User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: 1°Maggio 2004

  1. #1
    BENESSERE&OZIOXTUTTI
    Data Registrazione
    14 Apr 2002
    Località
    prov di CO
    Messaggi
    2,527
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito 1°Maggio 2004

    Oltre la festa


    «Questa è la nostra Festa», disse Giovanna Marini, accarezzando la sua chiatarra, dal palco del concerto di piazza San Giovanni. Era giusto un anno fa, il 1 maggio 2003, quando ancora a quel concerto era concessa la diretta tv. Sembra così ovvia, questa dizione, ma non lo è, nient'affatto. La Festa del Lavoro, che prima di entrare nei calendari ufficiali era costata lunghe lotte, sangue e morti, celebrava il ruolo centrale dei lavoratori dipendenti, degli operai, degli ultimi: un contenuto eversivo che irrompeva nell'agenda istituzionale - e la rompeva. Una giornata di segno classista che, una volta ogni trecentosessanticinque giornate, accettava la sfida, e il rischio, dell'integrazione. Vincendola anzitutto nella sua concretezza simbolica: perchè la Festa del lavoro era il non-lavoro. Era la sospensione generalizzata dell'atto del produrre, l'arresto di quella che oggi chiameremmo la "tecnomacchina". Era, soprattutto, l'idea della liberazione del e dal lavoro salariato - sfruttato, alienato. In quel giorno, in quei Primi Maggi, la società intera, la società borghese, era costretta a guardare suo malgrado ad un'altra possibilità: quella di un mondo dove il lavoro non sarebbe stato più sfruttato, ma poteva trasformarsi in una libera attività degli esseri umani associati.

    E oggi? Oggi la Festa celebra se stessa riallacciandosi alla sua forma più antica: quella della lotta. La rivolta operaia di Melfi ci parla proprio di questo: della insopportabilità di una condizione operaia che sa di schiavitù, sia pure di schiavitù modernissima e ipertecnologizzata. E che si ricollega quasi direttamene agli operai che scendevano in piazza per chiedere le otto ore e la fine di ritmi disumani di lavoro: proprio come il capitalismo del XXI secolo assomiglia tremendamente a quello selvaggio, ottocentesco o protonovenentesco, che non tollerava nè rivendicazioni organizzate nè manifestazioni di autonomia dei subalterni. In realtà, la storia non si ripete mai. La lotta di classe che riesplode nel cuore della crisi della globalizzazione non è solo un ritorno, e forse non è affatto un ritorno - è soprattutto un nuovo inizio. Gli operai di Melfi, come i lavoratori dell'Alitalia, come qualche mese fa gli autoferrotranvieri - ma anche come il nuovo precariato giovanile che sfilerà oggi tra Milano e Barcellona - rispondono a un nuovo potere padronale che prevede per loro solo uno stato di totale assoggettamento. Che sopprime le garanzie e i diritti più elementari, a cominciare da quello di un contratto decente. Che pretende di controllare (appropriandosene) tutto il loro tempo. La precarizzazione del lavoro e della vita, ecco l'unico progetto di cui è capace il capitalismo nella sua fase tardoliberista e regressiva. L'angosciosa guerra guerreggiata che divampa in Iraq e nel Medio Oriente ha il suo organico pendant nella più silenziosa ma quasi altrettanto feroce guerra scatenata contro il lavoro. Altro che festa!


    Il nuovo movimento operaio - quello che ricompone i giovani precari con la classe operaia ex-garantita, l'intellettualità di massa con i soggetti alla ricerca di "spazio pubblico", i movimenti nati dal rifiuto della globalizzazione con le antiche organizzazioni dei lavoratori - trova qui, in questo Primo Maggio, le sue ragioni e le sue radici. Oggi è anche il giorno in cui l'Europa si allarga a dieci nuovi membri. Ma, se vorrà davvero esistere, essa non potrà non essere l'Europa della pace e dei lavoratori.

