User Tag List

Pagina 7 di 20 PrimaPrima ... 67817 ... UltimaUltima
Risultati da 61 a 70 di 191
Like Tree7Likes

Discussione: global warming...?

  1. #61
    Makeru ga, katta
    Data Registrazione
    07 Sep 2002
    Località
    Before you all die ghastly, horrible deaths, let me take the hour to describe my latest plan for world domination! Uhauhauha!
    Messaggi
    35,439
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da testadiprazzo Visualizza Messaggio
    Ci penserà la natura a ridurre la popolazione ..quando sarà il momento..non troppo lontano.
    e credo che le zanzare non saranno una causa tanto marginale..
    Dovrò fare una ricerca per vedere dove non ci sono zanzare al mondo..e sicuramente sarà quella la terra ..eletta..
    Prima cominciamo la ricerca..e meglio è...

    Le zanzare latitano dove vi è alta concentrazione di animali che se ne cibano (passerotti, fringuelli, pipistrelli, ecc.)

    Moltissime specie di questi animali si sono estinte perchè più vulnerabili all'inquinamento atmosferico (o comunque non si trovano più nelle grandi città ma tendono ad andare nelle campagne... dove sono cacciati perchè vanno a mangiare nei campi). Il risultato è un forte aumento delle zanzare.
    _______________________
    Gli zeri, per valere qualcosa,
    devono stare a destra.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #62
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    andiamo sempre meglio

  3. #63
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Patto Visualizza Messaggio
    La bozza di un nuovo studio dell' ONU sul riscaldamento globale profetizza effetti ancora più drammatici di quelli finora noti. Il giornale tedesco "Welt am Sonntag" cita dichiarazioni di scienziati ai quali il governo tedesco ha chiesto di valutare e commentare il nuovo studio ambientalista dell' ONU, che uscirà nel 2007.
    Secondo questo studio il riscaldamento globale non può più essere fermato, al massimo rallentato, ma solo con interventi drastici. Fino al 2100 la temperatura media si alzerà di 3 gradi, e l' antartide d' estate sarà priva di ghiaccio. Nell' Europa centrale in estate le temperature supereranno i 40 gradi, di notte i 20.
    Il riscaldamento avrà conseguenze anche per le Alpi: fino all' anno 2050 i ghiacciai piccoli saranno spariti, quelli più grandi ridotti del 70%.

    hai pvt

  4. #64
    Obama for president
    Data Registrazione
    10 Apr 2003
    Località
    Venezia
    Messaggi
    29,096
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Patto Visualizza Messaggio
    La bozza di un nuovo studio dell' ONU sul riscaldamento globale profetizza effetti ancora più drammatici di quelli finora noti. Il giornale tedesco "Welt am Sonntag" cita dichiarazioni di scienziati ai quali il governo tedesco ha chiesto di valutare e commentare il nuovo studio ambientalista dell' ONU, che uscirà nel 2007.
    Secondo questo studio il riscaldamento globale non può più essere fermato, al massimo rallentato, ma solo con interventi drastici. Fino al 2100 la temperatura media si alzerà di 3 gradi, e l' antartide d' estate sarà priva di ghiaccio. Nell' Europa centrale in estate le temperature supereranno i 40 gradi, di notte i 20.
    Il riscaldamento avrà conseguenze anche per le Alpi: fino all' anno 2050 i ghiacciai piccoli saranno spariti, quelli più grandi ridotti del 70%.
    .

