User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
Like Tree11Likes

Discussione: Denatalità.

  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    33,204
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Denatalità.

    DENATALITA’, IL PROBLEMA CRUCIALE

    di Roberto PECCHIOLI

    Se chiediamo a un campione di cittadini mediamente informati e di buona istruzione quale sia il problema più grave dell’Italia, otterremo una notevole varietà di risposte. Alcuni parleranno dell’immigrazione, moltissimi della disoccupazione, altri della perdita dei diritti sociali, qualcuno del declino dei principi morali, della corruzione e così via. La nostra tesi è diversa: la questione più rilevante è la denatalità. Un popolo che non fa figli è destinato a finire per consunzione biologica. Si trascina nell’egoismo, nella sfiducia del futuro, nella chiusura mentale, nel rifiuto stesso della vita. Poiché la natura ha orrore del vuoto e altrove la pressione demografica è immensa, qualcuno, fatalmente, ci sostituirà. La civiltà in cui siamo nati sparirà e l’Italia diventerà un concetto del passato. La studieranno sui libri di storia. Il presente intervento si pone un obiettivo: affermare che le culle vuote sono il problema più grave e urgente della nazione e le difficoltà economiche, finanziarie e sociali nelle quali ci dibattiamo hanno tra le cause scatenanti l’invecchiamento e la conseguente diminuzione della popolazione. Forse non è del tutto vero, come pensava Benito Mussolini, che il numero è potenza, ma certamente, in un tempo che aspira alla crescita infinita, perdere popolazione è un elemento di profonda debolezza, il segnale visibile del declino. Nel presente, solo gli argomenti legati all’economia o agli interessi riescono a convincere. Per questo rinunciamo alla mozione dei sentimenti, all’appello in favore della nostra civiltà, al patriottismo, alla necessità di salvare dall’estinzione la nostra nazione. La nostra tesi è che la continuità biologica del popolo italiano conviene, è il migliore investimento per il futuro, un grosso affare per tutti e per ognuno. Partiamo da alcune cifre. La discesa delle nascite è iniziata alla metà degli anni 70 del secolo passato ed è proseguita con moto accelerato sino all’attuale inverno demografico. I nuovi nati, da allora, sono diminuiti del 50 per cento: è un dato drammatico e ogni statistica annuale certifica un nuovo primato negativo. In una popolazione, per riprodursi senza aumentare, il tasso di fertilità non deve essere inferiore a 2,1 per ciascuna donna in età feconda. La media attuale è di 1,35. Entro pochi anni, la popolazione diminuirà di ben dieci milioni. Noi pensiamo che sia un male, un evento epocale a cui porre rimedio senza ricorrere alla soluzione perseguita dalle oligarchie di potere, ovvero la sostituzione degli italiani con popolazioni di altra origine, cultura, etnia. Un dato inconfutabile dovrebbe far riflettere: la curva del debito pubblico ha iniziato la sua impennata da quando ha cominciato a calare la natalità. Le uniche province italiane in cui il numero dei nati supera quello dei morti sono quelle di Trento e Bolzano. In Alto Adige è attiva un’agenzia per la famiglia dotata di fondi e di idee, tanto che l’Istat ha ammesso che se quelle politiche fossero estese all’Italia intera, figureremmo tra gli Stati europei con la più elevata natalità. Vi sono dunque soluzioni, per quanto fatalmente di lungo periodo, al di là degli immensi mutamenti antropologici e valoriali dell’ultimo mezzo secolo. Il libro più interessante sull’argomento è il recente La culla vuota della civiltà, scritto a quattro mani da un politico, l’attuale ministro per la famiglia Lorenzo Fontana e da un economista, banchiere e docente di grande prestigio come Ettore Gotti Tedeschi, esponente di punta della cultura cattolica, amico personale di papa Benedetto XVI. Ci ha colpito la citazione che fa da incipit all’introduzione del prezioso saggio. E’ di Cesare Pavese, il tormentato figlio