SE TE ME DESMENTEGHI

Voi che te sapi 'na roba.

Te lo sé come l'è:
se vardo
la luna de cristal, la rama rossa,
el lento autuno da la me finestra;
se toco,
vizin al fogo,
la zenda fina
o 'na stela de legna seca, rugosa,
tuto me conduse a ti,
come se tuto quel che g'ho intorno,
profumi, luci, feri, ori,
no i fusse altro che picole barchete
che core verso a ti, se te me speti.

Ma però
se a poco a poco te desmeti de volerme ben,
anca mi desmeto a poco a poco.

Se dal dito al fato
te me desmenteghi,
no sta gnanca a zercarme,
che mi to za desmentegà.

Se te credi che sia mato e largo
el vento de bandiere
che passa par la me vita
e te decidi
de lassarme su la riva
del coresin dove ho messo raise,
pensa
che ne lo stesso giorno,
a la stessa ora,
mi levo in alto i brazi
e le me raise le scapa fora
a zercar de l'altra tera.

Però
se ti ogni giorno,
se ogni ora
te senti che a mi te si destinà,
sempre e par sempre;
se ogni giorno spunta
un fiorelin d'amor sora i to labri a dirme ciao,
alora, tesoro caro,
dentro de mi el fogo el se ripete,
gnente se apaga, gnente se desmentega;
parché, questo tientelo in mente,
l'amor mio el se nutre del to volerme ben,
e finché anca ti te lo curi dentro de ti,
te lo porti a spasso,
mi sempre me lo portarò con mi,
proteto in brazo.