User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: In memoria

  1. #1
    the dark knight's return
    Data Registrazione
    06 Jul 2006
    Località
    Gotham City
    Messaggi
    26,969
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito In memoria

    « L'unica cosa di cui non sono pentito, nella mia vita, è di essere diventato presidente della Sampdoria. »
    (Paolo Mantovani, da Paolo Mantovani, di Renzo Parodi, Tormena, Genova)



    Di lui si diceva che avesse iniziato quale impiegato presso una società di navigazione, che avesse fatto fortuna vendendo cinque navi, che avesse fatto fortuna col petrolio, che avesse fatto fortuna interpretando in modo elastico il codice penale. Ma questo a noi poco importa...

    Dopo due anni in tono minore, Paolo Mantovani creò per il campionato 1981-82 una grande squadra per vincere acquistando Scanziani e Manzo a centrocampo, Zanone, Sella e Garritano in attacco, dietro un difensore come "Mazinga" Guerrini si affiancò all'esperto Galdiolo. Dopo una partenza non brillante (in seguito alla quale la panchina passò da Riccomini ad Ulivieri), la marcia divenne inarrestabile e la serie A venne raggiunta con una giornata d'anticipo: 0-0 in casa col Rimini, due pali, ma fu sufficiente.
    E Paolo Mantovani? Guardava con aria paterna quei ragazzi, con quel sorriso strano, quasi commosso, mentre le bandiere sventolavano nel sole di maggio ed i cori accompagnavano un'ascesa inarrestabile.
    La serie A, subito da protagonisti: un titolo estivo, sulla prima pagina della Gazzetta dello Sport recitava "Con Francis, Brady e Mancini è una Samp da primi posti!". Alla prima partita, in casa, la Juve dei Campioni del Mondo Zoff, Gentile, Cabrini, Tardelli, Scirea, "Pablito" Rossi, ai quali si erano aggiunti "rinforzi" quali Boniek e Platini. Ma l'eroe della giornata divenne Mauro Ferroni, terzino, che a centrocampo ruba palla a Rossi, salta Platini, evita Scirea, infila con un tiro dal limite dell'area Zoff.
    Seguirono, per la cronaca, la vittoria a S. Siro con l'Inter, reti di Francis e Mancini e quella in casa con la Roma, sempre Mancini. Venimmo ripresi, subito, ma il sogno stava lentamente diventando realtà.
    Quando il presidente non poteva venire lui allo stadio, era lo stadio ad andare da lui: erano in cinquemila i doriani a Lugano, a salutarlo, a respirare, per la prima volta da tanti anni, aria d'Europa. Vennero altri grandi campioni: Pari nel 1983, Vialli, Mannini e Salsano nel 1984, e fu la prima Coppa Italia in una notte incredibile del 1985.

    Cerezo e Pagliuca vennero nel 1986, insieme al "Panzer" Hans Peter Briegel, nel 1988 Dossena, nel 1989 Katanec, Invernizzi e Lombardo; in panchina arrivò un uomo indimenticabile, per tanto motivi: Vujadin Boskov. Erano anni in cui, se un campione era in procinto di lasciare la sua squadra, secondo i giornali sportivi sarebbe venuto sicuramente da noi, nessun nome era proibito, anzi...

    Qualcuno cominciava a parlare di scudetto, parola quasi sconosciuta nell'ambiente, e Paolo Mantovani raffreddava gli animi: "Scudetto alla Samp?" dichiarava "Sarebbe come pretendere che l'Italia, nell'atletica, battesse gli Stati Uniti. La potenzialità della città di Genova non può essere paragonata a quella di altre metropoli: vi è immobilismo imprenditoriale, i tifosi sono ipercritici, l'habitat è quello che è". Ed ancora: "potremmo tornare a lottare per il quattordicesimo posto, non ci sarebbe nulla di male...". Paolo Mantovani portò la Samp in Europa, una Samp protagonista ad alto livello.
    Quale tifoso non ricorda l'epica partita con il Malines, o Mechelen che dir si voglia? La gioia di Cerezo che sblocca il risultato quando ormai si temeva che la porta avversaria fosse stregata, la cavalcata di Dossena che attraversa mezzo campo per saltare il portiere e deporre la palla in rete, ed il piccolo, grande Salsano che suggella l'incontro... Berna non ci portò fortuna, alla finale della Coppa delle Coppe: ricordo quella sera di pioggia, mezza squadra infortunata, l'arbitro doveva ancora fischiare il calcio d'inizio che già Bonomi si scaldava ai bordi del campo, pronto a rilevare chi? A fine partita Fausto Pari con l'espressione sconsolata guardò verso la curva ed allargò le braccia, a dire "abbiamo fatto il possibile".
    Terza Coppa Italia, a Cremona, 4-0 contro il Napoli, ed ennesimo assalto alla Coppa delle Coppe.
    Vennero eliminate, nell'ordine, Brann Bergen, Borussia Dortmund, Grasshoppers Zurigo e Monaco, prima della favolosa notte di Goteborg contro l'Anderlecht: sofferenza nei tempi regolamentari, poi Vialli ed ancora Vialli per il primo trionfo europeo dopo i tempi supplementari.


