User Tag List

Pagina 2 di 14 PrimaPrima 12312 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 137
Like Tree22Likes

Discussione: Se questo è un uomo

  1. #11
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,187
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Se questo è un uomo

    è il più avvolto nel mistero.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,679
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Se questo è un uomo

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  3. #13
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,679
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Se questo è un uomo

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #14
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,679
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Se questo è un uomo

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #15
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,679
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Se questo è un uomo

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  6. #16
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,187
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Se questo è un uomo

    diatribe tra ebrei.

  7. #17
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,301
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Se questo è un uomo

    Citazione Originariamente Scritto da dimecan Visualizza Messaggio
    diatribe tra ebrei.
    Come in Germania durante il nazismo.
    Ultima modifica di ventunsettembre; 14-11-13 alle 20:44
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #18
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,679
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Se questo è un uomo

    I Forconi a piazzale Loreto, “qui abbattiamo un altro regime”

    MERCOLEDÌ, 11 DICEMBRE 2013



    SCRITTO DA


    GadBIO

    CONDIVIDI SU



    Questo articolo è uscito su “La Repubblica”.
    Non era mai successo che il leader di una forza politica rappresentata in Parlamento chiamasse le forze dell’ordine a sostenere una rivolta, venendo meno al loro dovere di lealtà democratica. C’è qualcosa di sinistro, un sapore cileno, in questa visionaria pulsione insurrezionale che sollecita i generali dei carabinieri, dell’esercito e della polizia, cui spetta il monopolio della forza, affinché gli uomini in divisa si facciano promotori di una delegittimazione dello Stato. Grillo vaneggia di miccia esplosiva e di Italia in fiamme, inseguendo l’estrema destra che si lascia facilmente riconoscere nel linguaggio dei volantini distribuiti ai blocchi stradali in cui si manifesta la disperazione degli ambulanti, dei camionisti, degli ultràs da stadio. A sua volta imitato dalla destra berlusconiana che spera di recuperare in piazza la verginità perduta in anni di malgoverno.
    La spallata che Grillo già sognava giungesse dai cinque giorni di sciopero a oltranza degli autoferrotranvieri di Genova, dovrebbe trasformarsi in sollevazione per mandare a casa il Parlamento eletto a febbraio e, con lui, il governo e il presidente della Repubblica. Tutti a casa, tutti corrotti, il popolo in piazza. Per iniziativa di chi? Niente meno che dei Forconi, l’opaco movimento che ha avuto per epicentro la patria dell’economia illegale, la Sicilia, e che ora ha raggiunto il Nord Italia viaggiando sui Tir alla volta dei mercati generali ortofrutticoli dove regna il lavoro nero.
    Li incontro davanti all’Upim di piazzale Loreto a Milano, con le bandiere tricolori e i cartelli “Vendesi. Letta liquida tutto”. Chi siete? “Siamo l’Italia”. No, dai, dimmelo. “Il popolo, il popolo che si ribella”. Organizzato da chi? “Da Facebook”. Ma ci sarà pure un coordinatore fra voi… “Prova con quello lì, barba e cappello nero…”.
    Mi si affollano intorno, parlano tutti insieme: “Abbiamo il frigorifero vuoto”… “Ti sembra giusto che a 19 anni devo mantenere mia madre e che ieri hanno pure arrestato mia sorella per un fatto di cui è innocente?”… “Io sono imprenditore, la prima volta che vado in piazza, mi porto la bandiera dell’Italia”… “E io ho una piccola gioielleria…”… “A questo punto ribellarsi è un dovere…”. Siete i Forconi? “Macché, tutte le sigle, Movimento Autonomo Trasportatori, Cobas Latte, Life, Azione Rurale Veneto, sono superate: noi siamo l’Italia”.
    Jacopo Danielli, finalmente un nome, cresta bionda e orecchino, si autodefinisce “anarchico ma con criterio” e distribuisce un manifesto personale in cui critica l’estrema destra che si camuffa dietro ai Forconi; ma intanto è qui anche lui e mi chiede di aiutarli. A fare cosa? “Restiamo per strada finché non se ne vanno a casa tutti e mille gli abusivi del Parlamento, non ce la facciamo più”. Cosa avevate votato? “Cinque Stelle tutta la vita, ma tra di noi troverai anche chi ha votato altro, sì, anche i fascisti”. Perché proprio in piazzale Loreto? “E ce le chiedi? Intanto perché qui è stato appeso a testa in giù il regime di prima, e poi perché da qui si blocca tutta la tangenziale Est di Milano”. Ma siete in poche decine, c’è un sacco di polizia… “Vuoi vedere come fermiamo il traffico? Basta fare un giro ogni dieci minuti…”. “E stasera andremo tutti davanti a Mediaset perché la televisione tiene nascosta la protesta del popolo”.