  5. #65
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito

    Giorgio Bianco sul tema

    In realtà, la teoria del riscaldamento globale di origine antropica è estremamente dubbia ed è oggetto, da più parti, di contestazioni sia di ordine scientifico sia di ordine storico.
    Dal punto di vista scientifico, il primo e più clamoroso dato è il fatto che, malgrado anni di studi, la reale influenza della CO2 sulla temperatura e sui cambiamenti climatici non è affatto chiara. Lo dimostra il clamoroso capovolgimento delle previsioni rispetto agli anni Settanta, quando era moneta corrente la teoria secondo cui l'aumento dell'anidride carbonica avrebbe determinato un drammatico abbassamento della temperatura, una pericolosa avanzata dei ghiacciai, insomma un progressivo congelamento del pianeta, che secondo alcuni si sarebbe trovato alle soglie nientemeno che di una nuova Era glaciale. Un'altra spia del carattere poco scientifico delle posizioni degli ambientalisti catastrofisti va individuata nel fatto che la loro propaganda ha finito per generare una grave confusione concettuale e semantica, con la sovrapposizione della teoria del riscaldamento globale e l'effetto serra, fenomeno assolutamente naturale e addirittura indispensabile all'esistenza della vita sul pianeta. L'espressione «effetto serra», infatti, sta ad indicare il fatto che l'atmosfera trattiene i raggi del sole, che diversamente, una volta colpita la superficie terrestre, rimbalzerebbero nello spazio. Conseguenza dell'effetto serra è che la temperatura globale sulla Terra è di circa +15°, mentre se l'atmosfera non trattenesse il calore che arriva dal sole la temperatura sarebbe di circa -18°, il che renderebbe impossibile la sopravvivenza di molte forme di vita, inclusa quella umana.
    Tutt'altro che scontato, al contrario di ciò che pensa la maggior parte degli ambientalisti, è poi il fatto che il riscaldamento globale in cui essi vedono unicamente un apportatore di catastrofi sia conseguenza delle attività lavorative dell'uomo: dalla metà del XIX Secolo la temperatura è aumentata di circa 0,8°C (circa 0,6°C nell'arco del XX Secolo). Ora, è indubbio che le emissioni antropogeniche siano andate aumentando fin dai tempi della Rivoluzione industriale, ma quello che si omette sistematicamente di specificare è che, negli ultimi cento anni, il riscaldamento globale si è quasi interamente concentrato in due precisi lassi di tempo, dal 1910 al 1945 e dal 1975 ad oggi: una discontinuità che contraddice le tesi sull'origine antropica del riscaldamento globale. Questa variazione sembrerebbe piuttosto parte di un più ampio processo cui l'uomo è del tutto estraneo.
    La storia del pianeta ci rivela, infatti, che il clima è sempre stato soggetto a variazioni, con un'alternanza di periodi caldi e periodi freddi determinata da fenomeni assolutamente estranei alla presenza e al comportamento dell'uomo. Lo scienziato Antonino Zichichi ha ricordato che «nell'ultimo mezzo miliardo di anni la Terra ha perso per ben quattro volte le due calotte polari: niente ghiacci al Polo Nord e niente al Polo Sud. E per quattro volte le ha rifatte. E l'uomo non c'era». Inoltre, «140 milioni di anni fa le calotte polari ingigantirono estendendosi fino a latitudini molto basse. Oslo e San Pietroburgo erano parte della calotta polare. 280 milioni di anni fa i ghiacciai del Polo Nord arrivarono a toccare Suez in Africa, Lhasa in Tibet e Houston negli Usa. 420 milioni di anni fa Praga e Vancouver erano parte della calotta polare».
    D'altra parte, la Terra ha avuto periodi climatici molto più caldi di quello attuale, in nessun modo attribuibili a cause antropiche, dal momento che le attività umane erano irrilevanti, e che non hanno determinato, a dispetto degli eco-apocalittici, alcuno sconvolgimento catastrofico. «Nel 218 a.C. - scrivono Riccardo Calcioli e Antonio Gaspari - Annibale attraversò le Alpi con gli elefanti e con un esercito abituato alle temperature africane, per invadere l'Italia. Ề certo che non c'era neve sulle Alpi. Secondo i paleontologi che hanno studiato la civiltà camuna, giunta al suo massimo sviluppo attorno al 300 a.C., in quell'epoca il clima della Val Camonica era subtropicale umido. In una valle laterale della Val d'Aosta esistono i ruderi di un mulino, risalente almeno al 2000 a.C., alla quota di oltre 2000 metri sul livello del mare dove oggi, al massimo, si scia. Il cosiddetto "uomo di Similaun" (5500 a.C. circa) ritrovato da escursionisti in un ghiacciaio in fase di retrogradazione, era, in base all'abbigliamento leggero, un personaggio di rango appartenuto a una popolazione di cacciatori e pastori che viveva a quote comprese tra i 2.000-3.000 metri di altitudine. [...] I ritrovamenti di resti di animali e piante, testimoniano che circa 5.000 anni fa in Italia vivevano elefanti, gazzelle, antilopi e una vegetazione che oggi esiste nella zona subtropicale in prossimità delle savane. Il record degli anni più caldi spetterebbe ai cinque secoli medioevali compresi tra l'800 e il 1300». Per parte sua, Philip Scott, professore emerito di bio-geography all'Università di Londra, ha osservato che «epidemie, carestie e collasso economico si susseguirono in occasione della piccola glaciazione. Quando la temperatura cominciò a scendere i raccolti diminuirono e l'attività vinicola in Inghilterra morì. Non capisco perché ci sono tante persone che hanno paura di un clima più mite».
