User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
Like Tree3Likes

Discussione: opzione Benedetto

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,023
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito opzione Benedetto

    Parsifal Corda likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: opzione Benedetto

    Cosa ne pensi anthos?
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,023
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito opzione Benedetto

    penso che sia molto interessante stare a vedere quale forma concreta potra' prendere tale opzione . opzione che scaturisce da una presa d'atto sulla situazione storica attuale e sui rapporti di forza, in attesa di tempi migliori .


    Inviato da Anthos
    Parsifal Corda likes this.

  4. #4
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: opzione Benedetto

    L'analogia con le enclavi monastiche dell'alto medioevo è molto suggestiva devo dire. Tuttavia è anche triste pensare che questo sia il nostro futuro.
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,023
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: opzione Benedetto

    ma non era scritto da nessuna parte che il futuro sarebbe stato radioso ....sara' pur vero che il numero e' potenza e che in passato ci si e' crogiolati sulla prevalenza numerica formale ....


    Inviato da Anthos

  6. #6
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: opzione Benedetto

    L'unico rischio è che in futuro anche il semplice essere cristiani diventi illegale. Ad alcune categorie lavorative sarà proibito essere cristiani in futuro: ai ginecologi o agli insegnanti, ad esempio.
    emv likes this.
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,023
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: opzione Benedetto

    si spera di no anche se il tuo timore e' giustificato. Per gli insegnanti il problema e' minore .


    Inviato da Anthos

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: opzione Benedetto

    Segnalo, oggi, giorno di San Benedetto, Patrono d'Europa, il contributo di Padre Cassian, per chi non lo conoscesse:
    Blog · MSB, con un riferimento anche all'opzione benedetto
    Vir Dei: San Benedetto, patrono d’Europa

    Egmond Abbey


    12 Marzo 2016


    Sul piedistallo della statua di San Benedetto, situata nella piazza principale di Norcia, sono


    stati scolpiti nella pietra (grazie al sindaco, Nicola Alemanno), i vari titoli onorifici del nostro santo


    patrono: Pacis nuntius (Nunzio della pace), Unitatis effector (creatore di unità), civilis cultus


    magister (maestro del culto civile), religionis christiane praeco (araldo della religione cristiana) e


    monasticae vitae in occidente auctor (fondatore della vita monastica in occidente). Questi elogi a


    San Benedetto furono pronunciati da Papa Paolo VI, il quale, il 24 ottobre 1964, proclamò San


    Benedetto “Patrono Principale dell’intera Europa”,


    Paolo VI non è stato il solo papa della storia recente ad aver scritto un’apologia di San Benedetto.1


    Papa Pio XII fece lo stesso nel 1947, in occasione del quattordicesimo centenario della morte di San


    Benedetto.2 Anche Papa Giovanni Paolo II diede il suo contributo, nel 1980, per il quindicesimo


    centenario della nascita di San Benedetto3


    occasioni, dell’importanza di San Benedetto, patrono del suo papato4


    Ma perché San Benedetto è il patrono d’Europa? E a quale Europa ci stiamo riferendo? Papa Paolo


    VI disegnò un continente che si estendeva da sud a nord e da ovest verso est: “dal Mediterraneo alla


    Scandinavia, dall’Irlanda alle pianure della Polonia”. Papa Pio XII parlando dei missionari monaci


    in vari paesi d’Europa, menziona la Britannia, la Gallia, la Batavia, la Frisia, la Danimarca, la


    Germania, la Scandinavia e diverse nazioni di etnia slava”.5


    è questa parte dei Paesi Bassi, deve essere sicuramente San Villibrordo. Ma voi conoscete la storia


    del monachesimo in Olanda molto meglio di me!


    In questo breve incontro, vi parlerò rapidamente del contributo di San Benedetto nel passato,


    perché vorrei rivolgere attenzione soprattutto al contributo che San Benedetto può dare nella nostra


    Questo è il metodo usato da molti dei presenti che sono venuti a Norcia per uno degli stupendi


    simposi di Yvonne, ovvero avete riflettuto sulla saggezza di Benedetto per come ci parla oggi, nel


    nostro contesto attuale.


    Sono molto grato al Padre Abate Gerardo per averci accolto qui, oggi, con tanta grazia.


    Devo ringraziare anche Bram Verheijen, che ha contribuito ad organizzare l’evento e il sindaco,


    Hetty Hafkamp, per essere riuscita a presenziare a questo evento. Un ringraziamento particolare va


    Paolo VI, Pacis nuntius (24 ottobre 1964)


    Pio XII, Fulgens radiatur (21 marzo 1947)


    3 Giovanni Paolo II, Sanctorum altrix (11 luglio 1980)


    4 Cf. Benedetto XVI, udienza generale del 9 aprile 2008


    Pio XII, Fulgens radiatur, n. 22


    . E naturalmente Papa Benedetto XVI parlò, in molte


    .