    Sarà per le bandiere appoggiate sulle spalle, sarà per i ragazzi rasati e vestiti di nero, sarà per quelle signore arrabbiate che distribuiscono il volantino de “L’Italia si ferma” all’uscita del métro (“Ci hanno accompagnato alla fame, hanno distrutto l’identità di un Paese, hanno annientato il futuro di intere generazioni… contro il Far-West della globalizzazione che ha sterminato il lavoro degli italiani… per riprenderci la sovranità popolare e monetaria”), fatto sta che l’atmosfera è quella dello stadio di San Siro la domenica pomeriggio. Difatti parte il coro “Uno di noi, Gad Lerner uno di noi…”, che mi convince a filarmela prima che mi organizzino un blocco stradale apposta. Ci sono dei finanzieri in assetto antisommossa, ma il casco lo portano legato alla cintura.
    Proprio lì di fianco, in viale Brianza, c’è un altro assembramento, sia pure più ridotto: davanti a una delle macellerie più rinomate e care di Milano ci vuole una fila di mezzora per comprare il fassone piemontese a 30 euro il chilo. Eccola qui la solita Italia dei ricchi e poveri, arrabbiata e spaccata in due.
    Questa jacquerie che aspira a trasformarsi in sommossa generalizzata l’avevo sentita montare nei giorni precedenti perfino nei negozi di sperduti paesini del Monferrato. La fornaia che ha finito il pane alle 11 perché i clienti fanno incetta in vista del blocco delle strade. L’ortolano prudente che lo sa già: “Lunedì inutile andare alle 4 del mattino ai Mercati Generali di Torino, tanto saranno chiusi”. Un tam tam del malcontento che non ha bisogno di leader per diffondersi.
    Poi la prima esplosione con gli scontri di piazza davanti alla Regione Piemonte, quella il cui presidente si faceva rimborsare anche le sigarette e i mutandoni. Nell’assedio si ritrovano gli ambulanti di Porta Palazzo, gli autotrasportatori e gli ultràs delle tifoserie già da tempo coalizzati oltre il colore delle maglie. Li unisce una rete tessuta silenziosamente da Forza Nuova e da altre sigle dell’estrema destra. Bastava leggere lo striscione di solidarietà con i sampdoriani cui la polizia aveva impedito di raggiungere Milano, esposto dalla curva nerazzurra di San Siro domenica 1 dicembre.
    La sera di lunedì scorso avevo incontrato la protesta dei Forconi nel centro di Genova, dov’era arrivata per estensione dopo i blocchi delle stazioni e degli snodi autostradali nel Ponente ligure. In basso presidiavano piazza della Vittoria, la stessa del V-day di Beppe Grillo. Ma nel cuore della città, intanto, altri gruppetti sparpagliati di manifestanti senza alcun simbolo, giovani incappucciati, trasportavano le transenne dei cantieri vicini fino in piazza De Ferrari per ostruire l’accesso a via XX settembre. Veloci, silenziosi. Saranno quelli dei centri sociali? Di nuovo un contrasto plateale, nelle strade opulente dello shopping natalizio. L’arteria commerciale intasata dagli automobilisti malcapitati. Qui e là i manifestanti senza nome, drappelli di polizia con l’ordine di lasciarli sfogare. Ma lungo i marciapiedi, davanti alle vetrine del lusso, faceva impressione riconoscere a poche decine di metri l’uno dall’altro alcuni anziani ben vestiti (no, non erano rom) inginocchiati a chiedere l’elemosina. Bisognerà prima o poi raccontarla questa Italia dei nuovi mendicanti, non più solo gli stranieri venditori di rose avvizzite. Il piccolo commercio andato a rotoli, l’economia del finto lavoro autonomo che non regge più e s’incrocia con l’esasperazione dei precari.
    Grillo si offre come capopopolo, aspira a metterli tutti insieme. Propone come catalizzatore del loro malcontento l’obiettivo di decapitare la classe politica dei nominati. Me lo ripetono con gentilezza i manifestanti di piazzale Loreto: “Avevi votato per Bersani e ti ritrovi il governo Letta, sei stato truffato anche tu. Unisciti a noi, siamo senza lavoro e senza soldi, non ci fermeremo finché non li avremo mandati a casa”. “Ieri eravamo alla Bicocca e siccome dal coordinamento nazionale non venivano indicazioni abbiamo deciso di testa nostra di venire qui in Loreto. Domani bloccheremo un’altra zona. I politici devono capire che per loro è finita, non abbiamo niente da perdere”.
    Su via Doria, dietro al monumento dei partigiani trucidati, sfilano i trattori dei coltivatori diretti alla Regione Lombardia. La destra in piazza coi tricolori non può dichiararlo, ma confida di godere della simpatia di ufficiali e poliziotti. Quanto a Grillo, lui ci prova. O la va o la spacca.



