a confessare, siccome non ero un tipo molto tranquillo, per penitenza, se mi andava bene, 50 Padre nostro e 20 Ave Maria
    Ohhhhhhhhhme li dicevo tutti e se perdevo il conto ricominciavo

  5. #5
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Liturgia.

    Citazione Originariamente Scritto da saul Visualizza Messaggio
    No assolutamente no!!!!!! Io questo non lo credo, pero, a quell'epoca avevo circa 17 - 18 anni, parlo tra gli anni '50 e '60, con mio padre fervente presidente di AC assistevo al rito dell'Eucarestia, ma la Chiesa della mia Parrocchia a Roma era abbastanza grande, non esistevano microfoni, vedevo solo un sacerdote rivolto di spalle, che parlava tra se e se, e ti dico tra la balaustra e l'altare maggiore c'erano 25 - 30 metri.
    Non ci capivo nulla, mentre guardavo mio padre e lo imitavo nei gesti di ossequio, o lo stare in ginocchio e/o in piedi.

    Non era un rito magico, ma neppure qualcosa che si poteva capire, forse per quelli che l'avevano conosciuta fin da piccoli gli poteva essere familiare, ma a me che mi ci si portava per forza era una specie di punizione. :gratgrat:

    Ahhhh........ricordo anche una grande tristezza nella liturgia, come ti posso dire come un funerale senza il defunto.

    Ricordo anche che la Chiesa in questione era dei francescani, quando mi andavo a confessare, siccome non ero un tipo molto tranquillo, per penitenza, se mi andava bene, 50 Padre nostro e 20 Ave Maria
    Ohhhhhhhhhme li dicevo tutti e se perdevo il conto ricominciavo
    Negli anni '50 c'erano già gli ausilii dei messalini, ecc.
    Comunque, le cose religiose hanno sempre avuto una lingua sacra, diciamo così. La riprova? Anche gli ebrei, attualmente, nei loro riti usano la lingua ebraica, pur essendo italiani, francesi, ecc. Perché?
    Ed anche gli orientali usano una loro lingua sacra. Perché?
    Il problema, quindi, non può essere limitato ad una questione di comprensione/incomprensione linguistica. Ma va oltre.
    Nè pèuò essere limitato ad una questione di "allegria" della celebrazione. La celebrazione non era nè è triste, ma severa, austera, senza schitarrate e bizzarie o veline sull'altare! Era qualcosa di serio e di sentito, insomma! Era la rinnovazione o, meglio, perpetuazione del sacrificio del Calvario - e non penso che sul Calvario ci fossero le veline e le schitarrate!

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    377
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Liturgia.

    Citazione Originariamente Scritto da Augustinus Visualizza Messaggio
    Negli anni '50 c'erano già gli ausilii dei messalini, ecc.
    Comunque, le cose religiose hanno sempre avuto una lingua sacra, diciamo così. La riprova? Anche gli ebrei, attualmente, nei loro riti usano la lingua ebraica, pur essendo italiani, francesi, ecc. Perché?
    Ed anche gli orientali usano una loro lingua sacra. Perché?
    Il problema, quindi, non può essere limitato ad una questione di comprensione/incomprensione linguistica. Ma va oltre.
    Nè pèuò essere limitato ad una questione di "allegria" della celebrazione. La celebrazione non era nè è triste, ma severa, austera, senza schitarrate e bizzarie o veline sull'altare! Era qualcosa di serio e di sentito, insomma! Era la rinnovazione o, meglio, perpetuazione del sacrificio del Calvario - e non penso che sul Calvario ci fossero le veline e le schitarrate!
    La soluzione, mi permetto, potrebbe essere il ritorno alla messa cantata obligatoria e l'abolizione della messa piana, che ne pensi?

  7. #7
    fiamma verde
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    6,741
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Liturgia.

    una domanda, la liturgia e' certamente importante, ma voglio dire in tempi di scristianizzazione il punto 1 deve essere l'evangelizzazione, dove purtroppo tanti sacerdoti ho l'impressione che latitino, chiusi in sacrestia.

    Orbene, non credete che per quelli come me, gente che viene da lontanissimo, la messa ante concilio non aiuti ad avvicinare alla Chiesa?

    Voglio dire, alla gente devi offrire un percorso di conversione, ma se uno che da 10 anni che non va a messa, si presenta in Chiesa e trova un prete che recita in latino e spalle ai fedeli che ci capisce? .....iango:

  8. #8
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Liturgia.

    Citazione Originariamente Scritto da trilex Visualizza Messaggio
    una domanda, la liturgia e' certamente importante, ma voglio dire in tempi di scristianizzazione il punto 1 deve essere l'evangelizzazione, dove purtroppo tanti sacerdoti ho l'impressione che latitino, chiusi in sacrestia.

    Orbene, non credete che per quelli come me, gente che viene da lontanissimo, la messa ante concilio non aiuti ad avvicinare alla Chiesa?

    Voglio dire, alla gente devi offrire un percorso di conversione, ma se uno che da 10 anni che non va a messa, si presenta in Chiesa e trova un prete che recita in latino e spalle ai fedeli che ci capisce? .....iango:
    Guarda che non in duemila anni - ma se vuoi limitiamoci agli ultimi 500 - non sei stato solo tu a convertirti!
    Eppure, nei tempi passati, anche a chi si riavvicinava a Dio ed alla Chiesa la messa latina non faceva difficoltà.
    Il problema non è, dunque, lì. Ma altrove.

  9. #9
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Riferimento: Liturgia.

    Il punto è: la liturgia può essere riformata o è da considerare un monolite intoccabile?

    A me sembra chiaro che non c'è nulla di monolitico, poiché anzi essa è il risultato di un lavoro certosino fatto in migliaia di anni. Un lavoro splendido, davvero incredibile e del quale dobbiamo ringraziare la Provvidenza. Come ebbe a dire il nostro Santo Padre, la liturgia è come uno stupendo mosaico, che va ammirato e, dove mostra i segni del tempo, restaurato.
    “Pray as thougheverything depended on God. Work as though everything depended on you.”

  10. #10
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Liturgia.

    Citazione Originariamente Scritto da UgoDePayens Visualizza Messaggio
    Il punto è: la liturgia può essere riformata o è da considerare un monolite intoccabile?

    A me sembra chiaro che non c'è nulla di monolitico, poiché anzi essa è il risultato di un lavoro certosino fatto in migliaia di anni. Un lavoro splendido, davvero incredibile e del quale dobbiamo ringraziare la Provvidenza. Come ebbe a dire il nostro Santo Padre, la liturgia è come uno stupendo mosaico, che va ammirato e, dove mostra i segni del tempo, restaurato.
    Certo, la liturgia può essere riformata, ma da un papa lecito, legittimo e prudente. hefico:

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Liturgia Pro Ecumenicità...
    Di Ulfenor nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 02-10-07, 00:09
  2. Seminario di Liturgia
    Di daneel nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 26-07-07, 23:42
  3. liturgia
    Di pugia2 nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 03-04-06, 00:43
  4. Liturgia
    Di Thomas Aquinas nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 30-07-04, 00:22
  5. Liturgia delle Ore
    Di Thomas Aquinas nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 27-07-04, 22:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226