User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Comunizzazione

  1. #1
    Forumista junior
    Data Registrazione
    21 Dec 2012
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Comunizzazione

    Ciao! Mi chiamo Fabrizio e mi sono recentemente iscritto a "Politica in Rete". Sono rimasto particolarmente colpito dalla descrizione di questo forum: "Una società senza stati e classi, senza lavoro salariato e denaro", che mi sembra una buona approssimazione di ciò che per me – malgrado gli orrori dello stalinismo e del cosiddetto socialismo reale – può essere ancora identificato con il termine "comunismo". Vorrei perciò sottoporre alla vostra attenzione il blog/rivista che un piccolo nucleo informale di compagni del quale faccio parte, redige da circa un paio d'anni. Attraverso questo strumento, cerchiamo di rendere conto di una prospettiva radicalmente differente rispetto alle teorie rivoluzionarie del passato, siano esse marxiste o anarchiche (dal consiliarismo all'anarchismo collettivista, dal sindacalismo rivoluzionario alla sinistra comunista "italiana" etc.). Questa prospettiva, in mancanza di meglio, va oggi sotto il nome di "comunizzazione", e pur essendo in Italia pressoché sconosciuta, in altri paesi (in particolare in Francia, ma anche in Grecia, Germania, Gran Bretagna, Stati Uniti etc.) è al centro di un vivace dibattito che coinvolge via via una cerchia sempre più ampia di compagn*. Ben inteso, si tratta di un milieu meno che ultraminoritario, ma le posizioni che vanno emergendo all'interno di questo dibattito meritano di essere conosciute anche qui da noi, non foss'altro che per essere confutate e rigettate. Riporto dunque, qui di seguito, la presentazione de "Il Lato Cattivo" (il nome della rivista alla quale ho accennato) e il link al blog.

    Saluti,

    F.

    * * *

    Per non segnate vie
    Chi siamo


    “Il Lato Cattivo”: un incontro, una prossimità. Soprattutto un'attività. Del tutto informale e congiunturale. Per ora necessaria. Fino a che non la reputeremo superflua. Prodotta da diverse esperienze passate, da un accordo ed una prospettiva sul presente.

    Ciò che ci interessa: il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Ovvero la “banalità” del corso quotidiano della lotta di classe. Ovvero la contraddizione fra proletariato e capitale come portatrice del suo superamento positivo: l'abolizione del modo di produzione capitalistico e la produzione del comunismo. Un cammino che si farà – che diviene conoscibile – solo percorrendolo. Procedendo a vista. Un cammino di cui sappiamo una cosa sola: una rottura deve subentrare.

    Nessuna “tendenza”. Da una parte ciò che il proletariato “è” – nel modo di produzione capitalistico. La contraddizione tale quale si riproduce normalmente ogni giorno. Dall'altra l'abolizione delle classi – proletariato compreso. Che quest'ultimo può produrre in quanto attività di classe. Una relazione non progressiva. Non evolutiva. Di rottura.

    Ciò che ci preme: sostanziare una critica. Renderla inaggirabile. Di tutto un periodo storico della lotta di classe: crescita delle lotte rivendicative, instaurazione di una fase di transizione, applicazione del programma rivoluzionario. Consigli. Partito. Autogestione. Con tutte le combinazioni possibili. Il movimento operaio come vettore. Forme diverse. Lo stesso contenuto. Liberare il lavoro produttivo. Divenire classe dominante. Creare le condizioni del comunismo.

    Smontare ciò su cui si fondava la diversificazione interna della prospettiva rivoluzionaria anteriore. L'unità sulla cui base era possibile tale diversificazione. Rimontare, attraverso le sue rovine, una problematica differente.

    Più oltre: lo sprofondamento di un'epoca. La fine dell'identità operaia. Una struttura differente della contraddizione di classe. La consistenza molecolare dei conflitti sul luogo di lavoro. La loro discontinuità. L'impossibilità di una crescita cumulativa. L'appartenenza di classe come limite e come costrizione. Da superare.

    Ciò su cui puntiamo: il carattere teorico delle lotte. Di quelle attuali, soprattutto. Di quelle che – saltuariamente – ci coinvolgono. E anche delle altre. La tensione, per noi, ad una comprensione concreta. Possibile se si attraversano i deserti dell'astrazione. Passibile di produrre degli effetti. Senza ricette preformate. Al di là di ogni attesa e di ogni attivismo. Al di là dell'intervento stesso.

    Abitare la discontinuità. Con un concetto. Una bussola. Forse provvisoria. Per orientarsi. Comunizzazione. L'abolizione del capitale. E corollariamente: delle classi, dello Stato, del denaro, dello scambio. Rapporti fra individui. Al di là del valore e del plusvalore. Non come obiettivo lontano. Né come un miracolo del cielo. Nient'altro che come mezzo. Concretamente incarnato in misure di lotta. Che saranno imposte dalla situazione.

