User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33

Discussione: Curiosita'

  1. #1
    MAILAND
    Data Registrazione
    24 Oct 2007
    Messaggi
    74
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Curiosita'

    In questi giorni sento sempre politici di ogni schieramento parlare di federalismo fiscale.

    La curiosità 1 è: Parlare di 'federalismo fiscale' mi sembra una contraddizione di termini, qulcuno mi può dimostrare il contrario?
    curiosità 2: Visto che sembra una grande vittoria dei leghisti per le regioni del nord io dopo aver letto la bozza mi sembra una cosa peggiorativa per le regioni 'virtuose'. Ho capito male?

    Grazie anticipatamente per le risposte

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    itaglia stato canaglia
    Data Registrazione
    26 Aug 2006
    Località
    Busnago (Brianza Est)
    Messaggi
    1,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Scusali, devono dare aria alle dentiere....

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleO...due-anni.shtml



    Federalismo, traguardo in due anni

    di Eugenio Bruno



    12 SETTEMBRE 2008


    Addio o quanto meno arrivederci alla «service tax». Perequazione esplicitamente statale. Termini di attuazione quadruplicati.
    Adozione di una sola Regione come benchmark. Attribuzione delle accise petrolifere ai territori speciali che assumono più funzioni. Tassa di scopo anche per Province e Città metropolitane. Fondi «ad hoc» per ROMA CAPITALE. Ineleggibilità per gli amministratori "falliti". Sono le novità della "bozza" Calderoli dopo i vertici politici di mercoledì e il Consiglio dei ministri di ieri che ha dato il via libera preliminare al Ddl sul federalismo fiscale.

    Nato come bandiera elettorale del Carroccio, il testo emanato è frutto di una mediazione tra le varie anime della maggioranza. In alcuni passaggi, infatti, se non una retromarcia, c'èstata quanto meno una frenata rispetto ai propositi originari della Lega. Ad esempio sui tempi previsti per l'emanazione dei decreti legislativi che, dai sei mesi di partenza, sono diventati 24. Dunque, seppure il Governo riuscirà a rispettare la tabella di marcia prevista (varo entro fine settembre e approvazione del testo entro l'anno insieme alla Finanziaria), per l'avvio della sperimentazione ci vorrà il 2011. Dopo di che partirà il regime transitorio, che per le funzioni non fondamentali svolte dalle Regioni sarà di cinque anni. Mentre per quelle fondamentali ( assistenza, istruzione e sanità) andrà definito strada facendo. Forse solo allora si conoscerà il destino della «service tax». Cioè dell'imposizione sui servizi immobiliari che, nelle intenzioni del ministro per la Semplificazione, doveva essere l'entrata principale dei Comuni. Per ora non se ne parla; nei decreti attuativi si vedrà.Intanto,dal testo è sparitoqualsiasi riferimento all'imposizione immobiliare (allo stesso modo perle Province non c'è più il riferimento a bollo auto e accise su carburanti). Ci si limita a citare, oltre alle compartecipazioni a quelli erariali, «un paniere di tributi propri» gestiti con «adeguata flessibilità».

    Per la copertura dei servizi essenziali calcolati secondo fabbisogni standard, ai Comuni dovrebbe andare una quota del gettito Irpef (probabilmente l'intero introito dei redditi fondiari) che si aggiungerà all'Ici sulla seconda casa e all'imposta catastale e ipotecaria (se il catasto passerà ai municipi). I sindaci potranno poi introdurre una tassa di scopo per finanziare «opere pubbliche» o «oneri derivanti da eventi particolari quali flussi turistici e mobilità urbana». E lo stesso potranno fare le Province e le nove Città metropolitane per coprire specifiche finalità istituzionali.
    NIENTE da fare,invece, per l'Irpef regionale auspicata da Calderoli. Per coprire i livelli essenziali delle prestazioni secondo costi standard in materia di sanità, assistenza e istruzione, le autonomie dovranno utilizzare l'Irap (fino alla sua sostituzione), le compartecipazioni a Irpef e Iva e la perequazione. Che, come chiesto dal Pdl, è definita esplicitamente «statale». Sul numero di Regioni benchmark (cioè dotate di una capacità fiscale tale da finanziare le uscite fondamentali) passa la linea dei governatori meridionali: una e non tre come in precedenza proposto. A sovrintendere sulla gestione dei flussi sarà la Conferenza permanente per il coordinamento della Finanza pubblica.

