User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Riflessioni Francesi

  1. #1
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riflessioni Francesi

    da www.lefigaro.fr

    " [...] Lourds soutiens


    A dire vrai, ni la mobilisation des représentants des musulmans de France ni celle du monde arabe ne peuvent faire croire en la survenue idyllique d'un seul et même islam éclairé, comme des commentateurs angéliques cherchent à le suggérer. Cet islam modéré, pratiqué par la majorité des Français musulmans, est refusé par une partie de leur communauté, de plus en plus à l'écoute des discours intégristes rétrogrades. Et ce ne sont pas seulement les grandes consciences de l'islam qui se sont fait entendre sur la scène internationale durant toute cette semaine, à travers les multiples déclarations de soutien à la politique de la France.

    Cette «union sacrée» a pareillement ému le monde politico-médiatique. «Ce qui nous touche profondément, c'est la solidarité et l'émotion qui s'expriment unanimement des plus hautes autorités de l'Islam», a déclaré mardi Michel Barnier, le ministre des Affaires étrangères. Mais qui aura entendu cette émotion et cette solidarité après l'assassinat du journaliste américain Daniel Pearl et, depuis, de dizaines d'autres otages tués «en application de la sentence de Dieu», dont notre confrère italien ? Cette seule semaine, le terrorisme islamiste a frappé en Afghanistan, en Russie, en Israël, fauchant des dizaines de civils sans soulever l'indignation musulmane.


    La compassion est allée à la France en remerciements de sa position contre l'intervention en Irak et de sa politique pro-arabe au Moyen-Orient. «La France a défendu la cause de l'Irak avant la chute du régime de Saddam Hussein et après sa chute. Et nous ne voulons pas perdre une amie», a déclaré le Comité des oulémas sunnites. C'est également en hommage à sa politique propalestinienne que les mouvements terroristes islamistes du Djihad, du Hezbollah et du Hamas ont réclamé la libération des otages. Le Hamas qui, ce même mardi, revendiquait un double attentat en Israël faisant 16 morts.

    Ces indulgences particulières sont des fardeaux à porter. D'autant que ces magnanimités d'extrémistes et de sabreurs ressemblent beaucoup à celle accordée, la semaine dernière, par al-Qaida au Vatican, en raison de ses positions anti-guerre. «Le Vatican ne sera jamais une des cibles que nous visons», a déclaré l'organisation terroriste, qui entend bien en revanche choisir ses cibles et frapper l'Italie afin d'obliger «les ordures de soldats italiens à sortir d'Irak».

    La solidarité musulmane met heureusement tout son poids pour libérer Malbrunot et Chesnot et pour marginaliser leurs ravisseurs décriés. Sans doute peut-on espérer que les grandes consciences de l'islam pacifiste sauront dénoncer et isoler demain tous les fanatismes. Mais ce n'est pas encore le cas actuellement. Aussi ce traitement d'exception dont nous bénéficions nous invite à nous interroger sur la place prise aujourd'hui par la France, premier pays musulman d'Europe, dans le monde arabe.


    Poussif équilibre

    Ne pas oublier l'essentiel : la France est, à son tour, la cible de cette troisième guerre mondiale déclarée le 11 septembre 2001 par le «nazislamisme», cette idéologie qui entend imposer l'ordre islamiste partout dans le monde, à commencer dans les pays musulmans. Représentée par al-Qaida, cette barbarie en marche menace aussi bien les démocrates musulmans que les chrétiens et les juifs. Elle a assassiné le commandant Massoud deux jours avant de frapper les tours du World Trade Center. Sous les traits de la «résistance», elle refuse à l'Irak d'avancer dans la voie de la démocratie, rêvant de voir le pays se soumettre à la charia. C'est cette même sauvagerie qui vient de permettre à l'Iran de pendre par les pieds, du haut d'une grue, une jeune femme de 16 ans pour «actes incompatibles avec la chasteté».


    Seul l'extrémisme islamiste conduit à ces horreurs. Et il serait temps pour les Européens, antiguerre ou munichois, d'ouvrir enfin les yeux et de cesser de mettre en parallèle, dans un équilibre poussif, l'intégrisme islamiste de Ben Laden et l'intégrisme chrétien qui inspirerait soit disant la politique de George Bush. Il n'y a évidemment aucune commune mesure entre le goût pour la mort de l'un et le moralisme protestant de l'autre, qui a d'ailleurs de bonnes raisons de voir le Mal à l'oeuvre dans ces violences inouïes commises au nom du Coran. Faut-il renoncer à résister à ce totalitarisme, rendu fou après la maladroite intervention américaine en Irak ? Evidemment non. Aujourd'hui, la guerre engagée par les démocraties se gagnera ou se perdra là-bas. La France y est attendue.
    [....] "

    Cordiali saluti

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' una lingua neolatina, scritta.. si comprende quasi da sola, sarà perchè sono piemontese............. in ogni caso non parla di Berlusconi, anche se fa qualche accenno all'Italia e al Vaticano, ma piuttosto della ....magnanimità delle organizzazioni estremiste islamiche e di quelle apertamente terroristiche, oltre che del cosiddetto Islam moderato, verso la Francia, dimostrata in occasione del rapimento dei due giornalisti francesi in Irak. Una magnanimità che è.... un fardello da portare.