    Tutto ciò che esiste merita di perire.

    il lato cattivo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    8,746
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Comunizzazione

    Ciao, benvenuto nel forum.
    Appena possibile ti dirò la mia opinione sulla vostra rivista.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/
    Invece della parola d'ordine conservatrice Un equo salario per un'equa giornata di lavoro, i lavoratori devono scrivere sulla loro bandiera il motto rivoluzionario Soppressione del sist. del lavoro salariato

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Jul 2012
    Messaggi
    3,201
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    46

    Predefinito Re: Comunizzazione

    Ciò che ci preme: sostanziare una critica. Renderla inaggirabile. Di tutto un periodo storico della lotta di classe: crescita delle lotte rivendicative, instaurazione di una fase di transizione, applicazione del programma rivoluzionario. Consigli. Partito. Autogestione. Con tutte le combinazioni possibili. Il movimento operaio come vettore. Forme diverse. Lo stesso contenuto. Liberare il lavoro produttivo. Divenire classe dominante. Creare le condizioni del comunismo.

    Smontare ciò su cui si fondava la diversificazione interna della prospettiva rivoluzionaria anteriore. L'unità sulla cui base era possibile tale diversificazione. Rimontare, attraverso le sue rovine, una problematica differente.

    Più oltre: lo sprofondamento di un'epoca. La fine dell'identità operaia. Una struttura differente della contraddizione di classe. La consistenza molecolare dei conflitti sul luogo di lavoro. La loro discontinuità. L'impossibilità di una crescita cumulativa. L'appartenenza di classe come limite e come costrizione. Da superare.
    A questo punto ti voglio chiedere, Fabrizio: dov'è la differenza con gli anarchici?
    Senza l'identità, il partito, il programma, senza la "crescita cumulativa", il contenuto della lotta si confonde con quello dell'alternativa.
    Ora la questione dell'alternativa, secondo me, è interna alla frazione colta giovane e middle-class. In fondo è un alternativa locale, nel spazio ma anche nel tempo come insegna l'esperienza. Cioè, di fronte alla questione del dominio del capitale, altro che alternativa, mi pare più un illusione...

    Comunque mi interessa il confronto.
    Tutti gli impiegati del mondo hanno immaginato queste cose e le hanno sconfessate e adesso sono gli impiegati.
    Pavese

  4. #4
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    8,746
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Comunizzazione

    La prima frase che mi è saltata all'occhio:
    Designiamo il processo rivoluzionario a venire come la necessaria adozione, da parte del proletariato, di misure immediatamente comuniste – senza transizione, senza socialismo
    A parte quel "senza socialismo" che secondo me è completamente fuori luogo (comunismo e socialismo sono sinonimi), cosa intendete con "misure immediatamente comuniste"? Pensate che il comunismo sia realizzabile in un singolo paese o addirittura solo localmente?
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/
    Invece della parola d'ordine conservatrice Un equo salario per un'equa giornata di lavoro, i lavoratori devono scrivere sulla loro bandiera il motto rivoluzionario Soppressione del sist. del lavoro salariato

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Jul 2012
    Messaggi
    3,201
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    46

    Predefinito Re: Comunizzazione

    Citazione Originariamente Scritto da Gian_Maria Visualizza Messaggio
    La prima frase che mi è saltata all'occhio:

    A parte quel "senza socialismo" che secondo me è completamente fuori luogo (comunismo e socialismo sono sinonimi), cosa intendete con "misure immediatamente comuniste"? Pensate che il comunismo sia realizzabile in un singolo paese o addirittura solo localmente?
    Ma ovviamente, Gian Maria, la risposta è "addirittura solo localmente". Addirittura, si, perché se altrimenti fosse si avrebbe di nuovo di fronte lo scoglio del vecchio comunismo programmatista.
    Come dicevo: la corrente della comunizzazione sembra trovare il suo referente naturale nell'alternativa. Il loro problema diventa allora di capire come mettere d'accordo l'alternativismo con l'analisi delle contraddizioni nella riproduzione della società del capitale.
    Tutti gli impiegati del mondo hanno immaginato queste cose e le hanno sconfessate e adesso sono gli impiegati.
    Pavese

 

 

Discussioni Simili

  1. Comunizzazione
    Di Josef Scveik nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 12-11-14, 09:23
  2. Comunizzazione (Wikipedia)
    Di Faber74 nel forum Socialismo Libertario
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 13-01-14, 13:18
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-01-14, 18:02
  4. "SIC" - Incontro internazionale sulla comunizzazione a Montpellier
    Di Faber74 nel forum Socialismo Libertario
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-06-13, 14:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226