User Tag List

Pagina 1 di 3605 121151101501 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 12 di 43258
Like Tree19899Likes

Discussione: FOCUS SIRIA

  1. #1
    Cancellato
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    33,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito FOCUS SIRIA

    Siria, esplosione ad Aleppo. Colpita l'università, vittime - Repubblica.it

    Siria, esplosione ad Aleppo.
    Colpita l'università, vittime
    Almeno quindici morti è il bilancio riferito dall'Osservatorio dei diritti umani, decine di feriti. L'edificio si trova nella zona occidentale della città, controllata dalle forze fedeli al regime. Per la tv di stato è stato un attentato terroristico dei ribelli
    Lo leggo dopo

    Siria, esplosione ad Aleppo. Colpita l'università, vittime Una delle prime foto dell'attentato da twitter

    DAMASCO - Una violenta esplosione si è verificata all'università di Aleppo, città del nord della Siria dove sono più intensi gli scontri fra le forze del regime e i ribelli. Ci sono almeno 15 vittime e decine di feriti, secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani. L'università si trova nella zona occidentale della città, controllata dalle forze siriane.

    La televisione di Stato ha parlato di un attentato terroristico, accusando i ribelli. Su twitter alcuni post accusano invece le forze del regime di aver bombardato l'ateneo, uno dei più importanti del Paese.

    La deflagrazione, che sembra sia avvenuta in un'area intermedia tra i dormitori studenteschi e la sede della facoltà di Architettura, è stata confermata anche dall'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, organizzazione dell'opposizione in esilio con sede in Gran Bretagna.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: FOCUS SIRIA

    Terroristi sostenuti dall'occidente e dalle reazionarie monarchie islamiche.
    Forza Siria!
    Forza Assad!
    amaryllide, Ringhio and Molly like this.

  3. #3
    Cancellato
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    33,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: FOCUS SIRIA

    ineffetti lo scontro armato è sempre più duro, i tifosi dei ribelli dovrebbero dirci su cosa si fonda la loro superiorità morale rispetto ad assad.
    amaryllide and Ringhio like this.

  4. #4
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: FOCUS SIRIA

    Citazione Originariamente Scritto da José Frasquelo Visualizza Messaggio
    ineffetti lo scontro armato è sempre più duro, i tifosi dei ribelli dovrebbero dirci su cosa si fonda la loro superiorità morale rispetto ad assad.
    Sono sostenuti dall'occidente.
    Per loro basta..hai presente la mentalità del tifoso?
    Magari la sua squadra ha rubato una partita ma per lui
    ha vinto meritatamente anche se gli hanno dato 2 rigori
    nel recupero sullo 0-1...
    Ultima modifica di Nazionalistaeuropeo; 15-01-13 alle 23:56
    amaryllide and Ringhio like this.

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    11,598
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Siria, sospesa la creazione del governo d'opposizione

    Roma, 21 gennaio 2013, Nena News - I leader della Coalizione Nazionale Siriana hanno cancellato il meeting previsto per oggi a Istanbul e che avrebbe dovuto portare alla creazione di un governo di transizione, in opposizione al regime di Bashar al-Assad, e che operi nelle aree del Paese sotto il controllo dei ribelli.

    La Coalizione Nazionale Siriana, ombrello sotto il quale si raccolgono i principali gruppi di opposizione a Damasco, in particolare islamisti, è nata a novembre con il sostegno dei Paesi del Golfo e dei governi occidentali.

    L'incontro è cominciato sabato in Turchia nell'obiettivo di coprire il vuoto di potere di cui, secondo le opposizioni, sta soffrendo la Siria dallo scoppio della guerra civile, quasi due anni fa. I cinque membri del comitato esecutivo avrebbero dovuto mettere sul tavolo una proposta definitiva sulla creazione del nuovo governo, dopo consultazioni con le diverse forze di opposizione e l'Esercito Libero Siriano. Tra i papabili a guidare il governo di transizione, spunta il nome di Riad Hijab, ex primo ministro di Assad, fuggito in Giordania lo scorso agosto.

