User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Immigrazione

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Cividât
    Messaggi
    1,554
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Immigrazione

    A poco più d’un anno dall’insediamento delle camere è finalmente passata la nuova legge sull’immigrazione.
    Era una della idee su cui ci s’era maggiormente spesi durante al scorsa compagna elettorale, anzi durante tutti gli ultimi due anni d’agonia dell’esecutivo di sinistra.
    Viste le premesse qualcuno avrebbe voluto più decisione, più rapidità.
    A costoro sommessamente ricordo che in questi stessi giorni anche in Austria è giunta in porto una nuova regolamentazione sullo stesso argomento e che quel governo, con gli uomini di Haider, è in carica dal febbraio 2000.
    Una volta tanto a Roma s’è stati più tempestivi che a Vienna.
    Per carità mentre nelle due capitali continentali si dibatteva per settimane e mesi il governo britannico ha deciso, senza bisogno di sentire la Camera di Comuni, d’inviare la Royal Navy a bloccare le carrette del mare in Mediterraneo, le navi di Sua Maestà sono già sul posto e ancora noi attendiamo la legge pubblicata in gazzetta ma tant’è.
    Tornando alla nuova norma l’opinione pubblica voleva questa legge e la Casa delle Libertà, non questo o quel partito della coalizione, ne fece un punto qualificante del programma con cui vinse la scorsa primavera.
    Quest’impegno con l’elettorato era dunque vincolante per tutti quelli che vennero eletti sotto l’unico simbolo della CdL nei collegi uninominali, cioè il 100% dei parlamentari CCD-CDU.
    Non è stato così, purtroppo abbiamo rivisto l’antico uso democristiano di prendere i voti a destra e usarli a sinistra.
    Sintomatica di ciò l’uscita d’un autorevole esponente centrista, questi redarguì il solito «rozzo» leghista dicendogli che la campagna elettorale era finita e cominciava il tempo di «far politica», come dire che un DC in servizio permanente effettivo non si sente vincolato dalle promesse elettorali né dai programmi sottoscritti.
    Come a dire che «far politica» significa fare qualcosa di diverso da quello per cui ci s’è impegnati con gli elettori.
    Nulla di nuovo, prassi antica, antica ma non per questo meno deleteria per il Paese, prassi praticabile in tempi di guerra fredda quando non c’erano alternative, ben difficile da perseguire oggi quando nessuno ha più voglia né bisogno di votare turarsi il naso.
    Fors’anche questa è una chiave di lettura per il recente insuccesso della CdL alle Amministrative.
    Al di là di tutto però questa è la migliore delle leggi possibili: permetterà di programmare i flussi migratori, darà alle Forze dell’Ordine qualche strumento efficace per contrastare la clandestinità il che oggi è pressappoco una fatica di Sisifo, eliminerà quei vergognosi privilegi contributivi di cui fino ad ora hanno goduto i lavoratori extracomunitari e diminuirà il potere di quella banda che si fa chiamare caritas.
    Sarebbe stato necessario qualcosa di più? Certo ma se non lo si è potuto fare il «merito» non è dei centristi ma dell’Europa.
    Non va dimenticato che oggi non siamo più una Nazione sovrana, libera di autodeterminarsi nella proprie scelte. L’Unione Europea, al di là ed al disopra d’ogni rappresentanza democratica ha già imposto la propria politica sull’immigrazione di cui non si può non tener conto.
    La Commissione, da ben prima dell’arrivo di Romano Prodi, ha sposato la politica dell’accoglienza indiscriminata e dell’assoluta indifferenza ad ogni reciprocità.
    Hanno enfatizzato il postulato dell’eguaglianza giuridica: «a condizioni eguali trattamento eguale» dimenticato il secondo enunciato: «a condizioni differenti trattamento differente».
    Bruxelles ha azzerato il valore della cittadinanza, oggi trattare individui in modi diverso perché in diversa posizione riguardo lo status giuridico di cittadino diventa discriminazione, andatelo a raccontare a chi ha il passaporto degli Stati Uniti d’America, vedrete le risate che si fa.
    Un malinteso diritto d’eguaglianza tra soggetti che eguali non sono diventa il grimaldello per scardinare secoli di civiltà giuridica.
    E bastasse questo! L’UE considera minoranze etniche gruppi d’immigrati.
    Dunque un individuo che singolarmente ha deciso di trasferirsi in un luogo, sovente scelto per motivi puramente contingenti, se vi trova altri individui della sua stessa origine diventa minoranza etnica con tutti i diritti che le vere minoranze hanno ottenuto con secoli di lotte e persecuzioni, se mai li hanno effettivamente ottenuti.
    Con queste premesse non si poteva far di più, centristi o no, era assai difficile fare una legge diversa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    Napule
    Messaggi
    52
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Cumplimenti !!

    Cumplimenti Comandante Ulà, isto pezzo stà davvero buono assai !

    EVVIVA SEMPRE O GRANDE COMANDANTE LAURO NUOSTRO !!!