della civiltà contadina delle Langhe: “chi non fa figli per non mantenerli, manterrà quelli degli altri. “E’ tratta dal Mestiere di vivere, il diario esistenziale dello scrittore, e ci sembra una fotografia impietosa quanto corretta della realtà. Tocca un punto essenziale, l’egoismo dei molti che non vogliono condividere con nessuno vita e beni. La loro scelta è miope e controproducente anche sotto il profilo individuale. Già oggi, per cento italiani con meno di quindici anni, se ne contano ben 165 che hanno superato i 65. Tenuto conto della realtà sociale, dei meccanismi del lavoro e del ritardo con cui si entra nel mondo dei mestieri e delle professioni, preso atto della presenza di almeno due milioni e mezzo di badanti, in maggioranza straniere, già oggi manteniamo i figli altrui. Entro un ventennio, un terzo della popolazione sarà in età avanzata, bisognoso di cure e di assistenza. L’incidenza sul sacro PIL delle spese relative è di circa 30 miliardi, l’1,9 del totale e schizzerà in breve al 3 per cento. Il sistema pensionistico, al netto di aggiustamenti e rimodulazioni, costa già 220 miliardi annui, la spesa sanitaria supera i 112 e quella assistenziale i 70. Il picco della spesa previdenziale, tra circa vent’anni, raggiungerà il 16,3 per cento del PIL. Economisti senza paraocchi considerano l’invecchiamento della popolazione come un gigantesco freno all’economia. Gli anziani consumano meno delle altre fasce di età, e ciò “comporta una domanda che cresce di meno e una formazione di risparmio più consistente, per l’incertezza del futuro “(fonte Centro Studi Nomisma, quello di Romano Prodi). Quel risparmio rimarrà tendenzialmente fermo e non andrà a finanziare l’innovazione e la nuova impresa, per evidenti motivi. Nessuna scelta politica e finanziaria potrà prescindere dall’enorme spesa legata alla gestione di una popolazione entrata nella terza età, gli investimenti per l’istruzione, la cultura, la formazione professionale diminuiranno. In un paese di pensionati, pochi lavorano e la nazione crolla. L’involuzione progressiva comporterà rischi nuovi e problemi mai affrontati in questa proporzione da civiltà precedenti. Lo scenario si prospetta tempestoso. La Federal Reserve ha calcolato che l’effetto della denatalità sulla crescita del PIL europeo è dell’1,25 annuo dagli anni ottanta. Per noi, al valore attuale si tratta di circa venti miliardi annui. E’ l’importo di una pesante manovra economica del governo. Le previsioni di Bankitalia sono inquietanti. La diminuzione della popolazione porterà al dimezzamento della crescita economica a medio termine e all’aumento della disoccupazione strutturale di lungo periodo, che salirà almeno all’8 per cento. Non si potrà sopperire con l’aumento della produttività, che anzi tenderà a scendere. Il collasso per il bilancio dello Stato sarà inevitabile, a meno di una drastica, ulteriore diminuzione della spesa sociale e di un aumento insopportabile della pressione fiscale. Conosciamo tutti il destino di tanti piccoli centri colpiti prima dall’emigrazione dei giovani, poi dall’invecchiamento della popolazione residua. Il passo ulteriore è la chiusura delle attività commerciali di prossimità, degli uffici postali e dei presidi sanitari. Gli ultimi abitanti sono costretti a fuggire, rendendo le località degli spettrali deserti. Non sarà diverso il destino dell’Italia. Non c’è dubbio che la tolleranza dei governi nei confronti dell’immigrazione illegale sia ampiamente concordata ai massimi livelli per fare scorta di braccia da impiegare e sfruttare. In astratto, se la scelta è di mantenere i ritmi di sviluppo e i livelli di ricchezza raggiunti, non vi è altro da fare. Non è questa, ovviamente, la nostra tesi, ma nessuno può negare che senza una rapida inversione di tendenza, una gigantesca scommessa sulla capacità e volontà della nostra comunità di cambiare il corso degli eventi, non vi siano alternative. Siamo prigionieri di due enormi menzogne. La prima è quella di chi ritiene l’uomo il