    A bloccare la decisione è la questione economica. Prima di presentare il nuovo esecutivo d'opposizione, la Coalizione Nazionale vuole garantirsi i fondi necessari ad operare. Per questo, ieri il presidente Moaz Alkhatib è volato in Qatar per assicurarsi gli indispensabili finanziamenti dell'emirato. E proprio il denaro sta alla base del disaccordo interno alla Coalizione: Alkhatib ha lasciato Istanbul nel mezzo delle contrattazioni, in stallo a causa delle divergenze su come rendere l'eventuale esecutivo stabile e indipendente.

    "Pare che non si formerà alcun governo a meno che Moaz Alkhatib non torni dal Qatar con qualcosa di sufficiente a convincere i membri della Coalizione ad appoggiare l'esecutivo", ha detto un anonimo membro dell'opposizione. "C'è un accordo sulla necessità di creare un governo di transizione - ha commentato un altro membro, Ahmad Ramadan - ma la maggioranza preferisce non agire ora senza avere zone sicure in cui operare e un sufficiente sostegno da parte internazionale. Se così non è, il nuovo governo nascerebbe già paralizzato".

    A bloccare la formazione del governo di transizione sono i Fratelli Musulmani, una delle principali forze all'interno delle opposizioni. Ma fonti interne rivelano che la Fratellanza sarebbe pronta a garantire il suo appoggio nel caso in cui i poteri regionali (Turchia e Paesi del Golfo) appoggino ufficialmente il progetto.

    "Tra azioni militari, aiuti umanitari e servizi di amministrazione, un governo di transizione ha bisogno di 40 milioni di dollari al giorno - ha commentato un altro membro dell'opposizione, rimasto anonimo - Non ha senso creare un esecutivo che non può soddisfare i bisogni della rivolta". Nena News

    Nena News Agency | Siria, sospesa la creazione del governo d'opposizione
    amaryllide likes this.

  6. #6
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    15,469
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Siria, sospesa la creazione del governo d'opposizione

    Citazione Originariamente Scritto da Turriciano Visualizza Messaggio
    "Tra azioni militari, aiuti umanitari e servizi di amministrazione, un governo di transizione ha bisogno di 40 milioni di dollari al giorno - ha commentato un altro membro dell'opposizione, rimasto anonimo - Non ha senso creare un esecutivo che non può soddisfare i bisogni della rivolta". Nena News
    tradotto in italiano, "vogliamo essere ricompensati con gli interessi per tutta la gente che sgozziamo"....
    Molly likes this.

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    11,598
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Siria, sospesa la creazione del governo d'opposizione

    ComeDonChisciotte - SIRIA: UN PARADISO JIHADISTA

    DI PEPE ESCOBAR
    atimes.com


    E allora Bashar al-Assad ha parlato con tono battagliero - per la prima volta in sette mesi - prevedibilmente per dare la colpa della guerra civile siriana ai "terroristi" e "alle marionette occidentali".
    Il Ministro degli Esteri turco, Ahmet Davutoglu, quello che parlava di una politica "zero problemi con i nostri vicini", ha commentato che Assad legge solo i rapporti dei suoi servizi segreti. Ma andiamo, Ahmet: Bashar, non sarà Stephen Hawking, ma anche lui conosce bene i suoi buchi neri.

    Nella foto: la bandiera di Jabhat-al‑Nusra

    Assad, per di più, ha un progetto: un dialogo nazionale che porti a una nuova costituzione - da sottoporre a referendum - e poi un governo allargato e un'amnistia generale. Il problema sarà con chi si potrà condividere tutta questa felicità in bottiglia, perché Assad non accetta assolutamente né la nuova coalizione di opposizione, né l'esercito di liberazione siriano (FSA), descrivendoli come bande straniere reclutate agli ordini di potenze straniere per realizzare un obbiettivo : la spartizione della Siria.

