User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Milano - Insubria

  1. #1
    Tradizion semper Viv !
    Data Registrazione
    24 Jan 2003
    Località
    INSUBRIA
    Messaggi
    533
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Milano - Insubria

    Milan (Milano), situated on the flat plains of the Po Valley, is the capital of Lombardy and Italy’s richest and second largest city. Wealthy and cosmopolitan, the Milanesi enjoy a reputation as successful businesspeople, equally at home overseas and in Italy. Embracing tradition, sophistication and ambition in equal measure, they are just as likely to follow opera at La Scala as their shares on the city’s stock market or their chosen football team, AC or Inter Milan, at the San Siro Stadium.
    Better known for being new and fashionable, Milan has never willingly thrown out the old. Three times in its history, the city had to rebuild after conquest by foreign invaders. Founded in the seventh century BC by Celts, the city, then known as Mediolanum (‘mid-plain’), was first sacked by the Goths in the 600s (AD), then by Barbarossa in 1157 and finally by the Allies in World War II, when over a quarter of the city was flattened. Milan had to make an art of recovery, successively reinventing herself under French, Spanish and then Austrian rulers from 1499 until the reunification of Italy in 1870. It is a miracle that so many historic treasures still exist, including Leonardo da Vinci’s Last Supper, which survived a direct hit in World War II. The Milanesi’s appreciation of tradition includes a singular respect for religion, to the extent that they even pay a special tax towards the Cathedral maintenance. It is therefore fitting that the city’s enduring symbol is the gilded statue of the Virgin, on top of the Cathedral (Il Duomo).

    http://www.cityguide.travel-guides.c...tyOverview.asp
    http://www.ryanair.ie/dest/bergamo.html
    http://www.paliotours.com/webpage/milan_guide.htm
    http://www.edenviaggi.com/milan_leisure.asp
    http://www.flycheapol.com/europe/defaultitaly-milan.asp
    www.languagesabroad.com/pdfs/milan.pdf



    Origin/Meaning:
    Founded by the celtic people Insubri around the 15th century b.C. in the middle of the Valle Padana (from which the Latin name Mediolanum derives), Milan is one of the main towns in northern Italy.

    http://www.ngw.nl/int/ita/m/milano.htm



    Origins and Early History
    Clear references to the history of the Celts are first found in the late Bronze age (the 13th century BC) with the beginning of the Canegrate culture. The name comes from the archaeological excavation at "Canegrate" near Legnano north of Milan, where important finds were made. The Canegrate culture was founded by Celts who came from the Northwest alpine region and settled in the area between the Lake of Maggiore and the Lake of Como. They brought a language with them from which "Old-Celtic" continuously developed. They lived in direct proximity to the Golasecca- Celts of the Ticino (their name stems from the important archaeological finds in "Golasecca" at the place where the Ticino river flows out of the Lake of Maggiore) and the Helvetians in the north whose settlements reached far towards southern Germany.

    http://www.maasberg-therme.de/eKelten.html

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up Milano celtica

    Oh finalment..hoo leggiuu quasi tutt è la cosa più evidente è che tutti questi "siti" scritti in inglese riportano che "Milano è stata fondata dai Celti...ecc. ecc. Come mai in itaglia non lo si è quasi mai scritto o detto e tantomeno insegnato..anzi ogni volta lo si è eventualmente accennato con derisione? Ma vi rendete conto che ingiustizia e mistificazione mafiosa..sempre per difendere l'unità che serve solo per prendere i nostri danee? Beh..sta cambiando on quaj còss...Grazie grandissimo Bossi..che ci hai fatto aprire gli occhi..grazie..grazie

  3. #3
    Enciclopedista
    Data Registrazione
    18 Apr 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,627
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Milano celtica

    In origine postato da armida
    Oh finalment..hoo leggiuu quasi tutt è la cosa più evidente è che tutti questi "siti" scritti in inglese riportano che "Milano è stata fondata dai Celti...ecc. ecc. Come mai in itaglia non lo si è quasi mai scritto o detto e tantomeno insegnato..anzi ogni volta lo si è eventualmente accennato con derisione? Ma vi rendete conto che ingiustizia e mistificazione mafiosa..sempre per difendere l'unità che serve solo per prendere i nostri danee? Beh..sta cambiando on quaj còss...Grazie grandissimo Bossi..che ci hai fatto aprire gli occhi..grazie..grazie

    C'è anche scritto che fu distrutta e ricostruita tre volte. Dunque
    non rimane nulla dei Celti. La verità storica è che Milano fu
    civilizzata dai Romani. A Milano ci sono ancora le tracce delle
    mura romane, dell'arena ecc.; non c'è nulla dei Celti.
    Diderot

  4. #4
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    mai stato in piazza Mercanti vero, diderot?