cancro della natura, dunque scoraggia le nascite e, specularmente, disprezza il ruolo sociale degli anziani. La diffusione dell’eutanasia è un elemento di queste tendenze. Gli anziani sono inutili, poco produttivi, cattivi consumatori, si ammalano spesso, meglio convincerli a morire. E’ una sporca questione di denaro. Pochi figli e disprezzo della vecchiaia sono idee gemelle, frutto degli stessi disvalori, il rispetto per i vecchi e l’amore per i figli muoiono insieme, scrisse Victor Hugo. L’altra è la persistenza, nonostante le smentite della storia, dell’economia e della matematica, dei principi malthusiani. Thomas Malthus, economista inglese tra i massimi esponenti della scuola classica, sosteneva che la colpa della miseria di tanta parte della popolazione fosse dovuta all’istinto naturale di riproduzione. Per lui la vita non è altro che una lotta per lo spazio e il cibo in cui la popolazione aumenta molto più velocemente delle risorse disponibili, progressione geometrica contro progressione aritmetica. In questo schema regressivo, l’unica soluzione per generare crescita economica nonostante le culle vuote, in cui la società tende a non riprodurre se stessa, è spingere al massimo il consumismo. Risultato, danni ambientali crescenti per lo sfruttamento dissennato del creato e nessuna possibilità di dedicare risorse a riequilibrare la bilancia generazionale. Il risparmio deve infatti sovvenzionare i consumi, mentre le tasse si alzano per coprire la spesa assistenziale e previdenziale, allontanandosi da investimenti produttivi e ricerca. Poiché consumare si trasforma in obbligo sociale, il reddito non basta, costringendo entrambi i coniugi a lavorare, il che allontana la nascita di figli o la rende insostenibile economicamente, oltreché un fastidio per le abitudini edonistiche di massa. Per tenere alto il livello di consumo con i redditi in discesa e l’insicurezza sociale diffusa, si deve delocalizzare la produzione dove il costo del lavoro è più basso. Si distrugge così il tessuto produttivo e la sapienza delle maestranze locali. La percezione del potere d’acquisto rimane immutata, ma, appunto, è solo una falsa impressione, poiché si impoverisce la nazione, scendono le tutele sociali e si alimenta il debito, privato e pubblico. Al fine di far digerire l’immigrazione di massa, viene propalata la credenza che i nuovi arrivati pagheranno le pensioni degli anziani oltre a riempire il vuoto delle giovani generazioni. I contributi sociali tendono a diminuire per i bassi salari e le forme contrattuali precarie imposte ai nuovi assunti. Poiché precarietà e redditi umilianti sono diventati la condizione normale dei lavoratori connazionali, a maggior ragione ciò vale per gli immigrati, sfruttare i quali è più facile, tanto più che vengono impiegati in settori “poveri” e molto spesso in nero. Da dove arriveranno dunque i miliardi necessari a tenere in piedi l’INPS? Diventa economicamente arduo formare una famiglia, dice Gotti Tedeschi, “esattamente perché da trent’anni si è deciso di non fare figli”. E’ una tautologia che va spiegata: ci siamo convinti che saremmo diventati più ricchi senza figli, ma è avvenuto il contrario. La soluzione è tornare alla famiglia, ad una equilibrata natalità. La follia malthusiana, peraltro, cozza con i modelli di crescita più conosciuti, centrati sulla crescita della forza lavoro, cioè della popolazione, oltreché della produttività, della domanda e degli investimenti. Uno dei grandi errori delle teorie dominanti è proprio l’enfasi posta sull’offerta, senza interesse per la domanda, che domina invece il modello keynesiano. I previsori hanno fallito clamorosamente, promettendo neve all’Equatore. Lester Thurow, un venerato maestro scomparso nel 2016, teorizzava che la crescita economica più elevata si realizzava senza crescita di popolazione. I fatti si sono incaricati di smentirlo: in Brasile, Cina, India la popolazione aumenta e accumulano ricchezza nuova, l’Europa segue il percorso contrario. L’attuale