User Tag List

Pagina 3 di 7 PrimaPrima ... 234 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 70

Discussione: Mazziniani in LIGURIA

  1. #21
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito tratto dal sito nazionale dell'A.M.I.


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #22
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito tratto da NEWS 2000 LIBERO 7 giugno 2005

    IN MOSTRA MAZZINI E PITTURA '800

    Rassegna e' in programma a Genova per ottobre

    (ANSA) -GENOVA, 6 GIU- Genova sta allestendo per ottobre una mostra dedicata alla pittura dell''800 e Mazzini di cui ricorre il bicentenario della nascita. La rassegna, intitolata 'Romantici e Macchiaioli - Giuseppe Mazzini e la grande pittura europea' e organizzata dal Comune di Genova e Palazzo Ducale, raccogliera' circa 120 quadri dalle maggiori pinacoteche italiane ed europee, a cominciare dalle opere di Hayez, il piu' amato da Mazzini, fino a Lega, autore quest'ultimo del ritratto di Mazzini morente
    [mid]http://utenti.lycos.it/NUVOLA_ROSSA/WONDERFULLIFE.mid[/mid]

  3. #23
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito tratto dal sito nazionale dell'AMI

    Mercoledì 22 giugno 2005

    "Il compleanno di Pippo"

    Ritrovo informale presso la casa di Mazzini a Genova in via Lomellini 11.
    Nessuna ufficialità solo fratellanza e convivialità.

    Ritrovo ore 10/10,30 per l'inaugurazione del rinnovato Museo del Risorgimento nonché casa di Mazzini, alla presenza del Ministro per i Beni e le Attività culturali Prof.Rocco Buttiglione.

    A seguire chi vuole potrà recarsi a Staglieno alla tomba di Mazzini con la delegazione della D.N.

    ore 12 al Teatro Carlo Felice - Concerto di musiche risorgimentali

    ore 13/13,15 Ritrovo Conviviale (gli amici di Genova ci prenoteranno un locale dove potremo incontrarci e pranzare. Chi è intenzionato ad esserci è cortesemente invitato a segnalare la sua presenza e quella di amici alla Segr.Org.va entro il 15 giugno p.v. - Telefonando allo 0546.942974 (h.14,30-17,00) o al 320.6213983 )

  4. #24
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito tratto da SUPEREVA.It 19 giugno 2005

    STORIA: MAZZINI, GENOVA FESTEGGIA I 200 ANNI DELLA NASCITA

    Roma, 19 giu. - (Adnkronos) - Genova, citta' natale del padre del Risorgimento italiano, celebrera' in maniera solenne il bicentenario della nascita di Giuseppe Mazzini (22 giugno 1805). Mercoledi' prossimo, giorno esatto della ricorrenza, si terra' l'naugurazione del ''Museo del Risorgimento Istituto Mazziniano'', in quella che fu la casa del patriota, in via Lomellini 11. Alla cerimonia prendera' parte il ministro dei Beni Culturali, Rocco Buttiglione. Per festeggiare Mazzini, il rinnovato Museo del Risorgimento sara' aperto fino al 26 giugno con ingresso gratuito.

  5. #25
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito tratto da IGN Liguria 21 giugno 2005

    CULTURA, A GENOVA IL BICENTENARIO DELLA NASCITA DI MAZZINI
    Domani il capoluogo ligure rende omaggio al suo illustre concittadino


    Genova, 21 giu. - (Adnkronos/Adnkronos Cultura) - Domani ricorre il Bicentenario della nascita di Giuseppe Mazzini, e Genova, sua citta' natale, dedichera' per l'occasione alcune iniziative per celebrare l'illustre concittadino. Si terra' presso l'Oratorio di San Filippo, dalle ore 17.00, il convegno dedicato a ''Giuseppe Mazzini e la democrazia in Europa'', che verra' introdotto da Luca Borzani, assessore alla Cultura del comune di Genova e da Roberto Speciale, presidente Centro InEuropa. In occasione dell'incontro sara' presentato il volume dal titolo ''Pensieri sulla democrazia in Europa'' di Giuseppe Mazzini, a cura di Salvo Mastellone, editore Feltrinelli.