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Milano - Insubria

    L'elemento romano e' scomparso da Milano grazie al lavoro realizzato nel 538 d.C. da un esercito capeggiato dal goto Uraia.
    W Uraia.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking Origini di Milano

    Ma dai..è pazzesco..capissi minga..o voi itagliani siete invidiosi delle origini celtiche di Milano...non si può spiegare altrimente la vostra acrimonia..Ti consiglio di leggere il libro "I Celti e Milano". di Marco Fulvio Barozzi - ediz. terra di Mezzo - (lo trovi tranquillamente alla Hoepli), poi acquista la Celtic Map della Keltia editrice - Aosta..scrivi i tuoi dubbi a : [email protected]...ma forse hai ragione..prima dei romani a Milano c'erano i dinosauri..sì..sì te gh'è reson. Ma mi gh'hoo pù temp..gh'hoo de andà..ritorneremo su questo argomento...su..sii corretto..dai. Te saludi

  7. #7
    Tradizion semper Viv !
    Data Registrazione
    24 Jan 2003
    Località
    INSUBRIA
    Messaggi
    533
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Archeologia insubre: Mediolanum-Medhelan

    Per molto tempo il ruolo fondamentale della Milano Insubre nella storia della Gallia Cisalpina, attestato da molteplici fonti antiche, è sfuggita all'indagine archeologica, fino a tempi recenti. Tuttavia, come ci informa il seguente utilissimo brano di sintesi, tratto da un'opera di difficile reperibilità di Maria Teresa Grassi, storica e archeologca docente alla Università degli Studi di Milano, che cose, infine, sono mutate.

    "Fino a tempi recentissimi, una lacuna grave dell'archeologia insubre riguardava il centro di Mediolanum, a cui tutte le fonti antiche riconoscevano un ruolo di primo piano nell'organizzazione territoriale politica degli Insubri (1).

    Ma i numerosi scavi stratigrafici condotti, a partire dagli anni '80, dalla Soprintendenza Archeologica della Lombardia in diverse zone di MIlano stanno ora gradualmente colmando questo vuoto.

    La completa edizione degli scavi darà un contributo fondamentale alla conoscenza della Mediolanum insubre, per cui appariva finora quanto meno anomala la totale assenza di documentazione.

    In particolare, per il IV-III sec. a.C. risultano di grande interesse gli scavi di via Moneta del 1991, di cui finora sono state pubblicate soltanto alcune notizie preliminari (2).

    In via Moneta è stato identificato, per la prima volta, un elemento strutturale dell'impianto insubre di Mediolanum, un fossato difensivo, le cui dimensioni ridotte hanno indotto a credere che fosse destinato "ad un edificio sacro o ad un settore dell'oppidum occupato da costruzioni di particolare importanza (3).

    IL suo riempimento, che costituisce il terminus ante quem per l'utilizzo del fossato, si data alla metà del II sec. a.C., in un momento di trasformazione urbanistica della città, legata alla fase iniziale della romanizzazione.

    Numerosi sono i frammenti residui di ceramica di IV-III sec. a.C. in giacitura secondaria (4), a cui si deve aggiungere un reperto numismatico eccezzionale, una dracma padana di stile "naturalikstico" del III sec. a.C., dall'Arslan attribuita alla zecca insubre mediolanense (5).

    Questi primi dati, seppure ancora preliminari, aprono finalmente uno squarcio sulla Milano insubre del IV-III sec. a.C., scomparsa a causa dei cospicui interventi urbanistici del II-I sec. a.C. che travolsero le frragili strutture della fase precedente.
    [da pag. 23 di Grassi, Maria Teresa - La *romanizzazione degli Insubri : Celti e Romani in Transpadana attraverso la documentazione storica ed archeologica / Maria Teresa Grassi. - Milano : ET, 1995. -Collana di studi di archeologia lombarda]


    NOTE
    (1) Kruta, 1993, Città e territorio presso i Celti: il caso INsubre in "NotMIlano, LI-LII, pp. 47-54
    (2) Ceresa Mori, 1990-1991, La Tarda età del Ferro a Milano alla luce dei recneti ritrovamenti, in SIbrium, 21, pp. 247-258; Ceresa Mori 1992, La zona del Foro e l'urbanistica di Mediolanum alla luce dei recenti scavi in Felix Temporis Reparatio, a cura di G. Sena Chiesa e E.A. Arslan, Atti del Convegno Archeologocio Internazionale "MIlano Capitale" (Milano, 8-11 marzo 1990, Milano, pp. 27-43) p. 28
    (3) Ceresa Mori 1990-1991 cit. p. 254
    (4) M. Tizzoni, Prime osservazioni sui materialipreromani provenienti dagli scavi di via Moneta e della Biblioteca AMbrosiana di Milano in Sibrium, 21, 1990-1991, p. 259 ss.
    (5) pp. 78-81 Arslan, 1990, Le monnayage celtique de la plane du Pò (IV-III siecles avant J.C.) in Etudes Celtiques, XXVII, 1990, pp. 71-97; Arslan 1991, Le monete, in Scavi MM3, 3.2, pp. 321-331