    Novità, infine, per Regioni a statuto speciale, Roma capitale ed enti non virtuosi. Sulle risorse delle prime l'ha spuntata la Sicilia: per compensare l'attuazione delle funzioni previste dagli statuti ma non ancora attuate oltre al fisco di vantaggio, i territori autonomi potranno trattenere anche parte «delle accise sugli oli minerali in proporzione ai volumi raffinati sul loro territorio». Su Roma capitale, in attesa di definirne compiti e fabbisogni, viene aggiunta l'erogazione transitoria di un contributo «ad hoc», sentito il Cipe. Quanto ai "cattivi" gestori, il Ddl si è arricchito della previsione di casi di ineleggibilità automatica per gli amministratori degli enti in dissesto finanziario. Facendo così discendere dal fallimento economico anche quello politico.




    INDIPENDENZA

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    bella l'abbozza d'abbozzi.
    ora tutti zitti che la s. urlatrice risolverà i problemi di alimerda.

  5. #5
    bah.. bastian contrario
    Data Registrazione
    27 Apr 2008
    Località
    profondo nord
    Messaggi
    311
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ... che dire? Abbiamo vinto!

    W San Marco

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Appunti storici

    Anno 1979 Per la prima volta alle votazioni europee si presentano gli autonomisti sotto il simbolo del Melone.

    Anno 1982 la Liga veneta con un colpo improvviso ottiene un deputato. Questo viene assoldato subito dalla partitocrazia . Ma non riescono a comperare il segretario Rocchetta.
    Pertanto roma capisce che non deve comperare i movimenti del Nord, ma costruire uno sin dall’inizio con uomini fedeli a lei.

    Anno 1987 Piemonte, Lombardia e Veneto presentano liste autonomiste alle politiche. Con una serie di coincidenze secessioniste e qualche problema contabile dei voti, solamente la Lega lombarda riesce ad avere un parlamentare che conferisce la possibilità di presentare il simbolo ovunque.

    Anno 1991 tutti i movimenti del Nord si uniscono per dare la spallata a roma.

    Anno 1993 con la legge del maggioritario si impedisce la nascita di qualsiasi altro movimento autonomista o indipendentista. Da quel momento la lega ha mano libera per distruggere la fiducia del Nord, ed iniziare il condizionamento settario di un partito che viene mantenuto ridotto come consenso con gesti e battute estemporanee.

    Anno 1994 la lega va la governo ma si ritira perché non sa come barcamenarsi tra quello che dice e quello che invece deve fare secondo gli ordini di roma.
    L’unica scusa della lega è quello che essendo piccola non può incidere sulla politica.

    Anno 1999 (luglio) I colonnelli piemontesi della lega comprendono che il movimento è al servizio di roma ed è un partito dal punto di vista commerciale come gli altri. Allora tentano una scissione per gestire in proprio i frutti che derivano dal servire roma.

    Anno 1999 ( settembre) Visto il dilagare del malcontento la lega decide di individuare un progetto che tenga occupate le speranze del Nord, ma articolato in modo che si ottenga nulla.
    Viene inventata la devolution, votazioni parlamentari ogni 6 mesi in modo che la lega sia continuamente obbligata a votare qualsiasi cosa pur di avere l’assenso degli alleati sulla devolution.
    Tutto finisce con un referendum che serve ad addossare al popolo la bocciatura.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Che cosa è questo federalismo fiscale

    Negli anni 2001-2005 mentre la lega tiene fermo il Nord con la panzana della devolution, sorge la riforma epocale dell’euro.
    Questa forte moneta, grazie al trattato Basilea 2 riesce a rastrellare le ricchezze dell’Europa abbastanza velocemente.

    In italia, negli ultimi 15 anni, la partitocrazia era rimasta quasi incredula di fronte al potere carismatico della lega nel tener a freno il Nord. La sanatoria degli extracomunitari fu un esempio del potere saporifico.

