User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

Discussione: Giarabub

  1. #1
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    71,162
    Mentioned
    556 Post(s)
    Tagged
    58 Thread(s)

    Predefinito Giarabub

    L’oasi di Giarabub, sita a 300 km dalla costa, in un’ampia fenditura del deserto, ricca di palme e pozze d’acqua, si trova nel bel mezzo di un crocevia di piste che portano a Bir El Gobi, Bir Tengeder e alle oasi di di Gialo e Augila in Libia e a quella di Siwa in Egitto.
    Dettaglio non trascurabile, a soli 4 km dall’oasi in questione era stata realizzata una pista per l’aviazione.
    Il fronte, che dalle coste arrivava verso l’interno, era diviso in due settori, il primo a Capuzzo e comprendeva i presidi di Sidi Omar, Maddalena e Sceferzen, il secondo a Giarabub che comprendeva Barra Arrascia, Uescechet El Eira e Garn Ul Grein.
    Prima dello scoppiò dei combattimenti, si lavorò con celerità e accuratezza per realizzare e migliorare le fortificazioni.
    I presidi, al cui comando vi erano ufficiali italiani, erano costituiti, da mitraglieri libici e da due compagnie libiche munite di automezzi leggeri per il pattugliamento dei siti.
    La difesa era quindi basata, su postazioni fisse e pattuglie mobili.
    Appena iniziarono le ostilità, i civili furono sgomberati, e la moschea restò deserta.
    Furono aumentate le postazioni di mitragliatrici, ovunque venne sistemato del reticolato, vennero scavati dei larghi fossati anticarro e creati nuovi capisaldi, rinforzati i punti di osservazione e quelli di sbarramento sulle piste.
    All’inizio delle ostilità, autoblindo inglesi attaccarono i presidi, presenti nel settore di Capuzzo. Il 14 Giugno un solo Bombardiere inglese attaccò l’oasi di Giarabub, riuscendo a colpire le installazioni del campo di aviazione, le forze poste a difesa dell’oasi fecero fuoco con la contraerea, riuscendo ad abbattere il bombardiere. Il 16 Giugno gli inglesi passarono all’attacco terrestre, contro i primi presidi posti a difesa di Giarabub, ma le postazioni fisse con l’ausilio delle pattuglie mobili, respinsero l’attacco.
    Gli inglesi riuscirono a conquistare alcuni presidi lungo la costa, tagliando così i rifornimenti. Il 19 Giugno gli inglesi sferrarono un nuovo attacco, in virtù del quale eliminarono un posto di osservazione.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    71,162
    Mentioned
    556 Post(s)
    Tagged
    58 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giarabub

    Sino al 30 di Giugno, gli inglesi attaccarono con insistenza i vari posti di osservazione, dislocati lungo il perimetro difensivo dell’oasi; in questa occasione lodevole fu il comportamento dei soldati libici che privi di armi anticarro, assalirono gli autoblindo armati di bottiglie incendiarie, riuscendo ad immobilizzare alcuni di questi.
    L’accerchiamento fu rotto, agli inglesi non restò che ritirarsi presso l’oasi di Siwa in Egitto, la via dei rifornimenti fu ripristinata e poterono giungere all’oasi anche 4 pezzi d’artiglieria anticarro da 47/32 mm.
    Gli italiani, si diedero un gran da fare per fortificare l’intero perimetro difensivo, vennero ricostruiti e fortificati i posti di osservazione precedentemente distrutti dagli inglesi.
    Il 2 Novembre ci fu l’avvicendamento tra i reparti della Divisione
    Camicie Nere, con quelli della Divisione Giovani Fascisti.
    Il nemico inglese, si limitava a semplici controlli aerei notturni sulla zona.
    L’otto di Novembre gli italiani, colsero di sorpresa gli inglesi, effettuando un pesante bombardamento dell’oasi di Siwa, in risposta ad un attacco aereo consumato dagli inglesi a danno dell’oasi di Augila, tutto ciò servì innanzi tutto a far capire agli inglesi, che gli italiani non erano per niente disposti ad arrendersi e a far diminuire drasticamente gli interventi aerei della RAF.
    Gli inglesi presero ad attaccare con autoblindo le colonne dei rifornimenti, ma puntualmente, i veicoli armati italiani gli respingevano.
    Alle prime luci del 10 dicembre 1940, quando gli inglesi diedero il via all’operazione Compass a Sidi El Berrai, i posti di osservazione lungo la frontiera furono attaccati, ma senza successo, gli autoblindo furono respinti.
    Il 14 dicembre gli inglesi circondarono il presidio di Garet El Grein al fine di controllare tutti i movimenti delle piste di Bir El Gobi e mettere fuori gioco i presidi di Maddalena e Sceferzen. Il Comando di Giarabub inviò immediatamente una colonna celere, armata con due pezzi da 47/32 mm e due mitragliere da 20 mm e un plotone di soldati libici, con il supporto dell’Aviazione, l’accerchiamento del presidio fu rotto, e l’attacco respinto.
    Nonostante tutto la situazione non volgeva a favore degli italiani, il 16 dicembre fu disposto il ripiegamento dei presidi di frontiera a sud di Sceferzen su Giarabub.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  3. #3
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    71,162
    Mentioned
    556 Post(s)
    Tagged
    58 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giarabub

