User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17

Discussione: Marche a tavole

  1. #1
    gentiluomo di campagna
    Data Registrazione
    09 Apr 2009
    Località
    Marche galliche.
    Messaggi
    3,983
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Marche a tavole

    Le Marche sono la Terra del buon vivere e dell'eccellenza gastronomica. Tartufo, pesci pregiati, prosciutto, salame, salsicce, tagliatelle, cappelletti, passatelli, piadina, crescia, moscioli, lumachine, garagoli, coniglio in porchetta, pollo in potacchio, porchetta. Poi i grandi vini, verdicchio, lacrima, bianchello, rosso conero, sangiovese. E tanto altro ancora.

    Iniziamo parlando di brodetto alla fanese e di bianchello.


    http://www.corriereadriatico.it/arti...4640108A2F9600
    La giuria dovrà scegliere quello più adatto da abbinare al brodetto
    Si sfidano i migliori Bianchelli


    FANO - Raddoppia quest’anno l’appuntamento che vede protagoniste, all’interno del Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce, alcune delle migliori etichette vinicole italiane. Saranno, infatti, ben due le serate dedicate agli amanti dei calici: la prima interamente volta all’assaggio dei migliori Bianchelli locali abbinati al Brodetto e la seconda che vedrà sfidarsi cinque vini italiani in combinazione, anche stavolta, con una zuppa di pesce.

    Primo degli appuntamenti, interamente riservato al Bianchello del Metauro doc, è previsto per giovedì alle 20 negli spazi della Rocca Malatestiana. Qui uno dei brodetti più collaudati ed apprezzati nelle edizioni del festival, quello del ristorante Il Galeone di Fano, sarà abbinato a cinque grandi etichette di Bianchello doc: il Campioli della cantina Fiorini (Barchi), il Piandeifiori della cantina Mariotti (Montemaggiore), il Giglio della cantina Di Sante (Carignano), il Rocho dell'azienda Lucarelli Roberto (Cartoceto) e Album dell'azienda Galiardi Giordano (Cartoceto). Tutti i vini saranno degustati e valutati da una giuria popolare aperta a tutti (per un massimo di 60 presenze) in abbinamento a due brodetti di pesce proposti dal ristorante Il Galeone e la serata sarà introdotta dalle stuzzicherie offerte dal rinomato Caffè del Pasticcere di Fano.

    Il secondo, atteso, appuntamento e cioè la vera e propria terza edizione del Campionato Nazionale dei vini da Brodetto e Zuppe di Pesce, è in programma venerdì sempre alle 20 alla Rocca Malatestiana

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    gentiluomo di campagna
    Data Registrazione
    09 Apr 2009
    Località
    Marche galliche.
    Messaggi
    3,983
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Lacrima e patata rossa, vince Lucchetti
    Oggi parliamo di Lacrima di Morro e della patata rossa di Borgo Pace, un perfetto connubbio tra due autentiche eccellenze gastronomiche della nostra magnifica Regione.

    http://www.corriereadriatico.it/arti...A0725E0673101A

    morro d’alba - Nello scenario delle splendide colline di Morro d’Alba, nella sala di degustazione dell’azienda agricola Lucchetti, i titolari hanno ricevuto l'ennesimo riconoscimento per la produzione del loro vino di punta: il Lacrima di Morro d’Alba Guardengo. Il sindaco di Borgopace Marco Moretti ha consegnato a Mario Lucchetti il premio per il miglior vino in abbinamento con un piatto a base di patata rossa di Borgopace, prodotto tipico del Comune nell'Appennino pesarese. Ogni anno, in occasione della festa dedicata alla patata rossa, viene indetto un concorso tra i ristoratori del territorio per il miglior piatto a base di patate in abbinamento con un vino marchigiano e nell’ultima edizione la vittoria è andata al profumatissimo Guardengo di Lucchetti in abbinamento a uno spezzatino di Marchigiana con patata rossa preparato dal ristorante “Litti” di Borgopace. Tra i presenti al simpatico incontro-degustazione anche l’enologo Alberto Mazzoni e il presidente dei sommelier del Montefeltro Giuseppe Cristini.

  3. #3
    gentiluomo di campagna
    Data Registrazione
    09 Apr 2009
    Località
    Marche galliche.
    Messaggi
    3,983
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il caffè, mischiato al rum, è un classico della costa marchigiana. A Fano, ne hanno fatto un liquore e l'hanno battezzato "moretta". Nei bar di Senigallia lo chiamavamo "turchett". Se fatto bene, è un dopo pasto semplicemente fantastico.
    http://www.corriereadriatico.it/arti...478C653D926D88
    La storica bevanda dei pescatori diventa ingrediente di un dolce creato da Ceresani
    Tortino alla moretta, la tradizione si evolve


    fano - Una “Moretta” per tutti i gusti: è la bevanda dei marinai e quindi è la bevanda della Festa del Mare, una miscela tra caffè, brandy, rum e anice che completa ogni pasto e dà la carica ad una colazione per una giornata particolarmente impegnativa.