inverno demografico, divenuto avanzato autunno economico, è l’ideologia delle élite occidentali dal 1972, l’anno del rapporto del Club di Roma conosciuto con il titolo I limiti dello sviluppo. Dati ufficiali dell’ONU smentiscono le conclusioni neomalthusiane promosse a Vangelo dell’occidente: nel secolo XX la popolazione è cresciuta di quattro volte, la ricchezza disponibile di quaranta. Inascoltata è rimasta la voce di Alfred Sauvy, grande demografo e valente economista, che collegò il benessere a un ragionevole incremento della popolazione, ricordando la fine ingloriosa dell’impero romano, che perse in meno di duecento anni la metà dei suoi abitanti. L’effetto delle scelte delle oligarchie è sotto i nostri occhi: aumentano i costi fissi per l’invecchiamento progressivo; meno giovani lavorano, minore produttività, inventiva e innovazione, nessuno risparmia poiché è la famiglia che produce la propensione al risparmio, mentre i solitari consumano. La delocalizzazione produttiva, penultima carta per tenere alti i consumi, diventa causa di disoccupazione e dumping sociale; non restano che l’immigrazione di massa e altro debito. Lo stesso inventore del concetto di PIL, Colin Clarke, avversò le scelte oligarchiche volte al calo demografico con rigorosi argomenti economici. Dimenticato, terminò la carriera nella remota Australia. Illuminate è l’esempio americano. Gli Usa, per sostenere la politica di potenza imperiale, necessitano di tassi di crescita assai elevati. La natalità americana si è abbassata e non è stata compensata in termini economici dall’immigrazione. Non è restato altro che drogare il sistema con i mutui subprime. Quasi un terzo della crescita è generato dall’esplosione del debito privato, che ammonta ormai a quasi il 100 per cento del PIL statunitense. L’esito lo conosciamo, così come è noto che il debito aggregato (privato più pubblico) dell’Occidente (ancora) sviluppato, che ha preteso di aumentare la ricchezza senza avere figli, è aumentato del 50 per cento in pochi anni. Occorre una visione di lungo periodo, di cui è incapace il nostro tempo, che misura ogni cosa in termini di effetti immediati. Sorprende, ma spiega molte cose l’analisi storica di alcuni dati: nel 1960 il PIL pro capite dei paesi ricchi era 26 volte superiore a quello dei poveri, esplodendo a 57 volte nel 1995. Solo cinque anni dopo, il rapporto precipitò a sole 7 volte. Nella prima fase del calo della natalità, l’aumento della ricchezza c’è stato, poiché l’equilibrio era ancora sostenibile, successivamente è crollato per il motivo opposto, unito all’irruzione di Cina e India. Sono ben 65 i paesi con un tasso di sostituzione della popolazione insufficiente a mantenerne inalterato il numero. Si tratta prevalentemente di nazioni occidentali o influenzate dal sistema di pensiero dominante da noi. Il collasso dei sistemi sociali si avvicina e determinerà squilibri socioeconomici ed esistenziali di difficile soluzione. Abbiamo evitato, nella trattazione, di porci le domande di fondo, quelle relative al valore della vita umana, della continuità della nostra cultura e di riflettere sulla validità generale di un sistema imperniato sull’aumento del reddito economico, per sottrarci al condizionamento dei principi. Resta la necessità di interrogarsi sulla portata dei cambiamenti etici, culturali, comportamentali, civili prodotti dall’inverno demografico nel nostro piccolo angolo di mondo e sulle soluzioni concrete. Concludiamo con l’esortazione di Ettore Gotti Tedeschi a riempire le culle italiane: “per far tornare a crescere l’economia e produrre ricchezza da ridistribuire equilibratamente, necessaria per investire in tecnologia e produrre progresso nell’uso delle risorse scarse. “ Riscaldare il gelido inverno demografico italiano conviene. Sommessamente aggiungiamo noi, salva un’antica nazione dall’irrilevanza e dall’estinzione, permettendo alla nostra civiltà, alla nostra gente, di evitare un destino da capitolo dei libri di storia dedicati al passato.