    Il ripiegamento venne completato nel giro di due giorni, con spostamenti notturni per evitare gli attacchi inglesi, ciò permise a tutte le colonne di giungere integre all’oasi.
    La forza italiana era composta da 1350 soldati ai quali andavano aggiunti circa 800 libici.
    I reparti furono dislocati, in vario modo, vennero realizzati dei posti di osservazione a Melfa, Baharia e Barra Arrascia, costituiti da una squadra, armata di automitragliatrice.
    Furono creati dei posti di sbarramento, dislocati lungo il perimetro difensivo, a Garet El Barud, a guardia del quale furono destinati due plotoni libici, appoggiati da un cannone da 47/32 mm, a Garet El Cuscia e Garet El Nuss,vennero inviati un plotone, rispettivamente armati di mitragliatrice.
    Si realizzarono sei capisaldi, con una compagnia , per ogni caposaldo, tutte armate con due cannoni da 47/32 mm e due mitragliatrici.
    Quale forza di rincalzo furono tenute due compagnie libiche.
    Le colonne celeri avevano a disposizione due pezzi d’artiglieria da 47/32 mm e due mitragliatrici da 20 mm. A difesa del campo di aviazione fu dislocata una batteria, con due mitragliatrici da 20 mm e due mitragliatrici.
    L’artiglieria era dotata di una batteria da 77/28 mm e due canoni da
    65/17 mm.
    Verso la fine del dicembre 1940, si provvide a rinforzare tute le postazioni.
    Gli attacchi inglesi diventavano sempre più numerosi, truppe autotrasportate, con l’ausilio di autoblindo, dell’artiglieria e della RAF attaccarono le postazioni italiane. Alcune di queste postazioni furono riconquistate, mediante il supporto delle colonne celeri..
    Visti i numerosi attacchi, si decise di arretrare, il posto di sbarramento di Melfa facilmente aggirabile, ad Al Fachiri. Al presidio di Garet El Barud, punto chiave dell’intera difesa perimetrale di Giarabub, che presentava un terreno favorevole per gli inglesi, infatti superato una sorta di gradino roccioso, si apriva un terreno pianeggiante che giungeva fino alla pista di aviazione, che rappresentava ora l’unica via di rifornimento per le forze poste a difesa dell’oasi, si provvide ad infittire i campi minati, utilizzando anche delle bombe per aereo.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  4. #4
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    71,162
    Mentioned
    556 Post(s)
    Tagged
    58 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giarabub