    Ma ecco il piano di Assad. Prima fase: tutti i poteri stranieri che finanziano i "terroristi" - come il Consiglio di cooperazione del Golfo della NATO - devono smetterla. E già questo è un grande NO-NO. Solo dopo, nella seconda fase l'esercito siriano dovrebbe cessare tutte le sue operazioni, ma comunque si riserverebbe il diritto di rispondere a qualsiasi - inevitabile - "provocazione".

    Il Piano di Assad non parla di quello che dovrà fare Assad stesso, mentre l'unico punto su cui concordano tutte le fazioni dell’opposizione è che "il dittatore deve andarsene" prima di cominciare i negoziati. Ma Assad vuole essere uno dei candidati per la sua successione nel 2014.

    Come se questo non fosse stato l’abnorme "dettaglio" che sta silurando tutto il lavoro dell’ultimo mediatore delle Nazioni Unite Lakhdar Brahimi, c'è ancora un fastidioso punto critico su cui Brahimi insiste: l’inclusione dei Fratelli Musulmani (MB) in un governo di transizione siriano. Come sa bene Brahimi: sembra che l'ONU stia recitando una Ave Maria – dove si prega che Assad abdichi volontariamente.

    Non si tratta di Tora Bora

    Se volete sapere cosa sta accadendo veramente in Siria, ascoltate solo Sheikh Nasrallah, il Segretario Generale di Hezbollah. E’ lui che dice come stanno le cose.

    Poi c'è quello che ha detto Ammar al-Musawi, il numero tre di Hezbollah - de facto il Ministro degli Esteri – al giornalista italiano Ugo Tramballi. Lo scenario più probabile dopo-Assad, se ce n'è uno, sarà "non è uno Stato unitario, ma una serie di emirati vicini al confine turco, e qualcuno proclamerà lo stato islamico". L'intelligence di Hezbollah – la più informata sulla Siria - è irremovibile: "un terzo dei combattenti dell'opposizione sono estremisti religiosi, e hanno il controllo dei due terzi delle armi." La conclusione del ragionamento è che - si tratta di una guerra per procura fatta dall’occidente, con il Consiglio di Cooperazione del Golfo (CCG), che agisce come "avanguardia" per la NATO.

    I lettori di Asia Times Online già lo sanno da sempre, tanto quanto conoscono il lento insinuarsi della bugia delle autocrazie del Consiglio del Golfo che vuole appoggiare la "democrazia" in Siria. Mentre l’eternamente benedetta Casa di Saud ha ormai corrotto ogni granello di sabbia per tentare di restare immunizzata da ogni soffio della primavera araba, almeno in Kuwait i venti di cambiamento stanno costringendo la famiglia Al-Sabah ad accettare per primo ministro uno che non è una marionetta degli emiri burattino.

    Sì, le petro-monarchie, prima o poi, cadranno tutte.

    Quanto a chi ignora Musawi, lo fa a proprio rischio e pericolo, i ritorni di fiamma sono e resteranno inevitabili "come in Afghanistan". Musawi aggiunge: "La Siria non è Tora Bora: si trova sulla costa del Mediterraneo, vicina all'Europa". La Siria degli anni del 2010 sarà un remix afghano del 1980 - con dentro un ritorno di fiamma esponenziale.

    E a chi segue ciecamente i ciechi e ripete che Hezbollah è un'organizzazione "terrorista", ricordiamo che in questa guerra Hezbollah collabora strettamente con oltre 10.000 caschi blu dell'ONU, sotto il comando del generale italiano Paolo Serra - per evitare che la guerra civile siriana contamini il sud del Libano.


    Il dittatore è caduto - di nuovo

    Non sorprende che quel gruppo eterogeneo, bollato come "opposizione siriana" abbia respinto in blocco Assad. Per i Fratelli Musulmani - il sedicente potere in stand by - Assad è un "criminale di guerra", che dovrebbe essere processato. Per Georges Sabra, il vice presidente di quelli intruglio messo in piedi dall’ America e dal Qatar, la Coalizione Nazionale, le stesse parole di Assad sono una "dichiarazione di guerra contro il popolo siriano".