    Il momento centrale del programma sara' costituito dalla riapertura del Museo del Risorgimento, che verra' inaugurato proprio domani, restaurato con il contributo della Compagnia di San Paolo, rinnovato nel percorso museale e arricchito di supporti didattici e multimediali. All'inaugurazione, che si terra' alle ore 11, partecipera' Rocco Buttiglione, ministro per i Beni e le Attivita' Culturali.

  6. #26
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito tratto da http://www.pri.it

    22 giugno 2005: riapre la casa di Mazzini

    Il prossimo 22 giugno, nella ricorrenza esatta della nascita di Mazzini riapre a Genova il Museo del Risorgimento, in quella che fu la casa del profeta repubblicano, in via Lomellini 11.

    Di seguito riproduciamo la lettera che l'amico De Carolis, ha inviato al Sindaco di Genova, Giuseppe Pericu, e, per conoscenza, al Dott. Leo Morabito, Direttore dell'Istituto Mazziniano.

    Illustrissimo Sindaco, a seguito di contatti intercorsi con la Sua segreteria, Le comunico la delegazione del PRI che parteciperà all'inaugurazione del Museo del Risorgimento a Genova, nella giornata del 22 giugno p.v.

    Trattasi di:

    On. Francesco Nucara, Vice Ministro dell'Ambiente e Segretario nazionale del PRI;

    On. Stelio De Carolis, Coordinatore nazionale del Comitato per le celebrazioni del Bicentenario della nascita di Giuseppe Mazzini;

    Dott. Giancarlo Camerucci, Amministratore del PRI;

    Dott. Alfio Lamanna, Presidente regionale del PRI della Liguria;

    Giuseppe Alongi, Responsabile regionale del PRI della Liguria.

    Widmer Valbonesi, Segretario regionale del PRI dell'Emilia Romagna;

    Mariaconcetta Schitinelli, Presidente Associazione Res Publica.

    Alla cerimonia, che avrà inizio alle ore 11 in Via Lomellini n. 11, parteciperanno anche delegazioni provenienti da varie località italiane.

    La ringrazio per l'attenzione che vorrà riservare a questa mia e, con l'occasione, Le porgo le espressioni della più viva cordialità.

    Il Coordinatore, on. Stelio De Carolis


  7. #27
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito tratto da AGI 22 giugno 2005

    BICENTENARIO MAZZINI: CIAMPI, ESEMPIO PER PATRIOTTISMO EUROPEO

    (AGI) - Roma, 22 giu. - "Il restaurato Museo del Risorgimento, che viene inaugurato nel giorno del duecentesimo anniversario della nascita di Giuseppe Mazzini, puo' e deve diventare punto di riferimento per il nuovo patriottismo europeo di tutti gli italiani". E' scritto nel messaggio del presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, a Giuseppe Pericu, sindaco di Genova, in occasione del bicentenario della nascita del patriota.
    "Mazzini - si legge ancora nel messaggio - con il suo pensiero e con la sua azione, e' stato fra i protagonisti del nostro Risorgimento quello che ha piu' contribuito a restituire l'Italia agli italiani, affermando un nesso inscindibile fra i valori dell'unita' e dell'indipendenza e quelli della democrazia repubblicana. Lo spirito della Costituzione italiana, frutto duraturo della lotta di liberazione e del secondo Risorgimento, e' profondamente mazziniano per il richiamo al dovere come fonte dei diritti, all'associazionismo come strumento concreto di solidarieta', alla coesione sociale, garantita da una cittadinanza consapevole, basata sull'educazione. Mazzini e' stato un testimone autentico e appassionato della fratellanza fra le nazioni europee. La sua idea di patria supera i limiti angusti dei nazionalismi, per guardare all'Europa come federazione di popoli, uniti dalla fede comune nei valori di liberta' e di uguaglianza".
    "Mi auguro - conclude Ciampi - che molti giovani, anche attraverso il museo che oggi si apre, tornino ad accostarsi a Mazzini. Egli non e' un'icona del passato: e' un maestro, sempre attuale, di moralita' politica e civile, di religiosita' laica, di senso di umanita' aperto al rispetto di tutte le culture e del loro apporto al divenire della umanita'".