    Lo scorso agosto Richard Hollingham, giornalista della rete TV della BBC, ha diffuso un reportage sul viaggio da lui compiuto in Groenlandia per documentare gli effetti dei cambiamenti climatici causati dall'uomo: «La Groenlandia - racconta - è una massiccia isola serrata dal ghiaccio [...] è solo avvicinandosi alla base dei ghiacciai che ci si rende conto di come il paesaggio stia cambiando. Pochi metri sopra, la roccia è totalmente nuda». Il tanto temuto riscaldamento globale sta determinando una graduale ritirata dei ghiacci, e la vegetazione ricomincia a comparire: «questa terra vede il sole per la prima volta da milioni di anni». In realtà, quest'isola di 2,16 milioni di chilometri quadrati (la più grande del mondo), popolata da 57mila abitanti e coperta all'81% da ghiacci, è tornata da circa due decenni a coltivare patate nella zona meridionale. Sempre nel Sud è stata piantata nel 1988 la prima moderna foresta groenlandese, il Greenlandic Arboretum, a Narsarsuaq, con centomila piante di specie diverse.
    Ma la novità più importante, come ci informava il Sole 24 Ore qualche giorno fa, sta nel fatto che, come anticipato dalle prospezioni iniziate nel 1992 dal Servizio geologico danese, nei fondali marini della zona di Disko Bay, nello Stretto di Davis, fra Groenlandia e Canada, potrebbero celarsi bacini petroliferi in grado, se la loro presenza fosse confermata dalle trivellazioni, di garantire prosperità e una vera indipendenza, anche politica, a questo enorme e quasi deserto territorio, dal 1979 dotato di un Governo autonomo sotto la Corona danese. Per questo, i geologi danesi ed il Bureau of Minerals and Petroleum Groenlandese, apriranno nel 2006 alla ricerca petrolifera una zona di mare di oltre 66mila chilometri quadrati nello Stretto di Davis: l'operazione, che prenderà il nome di Disko Bay Project, ha già suscitato interesse in tutte le prime dieci compagnie petrolifere mondiali.
    Le prospezioni sismiche e satellitari hanno dato segnali positivi, che tuttavia potranno essere confermati soltanto dalle trivellazioni; per questo, se a Copenaghen sono convinti che il petrolio ci sia, e in abbondanza, in Groenlandia vi è chi mantiene un atteggiamento di maggiore prudenza. Una cosa è certa: le trivellazioni e l'eventuale estrazione saranno possibili solo grazie all'arretramento dei ghiacci causato dal tanto demonizzato riscaldamento globale: «i cambiamenti climatici - ha dichiarato Flemming G. Christiansen, direttore del dipartimento stratigrafico del servizio geologico di Danimarca e Groenlandia (Geus) - che per vari aspetti preoccupano, hanno favorito il nostro lavoro e sono rilevanti. Zone difficili sono diventate, dal '92 a oggi, del tutto accessibili».
    Per parte sua, Joseph Motzfeldt, ministro groenlandese delle Finanze e degli esteri, ha rammentato che, sebbene i cambiamenti climatici in corso possano generare oggi qualche inquietudine, il clima era decisamente più caldo tra il 100 e il 1400 dell'èra cristiana, quando i Vichinghi della cultura Norse, con insediamenti di circa tremila persone, allevavano bestiame, praticavano l'agricoltura, e c'erano gli alberi. Il tutto scomparso a partire dal XVI Secolo. Se n'è accorto anche Hollingham, il giornalista della BBC: «I resti di una chiesa sulla sponda di un fiordo segnano quel che rimane degli agricoltori vichinghi. Il sole proietta ombre tra le finestre ad arco fino al punto dove stava l'altare, usato per la prima volta nel Quindicesimo secolo, prima che l'area fosse abbandonata perché diventava troppo fredda per essere abitabile». E dire che nello stesso reportage Hollingham, come si è visto, afferma con clamorosa contraddizione che la terra della Groenlandia «non vede il sole da milioni di anni»! In realtà, quando circa un millennio fa i Vichinghi raggiunsero con le loro navi l'enorme isola oggi in gran parte coperta dai ghiacci, trovarono una terra allora fertile e ricoperta di vegetazione. E per questo la chiamarono «terra verde».
    Ancora oggi, se il significato del nome di questa terra può sfuggire a chi ha per madrelingua un idioma romanzo, esso è perfettamente chiaro a che ne coglie la radice scandinava. Detto in italiano, «la Groenlandia sta tornando verde» può essere significativo fino a un certo punto. Ma detto in inglese, «Greenland is turning green» non è soltanto un gioco di parole, bensì una constatazione che dovrebbe far riflettere, soprattutto coloro che si stracciano le vesti di fronte alle presunte iatture e catastrofi che al loro modo di vedere saranno l'unica conseguenza del «riscaldamento globale».