    Rina Gagliardi

    (tratto da Liberazione, 1Maggio2004)
    TUTTO IL POTERE AI SOVIET!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    BENESSERE&OZIOXTUTTI
    Data Registrazione
    14 Apr 2002
    Località
    prov di CO
    Messaggi
    2,527
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    San Precario, che la festa ti accompagni

    Intervista a Alex Foti, agitatore di ChainWorkers e «inventore» della MayDay Parade di Milano. «Siamo innovatori delle forme di comunicazione e crediamo di essere più avanzati della sinistra sindacale»
    LUCA FAZIO
    MILANO
    Si schermisce. Il copyright è assolutamente free, però Alex Foti, agitatore dei ChainWorkers, di fatto è l'inventore del concept di Euro MayDay Parade. Traduzione: a Milano (ore 15, Porta Ticinese) oggi va in scena la più grande festa dei nuovi lavoratori, perché è qui che si danno appuntamento almeno 60 mila under (e over) 35 iperstressati esternalizzati e impoveriti. Una sfilata lunga 40 carri che rimbalzerà in mezza Europa, connessa in tempo reale via telefonini e computer. Il tutto in contemporanea con la parata di Barcellona e con ramificazioni che vanno da Palermo (ore 17, piazza Politeama) a Helsinki.

    Dopo quattro edizioni la MayDay Parade è diventata la più grande manifestazione non «cammellata» del movimento. Come è stato possibile in così poco tempo, tenendo ferma la barra su una questione come quella del precariato?

    Più che di una questione, si tratta di un soggetto precario, un'identità radicale creatasi con azioni in supermercati, call center e centri commerciali. Man mano crescevano le reti di attivazione di precari e cognitari, le alleanze con il sindacalismo di base e con la sinistra metropolitana. Siamo una startup politica e mediattiva che ha avuto l'intuizione di creare un immaginario attraente per le mobilitazioni in difesa di diritti sociali. E così dal 2001 la partecipazione è cresciuta esponenzialmente da 5000 a 50000 persone. L'anno scorso tutti se ne sono accorti e sono cominciati i tentativi di appropriarsi del suo messaggio, tentativi falliti.

    Come mai?

    Quando Rifondazione comunista e sinistra sindacale hanno iniziato a guardare al mayday italiano, noi ci siamo spostati sulla dimensione transeuropea. Cerchiamo sempre di essere innovatori delle forme di comunicazione e partecipazione politica.

    Eppure a sinistra pochi hanno colto l'importanza di tutto ciò. Come si può spiegare?

    La presa di parola della società civile prodotta dal neoliberismo, cioè i precari, dà fastidio perché mostra di essere più avanzata rispetto alla sinistra sindacale e politica.

    C'entrano la guerra e la pace con il 1° maggio precario?

    Siamo tutti arcobaleno e abbiamo scritto sul poster «Pace-Paz» con evidenti intenti zapateristi. Barcellona e Roma hanno visto le più grandi manifestazioni per la pace al mondo, Italia e Spagna hanno il record di precarietà fra i paesi europei. Siamo da sempre contro l'occupazione dell'Iraq, ma oggi c'entrano soprattutto la flessibilità coatta in Europa, Melfi, gli intermittenti francesi, i ricercatori, gli scioperi selvaggi degli autoferrotranvieri. Ci poniamo il problema di Wal-Mart, Carrefour e Esselunga, certo senza trascurare quello di Rumsfeld e Cheney.

    Qual è la novità di quest'anno?

    La dimensione transeuropea e reticolare dei conflitti e delle realtà sociali di Italia, Francia e Catalogna-Spagna. È davvero una euro mayday parade, preparata da decine di assemblee iniziate a novembre, come quando siamo andati a presentare il progetto all'Hamsa e al Macba, il museo d'arte catalano dove le precarie museali si sono autorganizzate per difendersi dall'outsourcing. Discussa a Parigi e Milano con Intermittenti e Stop précarité. Preparata mediattivamente da Indymedia, Yomango, Global. Attraversata dalle carovane da Trieste e dalla Slovenia, reti per il reddito di Roma e Bologna, cognitari della Sapienza, il Nordest radicale, Action Milano e Roma, gli anarcociclisti della Critical Mass. Con un immaginario inaugurato dalla nascita di San Precario, il santo patrono dei conflitti contro il liberismo.