  8. #28
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito tratto da YAHOO Groups "I Repubblicani" 8 luglio 2005

    Romantici e Macchiaioli
    Giuseppe Mazzini e la grande pittura europea

    Genova. Palazzo Ducale

    21 ottobre 2005 – 12 febbraio 2006

    Due grandi scuole della pittura dell'Ottocento, Romantici e
    Macchiaioli, vengono presentate attraverso il gusto critico di una
    guida d'eccezione: Giuseppe Mazzini (Genova 1805 – Pisa 1872).
    Mazzini, uomo di profonda cultura, fu sempre persuaso che per creare
    una vera nazione, oltre che rinnovare la società e le coscienze,
    fosse necessario unire anche culturalmente la penisola. Era convinto
    che in questo grandioso disegno l'arte potesse svolgere un ruolo
    fondamentale; soprattutto la grande pittura che era sempre stata un
    vanto e un forte motivo di identità storica per gli italiani.

    Nel suo bellissimo saggio, La peinture moderne en Italie, pubblicato
    a Londra nel 1841 identifica nel Romanticismo il movimento che ha
    saputo dare espressione agli ideali del secolo, diventando quell'arte
    nazionale e popolare interprete dei cambiamenti che stavano
    sconvolgendo in tutto il mondo la politica e la società. Un'arte che
    si faceva interprete delle aspirazioni del popolo avviato a
    conquistare la ribalta della storia. La mostra, per ricordare in modo
    originale il bicentenario della nascita di Mazzini, presenta i
    capolavori dei protagonisti del Romanticismo Italiano quali Canova,
    Appiani, Hayez, Luigi, Camuccini, Francesco e Giuseppe Sabatelli,
    Giuseppe Bezzuoli, Pelagio Palagi, Massimo d'Azeglio, Giuseppe
    Molteni, Giovanni Migliara, e molti altri, dando rilievo soprattutto
    alle opere che egli ha conosciuto e di cui ha saputo scrivere in
    maniera straordinaria. La presenza di dipinti significativi di Paul
    Delaroche o Paul Scheffer conferisce il giusto rilievo a pittori
    allora molto famosi in tutta Europa e particolarmente amati in
    Italia. L' allestimento intende sottolineare lo stretto rapporto che
    ricollega il pensiero e i giudizi sull'arte di Mazzini con le opere
    esposte. Egli infatti rievoca, attraverso i dipinti degli artisti da
    lui prediletti, in particolare quelli di Hayez, gli eventi salienti
    della storia dell'umanità che furono espressione di uno spirito
    collettivo: dalle Crociate, alla lotta per l'indipendenza della
    Grecia contro l'oppressione turca, alle rivoluzioni divampate nel
    1830 a Parigi e nel 1848 in tutta Europa. La gloriosa e drammatica
    vicenda della Repubblica romana (1848-1849), di cui Mazzini insieme a
    Garibaldi è stato il grande protagonista, è adeguatamente evocata,
    nelle due sezioni collocate al centro della mostra, da dipinti di
    particolare fascino. Da un lato vaste tele allegoriche che riflettono
    il suo pensiero sul destino dell'Italia e sulla sua missione, come
    faro di civiltà, nel mondo. Dall'altro, in un suggestivo contrasto i
    piccoli, ma bellissimi, dipinti dei pittori-soldati, come Gerolamo
    Induno, o Federico Faruffini, che erano presenti a quegli eventi
    eroici, e che hanno raffigurato, in maniera commovente, Roma
    devastata dalla guerra.