  6. #66
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito

    Tra il 2001 e il 2005 ci sono state 7 enormi tempeste magnetiche e 31 brillamenti solari del tipo X (i più violenti)
    Ci sono state più macchie solari negli ultimi 65 anni che negli ultimi 1150 anni messi assieme.
    Ci si può aspettare 3 volte più apporto di polveri stellari tra il 2005 e il 2013 di quante ce ne sono state finora.
    La navicella spaziale Ulisse lanciata dalla ESA ha misurato che il numero di ioni che entrano nel sistema solare è triplicato. Essi sono e saranno causa di enormi cambi, alcuni dei quali elencati sotto. La ionizzazione incrementa l'attività solare, che già converte idrogeno in elio al tasso di 4.3 milioni di tonnellate al secondo.
    C'è stato il 300% in più di attività solare di quanto fu prevista nel 1997.
    C'è stato il 400% di incremento nella velocità delle particelle solari.
    C'è stato il 230% di incremento del campo magnetico solare dal 1901.

    Ciò ha causato:
    L'inversione dei poli magnetici di Urano e Nettuno osservata da Voyager 2.
    L'incremento della luminosità di Saturno.
    Il 200% di incremento del campo magnetico di Giove.
    Il 200% di incremento della densità dell'atmosfera di Marte.
    Lo scioglimento dei ghiacci dei poli di Marte in un solo anno, come documentato da fotografie.
    Cambi fisici, chimici e spettrometrici su Venere, inclusi cambi di contenuti atmosferici ed incrementata brillantezza.


    CHE NE PENSATE?... MA NO, BISOGNA SPEGNERE QUESTO!


    ... Quando la smetteremo di credere agli "esperti" e di dar loro soldi e poteri sulla nostra vita?


    FORCES Italiana

  7. #67
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    13,362
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Crediamo ai non-esperti, invece

  8. #68
    Makeru ga, katta
    Data Registrazione
    07 Sep 2002
    Località
    Before you all die ghastly, horrible deaths, let me take the hour to describe my latest plan for world domination! Uhauhauha!
    Messaggi
    35,439
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Silvioleo tira fuori fuori dati che tendono a provare il contrario, ma la verità è che non sappiamo niente delle conseguenze del riscaldamento globale del pianeta.
    _______________________
    Gli zeri, per valere qualcosa,
    devono stare a destra.

  9. #69
    Vivo all'estro
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    14,318
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    11

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da marcejap Visualizza Messaggio
    Silvioleo tira fuori fuori dati che tendono a provare il contrario, ma la verità è che non sappiamo niente delle conseguenze del riscaldamento globale del pianeta.
    Enorme progresso rispetto alla truffa "scientifico" -cultural-militarizzata che striscia un po' su tutto il pianeta.

  10. #70
    Silvioleo
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da marcejap Visualizza Messaggio
    Silvioleo tira fuori fuori dati che tendono a provare il contrario, ma la verità è che non sappiamo niente delle conseguenze del riscaldamento globale del pianeta.
    vero, come dice steppen è un enorme passo in avanti il tuo: ora basta che tu pensi al fatto che stai spendendo migliaia di euro per quello che pure tu definisci niente, e il gioco dovrebbe essere fatto.

 

 
Pagina 7 di 20 PrimaPrima ... 67817 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Trump e il global warming
    Di Felipe K. nel forum Fondoscala
    Risposte: 50
    Ultimo Messaggio: 14-11-16, 12:26
  2. Il global warming
    Di pedro nel forum Fondoscala
    Risposte: 512
    Ultimo Messaggio: 01-09-15, 10:01
  3. O mar O sol e o Global Warming
    Di Bamba de Kraut nel forum Fondoscala
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 31-08-15, 14:42
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-04-13, 15:36
  5. Global Warming
    Di Maxadhego nel forum Padania!
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 08-01-10, 08:59

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226