    Si dice che la sorseggiavano i pescatori prima di partire per una battuta di pesca, di quelle che duravano un’intera settimana e che avevano bisogno di prolungare il sapore dell’atmosfera di casa, specie nelle veglie notturne quando si aspettava che trascorresse il tempo tra una calata e l’altra.

    Non si termina un pasto a base di pesce al “Pesce Azzurro”, il self service della Coomarpesca, ieri frequentato fino all’inverosimile proprio in omaggio alla festa del mare, se non si sorseggia una Moretta e novità delle novità: ieri Stefano Ceresani ha presentato al Caffè del Pasticciere il suo “Tortino alla Moretta”, un dolce destinato ad avere fortuna perchè, come ha evidenziato Alberto Berardi, “si innesta nel vecchio tronco della tradizione, assorbendone le infinite implicazioni sociologiche, culturali e gastronomiche, tutte legate al mondo dei pescatori fanesi”.

    Un mondo che tenta disperatamente di sopravvivere alle lusinghe della Unione Europea che offre incentivi al disarmo delle barche e delle flottiglie.


  4. #4
    gentiluomo di campagna
    Data Registrazione
    09 Apr 2009
    Località
    Marche galliche.
    Messaggi
    3,983
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.corriereadriatico.it/arti...6C6E7742D804B5

    Festa della cipolla musica e tipicità


    CASTELLEONE DI SUASA - Domani e domenica si svolgerà a Castelleone di Suasa la consueta Festa della cipolla giunta quest'anno alla nona edizione, evento organizzato dall'Associazione Turistica Pro-Suasa in collaborazione con il Comune di Castelleone di Suasa. dal Comune di Castelleone di Suasa www.castelleone.disuasa.it La cipolla di Suasa un bulbo dalle tuniche rosacee e di sapore dolce, inserita nei prodotti tradizionali.

    Una festa radicata profondamente nel territorio, una tradizione ortofrutticola tramandata da generazioni. Non a caso i Castelleonesi vengono chiamati cipollari! Anche quest'anno si potrà assaporare un menù completamente a base di cipolla di suasa attirando i golosi del gustoso tubero, alla scoperta dell'oro rosa suasano dalle tantissime virtù di carattere culinario e terapeutico. In questi giorni il centro storico verrà animato da spettacoli, musica, mostre e laboratori. Si parte domani con l'apertura delle cantine alle 19 e l'inaugurazione alle 20 di L'Oggiarte Mostra Fotografica Le immagini del gusto . Musica di tutti i tipi e per tutti i gusti con Margo '80 in piazza Vittorio Emanuele II, la Belle Epoque al Parco Comunale, Bdpc in piazza O. Targa e Duzzo in piazza Principe di Suasa. Sempre sabato verrà in visita Vincenzo Scognamiglio, vicepresidente della Croce Rossa e Ispettore Nazionale dei Volontari del Soccorso. Alle 20 in piazza si svolgerà una simulazione di carattere sanitario che vedrà impegnati i Volontari del Soccorso di Castelleone di Suasa e i Vigili del Fuoco. Domenica le cantine saranno aperte dalle 18. Alle 17 il Laboratorio di cucina in piazza Vittorio Emanuele II sarà curato dello chef Vittorio Serritelli, docente all'Istituto Alberghiero Panzini di Senigallia. Il sommellier e gastronomo Piergiorgio Angelini curerà l'abbinamento cibo-vino. Ballo liscio e moderno con I Poeti al Parco Comunale, Dino Gnassi in piazza Vittorio Emanuele II, Circuito Folk in piazza O. Targa e Duzzo in piazza Principe di Suasa. Alle 22 in piazza Vittorio Emanuele II il Premio Cipolla di Suasa IV Edizione, premiazione della miglior ricetta.