    La fine di quella grandiosa utopia segna la partenza per la seconda
    parte della mostra, completamente diversa dalla prima per tipo di
    opere, contenuti e allestimento. Sono qui esposti i dipinti dei
    Macchiaioli, pittori rivoluzionari ispirati ai principi democratici e
    repubblicani mazziniani che volevano gettare, attraverso un'arte
    assolutamente diversa, le basi di una società nuova. Elaborarono,
    quindi, una pittura alternativa rispetto a quella romantica dove il
    messaggio veniva affidato non più ai procedimenti narrativi o ad
    espedienti melodrammatici, ma alle forme e al colore, come poi negli
    Impressionisti. I capolavori di Fattori, Signorini, Abbati, Borrani,
    Cecioni e Lega documentano l'influenza del pensiero e degli ideali
    mazziniani in questi artisti che hanno cambiato il nostro modo di
    vedere.


    Le sezioni della mostra

    I. In un secolo di grandi ideali, i protagonisti
    Napoleone, Byron e Alfieri rappresentano secondo Mazzini gli ultimi
    eroi di una storia fatta dai grandi individui, cui subentrano
    nell'Ottocento, quegli ideali collettivi e civili di cui si sono
    fatti interpreti i grandi poeti, come Foscolo e Manzoni, i musicisti,
    come Donizetti e Rossini, le protagoniste di una società nuova, come
    Giuditta Pasta e Cristina Belgiojoso.

    II. Gli eroi neoclassici. Il culto dell'antichità e della forma
    Per Mazzini nei pittori neoclassici, come Appiani, Camuccini, Bossi e
    Benvenuti, la "forma predomina sulla sostanza, la Materia sullo
    Spirito".

    III. I Romantici e la pittura civile
    Mazzini vede nel Romanticismo Storico l'arte "dell'avvenire" dominata
    da una nuova spinta ideale.

    IV. Il culto di Dante
    La Divina Commedia era interpretata come uno dei simboli
    dell'identità nazionale.

    V. Hayez e il sentimento dell'ideale
    Mazzini riconosce in Francesco Hayez il "capo della Scuola di Pittura
    Storica, che il pensiero Nazionale reclamava in Italia". Il messaggio
    appare più esplicito nei capolavori degli anni quaranta, quando
    elabora delle figure femminili allegoriche che rappresentano l'Italia
    e il suo destino.

    VI. Roma 1848-1849: la difesa della repubblica romana
    Tra il 1848 e il 1849 molti artisti accorsero da tutta Italia a
    difesa dell'impresa di Garibaldi e Mazzini. Tra questi emersero
    Ippolito Caffi e, in particolare, Gerolamo Induno e Federico
    Faruffini.

    VII. Mazzini, Garibaldi e la sua leggenda
    Lo scultore Adriano Cecioni, abbina le immagini di Garibaldi e
    Mazzini rappresentandoli senza alcuna retorica. Sulla stessa linea
    Gerolamo Induno, Lega e Fattori alimentano la leggenda di Garibaldi
    come eroe popolare, dimensione che Mazzini invece non riuscirà a
    raggiungere.

    VIII. Mazzini, i Macchiaioli e la guerra di liberazione
    I Macchiaioli toscani, ma anche i lombardi Induno e Faruffini, furono
    protagonisti del passaggio dalla pittura del Romanticismo Storico ad
    un realismo che rappresentò senza retorica le guerre risorgimentali.

    IX. Il Risorgimento nei cuori dei semplici
    Tanto i Macchiaioli toscani, come Odoardo Borrani, quanto i pittori
    lombardi, come Domenico Induno, hanno saputo rendere con efficacia i
    risvolti quotidiani e popolari delle lotte risorgimentali.

    X. Le ombre dei grandi tra le antiche mura d'Italia
    Gli antichi monumenti medievali, vennero raffigurati dai Macchiaioli,
    in particolare Giuseppe Abbati, Odoardo Borrani e Vincenzo Cabianca,
    come luoghi sacri alla storia della patria, dove poter riflettere e
    trovare rifugio da quell'Italia in cui non si riconoscevano.