    dal sito Blondet & friends
    DENATALITA’, IL PROBLEMA CRUCIALE

    Più che mai in Padania!
    Sparviero likes this.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    33,204
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  3. #3
    Razzismo ieri,oggi,sempre
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    21,995
    Mentioned
    221 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito Re: Denatalità.

    Concordo. Ovviamente la cosa fu assolutamente voluta.
    Saburosakai likes this.
    Hitler or Hell.

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    26 Feb 2010
    Località
    lille
    Messaggi
    7,693
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Denatalità.

    Nei popoli occidentali arrivati ad un materialismo e consumismo ormai irreversibile la soluzione demografica si avrà quando ci sarà una pianificazione statale delle nascite. Terribile da dire ma sarà cosi

    Inviato dal mio RNE-L21 utilizzando Tapatalk

  5. #5
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    33,204
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Denatalità.

    Questo non avverrà mai.
    I popoli occidentali sono finiti.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Oct 2010
    Messaggi
    2,135
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Denatalità.

    Ma ci peserà il nazionalista italiaco salvini....
    Freezer likes this.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    20,931
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Denatalità.

    Citazione Originariamente Scritto da psico Visualizza Messaggio
    Ma ci peserà il nazionalista italiaco salvini....
    Penso che i popoli europei siano stati troppo infettati dalla presenza itaGliana per non diventare sterili .Sono convinto che senza emigrazione itaGliana nei paesi europei la natalità sarebbe più alta.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  8. #8
    Razzismo ieri,oggi,sempre
    Data Registrazione
    12 Dec 2015
    Località
    Arciconfraternita di Santo Manganello
    Messaggi
    21,995
    Mentioned
    221 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito Re: Denatalità.

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    Penso che i popoli europei siano stati troppo infettati dalla presenza itaGliana per non diventare sterili .Sono convinto che senza emigrazione itaGliana nei paesi europei la natalità sarebbe più alta.
    In Svezia ci saranno tre italiani per sbaglio, e non mi pare siano messi meglio.
    Il problema è (((altrove))).
    Lanciafiamme likes this.
    Hitler or Hell.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    20,931
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Denatalità.

    Citazione Originariamente Scritto da Sparviero Visualizza Messaggio
    In Svezia ci saranno tre italiani per sbaglio, e non mi pare siano messi meglio.
    Il problema è (((altrove))).
    Non ci sono forse troppi itaGliani ( anche se 3 è già troppo ) , ma c'è altro , biologicamente parlando .
    Non è naturale riprodursi in certe condizioni, specie quando il maschio della specie è castrato mentalmente .Se non lo fosse , ci sarebbe più sana xenofobia.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  10. #10
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    33,204
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Denatalità.

    Visegrad. La politica familiare inizia a dare i suoi frutti.

    Maurizio Blondet 8 novembre 2018 0 commenti
    di Giuseppe Sandro Mela – Senza Nubi



    Nella Repubblica Ceka nel 1999 vi erano 1.13 nascite per donna, salite a 1.57 nel 2016.
    In Ungheria nel 1999 vi erano 1.28 nascite per donna, salite a 1.45 nel 2016.
    In Polonia nel 2010 vi erano 1.25 nascite per donna, salite a 1.32 nel 2016. Si tenga presente che in Polonia molti dei giovani adulti sono emigrati all’estero.
    Nel 2016 il tasso di fertilità era 1.40 in Croazia, 1.53 in Bulgaria, 1.58 in Romania. In Italia era invece un disperante 1.35.
    *
    Uno dei più vistosi effetti della Weltanschauung liberal socialista è la dissoluzione dell’istituto familiare, un generalizzato controllo delle nascite ed un ampio ricorso all’aborto per controllare quella che il liberal designano come ‘sovrapopolazione‘ e ‘libertà‘ della femmina. Strano concetto di libertà quello che la intende come possibilità legale si assassinare il proprio figlio e per di più con decisione solitaria, senza aver bisogno del parere del partner.
    Nulla di cui stupirsi se alla fine le nazioni a governo liberal stiano andando incontro all’estinzione per denatalità, con tutti i problemi che ne derivano.