    Le carte rinvenute in possesso ad un sergente australiano fatto prigioniero durante gli scontri, permisero al comando italiano di conoscere con esattezza l’entità delle forze nemiche. La situazione non era certo rosea, si trattava di una divisione australiana, appoggiata dai soliti autoblindo e dall’artiglieria.
    Il 31 dicembre 1940, gli australiani attaccarono in forze il presidio di
    Garet El Barud.La lotta fu aspra e serrata, durò l’intero giorno, ma gli australiani furono respinti.
    Gli italiani salutarono il 1940 nel miglior modo, uscivano imbattuti da sei mesi di aspri combattimenti, contro un nemico superiore sia per uomini che per mezzi.
    La pista di aviazione, rappresentava l’unica via di rifornimento per il presidio, ciò non sfuggì agli australiani, che posizionarono le loro batterie d’artiglieria, facendo fuoco sulla pista, rendendo impraticabile l’ultima via per i rifornimenti. Gli attacchi dell’artiglieria australiana, divennero sempre più numerosi e pericolosi, agli italiani non restò che contrattaccare,le colonne celeri armate di cannoni 47/32 mm coadiuvate da un solo pezzo da 77/28 mm riuscirono a far arretrare le batterie australiane.
    Aerei della RAF, sorvolarono il presidio, lanciando dei volantini, con i quali il comando inglese intimava la resa.
    Inutile dire che le forze poste a difesa del presidio, non si lasciarono intimidire e possiamo immaginare, i vari usi che furono fatti di questi volantini.
    Gli inglesi avanzavano lungo la costa, ma non riuscivano a conquistare Giarabub, che per gli inglesi era diventata un vero e proprio incubo.Gli inglesi intensificarono gli attacchi e i martellamenti da parte dell’artiglieria, sia sui posti di sbarramento che sui capisaldi.
    Ai mancati rifornimenti si aggiunse anche l’isolamento radio, che durò fino al 9 di Febbraio, quando furono via Cufra ristabiliti i collegamenti.
    Il Comando italiano sito a Tripoli inviò un messaggio .
    “ Non c’è possibilità di rifornirvi.Resistete fino all’esaurimento dei viveri, dopo arrendetevi chiedendo l’onore delle armi, che non vi sarà negato vista la lunga ed eroica resistenza “
    Il messaggio non era certo del tipo che, un soldato che combatte una guerra
    si aspetta di ricevere. Gli italiani, infischiandosene dello smidollato che aveva dato quell’improponibile ordine, non permisero allo scoramento e alla

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  5. #5
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    71,162
    Mentioned
    556 Post(s)
    Tagged
    58 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giarabub

    frustrazione di prendere il sopravvento, ma strinsero i denti e guardarono la realtà negli occhi, e come sempre si prepararono ad affrontarla.
    L’ assetto difensivo fu ridisegnato, per far fronte ai continui attacchi australiani, che cercavano di aprirsi un varco nella line difensiva.
    Gli australiani attaccarono con rinnovato vigore, e conquistarono i posti di sbarramento, per poi perderli grazie all’incisivo intervento delle colonne celeri, che erano sempre riuscite ad avere ragione del nemico.
    Le comunicazioni furono ripristinate e venivano effettuate di notte direttamente con il comando di Tripoli, ( dove con tutta probabilità lo smidollato di cui sopra, stava sbattendo la testa sul muro ) che inviò un messaggio, ( degno del coraggio dimostrato dai difensori di Giarabub ) nel quale informò il comando del presidio, che si stava studiando un piano per far giungere i rifornimenti.
    Il 27 febbraio, giunsero i tanto attesi rifornimenti, insieme alla posta, il tutto servì a rinvigorire gli animi dei soldati.
    Ai primi di Marzo, gli inglesi intimarono nuovamente la resa, la risposta italiana la conosciamo.
    Intorno alla metà di Marzo Il Generale Erwin Rommel inviò un messaggio
    nel quale invitava i soldati a resistere ancora:
    " Invio il mio saluto ed i sensi della mia stima e ammirazione agli eroici difensori di Giarabub. Continuate a lottare strenuamente, tra pochissime settimane saremo tra vo!!! ". ( Contemporaneamente al messaggio sopra, Rommel scrisse delle note che inviò a Berlino ) Gli italiani, qui in Africa, sono degli ottimi camerati e dei bravi e valorosi soldati. Se avessero i nostri mezzi e la nostra disciplina, potrebbero gareggiare con le nostre migliori truppe. L'episodio di Giarabub (allego un dettagliato rapporto sul fatto e sulla figura del Colonnello Castagna, di cui il Ministero della Propaganda potrebbe servirsi benissimo) rivela le doti di coraggio degli italiani"
    Il 18 Marzo gli inglesi sferrarono un attacco in forze contro tutti i posti di osservazione e di sbarramento, coadiuvati dal fuoco dell’artiglieria che senza sosta martellava le colonne celeri, che tanto filo da torce avevano dato alle forze britanniche.
    Elevata fu la concentrazione di fuoco su i posti di sbarramento di
    Garet el Cuscia e Garet El Nuss, i difensori di quest’ultima postazione, furono costretti, a ripiegare su Giarabub.
    Ultima modifica di occidentale; 29-10-10 alle 10:20