    È vero che la Fiom questa volta sarà con i precari?

    Sì, qualcuno verrà. La Fiom ci aveva chiesto di attenuare il paragrafo dell'appello che esprime ostilità e alternatività a San Giovanni confederale e a tutto quello che rappresenta, come condizione per una partecipazione piena. Noi abbiamo replicato che sosteniamo la mozione della loro maggioranza contro il moderatismo sindacale, ma che l'appello non si poteva cambiare. Poi sono venuti alle nostre assemblee, e siamo lieti che la Fiom lombarda partecipi. Con la Cgil non abbiamo mai avuto un gran rapporto, ci vedono come guastatori e un po' troppo autonomi. Siamo un pugno in un occhio per chi vuole portare avanti gestioni moderate dell'esistente e soffoca il conflitto. San Precario non è figlio di san Giovanni: è nato orfano. Dopo i blocchi e le cariche di Melfi ammiriamo molto il coraggio della Fiom. La Mayday è nata nel 2001 da un patto di agitazione fra ChainWorkers, Bulk e Cub. Dalla seconda edizione è presente tutto il sindacalismo di base. Anche se partecipa la sinistra Cgil e il comitato vicino al Prc contro la legge Biagi, la parade è sempre stata percepita come un'alternativa alla stanca manifestazione del mattino.

    Nel 2001 pochi soggetti politici e sindacali vi avevano preso sul serio, oggi invece tutta una folla variegata vi rifila gran pacche sulle spalle. La rigidità di alcuni, però, non rischia di appesantire un movimento che è stato capace di attirare migliaia di persone proprio per la sua agilità e freschezza?

    Sì, soprattutto quest'anno con le elezioni alle porte. La tendenza tipica al «frazionalismo» della sinistra ha attraversato anche la mayday, ma siamo riusciti a contenerla in uno spazio sufficientemente condiviso. Ma è chiaro: viste le pressioni partitiche, questa rischia di essere l'ultima mayday autorganizzata. Il prossimo anno ci concentreremo sull'8 marzo...

    Oggi sarà un successo. Ma il problema - ed è lo stesso del movimento quando calendarizza troppo la protesta - è riuscire a incidere sul presente. Come agire il giorno dopo, quando bisogna «capitalizzare» le energie spese e portare a casa risultati concreti...

    Ci siamo sbattuti dal 2 di maggio al 30 aprile con azioni contro la precarietà: ogni mayday rappresenta i soggetti in conflitto di quell'anno in una progressione di presa di coscienza collettiva. Chiediamo flexicurity: sicurezza esistenziale nell'era della flessibilità.

    Va bene, ma dopo?

    Sta emergendo una rete di web café e sportelli che vogliamo unire con la franchise di San Precario. E poi c'è la Magna Charta dei precari che vogliamo portare a Bruxelles insieme ai francesi, catalani e spagnoli.

    (tratto da Il Manifesto, 1Maggio2004)
    TUTTO IL POTERE AI SOVIET!

 

 

Discussioni Simili

  1. Genova: dati di maggio 2004
    Di goafan nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 09-07-04, 11:49
  2. 26 maggio 2004 All'Hotel BRUFANI-PERUGIA
    Di natoW nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-05-04, 16:07
  3. 26 maggio 2004 All'Hotel BRUFANI-PERUGIA
    Di natoW nel forum Umbria
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-05-04, 15:55
  4. 28 ottobre 1922 - 22 maggio 2004: LA MARCIA SU POL
    Di Capitan Harlock nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 23-05-04, 23:53
  5. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 03-05-04, 14:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226