    XI. I valori del lavoro e della fatica quotidiana
    Ispirati dal pensiero di Mazzini e dal socialismo di Proudhon i
    Macchiaioli hanno esaltato i valori di una società fondata sulla
    famiglia, sulla solidarietà e caratterizzata dai ritmi lenti di
    un'economia agricola.

    XII. Lega, Fattori e il Risorgimento tradito
    Nel ritratto di Mazzini morente di Lega e negli ultimi soggetti
    militari di Fattori si avverte un forte sentimento di dramma e di
    disagio, dovuto alla disillusione peri una nazione che si era appena
    formata e già stava, tradendo gli antichi ideali e lo spirito
    democratico della Giovane Italia e del 1848.

    .............................................
    messaggio di mazziniello
    tratto da YAHOO Groups "I Repubblicani"
    ... 610 iscritti ad oggi
    http://www.politicaonline.net/forum/...?s=&forumid=46

  9. #29
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito tratto da http://www.pri.it

    Bicentenario nascita Mazzini: Manifestazione a Genova

    Una delegazione del Partito Repubblicano Italiano, guidata dal Segretario Nazionale e Viceministro dell'Ambiente onorevole Francesco Nucara, nella giornata di martedì 20 settembre 2005 sarà a Genova, la città che nel 1805 dette i natali a Giuseppe Mazzini, per visitare la tomba monumentale al cimitero di Staglieno e depositare, in seguito, una corona al Monumento sito in via Grenchen.

    Successivamente presso la Sala delle Conferenze dello Starhotels – Corte Lambruschini 4 – alle ore 19,00 il professor Bruno di Porto dell'università di Pisa terrà una conferenza intitolata "Il Ligure d'Italia, d'Europa, del Mondo".

    L'incontro è stato promosso dal Comitato Nazionale del Pri, per il bicentenario della nascita di Giuseppe Mazzini il cui presidente, senatore Stelio De Carolis, ha tenuto sottolineare come Genova e il 20 settembre costituiscano dei veri e propri simboli per i valori del Risorgimento e dell'unità d'Italia.

  10. #30
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito tratto da BUR.It 15 settembre 2005

    A LUCIANO RUSSI IL PREMIO "MAZZINI"

    Allo storico del pensiero politico Luciano Russi, rettore dell'Università degli Studi di Teramo, è andato il Premio Mazzini, edizione 2005 per "i suoi studi sul pensiero politico risorgimentale e per l'alto contributo dato alla storia delle dottrine politiche con il recente volume su Rodolfo De Mattei, insigne studioso della political culture italiana dell'800".

    --------------------------------------------------------------------------------

    Il Premio Mazzini, che è stato conferito a Luciano Russi nel Salone d'onore della Villa Durazzo di Santa Margherita Ligure, è stato istituito lo scorso anno "in occasione del bicentenario della nascita dell'apostolo dell'unità d'Italia" dal Centro Internazionale di Studi Italiani dell'Università di Genova, dall'Istituto Mazziniano di Genova e dal Comune di Santa Margherita Ligure. Nel 2004 il Premio è stato conferito a Bianca Montale, ordinario di storia contemporanea e studiosa del Risorgimento genovese

 

 
Pagina 3 di 7 PrimaPrima ... 234 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Mazziniani in ABRUZZO
    Di nuvolarossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30-01-09, 17:15
  2. Mazziniani nel VENETO
    Di nuvolarossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 85
    Ultimo Messaggio: 01-12-08, 10:39
  3. Mazziniani in UMBRIA
    Di nuvolarossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 13-11-06, 10:41
  4. Mazziniani in CALABRIA
    Di nuvolarossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 22-05-06, 20:18
  5. Mazziniani in Romagna
    Di jeronimus2002 (POL) nel forum Repubblicani
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-09-02, 21:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226