User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Irap funesta

  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Irap funesta

    Irap funesta

    L'imposta vischiana continua a provocare molti danni alle imprese

    Foglio - Editoriali - Irap funesta

    Un nuovo pasticcio fiscale si sta profilando per l'Irap, l'irrazionale imposta regionale sulle attività produttive inventata da Vincenzo Visco e fatta propria dal primo governo Prodi. Il tributo è stato salvato a stento dalla Corte di Giustizia europea, ma stava cadendo sotto i colpi della Corte costituzionale, in quanto è ufficialmente un'imposta indiretta, quindi un costo di produzione. Ciò nonostante non è deducibile dall'imponibile dell'imposta sul reddito di impresa. Per salvarla dal giudizio negativo dell'Alta corte, il decreto anti crisi approvato a novembre ha introdotto una deducibilità del 10 per cento dell'Irap versata tra 2004 e 2007. Per questo il governo ha stanziato un miliardo di euro, di cui 100 milioni erogabili quest'anno. Ma con il miliardo previsto dall'esecutivo, secondo i calcoli apparsi ieri sul Sole 24 Ore, soltanto il 25 per cento della somma da restituire è coperta. Tre domande su quattro, tra quelle che saranno presentate a settembre, rischiano così di essere respinte.

    Il tentativo dell'attuale ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, è di diluire nel tempo quella che si va configurando come una falla nel bilancio statale. Certo, tutto ci non sarebbe accaduto se Prodi e Visco non avessero escogitato questo tributo senza senso, e se il centro-destra - che nei cinque anni di governo tra 2001 e 2006 aveva promesso di abolire l'imposta, al grido di si scrive Irap ma si legge rapina - avesse allora mantenuto la parola data. Ma il fatto che l'attuale espediente non potrà reggere a lungo conferma come sia giunto il momento di farsi carico della responsabilità di riformare l'Irap.
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,692
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Irap funesta

    Tutto il ridicolo dell'itaglia: una tassa riconosciuta da tutte le parti ingiusta continua ad essere operativa (x poi lamentarsi dell'evasione), dei partiti che all'opposizione l'hanno da sempre contestata ma non la sopprimono, possibilità di rimborso parziale ma senza copertura finanziaria ...

    Fuck off italy

    chi può è meglio che chiuda la partita IVA

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Irap funesta

    Un delirio tutto itagliano...


    Rimborsi Irap: a rischio
    copertura 3 domande su 4


    Rimborsi Irap: a rischio copertura 3 domande su 4 - Il Sole 24 ORE

    Il click day per il bonus ricerca del 6 maggio si è chiuso in 35 secondi, ha detto «no» a tre contribuenti su quattro ed è sfociato in un ricorso collettivo guidato da Unindustria di Bologna contro l'avarizia del fisco. Il prossimo 14 settembre, a mezzogiorno, la corsa telematica si replica, in palio c'è il rimborso parziale del l'Irap 2004-2007 e il risultato rischia di essere ancora più fulmineo e amaro per i concorrenti.

    Tutto nasce dal decreto anticrisi di fine novembre (il 185/2008), che all'articolo 6 ha previsto la deducibilità del 10% dell'Irap dalle imposte dirette, anche per salvare l'imposta regionale da una possibile bocciatura costituzionale. La manovra è riuscita (la Consulta ha "salvato" l'Irap con l'ordinanza 258 del 30 luglio 2009), ma ora i contribuenti devono passare all'incasso. A rimborso si può chiedere l'importo delle imposte pagate su una quota di redditi pari al 10% dell'Irap versata negli esercizi 2004/2007. In pratica si tratta di rideterminare al ribasso reddito e imposta, per allinearsi a quel che si sarebbe dichiarato se all'epoca fosse già stata in vigore la deduzione del 10% dell'Irap che imprese e professionisti applicano a partire da Unico 2009.

    I tempi, dettati dalle Entrate con il provvedimento del 4 giugno scorso (integrato poi il 12 giugno) prevedono che le istanze telematiche siano inviate dalle ore 12 del 14 settembre 2009, ed entro il 13 novembre 2009 per il rimborso di versamenti il cui termine di prescrizione scada tra il 29 novembre 2008 e questa data. In pratica, però, sarà indispensabile sbrigarsi nei primi secondi dopo il via. Tra 2004 e 2007 i privati hanno pagato 109,4 miliardi di Irap, per cui la quota deducibile (il 10%) è di 10,9 miliardi, che si traduce in più 3,6 miliardi (con un'aliquota al 33%) di imposta da riportare in cassa, cui vanno aggiunte le istanze di rimborso già presentate e relative ad anni precedenti. A essere prudenti, in gioco ci sono almeno 4 miliardi. Per il 2009, però, il bilancio statale mette a disposizione solo 100 milioni (cioè il 2,5% della cifra che i contribuenti possono chiedere), e con gli stanziamenti 2010 e 2011 si arriva a quota un miliardo. «Ulteriori stanziamenti», per ora, sono solo promessi, e dovranno fare i conti con le ristrettezze di bilancio aumentate dalla crisi. Per la statistica la copertura basta per circa un quarto delle richieste, proprio come nel bonus ricerca, ma la realtà può essere ancora peggiore. Nella corsa al l'Irap le dimensioni contano ancora di più rispetto al click day di maggio, e se a tagliare il traguardo per prime saranno le grandi imprese, il plafond si esaurirà subito e la platea di chi almeno per ora non si vedrà riconosciuto il diritto al rimborso crescerà ulteriormente.