    Com'era prevedibile, il Dipartimento di Stato - non ancora sotto John Kerry - ha detto che Assad vive "fuori dalla realtà". Londra ha detto che quella di Assad è tutta ipocrisia e ha lanciato subito l'ennesima conferenza "segreta" di due giorni, questa settimana a Wilton Park nel West Sussex, mettendo insieme membri della coalizione con il solito branco di "esperti", di accademici, di funzionari del Consiglio del Golfo e delle "agenzie multilaterali". Il patetico, spettacolare Ministro degli Esteri britannico William Hague ha cinguettato - per l'ennesima volta - che "l’uscita dalla scena di Assad è inevitabile".

    Per come stanno le cose, però pare che Assad non vada proprio da nessuna parte, almeno per il momento.

    Secondo gli inglesi "la comunità internazionale può dare sostegno a una futura autorità di transizione", per dare una mano a quei siriani stanchi di una guerra civile - che sanno bene essere stata finanziata, armata e ampiamente coordinata dall'Occidente per mezzo del Consiglio del Golfo della NATO.

    Sentono una puzza – tutta occidentale – per l’ossessione che in Siria tutto sia caratterizzato dal fanatismo di una guerra settaria, perché vedono che un sacco di sunniti influenti sono rimasti fedeli al governo.

    Sentono una puzza – tutta occidentale – se guardano indietro e vedono che tutta questa storia è cominciata proprio quando stava arrivando il momento di fare partire il gasdotto Iran-Iraq-Siria, un affare da 10 miliardi di dollari (scavalcando la Turchia, membro della NATO). Un affare che darebbe un notevole impulso economico ad una Siria indipendente e costituirebbe un NO assoluto agli interessi occidentali nella regione.

    L'amministrazione Obama 2.0 - e Israele – si troverebbero più che bene con i Fratelli Musulmani al potere in Siria, seguendo così il modus operandi egiziano. La Confraternita appoggia l'idea di uno "stato civile" che prenda il controllo solo delle poche "zone siriane liberate" per scovare le comunità ribelli e, secondo la legge della Sharia, tagliare qualche testa.

    Ma quello che vogliono veramente per la Siria, sia il Consiglio del Golfo che Israele, è un modello yemenita, una dittatura militare senza un dittatore. Stanno progettando per il prossimo futuro un Paradiso jihadista.


    Tagliategli la testa

    Quasi un anno fa, il numero uno di Al-Qaeda, Ayman al-Zawahiri, ha chiamato tutti i veri fedeli sunniti dall’Iraq, dalla Giordania, dal Libano, dalla Turchia e oltre per andare tutti in Siria e gioiosamente schiacciare Assad.

    Così hanno continuato ad arrivare – afgani, ceceni, curdi e sud-est asiatici – tutti insieme dal FSA al Jabhat al-Nusra, formando una milizia assassina che ora conta oltre 5.000 jihadisti.

    Un rapporto pubblicato a Londra questa settimana dalla fondazione antiterrorismo Quilliam Foundation, conferma il ruolo di Al-Nusra. L'autore del rapporto, Noman Benotman, sembra essere un ex jihadista libico molto vicino a Al-Zawahiri e al compianto "Geronimo", alias Osama bin Laden.

    Al-Nusra è infatti il ramo siriano di al-Qaeda in Iraq (AQI), un ramo terrorista dell’ultimo Abu Musab al-Zarqawi, noto, dopo che Zarqawi è stato incenerito da un missile americano nel 2006, come Stato islamico dell'Iraq.

    Anche il Dipartimento di Stato sa che l’emiro Abu Du'a è il capo sia di AQI che di al-Nusra, il cui emiro è Abu Muhammad al-Jawlani.