  5. #5
    gentiluomo di campagna
    Data Registrazione
    09 Apr 2009
    Località
    Marche galliche.
    Messaggi
    3,983
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Chissà se l'amico Ferragni avrà niente da aggiungere?

    http://www.corriereadriatico.it/arti...1972FE396DEF2C

    Pane Nostrum: acqua, farina e ricette per celiaci
    Ottava edizione dedicata alla diversità: previsti anche laboratori per i non vedenti

    SENIGALLIA – Tornano i cinque forni a cielo aperto per l'ottava edizione di “Pane Nostrum”, dedicata alle diversità. Il tema scelto per la kermesse, che si terrà dal 18 al 21 settembre, è infatti “I pani delle aree delle lingue minoritarie italiane” e la novità sta nei corsi per non vedenti che si affiancano a quelli tradizionali per adulti e bambini e alle lezioni per celiaci, introdotte lo scorso anno. “E' vero che di pane se ne mangia meno ma non se ne può fare a meno – esordisce il sindaco Luana Angeloni –, è una delle prelibatezze che l'uomo ha saputo realizzare con i prodotti della natura. Ogni luogo ha il suo pane che risente non solo della qualità della farina e dell'acqua ma anche del microclima. In questa edizione ci apriamo anche a chi ha delle diversità perchè i significati di questa festa sono molteplici: valorizzare il pane, far conoscere attraverso di esso varie culture, mantenere una rete di relazioni con altre realtà, valorizzare i produttori di cereali e i nostri artigiani fornai e porci nel panorama turistico con un'altra attrattiva”.

    La manifestazione si terrà, come di consueto, nel triangolo ricavato tra Piazza Manni, Piazza del Duca e la Rocca Roveresca e vede, oltre all'impegno attivo del Comune di Senigallia, la collaborazione di un'equipe formata dalla Provincia di Ancona, la Regione Marche, la Confcommercio, la Confederazione italiana agricoltori e la Camera di commercio di Ancona. “L'obiettivo è lanciare una qualità di panificazione marchigiana – interviene Michelangelo Guzzonato, assessore alle Attività produttive –, che non è ancora conosciuta a livello nazionale. “Pane Nostrum” può quindi diventare un punto di riferimento nazionale per la panificazione. E' nato in maniera goliardica ed invece si è dimostrata un'idea vincente”.

    Protagoniste quindi le minoranze linguistiche italiane: la minoranza occitana del Comune di Ostana in provincia di Cuneo, la minoranza ladina del Comune di Vigo di Fassa e le minoranze mochene del Comune di Sant’Orsola Terme in provincia di Trento, la minoranza cimbra del Comune di Roana in provincia di Vicenza e la minoranza arbereshe del Comune di Civita in provincia di Cosenza. “Crediamo molto in questa manifestazione – aggiunge Giampaolo Giampaoli, presidente della Camera di commercio di Ancona – e quest'anno saremo presenti anche con un nostro stand. Le fiere non sono solo un'occasione per il turismo ma servono anche allo sviluppo economico, soprattutto in momenti di difficoltà. “Pane nostrum” non può da solo risolvere i problemi ma, siccome la vita è fatta di tanti tasselli, se li mettiamo insieme il puzzle si compone”. Torneranno i laboratori di panificazione, l’aula dedicata alla celiachia, i laboratori del gusto con Slow Food, ai quali si aggiungono i corsi di panificazione dedicati anche ai non vedenti con un percorso multisensoriale a Palazzo del Duca a cura dell’Unione Italiana Cechi.

    “Sono novità importanti che vanno nella giusta direzione – commenta l'assessore provinciale Marcello Mariani – è importante l'attenzione rivolta alle minoranze linguistiche e alle persone meno avvantaggiate”. Niente notte bianca ma una serata con le mani in pasta fino a mezzanotte, sabato 21, con intrattenimento musicale. Gran finale domenica sera con la merenda sul prato della Rocca Roveresca.

    http://www.corriereadriatico.it/arti...1B878B0EA9F9EE

    Una No-stop di dolci


    SENIGALLIA – Uno dei cinque forni sarà riservato al pane marchigiano di filiera, con le varianti al farro, biologico o del Duca, e molti altri tutti da scoprire. Quattro macchinari saranno a disposizione delle minoranze linguistiche, ospiti d'onore di questa edizione, e dei “gemelli” che ormai sono entrati a pieno titolo nella tradizione di “Pane Nostrum”. Le città di Sens, Lorrach e Chester saranno presenti con le loro leccornie e pani tipici. Gli inglesi torneranno a proporre il “cottage floured” ed il “bloomer seeded”, i tedeschi il “laugenbrezel” ed il “traubenbrote” mentre i francesi le più note “baguettes” e “croissants”. E per i più golosi da non perdere la sfornata di dolci di sabato 20 settembre, quando i forni lavoreranno dalle 10 alle 22.