    10 COMMENTI



    • GIULIO CESARE · Mercoledì, 11 Dicembre 2013, 8:28 Am
      Povero PATAKKARO, come al solito non hai capito proprio niente o, su ordine del PARTITO, fai finta di non capire, io propendo per entrambe le ipotesi.
      Tu puoi versare tutto il veleno che vuoi su questa gente, puoi nprenderli in giro dall’alto della tua supposta SUPERIORITA’ INTELLETTUALE, ma non li puoi fermare.
      Non li puoi fermare tu, non li possono fermare i LADRI ed iPARASSITI al cui servizio sei da decenni.
      E, non li potete fermare perchè la misura è colma.

      Voi reazionari rossi non potrete fermare il progresso, il 9 dicembre è l’inizio della fine , della vostra fine di parassiti.
      Questa “rivolta” è confusionaria, è un pot pourri di proteste varie, non ha una chiara leadership, non ha le idee chiare, al sud può avere infiltrazioni mafiose, interessi corporativi, ma quello che non sai vedere è quello che succede al nord.
      Al nord non ci sono i forconi, al nord ci sono i produttori di ricchezza che non vogliono più mantenere voi parassiti, potevano farlo quando il grasso colava, ora che siamo all’osso non possono e non vogliono più farlo.
      Saranno loro a darvi il colpo finale.

      Nonostante le tue vanterie tu non hai proprio seguito come è nata questa “rivolta”, non sei stato capace di raccontarla prima ed ora tenti di deleggitimarla con i soliti metodi komunisti, ma questa voltanon ci riuscirete e prima o dopo verranno a prendervi, stratene sicuri, già ve l’avevo scritto anni fa.
      Probabilmente questa volta fallirà, ma la protesta riemergerà, perchè voi parassiti e sociopatici politici siete completamente fuori dalla realtà,vivete nel vostro mondo di privilegi e non siete in grado di interpretare la realtà.
      Guarda i tuoi babbei, per due giorni non sono stati in grado di scrivere un commentino, ma appena li hai imboccati e gli hai parlato di fascisti si sono scatenati con più di 500 commenti, uno spettakolo ignobile per la stupidità e la totale mancanza di intelligenza che caratterizza voi ed il vostro gregge.
      Io mi auguro vivamente che il famoso CIGNO NERO, sia questo, se lo sarà vi vedrete capitare sulla testa l’unica salvezza che ci è rimastaSAN DEFAULT, che spazzerà via voi, il vostro parassitismo e la vostra stupidità.
      Tanti auguri PARASSITI, la storia è già stata scritta.
      Giulio Cesare

      I Forconi a piazzale Loreto, ?qui abbattiamo un altro regime? | Gad Lerner







    Ultima modifica di Eridano; 11-12-13 alle 09:59
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  9. #19
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,679
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Se questo è un uomo

    Ha dimenticato quanto e come egli stesso incitava alla rivolta violenta, quando militava in lotta continua e partecipava alle okkupazioni al liceo e all'università.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  10. #20
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,712
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Se questo è un uomo

    bello il commento di tal Giulio Cesare all'articolo
    Ultima modifica di sciadurel; 11-12-13 alle 10:04
    Scarpon likes this.

 

 
Pagina 2 di 14 PrimaPrima 12312 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Se questo è un uomo
    Di Eridano nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 04-02-10, 16:24
  2. Se questo è un uomo
    Di MarcoGhiotti nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-12-09, 07:10
  3. Se questo è un uomo.....
    Di Caio_Marcello nel forum Politica Estera
    Risposte: 125
    Ultimo Messaggio: 11-09-06, 02:06
  4. se questo è un uomo!
    Di LONGINO nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 30-08-06, 16:33
  5. Se questo è un uomo
    Di Shaytan (POL) nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 18-09-04, 15:06

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226