    E' l’AQI che facilita il via-vai di comandanti iracheni – tutti con grande esperienza di combattimenti contro gli americani in aree sensibili in Siria, mentre i siriani, gli iracheni e i giordani che lavorano per al-Nusra stanno al telefono per chiedere finanziamenti dai paesi del Golfo. Al-Nusra vuole - che altro potrebbe volere ?- uno Stato islamico non solo in Siria ma in tutto il Levante. Tattica preferita: autobombe, camion telecomandati e attentati suicidi. Per il momento, mantengono alto un regime di tensione/ collaborazione che fa concorrenza al FSA.

    E poi? La nuova coalizione nazionale siriana è un gioco. Quei bastioni della democrazia del Consiglio del Golfo ormai sono troppo spaventati da questo tsunami jihadista. La Russia ha tracciato una linea rossa e la NATO non oserà bombardare, i russi e gli americani adesso stanno parlando dei dettagli. E prima o poi Ankara vedrà accendersi la lucetta che consente di tornare a una politica che per lo meno minimizzi i problemi con i vicini.
    Assad ha inquadrato lo scenario - in modo chiaro - così pare dal suo discorso "fiducioso". Ora è Assad, di nuovo, contro gli jihadisti. A meno che, o fino a quando, la CIA di nuovo sotto il "Terminator John Brennan" voglia irrompere nello scenario (con una guerra-ombra) con una vendetta.


    Pepe Escobar è autore di Globalistan: How the Globalized World is Dissolving into Liquid War (Nimble Books, 2007) e Red Zone Blues: a snapshot of Baghdad during the surge. Il suo ultimo libro è Obama does Globalistan (Nimble Books, 2009).

    Fonte: Asia Times Online :: Asian news hub providing the latest news and analysis from Asia
    Link: Asia Times Online :: Syria: A jihadi paradise
    11.1.2013
    amaryllide likes this.

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    11,598
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Siria, sospesa la creazione del governo d'opposizione

    L'esercito libero siriano si rivolta contro la Francia

    La Francia ha organizzato l’Esercito libero siriano (ELS), affidandogli perfino come sua bandiera, quella del mandato francese in Siria (1920-1946). Ha ufficialmente fornito armi e fondi, in violazione dei trattati internazionali. E l’ha informalmente inquadrata con ufficiali ed addestratori per rovesciare il governo legale e legittimo. L’ELS ha distrutto le infrastrutture del paese e scatenato grandi combattimenti che sono costati la vita a circa 60.000 siriani, ma non è riuscito a prendere il potere.

    Prendendo atto del fallimento della sua guerra segreta e dell’immancabile sostegno della maggioranza della popolazione siriana allo Stato, la Francia si è disimpegnata dall’ELS quando ha intrapreso la nuova avventura coloniale in Mali.

    Infuriati da questo abbandono, i mercenari dell’ELS si sono rivoltati subito contro il loro alleato di ieri. Il video che vedete è stato girato in una "zona liberata di Bansh", non lontano dal confine con la Turchia, venerdì 18 gennaio 2013.

    Dopo due anni di guerra occulta in Siria, la Francia è stata esclusa dalla Siria e viene sgridata dall’ELS.


  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    11,598
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Siria, sospesa la creazione del governo d'opposizione

    Siria: 53 morti per attacco suicida contro intelligence

    (AGI) - Nicosia, 1 feb. - E' di almeno 53 funzionari uccisi, tra cui sei ufficiali, e una novantina di feriti, il bilancio di un attentato suicida con un'autobomba contro la sede dei servizi d'intelligence militari nel sud-ovest della Siria.
    L'attentato, di cui ha dato notizia l'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, risale al 24 gennaio ed e' avvenuto a Sahsah, unica area abitata nei pressi della citta'-fantasma di Quneitra, ai piedi delle alture del Golan, occupate da Israele.
    Secondo l'organizzazione dell'opposizione in esilio con sede in Gran Bretagna, l'attacco e' opera del Fronte al-Nusra, la fazione piu' radicale tra quello d'ispirazione jihadista che combattono il regime di Bashar al-Assad .