    Si diceva che questi successi fossero il frutto di un rapporto speciale tra Paolo Mantovani ed i giocatori, un rapporto d'amore, paterno e filiale che nasceva nelle frequenti riunioni nella saletta del campo di Bogliasco, nella villa di Sant'Ilario od in sede, ove la sua porta era per loro sempre aperta. Si narrava che i contratti venissero firmati "in bianco", senza offerta né richiesta, perché l'importante non era il denaro.
    Era l'anno dei Mondiali, l'entusiasmo di "Italia '90" aveva consegnato a Genova il nuovo, discusso Luigi Ferraris, nel quale la copertura non era in grado di riparare dalla pioggia neppure la Tribuna d'Onore ed in molti ordini di posti la partita veniva raccontata dai più fortunati. Era l'anno di quei mondiali in cui l'Italia ripudiò Vialli e Mancini per identificarsi in Baggio e "Totò" Schillaci.

    Il campionato seguente avrebbe dovuto essere la parata delle stelle, la rivincita delle nazioni mondiali: chi puntava sulla Juventus degli italici Baggio e Schillaci, chi sulla tedesca Inter di Brehme, Matthaus e Klinsmann, chi sul Milan olandese di Gullit e Van Basten.
    Giornata dopo giornata il sogno cominciò a sembrare sempre più realizzabile: soltanto la Juventus, a Torino, riuscì, tra le grandi, a salvare un punto contro la Samp, le altre collezionarono solo sconfitte, in casa come fuori. Fu, soprattutto nel girone di ritorno, una cavalcata inarrestabile. Nessun terreno era inespugnabile, grazie anche ad una dose di buona sorte, ma tutta l'Italia ci aspettava a S. Siro, per lo "spareggio" con l'Inter, indietro di tre punti a quattro giornate dal termine. Avremmo firmato tutti per uscire da quella bolgia con un punto, ma Pagliuca parò un rigore dell'infallibile Matthaus mentre Dossena e Vialli giustiziarono anche i nerazzurri.
    Il tricolore, la "cosa" fino a quel giorno, fu nostro a Marassi il 19 maggio 1991, al termine di una partita che avrebbe dovuto essere da cardiopalma, vista la posta in palio, e non lo fu già dal secondo minuto, grazie all'eterno Toninho Cerezo che dal limite dell'area infilò il primo dei tre gol della giornata. Un gol come il secondo, al volo da quaranta metri, Mannini, grande campione, non lo realizzerà più finché vivrà. Un lungo applauso salutò Paolo Mantovani il giorno seguente al "Processo del Lunedi", un Paolo Mantovani commosso e nello stesso tempo raggiante, che aveva regalato a tutti noi un sogno d'infanzia.

    Vinta la Supercoppa di Lega in estate, 1-0 contro la Roma, l'anno seguente fu Coppa dei Campioni, purtroppo persa nella finale di Londra, ma nessuno può dimenticare la partita di Sofia, 3-1 alla Stella Rossa di Belgrado, e la Finale di Wembley. Venne un nuovo ciclo, partì Vialli, e sulla nave guidata ora da Eriksson si imbarcarono nuovi campioni quali Jugovic, Gullit e Platt.
    Paolo Mantovani ci fece andare di nuovo in Europa, ma questa volta non ci accompagnò. Lo accompagnammo noi, tutti, il giorno che se ne andò, perché quel giorno morì qualcosa in ognuno. Lo accompagnammo tutti, quel giorno, per salutarlo, per dirgli grazie. Nonostante il lutto, bandiere sventolarono, giovani e meno giovani indossarono le sciarpe con orgoglio, segni distintivi di una unica, grande, unita famiglia.

    Grazie, Paolo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    the dark knight's return
    Data Registrazione
    06 Jul 2006
    Località
    Gotham City
    Messaggi
    26,969
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito


  3. #3
    the dark knight's return
    Data Registrazione
    06 Jul 2006
    Località
    Gotham City
    Messaggi
    26,969
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    Paolo Mantovani (1930 – 1993), petroliere e finanziere italiano, presidente della società calcistica Sampdoria dal 1979 al 2003.
    • L'unica cosa di cui non sono pentito, nella mia vita, è di essere diventato presidente della Sampdoria. (citato in Renzo Parodi, Paolo Mantovani, Tormena, Genova)
    • Mancini? Per non vederlo più alla Sampdoria deve succedere qualcosa: o muore; o smetto io; o smette lui. (da Il Secolo XIX, 20 luglio 1993)
    • Pagliuca? Lo abbiamo comprato gratis dal cielo. (da Il Lavoro, 20 luglio 1993)