  6. #6
    |
    Data Registrazione
    10 Jul 2012
    Messaggi
    270
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    20 Thread(s)

    Predefinito

    La Fiera del pane indubbiamente.
    Con produzione a cielo aperto, degustazione, vendita, didattica del pane, corsi di panificazione. Pane locale, nazionale ed anche estero. E non solo pane ma anche altri prodotti.
    El cuntadin, un' aggiunta all'articolo che ben introduce l'evento, la faccio volentieri: al pregiato pane marchigiano di filiera nominato nell'articolo, come il pane del Duca, il pane al Farro, il pane da Agricoltura Biologica, aggiungo a pieno diritto perchè ne ha il titolo e perchè è già stato qui presente a Pane Nostrum, il pane di Frattula, delle terre di Frattula, poco diffuso ma pregiato della nostra zona, che mi auguro abbia almeno il suo piccolo spazio espositivo se non direttamente sfornato, anche in questa edizione.
    Pane nostrum e pane nostro. L'arte notturna dei maestri fornai del fare e spiegare il pane anche durante il giorno per l'occasione.

  7. #7
    gentiluomo di campagna
    Data Registrazione
    09 Apr 2009
    Località
    Marche galliche.
    Messaggi
    3,983
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.corriereadriatico.it/arti...ED754C6EA45383
    Il miglior brodetto, gara tra sedici chef


    FANO - Sarà una lotta senza quartiere quella tra i sedici chef italiani che concorreranno per aggiudicarsi il titolo di miglior brodetto d’Italia. Titolo che verrà attribuito da una giuria composta da tecnici, direttori e giornalisti delle testate più prestigiose del settore gastronomico. A ospitare la gara pensa anche quest’anno il Festival internazionale del brodetto e delle zuppe di pesce che si terrà nella nostra città dal 19 al 21 settembre prossimo. Ad organizzarlo è come sempre la Confesercenti che ieri ha presentato l’iniziativa, tramite il presidente provinciale Alfredo Mietti, il presidente di Fano Valter Panaroni, la segretaria Ilva Sartini e i rappresentanti delle istituzioni, il nuovo assessore regionale al commercio Vittoriano Solazzi (prima apparizione in tale veste a Fano) l’assessore provinciale Simonetta Romagna e l’assessore del Comune di Fano Francesco Cavalieri, nonchè il presidente della Camera di Commercio Alberto Drudi. Ad ospitare tutte le iniziative quest’anno sarà la rocca malatestiana. Qui verrà allestito uno spazio ristorante dove avverrà la sfida tra le delegazioni e dove i grandi chef daranno prova della loro bravura nel cucinare i piatti tipici del loro territorio. Ci sarà anche un’area eventi, dove verranno organizzate dimostrazioni, corsi, dibattiti e dove di sera seguiranno anche intermezzi musicali. Di particolare interesse il campionato dei vini da zuppa di pesce, giunto ormai alla terza edizione e il concorso il Naso d’Italia che premierà il miglior olfatto atto a rilevare le caratteristiche degli oli extravergini di oliva.


  8. #8
    gentiluomo di campagna
    Data Registrazione
    09 Apr 2009
    Località
    Marche galliche.
    Messaggi
    3,983
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mauro Uliassi, un grande chef. Per me, il migliore.

    http://www.corriereadriatico.it/arti...CCA0B1A0DA86D3

    Uliassi e nel piatto c’è il miglior brodetto d’Italia


    FANO - E’ dello chef Mauro Uliassi il miglior brodetto d’Italia 2008. Il ristoratore di Senigallia, in rappresentanza della regione Marche, ha infatti vinto il concorso organizzato nell’ambito della sesta edizione del Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce organizzato da Confesercenti di Pesaro e Urbino, le cui fasi finali si sono svolte nella serata di sabato nella rocca malatestiana. In gara c’erano 16 ristoratori, tutti selezionati dalla guida de l’Espresso “I Ristoranti d’Italia 2008” in rappresentanza delle regioni italiane bagnate dal mare. A decretare il vincitore è stata una giuria tecnica presieduta da Enzo Vizzari curatore della guida enogastronomica de l’Espresso “I Ristoranti d’Italia 2008” e formata da Marco Bolasco di Gambero Rosso Channel, Eleonora Cozzella di Kataweb Cucina, Fiammetta Fadda di Panorama, Andrea Grignaffini di Spirito Divino, Luciano Pignataro de Il Mattino.