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  6. #6
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    71,162
    Mentioned
    556 Post(s)
    Tagged
    58 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giarabub

    Il comandante del presidio Colonnello Castagna, esperto in comando di forze libiche, tenne un discorso ai suoi, nel quale è possibile rinvenire il coraggio e la tenacia, che avrebbero, sino alla fine della campagna d’Africa e non solo caratterizzato i valorosi soldati italiani, anche se qualche “ italiano “ sofferente di apatia nei confronti dell propria Patria non è d’accordo.
    Il Colonnello Castagna concluse il suo discorso, affermando che:
    “ Non ammetto nessuna resa, lotteremo sino all’estremo sacrificio, a Giarabub o si vince o si muore “.
    Gli australiani, riuscirono ad avvicinarsi, alla difesa interna del presidio, facilitati dall’insabbiamento del reticolato, riuscirono ad entrare nel perimetro.
    I combattimenti furono aspri,la notte gli italiani, giocarono il tutto per tutto, sferrarono un attacco, appoggiati dai pochi pezzi d’artiglieria rimasti, bombe a mano e assalto alla baionetta, riuscendo per l’ennesima volta a ricacciare indietro il nemico, immediatamente il perimetro difensivo fu ripristinato.
    Gli attacchi ripreso quasi immediatamente, l’artiglieria nemica martellava incessantemente le forze italiane, l’unico cannone da 65/17 mm venne distrutto, ora restavano solo due pezzi da 77/28 mm, ma scarseggiavano le munizioni. Una tempesta di sabbia sollevata dal Ghibli, il vento tipico del deserto africano, fece si che gli inglesi allentassero la morsa, visto che la sabbia faceva inceppare tutte le armi. ( come racconta il Sergente dei paracadutisti Emilio Camozzi nel suo libro El Alamein l’Inferno o giù di li )
    Il 21 Marzo intorno alle ore 5:00, sul presidio si riversò una vera e propria pioggia di fuoco d’artiglieria, che durò un’ora circa, dopo la fanteria britannica,passò all’attacco.
    Le forze italo-libiche reagirono, ma il nemico era ovunque, la linea difensiva era stata spezzata, gli italiani erano costretti a combattere isolatamente.
    I combattimenti furono aspri, gli italiani non mollavano, perdere si, ma con onore, non pochi i gesti d’eroismo, non pochi i soldati che si lanciarono in attacchi alla baionetta, in veri e propri corpo a corpo. Un aereo tedesco sorvolò la zona e aprì il fuoco contro gli inglesi, ma ormai era troppo tardi.
    Venne sferrato un ultimo contrattacco con forze di rincalzo, tutti i soldati lottarono con tenacia, fino all’estremo sacrificio, più di 500 caduti tra italiani e libici.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  7. #7
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    71,162
    Mentioned
    556 Post(s)
    Tagged
    58 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giarabub

    Nonostante l’encomiabile comportamento, il valore, dei soldati italiani, la morsa britannica non venne allargata, i capisaldi caddero uno ad uno, dopo mesi di lunga, coraggiosa e ammirevole resistenza, il presidio capitolò.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  8. #8
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    71,162
    Mentioned
    556 Post(s)
    Tagged
    58 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giarabub

    Un episodio del genere in altri paesi sarebbe stato oggetto di venerazione immortale. Da noi è semi sconosciuto, ahime.hefico:

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  9. #9
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    20,472
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giarabub

    65 anni di anti-italianismo vario ed assortito produce di questi bei risultati...ncav:

  10. #10
    .
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    20,733
    Mentioned
    104 Post(s)
    Tagged
    40 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giarabub


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Elogio a Stalin (Buttafuoco,Blondet..a giarabub)
    Di Combat nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-05-07, 19:04
  2. 10 - Giarabub : Una saga dimenticata
    Di FedericoAmMI nel forum Monarchia
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 30-06-05, 21:43
  3. Ricordiamo Giarabub
    Di FedericoAmMI nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 29-06-05, 19:52
  4. Ricordiamo Giarabub
    Di FedericoAmMI nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-06-05, 16:33
  5. Ricordiamo Giarabub
    Di FedericoAmMI nel forum Storia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-06-05, 14:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226