    L’apostolo in Batavia, che se non erro,


    2


    a Yvonne Nieuwenhuijs per le sue capacità organizzative, per la sua amicizia con il monastero di


    Norcia e per la sua profonda comprensione della Regola di San Benedetto.


    I: IL CONTRIBUTO DI SAN BENEDETTO NEL PASSATO


    Qual era il contesto sociale dell’Italia del sesto secolo in cui nacque Benedetto da Norcia? Era un


    periodo di profondi cambiamenti. Il vecchio ordine dell’Impero romano stava svanendo e


    all’orizzonte non ve ne era ancora uno nuovo. I vandali, i goti e i longobardi avevano invaso la


    penisola italiana, portando guerre, carestie e calamità di tutti i tipi. Anche per la Chiesa non erano


    tempi felici, ferita dallo scisma tricapitolino e indebolita dalla divisione interna.


    Papa Pio XII descrive questo contesto citando un autore latino del quinto secolo, di nome


    Salviano che, parlando della società romana, scrisse: “Sta morendo e ride. [Ma] quasi in ogni parte


    del mondo il riso lascia il posto alle lacrime”.6


    In questo contesto di decadenza sociale, San Benedetto si diede da fare per costruire


    qualcosa di nuovo, a cui, nei secoli a venire, i suoi discepoli avrebbero contribuito in maniera


    significativa. Quel nuovo ordine mondiale è quello che oggi chiamiamo Cristianità.


    Papa Paolo VI descrive i tre strumenti utilizzati dai monaci in questo grande sforzo di ri-
    costruzione: la croce che implica la predica del Vangelo: una sfida che oggi è tanto attuale quanto ai


    tempi di San Benedetto.


    Il libro che rappresenta il contributo culturale del monachesimo medievale, in quanto mezzo per


    preservare il patrimonio culturale del passato, per poi passarlo alle generazioni successive. Oggi il


    mondo della cultura non è un luogo dove trovare dei monaci! L’aratro che rappresenta le conquiste


    in campo agricolo del sistema monastico; l’agricoltura, di fatto, è stata la base della nostra


    economia fino alla rivoluzione industriale del diciannovesimo secolo. I monaci benedettini di oggi


    hanno poco da dare al mondo dell’agricoltura, con qualche rara eccezione, come Don Adam (Karl


    Kehrle) di Buckfast e il suo lavoro pioneristico nel campo dell’apicultura.


    No, il contributo dei monaci oggi, secondo me, è molto differente. Proviamo ad esplorare insieme


    questa tematica che ci darà molta materia su cui riflettere, per la discussione che farà seguito alla


    mia presentazione.


    Il contesto sociale di oggi, proprio come ai tempi di San Benedetto, è segnato da profondi


    cambiamenti. Il vecchio ordine sta svanendo e vi è incertezza sul futuro. In questo momento c’è un


    imponente afflusso di rifugiati, una crisi migratoria che è destinata ad avere un impatto sulla società


    europea. Papa Benedetto, ha descritto l’Europa come “profondamente segnata da due guerre


    mondiali e dal collasso di grandi ideologie, ora rivelatesi tragiche utopie.”7


    del sistema sociale del sesto secolo è simile alla crisi sociale di oggi. Ci sono tuttavia delle


    significative differenze, tra cui la più importante è sicuramente il rapido e diffuso progresso


    tecnologico, che produce un’apparente ricchezza esteriore. Questa sembra andare parimenti al passo


    con un terribile regresso dal punto di vista dei valori umani, che sfocia in uno stato di profonda


    povertà interiore.


    Ma quali sono i sintomi di questo stato attuale? Analizziamone alcuni e vediamo come il messaggio


    di San Benedetto è in grado di far fronte a queste situazioni.


    Salviano, De gubernatione mundi, VII (PL 53:130) come citato in Fulgens Radiatur, n.6


    Papa Benedetto XVI, Udienza generale del 9 aprile 2008.


    Per molti versi il crollo


    3


    1. Il primo sintomo che vorrei descrivere è quello che io chiamo “Complesso di Prometeo”, per


    cui l’uomo dopo aver ricevuto il fuoco da Prometeo, pensa di essere indipendente dagli dei.


    In termini cristiani, l’uomo moderno spesso vive come se Dio non esistesse (Papa Benedetto


    ha parlato spesso di questo fenomeno).


    2. L’uomo moderno nel nostro contesto occidentale, della cultura europea, vive spesso nella


    solitudine, visto che le strutture tradizionali della famiglia e della chiesa sono venute meno.