    Citazioni prive di fonte [modifica]

    citazioni necessarie
    • Alla Sampdoria non c'è limite al meglio perciò non c'è apprezzamento per i risultati intermedi.
    • Boškov? Ha il bruttissimo difetto di tutti i nostri giocatori. È un sampdoriano che allena la Sampdoria, come loro sono sampdoriani che ci giuocano.
    • Caro Bosotin, non mi sono dimenticato di te. Tu scendi dalle griglie e stai pur sicuro che faccio qualcosa per te.
    • Eravamo specialisti in sofferenze, da tanti anni ormai alla Sampdoria. Ora cerchiamo di specializzarci in gioie. (1983)
    • Ho sofferto come una bestia, facciamo una grande squadra. [rivolto a Claudio Nassi]
    • Mi telefona Vialli da Torino: "Presidente come faccio qui a trovar casa con vista al mare?". "Cerca bene, vedrai che ci riesci".
    • Nessuno potrà mai far dimenticare Vialli alla Sampdoria, però io spero che sostituibile lo sia.
    • Non vi prometto nulla, ma vi dico: preparate i passaporti! [al raduno dei Club]
    • Perché proprio la Sampdoria? Nessuno mi ha mai chiesto perché ho scelto mia moglie tra le tante. E qui a Genova c'erano appena due squadre...
    • Quando ho preso la Sampdoria ho assunto anche tre impegni. Uno di carattere personale; il secondo non sentire più i tifosi urlare "serie A"; il terzo riempire lo stadio. Credo di averli onorati tutti e tre.
    • Se non gioca Mancini non vado allo stadio. Non mi diverto.
    • Vierchowod: indiscutibile la sua sampdorianità. Attacca adesivi blucerchiati in via Venti Settembre.
    • I tifosi della Sampdoria hanno perso a Wembley e hanno cantato, hanno visto andare via Vialli e hanno cantato. Finché i tifosi della Sampdoria canteranno non ci saranno problemi per il futuro.

    Citazioni su Paolo Mantovani [modifica]

    • Ad ogni rinnovo di contratto, Mancini propone a Mantovani: "...Se mi fa capitano rinuncio a cinquanta milioni...". E Mantovani gode. (Renzo Parodi)
    • [Mantovani] Aveva le sue cabale. Per un certo periodo adoperava, anzi adoperavamo tutti un certo bagno schiuma. Portava buono. La squadra perse qualche partita e allora la domenica mattina smettemmo di lavarci... (Francesca Mantovani, da Renzo Parodi, Paolo Mantovani, Tormena, Genova, p. 29)
    • E del resto Mantovani era certo, anzi certissimo, che Bersellini fosse un grande allenatore. (Mario Contini, da Il Lavoro, 13 marzo 1995)
    • Ho imparato molto da Mantovani: come gestire la squadra, i rapporti con l'ambiente e con i tifosi. Da un certo punto di vista avrei dovuto io... pagare lui. (Renzo Ulivieri)
    • Il presidente è Mantovani... Se i giocatori li comprassi io, lui cosa ci starebbe a fare? (Roberto Mancini)
    • In una saletta dell'aeroporto Eugenio Bersellini radunò la squadra ed alla presenza del presidente Mantovani fece una terribile e furibonda ramanzina concludendo così: "Presidente questi qui le rubano lo stipendio!". (Paolo Borea)
    • La grande lezione è quella che insegna a gioire con la Sampdoria "senza scherzare con Mantovani". In natura Spinelli potrebbe essere simile a qualunque genoano. In pratica si ritrovano molto diversi. (Confucio riciclato, da Fonte)
    • Mantovani è il più grande presidente del mondo. (Toninho Cerezo)
    • Prima della partita [un derby] la signora Mantovani spiega: "Soffrirò oggi comunque; se perde il Genoa perché sono genoana, se perde la Sampdoria perché mio marito torna a casa distrutto e lo devo consolare. Lei immagini...". (Vittorio Sirianni, da La Gazzetta del lunedì, 17 marzo 1980)
    • Strano destino. Fra due mali bisogna sempre saper scegliere il minore. Così nei lontani anni cinquanta divenni sampdoriano. Poi con la dinastia Mantovani capii che avevo scelto bene. (Massimo Farci)

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    11 Apr 2011
    Messaggi
    7,284
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Massimo rispetto, anche da avversario, a un grande personaggio del calcio a Genova.

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    16 Apr 2006
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    1,060
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    quando leggo qualcosa di paolo mantovani mi commuovo sempre

  6. #6
    avanti fidel
    Ospite

    Predefinito

    Ieri ero alla fiumara per la commemorazione...GLORIA ,PASSIONE,COERENZA..GRANDE PAOLO LA SUD NON TI DIMENTICA!!!

    MANTOVANI ALE' ,MANTOVANI ALE' ALE'...MANTOVANI ALE' ,MANTOVANI ALE' ALE'..MANTOVANI ALE',MANTOVANI ALE' ALE'...

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-02-10, 17:08
  2. In Memoria
    Di Forzanovista nel forum Destra Radicale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 10-01-06, 12:50
  3. Per chi ha memoria...
    Di Chris76 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-08-04, 11:44
  4. In memoria di....
    Di Alfredo72 nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 28-06-02, 09:29
  5. Memoria...
    Di yurj nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-06-02, 12:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226