  8. #8
    Tradizion semper Viv !
    Data Registrazione
    24 Jan 2003
    Località
    INSUBRIA
    Messaggi
    533
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Scrive Anna Ceresa Mori (Le origini di Milano, in 3° Convegno Archeologico Lombardo - La Protostoria in Lombardia, Atti del Convegno, Como, Villa Olmo 22-23-24 ottobre 1999, pagg. 368 segg.), importante funzionaria della Sopraintendenza Archeologica Lombarda, docente all'Università degli studi e protagonista delle campagne di scavo a Milano negli ultimi anni:

    "L'area presumibile dell'insediamento del periodo di Golasecca IIIA, di un'estensione pari a 12 ettari, ottenuta collegando i ritrovamenti del V secolo a.C., comprende la zona attorno alla piazza del foro, corrispondente all'attuale Biblioteca Amrosiana, tra le piazze Pio XI e S. Sepolcro, e quella tra via Meravigli, Piazza del Duomo e via Valpetrosa.
    Essa è vicina per estensione a quella dell'insediamento preromano di Brescia, stimato di 15 ettari. Lo sviluppo di questo centro (MIlano) doveva essere legato alla sua posizione strategica tra le Alpi e il Po, il Ticino e l'Adda ...
    (si possono) riconoscere ... i lavori di ristrutturazione urbanistica e ricostruzione, effettuati tra la fine del II secolo a.C. e l'inizio del successivo (dunque a cavallo degli anni 100 a.C.) ...
    .. non è possibile dire molto sulle caratteristiche dell'insediamento protourbano del IV-II sec. z.C. che probabilmente, come suggerisce la dislocazione di reperti ceramici residuali, coincideva con quello del V secolo a.C. per collocazione ed estensione, o lo superava di poco. ... Si può ipotizzare la presenza di un fossato difensivo che, che parrebbe corrispondere, verso sud, alla depressione visibile nella sezione NE-SW, dopo la via Valpetrosa, in corrispondenza delle mura repubblicane.
    Un fossato con sezione a V e tracce di palizzata lignea lungo il lato nord, riferibile al II sec. a.C., rinvenuta sotto la sede stradale dell'attuale via Moneta, doveva circondare un edificioo un gruppo di edifici di particolare importanza all'interno dell'oppidum.
    Il ritrovamento di ceramiche di IV-III secolo a.C. in via Conca del NAviglio fa supporre la presenza di insediamenti minori collegati all'oppidum, probabilmente lungo importanti direttrici viarie.
    Con il vasto interento di ristrutturazione urbanistica, che inizia alla fine del II secolo a.C. la città si espande fino a raggiungere l'estensione che sarà definita in epoca cesariana della cortina difensiva, corrispondente a circa 80 ettari.
    Sembrano dimostrarlo le tracce di costruzioni in legno riscontrate in alcuni scavi: via Moneta, Biblioteca Ambrosiana, piazza Missori, via S: Margherita, via S. Maria Fulcorina, PIazza Duomo, via S. Maria Pedone.
    Partendo da una superficie di 12 ettari, o fors edi poco superiore, nel V-III secolo a.C. ... l'insediamento sembra estendersi fino ad 80 ettari in un arco di tempo abbastanza breve, tra la secodna metà del II secolo a.C. e l'inizio del I secolo a.C.
    All'inizio di tale trasformazione sembra essere un concorso di circostanze favorevoli: l'inizio di un periodo di pace dopo la vittoria romana del 197 a.C. e la ratifica di foedera (equa, senza sottomissione - n.d.r.) tra gli Insubri e i Romani, il consolidarsi di legami tra Roma e le aristocrazie indigene e una conseguente accellerazione del processo di assorbimento di nuovi modelli culturali. Non a caso proprio alla fine del II secolo a.C. si registra a Mediolanum l'inizio delle produzioni locali di ceramica a vernice nera.
    Lo scavo che meglio può illustrare il MUTAMENTO GRADUALE delle tecniche edilizie e LA CONTINUITA' DELL'IMPIANTO URBANISTICO è quello di via Moneta. Nel passaggio dalle costruzioni su fondazioni in ciottoli della fase II, della fine del II secolo a.C., realizzate in legno o legno e terra, alle strutture cont ecniche a telaio, in opus craticium, della fase III, a quelle su fondazioni a strati della fase VI, l'orientamento degli edifici viene costantemente rispettato.
    .. L'assetto urbanistico doveva essere stato condizionato, nella sua configurazione di epoca romana, dall'organizzazione spaziale dell'oppidum insubre. Essa a sua volta era definita dalla presenza di canali e delle importanti vie di comunicazione terrestri che, dipartendosi a raggiera dal centro dell'abitato, ne facevano un fondamentale nodo di traffici commerciali già in epoca protostorica".