  10. #10
    Cancellato
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    33,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Siria, sospesa la creazione del governo d'opposizione

    Citazione Originariamente Scritto da Turriciano Visualizza Messaggio
    Siria: 53 morti per attacco suicida contro intelligence

    (AGI) - Nicosia, 1 feb. - E' di almeno 53 funzionari uccisi, tra cui sei ufficiali, e una novantina di feriti, il bilancio di un attentato suicida con un'autobomba contro la sede dei servizi d'intelligence militari nel sud-ovest della Siria.
    L'attentato, di cui ha dato notizia l'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, risale al 24 gennaio ed e' avvenuto a Sahsah, unica area abitata nei pressi della citta'-fantasma di Quneitra, ai piedi delle alture del Golan, occupate da Israele.
    Secondo l'organizzazione dell'opposizione in esilio con sede in Gran Bretagna, l'attacco e' opera del Fronte al-Nusra, la fazione piu' radicale tra quello d'ispirazione jihadista che combattono il regime di Bashar al-Assad .

    ditelo al tg3...
    amaryllide likes this.

  11. #11
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    11,598
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Siria, sospesa la creazione del governo d'opposizione

    La Stampa - Siria, libero l?ingegnere italiano rapito

    Siria: opposizione si spacca, Cns contro dialogo con regime

    (AGI) - Beirut, 5 feb. - Il fronte dell'opposizione siriana si spacca: il Consiglio Nazionale Siriano, la sigla principale della piu' ampia Coalizione Nazionale Siriana, ha sconfessato le aperture al dialogo con il regime di Bashar Assad fatte dal Moaz al-Khatib. Quest'ultimo ieri aveva chiarito di essere disposto a trattare on il vice presidente Faruk al-Sharaa, sunnita, non direttamente coinvolto nei massacri. Non solo. "Il Consiglio Nazionale Siriano punta a rovesciare il regime siriano in tutte le sue articolazioni, rifiuta ogni dialogo con esso" si legge in una dichiarazione .
    Ultima modifica di Lawrence d'Arabia; 05-02-13 alle 21:00
    amaryllide likes this.

  12. #12
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    15,469
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Siria, sospesa la creazione del governo d'opposizione

    Citazione Originariamente Scritto da Turriciano Visualizza Messaggio
    (AGI) - Beirut, 5 feb. - Il fronte dell'opposizione siriana si spacca: il Consiglio Nazionale Siriano, la sigla principale della piu' ampia Coalizione Nazionale Siriana, ha sconfessato le aperture al dialogo con il regime di Bashar Assad fatte dal Moaz al-Khatib. Quest'ultimo ieri aveva chiarito di essere disposto a trattare on il vice presidente Faruk al-Sharaa, sunnita, non direttamente coinvolto nei massacri. Non solo. "Il Consiglio Nazionale Siriano punta a rovesciare il regime siriano in tutte le sue articolazioni, rifiuta ogni dialogo con esso" si legge in una dichiarazione .
    con quello che paghiamo i terror...ehm partigiani liberatori della Siria, ci mancherebbe pure che finisse tutto a tarallucci e vino! Più morti per tutti, tanto paghiamo noi!

 

 
Pagina 1 di 3605 121151101501 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Focus Cina
    Di Spetaktor nel forum Eurasiatisti
    Risposte: 134
    Ultimo Messaggio: 14-03-13, 17:00
  2. Focus KPRF
    Di Stalinator nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 07-04-10, 13:47
  3. [Siria] Raid israeliano in Siria
    Di 22Ottobre nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 02-10-07, 21:37
  4. Focus Air
    Di Zanna1982 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 19-02-07, 19:55
  5. Focus Ambiente
    Di Gianmario nel forum Energia, Ecologia e Ambiente
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 06-09-05, 20:26

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224