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Cividât
    Messaggi
    1,554
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    troppo buono comandante, troppo buono

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Cividât
    Messaggi
    1,554
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dimenticavo le impronte digitali, obtorto collo son passate ma a condizione che siano perse a tutti.
    E perché mai? Perché mai lo Stato dovrebbe schedare me incensurato, impormi un fastidio se io non chiedo nulla? Non hanno capito o, peggio, è mancato il coraggio morale di dire, che, per chi non ne è cittadino, entrare in questo paese non è diritto ma privilegio, generosa nostra concessione, per la qual cosa val bene insozzarsi i polpastrelli.
    Lo Stato non mi può umiliare imponendomi d’andare in giro in mutande ma può porre ciò come condizione imprescindibile per regalarmi un miliardo, starà a me decidere se ne valga la pena.
    Le impronte sono condizione per ricevere qualcosa che non è dovutol premesso di soggiorno, viste così, nulla ne giustifica il prelievo al Civis Italicus incensuratus.
    Il governo Blair è in crisi di credibilità anche per aver ventilato l’ipotesi d’introdurre nel Regno le carte d’identità, ciò è stato percepito come una inaudita provocazione alle secolari libertà britanniche, noi accettiamo contenti la schedatura, grande è la differenza tra una nazione di liberi borghesi ed una d’ex servi della gleba

  5. #5
    Nihil.
    Data Registrazione
    10 Mar 2002
    Località
    Ulandia
    Messaggi
    823
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A parte la ratio ispiratrice, è una legge che non può funzionare perché troppo rigida e perché la burocrazia italiana non funziona.
    Aumenterà il giro di affari di qualche funzionario corrotto e resterà l'illegalità di massa.
    E fotterà chi vuole seguire le regole, come prima.
    Occorrerebbe un qualche raccordo con agenzie private di "collocamento" ed un minimo di flessibilità.
    Sarà l'ennesima grida manzoniana.

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Apr 2002
    Messaggi
    191
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Immigrazione

    Originally posted by Ulan
    .... era finita e cominciava il tempo di «far politica», come dire che un DC in servizio permanente effettivo non si sente vincolato dalle promesse elettorali né dai programmi sottoscritti.
    Caro Ulan....mi pare che in costituzione sia previsto che si viene eletti senza vincolo di mandato....e questo è un dovere morale per senatori e deputati!!! Se questa è la costituzione del nostro stato vuol dire che chi " non si sente vincolato dalle promesse elettorali né dai programmi sottoscritti" si comporta come previsto dalla costituzione.


    Paolone Giudice costituzionale

  7. #7
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    52,732
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    ovverossia si sentiva vincolato solo dagli ordini di scuderia dello sconosciuto (non tanto poi)..... convitato di pietra che regna in ogni partito........ lo stesso in ogni partito.....
    però la chiamiamo democrazia....
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  8. #8
    Nihil.
    Data Registrazione
    10 Mar 2002
    Località
    Ulandia
    Messaggi
    823
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il WALL STREET JOURNAL: Bossi-Fini, legge cattiva

    Il quotidiano Usa critica la nuova normativa sull'immigrazione. "Anziché migliorare la situazione, rischia di peggiorarla, favorendo l'illegalità".


    ROMA - Il titolo dell'articolo è "La cattiva legge dell'Italia". Il giornale che lo ha pubblicato è il Wall Street Journal Europe, che il più delle volte si è espresso a favore delle politiche del Governo Berlusconi. Ma non questa volta giacché al centro del commento non certo lusinghiero c'è uno degli ultimi provvedimenti varati dal nostro esecutivo: la Bossi - Fini sull'immigrazione.
    E' Francis Rocca a firmare l'articolo comparso nel numero in edicola oggi. "Certo gli italiani sono preoccupati per l'immigrazione illegale - sottolinea il commento - ma l'Italia ha disperatamente bisogno di immigrati, in quantità sempre maggiore di quanti ne abbia accolti finora".
    A sostegno della tesi, il commentatore ricorda che il nostro paese è quello con la popolazione più vecchia del mondo, con uno dei più bassi tassi di fertilità (1,2 figli per madre) e con livelli di disoccupazione che al Sud arrivano anche oltre il 20%. Proprio in base a queste osservazioni, sottolinea Rocca "per preservare il suo
    attuale numero di lavoratori in rapporto ai pensionati, e mantenere così sostenibile il suo sistema previdenziale l'Italia avrebbe anzi bisogno di accogliere in media 2,1 milioni di stranieri l'anno".
    Il commentatore spiega che la Bossi - Fini fissa un ''rigido legame tra lavoro e permesso di soggiorno'', e anziché facilitare questo processo, "aggiunge molti più livelli di burocrazia al processo di assunzione".
    Il rischio è quello di "stringere troppo i requisiti per l'immigrazione" e quindi di portare "più facilmente le persone a rivolgersi ai canali illegali". La legge Bossi-Fini, in definitiva, ''non contribuirà a risolvere alcuno di questi problemi e anzi li peggiorerà".
    Quello che serve all'Italia è piuttosto ''tagliare l'immigrazione illegale e accrescere quella legale. Che peccato - conclude il commento - che questa legge sia disegnata proprio per fare il contrario".

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-05-09, 00:52
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-05-09, 00:51
  3. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 09-11-08, 19:44
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-11-08, 15:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226