    Per nutrire qualche speranza di successo, quindi, bisogna prepararsi in tempo. Il primo passo per l'istanza è il conteggio del l'Irap pagata negli anni dal 2004 (compreso il saldo 2003) al 2007. Il 10% del totale costituisce l'importo deducibile. La deduzione è consentita solo se, nel periodo di imposta cui si riferisce il versamento (a saldo o in acconto) la società abbia sostenuto oneri per il personale o per interessi passivi. Ad esempio si può considerare nel calcolo del 2007 il pagamento del saldo Irap 2006 se nel 2006 vi erano interessi passivi o costi del personale. Da chiarire se la deduzione spetta anche qualora gli oneri finanziari siano di ammontare inferiore a quello dei corrispondenti interessi attivi.

    Gli acconti rilevano solo nel limite dell'imposta dovuta per il singolo esercizio. Il credito emerso in dichiarazione (che riduce il valore degli acconti da considerare per l'anno precedente) va poi preso a base (come acconto) della deduzione del l'esercizio successivo se sia stato utilizzato per il versamento, anche con compensazione interna. È inoltre possibile considerare l'Irap pagata a fronte di versamenti effettuati per un ravvedimento operoso, o per iscrizione a ruolo di imposte dovute per accertamento o riliquidazione d'ufficio.

    Quantificata la deduzione, si ricalcola l'imponibile che risulta dalla differenza tra quello dichiarato e l'Irap deducibile. In assenza di casi particolari si calcola quindi l'imposta (Ires, o Irpef e addizionali locali) che sarebbe scaturita sulla base del minor imponibile e si evidenzia il nuovo debito (oppure il nuovo credito) da richiedere a rimborso.

    24 agosto 2009
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  4. #4
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Irap funesta

    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  5. #5
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Irap funesta

    Un altro anello nella catena di ingiustizie

    di Raffaele Rizzardi

    Un altro anello nella catena di ingiustizie - Il Sole 24 ORE

    L'Irap è l'imposta con più primati. È la più iniqua, perché tassa due volte chi dà lavoro regolare in Italia, prima con il pagamento e poi con l'indeducibilità dall'imponibile Irpef o Ires anche per la quota del valore della produzione netta calcolata sui costi e non sull'utile. Non c'è da stupirsi se un tributo così è un incentivo alla delocalizzazione.

    È la più irrazionale, perché occulta nelle imposte sul reddito una parte del costo del lavoro e delle altre voci citate, complicando ogni calcolo in un corretto controllo di gestione e portando i bilanci delle imprese a tax rates stravaganti, che arrivano a superare il 100% dell'utile economico quando i margini operativi sono limitati. Gli enti internazionali che calcolano l'incidenza delle imposte sul reddito delle imprese sono costretti ad indicare in nota che esiste l'Irap, e che i suoi effetti sull'utile non sono valutabili, ma quando realtà come la Banca mondiale calcolano il Total Tax Rate mettono l'Italia al primo posto, con l'80% di imposte, contributi e costi per gli adempimenti.

    Il tema dell'indeducibilità dell'Irap era stato sollevato fin dall'introduzione dell'imposta anche perché (per la parte del costo del lavoro) sostituiva i contributi sanitari, cioè un costo deducibile. E vi erano chiare indicazioni nel rapporto Ruding, da cui nasceranno i progetti europei ancora in corso: le imposte calcolate sui costi deducibili devono essere deducibili.

    La resistenza deriva da un argomento suggestivo ma non vero: bisogna rendere l'Irap indeducibile perché altrimenti la potestà regionale di aumentare le aliquote farebbe calare il gettito erariale. Ma se quest'idea fosse estesa a ogni componente di costo, le imprese che nel 2008 o 2009 non stanno guadagnando come nel 2007 dovrebbero pagare le stesse imposte. I destinatari del gettito saranno pure distinti (stato e regione), ma il contribuente è uno solo e non può subire il cumulo.

    La questione era stata portata alla Corte Costituzionale, ma il caso da cui nascerà la sentenza 156/2001 non obbligava la Corte a prendere posizione: se si chiede il rimborso dell'Irap, il fatto che sia deducibile o meno non è rilevante. Ma fin dal 2004 varie commissioni tributarie avevano sollevato la questione sul quesito specifico: chiedo la restituzione di Irpef o Ires, in quanto ho pagato queste imposte anche sull'Irap, con il rischio di corrispondere un'imposta «sul reddito» anche in situazioni di perdita economica, provocata dal tributo regionale.

    Il Dl 185 ha adottato una soluzione "politica", che era solo un assist alla Consulta per non decidere, come si è poi verificato
    . Non sappiamo che attività svolgessero i remittenti, ma andate a dire ad un terzista che il suo costo del lavoro incide solo per un decimo dell'imponibile Irap e state attenti alle reazioni. La possibilità di dedurre un decimo dell'Irap, retroattiva al 2004, è meglio di niente, ma avremo un altro click day, in quanto i fondi stanziati per questa restituzione sono palesemente insufficienti. E l'individuazione dei destinatari di queste limitate risorse con la lotteria dell'accesso alla rete non fa che aggiungere ingiustizia a ingiustizia.

    240 agosto 2009
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

 

 

Discussioni Simili

  1. Caro Oneto... by l'IRA FUNESTA
    Di Celta boico nel forum Padania!
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 28-08-06, 20:23
  2. L'Iva funesta di Visco
    Di vandeano2005 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-08-06, 18:44
  3. Irap
    Di Ambrogio nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-10-04, 15:40
  4. Irap
    Di Ambrogio nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 19-10-04, 17:36
  5. Storia funesta del Fascismo rielaborata da Tranfaglia
    Di Tomás de Torquemada nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-12-02, 02:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226