    3. Uno dei maggiori sintomi rivelatori del nostro declino sociale è una sorta di accidia


    collettiva. L’ “accidia” può essere definita come una sorta di inerzia o ansia del cuore, una


    indolenza spirituale. Tra i suoi sinonimi troviamo: tedio, svogliatezza, pigrizia,


    scoraggiamento, letargia, disgusto, depressione, nausea, mancanza di determinazione.8 Non


    la provano solo singoli individui, ma anche gruppi, comunità e intere società. Un autore


    monastico contemporaneo la descrive come “la dimensione metafisico-religiosa di una


    sofferenza che accomuna tutti gli uomini, e che nella sua forma profana e secolarizzata si


    presenta come noia, malinconia, depressione ecc.”9 Questa sembra essere una sensazione


    comune in Europa, come a dire: non c’è futuro per noi, non c’è motivo di mettere al mondo


    dei bambini, mangiamo, beviamo e divertiamoci, tanto un domani moriremo.


    4. Un’altra caratteristica della nostra società contemporanea, prendendo in prestito un termine


    relativo all’ecologia, è una sorta di inquinamento interiore. Siamo bombardati da “input


    sensoriali” di tutti i tipi, soprattutto nell’era di internet e dei telefoni cellulari. Questo


    comporta una sorta di sovraccarico sensoriale interiore, che agita l’anima e produce una


    grande paura del silenzio. Oltre a questo inquinamento interiore, ci sentiamo anche liberi di


    manipolare la natura a nostro piacimento, incluso il corpo umano, rinnegando così la Legge


    naturale. Ultimamente siamo stati testimoni di questo diniego a livelli assurdi. Un esempio


    attuale è la cosiddetta “teoria del gender” e il presupposto che possiamo creare una nostra


    identità, visto che l’identità umana non ci è stata data da Dio. Tutto ciò è correlato alle


    grandi crisi di paternità e maternità, e alla dissoluzione del concetto di famiglia come nucleo


    di base della società.


    Se questa descrizione è accurata, allora possiamo dire che la nostra società è sicuramente in un


    cattivo stato di salute. Ma che cosa hanno da dire San Benedetto e la tradizione monastica a


    proposito della nostra situazione attuale?


    1. Per il “complesso di Prometeo”, il rimedio monastico a cui San Benedetto rivolge così tanto


    tempo e attenzione, è il culto divino. Se la malattia può essere identificata come un “vivere


    come se Dio non esistesse”, allora il rimedio è quello di vivere come se Dio sia presente


    ovunque, non come forza impersonale, ma come un Padre amorevole. Riconoscendo che


    Dio è Dio e che io non lo sono, sono in grado di scoprire chi sono come persona in relazione


    a Dio, una creatura in relazione con il suo Creatore. Il monaco spende molte ore al giorno


    immerso nella preghiera liturgica. Ciò può essere un importante antidoto per una grave


    malattia spirituale. A dire il vero, considero la preghiera una cosa fondamentale. Questo è il


    motivo per cui il miglior titolo per San Benedetto è Vir Dei, l’uomo di Dio, in quanto il suo


    mondo è completamente incentrato su Dio.


    2. Per il problema della solitudine (nel senso di isolamento o alienazione), San Benedetto


    propone il modello monastico della comunità cristiana, in cui si trova un senso di


    8 Cfr. Gabriel Bunge, Akedia: il male oscuro (Magnano 1999), 45.


    4


    appartenenza, una vita ordinata guidata da un pius pater, un Padre amorevole. In questa


    comunità i confratelli “si prevengono l’un l’altro nel rendersi onore, sopportando con


    grandissima pazienza le rispettive miserie fisiche e morali...” (RB 72:4-5) La Regola di


    Benedetto dà molta importanza alla persona umana, ma sempre nel contesto del bene


    comune. C’è un grande desiderio di comunità nella nostra società e la vita monastica


    cenobitica ci può insegnare qualcosa a riguardo.


    3. Ho parlato del diffuso fenomeno dell’accidia. Secondo la tradizione monastica uno dei


    rimedi contro l’accidia è il lavoro: lavoro che ha uno scopo, che rientra nel più grande


    disegno del bene comune. Questo è un argomento importante per lo studio e per la


    riflessione. Ci sono, infatti, diversi libri, articoli e seminari su questo tema: il contributo che


    San Benedetto può apportare al mondo del lavoro.