    La partitocrazia italiana, sentendosi le spalle protette dalla lega, istituzionalizzò un saccheggio del Nord ed uno sperpero sistematico delle risorse, sistema già iniziato negli anni 70 ma con un certo timore.

    L’euro per poter riuscire nella sua operazione di raccattamento tramite il trattato Basilea 2 deve essere considerato una moneta forte e pertanto gli Stati sotto la BCE devono avere delle regole nei comportamenti finanziari.
    L’italia, terra di ladri e di clienti, non è in grado di adeguarsi alla situazione. Non può rallentare gli sperperi permessi grazie ad un indebitamento forsennato, perché ne determinerebbe una sollevazione popolare.
    Pertanto deve assolutamente cambiare sistema. Gli economisti italiani ,hanno messo a punto un sistema per aumentare il volume dei debiti senza incorrere nelle regole sanzionarie della BCE.

    Hanno fatto una legge finanziaria su misura.

    Intanto la lega è incalzata dalle migliaia di militanti che ne sono usciti e che potrebbero sostenere un altro movimento, pertanto deve prendere delle posizioni che non aumentino nella popolazione la sensazione si essere al servizio di roma.
    E qui viene fuori la capacità politica dei padroni romani della lega.

    La legga finanziaria creata per contrarre altri debiti viene presentata come fosse federalismo. Conseguentemente se è federalismo allora è una vittoria della lega. Si intende che si usa il medesimo trucco della devolution. Il federalismo per andare a regime dovrà aspettare dai due anni per iniziare a forse sette-dieci anni per completarsi.

    Così la lega può sbandierare la vittoria. Riesce ad aumentare la credibilità,. Il Nord rimane buono. E tutti possono continuare a rubare.

    Tutto come prima, ma roma è sicura che è meglio di prima.

    E i leghisti saranno nuovamente felici, contenti e bidonati.

  8. #8
    MAILAND
    Data Registrazione
    24 Oct 2007
    Messaggi
    74
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Infatti, speravo di aver capito male, grazie a tutti a jot e lancelot in particolare

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ghostrider Visualizza Messaggio
    Infatti, speravo di aver capito male, grazie a tutti a jot e lancelot in particolare
    Avevi capito bene.
    Però ci vorranno anni prima che molti capiscano.

    E in questi anni quante belle mangiate potrà farsi la partitocrazia.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Nuova definizione del vocabolo "federalismo"

    Galan e Formigoni si stanno già arrabbiando.
    Se sono arrivati fino al posto di governatori di una regione significa che sono abbastanza intelligenti.

    E per chi è dubbioso vi è una lampante conferma del loro primeggiare nel capire la politica.
    Hanno compreso che questa legge fiscale è una bidonatura superlativa e i decreti delegati che seguiranno alla legge dovranno attendere due anni per essere approvati.

    Sta a vedere che nel Lombardo-Veneto hanno capito come i soldi andranno nuovamente al Sud. Non più con quella famosa Cassa del Mezzogiorno e leggi seguenti. Allora vi era la noia di fare delle leggi e dei decreti per mandare i soldi al Sud.
    Adesso con questo federalismo, le regioni hanno dei parametri per cui i soldi li prendono di diritto.

    Pertanto il lavoro di roma e del movimento Palladista della lega hanno dato una nuova definizione al vocabolo del federalismo.

    Il federalismo è un mezzo nuovo affinché una regione del Sud non deve più aspettare la carità dal Nord , ma ha il diritto di prendere direttamente quanto ha bisogno.

    Più nessun problema contabile, i soldi dal Nord andranno in presa diretta al Sud.
    Se persino Galan e Formigoni se ne sono accorti vuol dire che la cosa brucia.

    Mai nessun partito come la lega è riuscito a fare tanto per il Sud.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Una curiosità...
    Di Malik nel forum Fondoscala
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 21-05-06, 02:53
  2. Una curiosità..........
    Di Alexroyal (POL) nel forum Juventus FC
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 14-05-06, 01:30
  3. curiosità
    Di landingFCO nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-05-04, 22:13
  4. Curiosità dal TG5...
    Di Padanik (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-02-04, 23:52
  5. Una curiosità.....
    Di pensiero nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 09-01-04, 02:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226