    «The Fidesz-KDNP government has chosen to support couples with children rather than accept mass migration to ameliorate long-term demographic issues, to the chagrin of its critics in the European Union’s power elite»
    *
    «In recent years, finding the proper response to Europe’s demographic decline has become one of the biggest sources of disagreement between European and Hungarian politics»
    *
    «While Brussels bureaucrats and the European liberal, pro-migration mainstream see immigration as the necessary and unavoidable solution, the Hungarian government stands committed to the idea of increasing birth rate through more effective family support measures»
    “Le vigenti poltiiche pro-famiglia applicate dal governo Orban stannogià portando frutti, essendo il numero degli aborti calato di oltre un terzo, da 44.449 nel 2010 a 28.500 nel 2017, i divorzi caduti da 28.873 a18.600, e – cosa più sorprendente – i matrimoni saliti dì’un incredibile 42 per cento.

    *
    «The European Union often attempts to interfere with family policy in Hungary»
    * * * * * * * *
    Is Hungary Experiencing a Policy-Induced Baby Boom?

    https://ifstudies.org/blog/is-hungar...uced-baby-boom

    Nel 2015 il governo ungherese ha annunciato una nuova importante politica : alle famiglie sarebbero stati concessi sussidi generosi per acquistare o costruire nuove case e le sovvenzioni aumenterebbero in base al loro stato civile e al numero di figli che avevano. Questo “Programma di sussidi per famiglie”, o CSOK (l’abbreviazione del nome ungherese del programma), dà il massimo alle coppie sposate con tre o più figli, equivalente a una sovvenzione di $ 36.000 per l’acquisto di una nuova casa, insieme a un’importante detrazione dell’imposta sul valore aggiunto per ogni casa e un prestito a interesse limitato per una parte del valore della casa. Questi interessi e benefici fiscali valgono tra i $ 15.000 e $ 50.000 per famiglia, a seconda della casa che acquistano e dei loro termini di prestito. In altre parole, per una coppia sposata che compra una nuova casa con almeno tre figli, il valore del loro pagamento totale può andare da $ 50.000 a $ 80.000. Nel frattempo, per una coppia con solo due figli, il pagamento potrebbe essere da circa $ 18.000 a $ 35.000.

    In altre parole, quel bambino in più “rende” alla famiglia tra $ 15.000 e $ 62.000 in più di dollari. Dato che lo stipendio medio in Ungheria è solo di circa $ 11.000 a $ 15.000 all’anno, un sussidio di impatto equivalente per gli americani, in proporzione ai reddi USA più alti, sarebbe fra i 45 mila e i 250 mila dollari.

    Gli effetti sono visibili, come riportato nel grafico.
    Ripetiamo però come il problema non si estingua nel mero aspetto economico, importante sicuramente, ma non essenziale.
    Si richiede un cambio mutazionale di mentalità. Se prima le femmine percepivano la prole come un peso, adesso la si dovrebbe vedere come un beneficio. Se prima si inculcava alle femmine il concetto di donna in carriera che si realizzava nel lavoro, adesso ritorna il concetto normale di realizzazione nella famiglia e nell’allevamento della prole.
    È un processo che richiederà almeno una generazione.

    Marriage Up, Abortion and Divorce Down as Hungary Chooses Family Support Over Mass Migration
    *

    https://www.maurizioblondet.it/viseg...i-suoi-frutti/
    Sparviero and Saburosakai like this.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Immigrazione extracomunitaria e denatalità europea
    Di Gianky nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-09-12, 21:56
  2. Denatalità+Immigrazione=Fine Europa? Sì, No
    Di carlomartello nel forum Destra Radicale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 29-03-10, 12:47
  3. La denatalita' colpisce fortemente anche la Sardegna
    Di Dragonball (POL) nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-03-02, 16:35
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 08-03-02, 02:51
  5. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-03-02, 20:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225