  9. #9
    Tradizion semper Viv !
    Data Registrazione
    24 Jan 2003
    Località
    INSUBRIA
    Messaggi
    533
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Le origini di Milano: ricerca in corso.

    Rapporto del Gruppo Archeologico milanese:

    Stiamo da un po di tempo lavorando, nell'ambito del Gruppo Archeologico Milanese e guidati dall'archeologo professor Dario Savoia, sulle origini di Milano.
    Il termine finale della ricerca è l'anno 49 a.C., quando con la concessione della cittadinanza romana, avviene un salto di qualità decisivo rispetto alle fasi precedenti legate alle origini celtiche di Milano, età del bronzo, fase di Golasecca IIIA, età del ferro, fase lateniana, ecc.
    Stiamo studiando i ritrovamenti, utilizzando, tra l'altro, i Notiziari della Soprintendenza Archeologica Lombarda, e abbiamo già collezionato non poche indicazioni su scavi e reperti, esclusivamente nell'area di Milano città, di grande interesse, e generalmente pochissimo conosciuti al di fuori della ristretta cerchia degli specialisti.
    1) Biblioteca Ambrosiana (Piazza Pio XI n. 2 - Milano) Gli scavi hanno distinto i ritrovamenti in base ai periodi ai quali sono stati fatti risalire.
    Nel periodo 2 sono stati trovati materiali del V secolo a.C. tipici della fase di Golasecca IIIA, come frammenti di vasi, una fibula,e altro materiale in frammenti, tra cui un vaso attico, che rivela la presenza di una figura con veste panneggiata, oltre a frammenti etruschi, e testimoniano come Milano già in epoca golasecchiana, quindi PRIMA delle invasioni transalpine e della conseguente fase lateniana, fosse un importante centro di interscambio commerciale.
    Ma la cosa più curiosa sono i ritrovamenti del periodo 1, ovvero due urne funerarie, di finitura piuttosto grossolana, contenenti resti umani e di pecora o capra, e altro materiale residuale di un banchetto funebre;. Considerando che i Celti, golasecchiani o transalpini, collocavano le proprie necropoli FUORI dagli insediamenti abitativi, si è dedotto che questa sepoltura sia piuttosto arcaica, e comunque collocabile nell'età del bronzo, senza ulteriori dettagli (Notiziario Soprintendenza Archeologica del 1990).
    2) Via Moneta (vicino a Cordusio, di fronte alla Banca d'Italia): dal 1987 in poi sono stati eseguiti differenti scavi.
    In uno di questi sono state ritrovate 130 buche che attestano l'esistenza di un focolare dell'età golasecchiana (orientato in direzione differente da quella tipica degli edifici romani), in un altro sono stati ritrovati frammenti vascolari della stessa epoca.
    E' pure stato ritrovato un fossato difensivo, del II scolo a.C., che la letteratura in materia indica come identico a quelli scavati dai romani, ma anche a quelli degli oppida celtici in Gallia transalpina. La circostanza che lo stesso sia stato riempito poi con materiali di origine lateniana, attesta la cessazione della sua funzione difensiva, a seguito probabilmente delle battaglie del 190 a.C. contro i romani (Notiziario Soprintendenza Archeologica del 1987-1990-1994)..
    3) Gli scavi connessi ai lavori per la costruzione della linea metropolitana 3 hanno evidenziato elementi di grandissimo interesse. La stranezza di Milano è che la fase romana ha visto una strutturazione della città decisamente anomala rispetto al classico modello basato su cardo e decumano. Gli scavi hanno confermato l'esistenza di importanti assi viabilistici PRE-ROMANI, dunque celtici, che collegavano Milano a Como, Bergamo, Brescia, che hanno condizionato in modo decisivo la Milano romana.
    Il lavoro che stiamo svolgendo è una ricerca di grandissimo interesse, e porterà alla pubblicazione di un dossier che riassumerà i risultati di quel che stiamo svolgendo.

    Archeologico

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking

    Bellissimo condensato "ripasso" sui Celti e Milano. Teniamolo in mente..e, me hoo gianmò dii: "spanteghiamo". Grazie

 

 

Discussioni Simili

  1. Piramidi in Insubria
    Di Eridano nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-06-13, 20:58
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-05-11, 21:48
  3. Insubria
    Di semipadano nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 02-10-10, 11:50
  4. Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 27-04-04, 21:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226