    Uliassi non ha vinto solamente il titolo che gli è stato attribuito dalla giuria tecnica ma si è aggiudicato anche quello della giuria popolare. “Siamo davvero soddisfatti dell’esito di questa manifestazione - hanno detto in coro il presidente di Confesercenti Alfredo Mietti e la segretaria Ilva Sartini- non solo per quello che riguarda la disfida nazionale ma anche per tutte le iniziative che sono state inserite nel ricco programma del Festival che, come sempre, è riuscito a far diventare protagonista il piatto principe della tradizione marinara”.

    Si porta a casa il titolo di miglior brodetto d’Italia e offre a tutti la ricetta del successo: la ricerca dell’armonia. E non è solo una questione di fornelli, avverte Mauro Uliassi. “Un premio al Festival che ha il merito di dipanare il filo conduttore tra quindici marinerie”. Lo chef della continuità. E non si accontenta, come tra le sue pentole: “Mi soddisfano molti i passi avanti compiuti ogni anno da questa manifestazione”. Va oltre il personale, al di là del premio. Chiamatela armonia.

    A ogni successo il suo bis. La Confesercenti sta valutando la possibilità di ripetere anche nel prossimo fine settimana l’appuntamento con la festa popolare, allestendo nuovamente stand gastronomici negli spazi esterni della Rocca Malatestiana. Ieri, a chiusura della manifestazione, è stata programmata un’altra sfida: quella riservata ai brodetti casalinghi. Cinque cuochi per hobby, tutti di Fano e tutti agguerriti perché quella del brodetto, in città, è una tradizione davvero importante, hanno deciso di mettersi in gioco per dimostrare la loro bravura. Ai fornelli, per sapere qual è la zuppa più buona di Fano, un rappresentante per ogni quartiere: la prima circoscrizione è stata rappresentata da Vanna Ciccolini, la terza da Euro Grilli, la quarta da Marzia Gualazza, la quinta da Nicola Gramolini e la sesta da Franco Governatori. Ad anticipare questo appuntamento è stato un evento a livello mediterraneo: la cucina italiana è stata infatti messa a confronto con quella di un paese straniero. E’ stato un croato quest’anno, lo chef che ha cucinato la sua zuppa di pesce al J Lounge & Restaurant del Porto Turistico “Marina dei Cesari”. Scopo della iniziativa è promuovere lo scambio enogastronomico tra nazioni che seppure separate da chilometri e frontiere possiedono, in realtà, tradizioni e patrimoni abbastanza simili tra loro.

    MASSIMO FOGHETTI,

  9. #9
    |
    Data Registrazione
    10 Jul 2012
    Messaggi
    270
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    20 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ferragni Visualizza Messaggio
    La Fiera del pane indubbiamente.
    Con produzione a cielo aperto, degustazione, vendita, didattica del pane, corsi di panificazione. Pane locale, nazionale ed anche estero. E non solo pane ma anche altri prodotti.
    El cuntadin, un' aggiunta all'articolo che ben introduce l'evento, la faccio volentieri: al pregiato pane marchigiano di filiera nominato nell'articolo, come il pane del Duca, il pane al Farro, il pane da Agricoltura Biologica, aggiungo a pieno diritto perchè ne ha il titolo e perchè è già stato qui presente a Pane Nostrum, il pane di Frattula, delle terre di Frattula, poco diffuso ma pregiato della nostra zona, che mi auguro abbia almeno il suo piccolo spazio espositivo se non direttamente sfornato, anche in questa edizione.
    Pane nostrum e pane nostro. L'arte notturna dei maestri fornai del fare e spiegare il pane anche durante il giorno per l'occasione.

    A completamento di quanto da me scritto nel mio post precedente, confermo che a Pane Nostrum era presente e in vendita il pane di Frattula, delle nostre terre di Frattula, nell'apposito stand dell'azienda agricola Ciancone Giacinta, e anche nella forma in cassetta a mio avviso la preferibile.

  10. #10
    |
    Data Registrazione
    10 Jul 2012
    Messaggi
    270
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    20 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da el cuntadin Visualizza Messaggio
    Mauro Uliassi, un grande chef. Per me, il migliore.

    http://www.corriereadriatico.it/arti...CCA0B1A0DA86D3

    Uliassi e nel piatto c’è il miglior brodetto d’Italia ...
    Complimenti a Mauro Uliassi.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 13-02-15, 09:54
  2. Le tavole rotonde.
    Di blob21 nel forum Fondoscala
    Risposte: 112
    Ultimo Messaggio: 15-08-12, 13:10
  3. Le tavole di Thoth
    Di donerdarko nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-01-10, 12:56
  4. Di antiche tavole e nuove
    Di subiectus nel forum Fondoscala
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06-01-10, 23:39
  5. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 10-12-05, 15:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226