    4. La tradizione monastica risponde al problema dell’inquinamento interiore con quella che io


    amo definire “ecologia umana”. Nella Regola c’è una saggia accettazione dell’uomo per


    quello che è, con i suoi punti di forza e le sue debolezze. Questa posizione deriva


    dall’antropologia biblica, per i monaci intrisa nella parola della Bibbia. La visione


    dell’uomo nella Bibbia ha come fondamento la dottrina della creazione e della Legge


    naturale (cfr. Rm 1:20). San Benedetto è un superiore molto realistico nel suo modo di


    vedere la natura umana. Per descrivere dettagliatamente i capricci del cuore umano,


    Benedetto fa riferimento alla tradizione precedente che ha ereditato ed include una viva


    introspezione nei vizi e nelle virtù, nelle lotte interiori di uomini comuni alle prese con le


    difficoltà di tutti i giorni. Il silenzio del monastero, che volutamente pone un limite agli


    input sensoriali, genera una quiete interna nella quale è più facile seguire i movimenti del


    cuore. Col tempo, il monaco appena arrivato dal mondo si può “disintossicare” e guarire.


    La risposta monastica al periodo travagliato in cui viviamo è allo stesso tempo un Sì e un No. No,


    non possiamo accettare la follia del mondo e quella che Papa Giovanni Paolo II chiamava “la


    cultura della morte”. Ma diciamo di Sì alla vita e al crearne una nuova. I monaci sono sempre stati


    distinti come costruttori: non solo di strutture fisiche, ma costruttori o ri-costruttori di antiche rovine


    di natura spirituale. Il monaco non solo rifiuta le false promesse di una società compromessa, ma,


    con la grazia di Dio, si pone l’obiettivo di ricostruire la società creando delle fondamenta più solide.


    C’è un movimento negli Stati Uniti che si chiama “Benedict Option”, un grande movimento laico


    che propone come miglior rimedio ad un mondo impazzito, quello di separarsi dal caos e di


    ricostruire allo stesso tempo una vita comune cristiana partendo dalle basi.


    Il messaggio di San Benedetto è estremamente attuale oggi. Ma ha bisogno di agenti umani, voi e


    io, per mettere nuove radici nel vecchie lande europee. Il Cardinale Joseph Ratzinger ha descritto


    questa sfida in un famoso discorso pronunciato a Subiaco il primo aprile 2005, poco prima di


    diventare Papa. Dice Ratzinger:


    “Ciò di cui abbiamo soprattutto bisogno in questo momento della storia sono uomini che,


    attraverso una fede illuminata e vissuta, rendano Dio credibile in questo mondo. La


    testimonianza negativa di cristiani che parlavano di Dio e vivevano contro di Lui, ha


    oscurato l’immagine di Dio e ha aperto la porta all’incredulità.


    Abbiamo bisogno di uomini che tengano lo sguardo dritto verso Dio, imparando da lì la vera


    umanità. Abbiamo bisogno di uomini il cui intelletto sia illuminato dalla luce di Dio e a cui


    Dio apra il cuore, in modo che il loro intelletto possa parlare all’intelletto degli altri e il loro


    cuore possa aprire il cuore degli altri. Soltanto attraverso uomini che sono toccati da Dio,


    Dio può far ritorno presso gli uomini. Abbiamo bisogno di uomini come Benedetto da


    Norcia il quale, in un tempo di dissipazione e di decadenza, si sprofondò nella solitudine più


    5


    estrema, riuscendo, dopo tutte le purificazioni che dovette subire, a risalire alla luce, a


    ritornare e a fondare a Montecassino, la città sul monte che, con tante rovine, mise insieme


    le forze dalle quali si formò un mondo nuovo. Così Benedetto, come Abramo, diventò padre


    di molti popoli...”


    Ed è per questo che San Benedetto è anche il principale patrono d’Europa.


    Fr Cassian Folsom OSB
    ϟ qualis vibrans


  9. #9
    Materialismo veritativo
    Data Registrazione
    23 Apr 2015
    Messaggi
    3,152
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: opzione Benedetto

    Citazione Originariamente Scritto da Anthos Visualizza Messaggio
    si spera di no anche se il tuo timore e' giustificato. Per gli insegnanti il problema e' minore .


    Inviato da Anthos
    Dipende se permarrà l'istituzione della scuola privata o se pur permanendo la stessa sarà obbligata a conformarsi ai canoni imposti dallo stato cosiddetto liberale.
    Dicono che viaggiare sviluppa l'intelligenza. Ma si dimentica sempre di dire che l'intelligenza bisogna averla già prima.-.G. K. Chesterton

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    6,023
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: opzione Benedetto

    nella prospettiva di piccole enclave , tipo Amish ....sara' interessante : si costituiranno comunita' reali , compatte, chiuse e probabilmente con elevato tasso di endogamia


    Inviato da Anthos

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Le Corporazioni come opzione di lotta
    Di Lucio Vero nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 01-12-10, 20:51
  2. AP: opzione per 15 787
    Di Tocky nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 14-07-07, 19:34
  3. Quale opzione?
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 08-02-04, 12:43
  4. Quale opzione?
    Di Der Wehrwolf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-01-04, 10:47
  5. la miglior opzione per una webpage?
    Di Felix (POL) nel forum Scienza e Tecnologia
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 21-07-02, 01:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226