    Inolte, diciamo così, sconsiglia ogni parallelismo fra l'integralismo islamico terrorista e l'integralismo "cristiano" alla Bush, che non sono equiparabili, giacchè solo l'integralismo islamico produce determinate......cosette. Le Figarò invita quindi gli europei...ad aprire gli occhi.
    Ovviamente si rivolge a persone, che pur antiguerra eccetara, permangono persone ragionevoli che non debbono trasformare ogni giudizio politico in un ossessivo processo da tribunale del popolo verso Berlusconi. Giacchè, per certuni, la vera e principale colpa di Bush è di aver legittimanto internazionalmente Berlusconi, tutto il resto è pretesto. Queste ultime cose non le dice LE FIGARO.....

    Shalom

  3. #3
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    da www.ilfoglio.it

    " Parla Finkielkraut
    “La Francia agisce come Pétain dandosi arie da de Gaulle, questo è triste”
    “E’ osceno gioire ottusamente dell’ondata di simpatia per noi sollevatasi in tutto il mondo arabo”
    --------------------------------------------------------------------------------
    Parigi. “La Francia di oggi agisce come Pétain, dandosi arie da de Gaulle. E’ quello che rivela la gestione della crisi degli ostaggi, e mi rattrista profondamente”: Alain Finkielkraut, intellettuale e filosofo, sembra condannato ad andare contro corrente. Lo fa quasi con aria di rassegnazione, consapevole che le sue analisi del presente non sempre gli procurano simpatie, quasi mai consensi. Ma lo fa portando sino in fondo il suo ragionamento, davanti a pagine fitte di appunti.
    Anche i francesi vengono attaccati in Iraq. E’ la fine di un’illusione di innocenza e immunità? “Per i francesi dovrebbe essere la fine dell’innocenza. Ma ricordiamoci quello che è accaduto in Spagna: l’11 marzo un attentato fa centinaia di morti a Madrid. Un giornale israeliano titola, con dolorosa ironia: ‘Benvenuti nel mondo reale’. E gli spagnoli rispondono: ‘No, questo mondo non è il nostro, siamo contro la guerra che l’America conduce contro il terrorismo, dunque non possiamo essere obiettivi del terrorismo’. Qualcosa di simile viviamo oggi, purtroppo, in Francia. Di fronte all’attacco a due concittadini, la Francia, unanime, risponde: ‘Noi non lo meritiamo, ci dovete un trattamento speciale. Noi non abbiamo mai approvato la guerra in Iraq, noi conduciamo in medio oriente una politica favorevole alla sovranità irachena e alla sovranità palestinese. Ci dovete ricompensare: rilasciate gli ostaggi, avete sbagliato obiettivo’. No, purtroppo, per la Francia non è la fine dell’innocenza. All’indomani dell’assassinio di un giornalista italiano, la Francia rivendica uno statuto speciale”.
    La prima richiesta dei rapitori è stata di abrogare la legge che vieta il velo islamico nelle scuole francesi. Si tratta di un pretesto, di una provocazione, di una dichiarazione di guerra? “E’ uno degli effetti della planetarizzazione. Nel nostro mondo senza frontiere non ci sono soltanto medici senza frontiere, farmacisti senza frontiere o umanitari senza frontiere: ci sono anche fatwa senza frontiere. Gli integralisti non temono di fare la guerra agli ebrei e ai crociati dovunque e con i loro mezzi. I rapitori iracheni si sono davvero sentiti offesi dalla legge francese contro l’ostentazione di simboli religiosi nelle scuole. Aggiungo che i musulmani francesi si erano premuniti di dire su tutte le Cnn del mondo arabo che questa legge stigmatizzava l’islam, con gran disprezzo per la verità. Quando la legge era in discussione, il rappresentante della tendenza più estremista del Consiglio francese del culto musulmano aveva dichiarato che l’esclusione delle ragazze velate dalle scuole era per i musulmani l’equivalente della stella gialla per gli ebrei, ricevendo il sostegno di giornalisti e intellettuali progressisti. E’ una menzogna. Questa legge può certo essere criticabile, ma in nessun caso stigmatizza l’islam, in quanto vieta di ostentare tutti i simboli religiosi, e non dovunque, ma all’interno delle scuole, ovvero in un luogo specifico. Molti hanno dimenticato che la laicità francese è stata ben più severa e feroce con la Chiesa cattolica di quanto non lo sia con l’islam. Oggi viviamo le deliranti ricadute della critica riduttrice e falsa di questa legge e gli effetti perversi della dissoluzione tecnologica di ogni frontiera e di ogni sovranità”.

    Hamas ha detto che è stato un qui pro quo
    La reazione francese ha colpito: violento choc nell’opinione pubblica, una mobilitazione imponente e compatta, trattative ai più alti livelli. Secondo molti, la reazione delle autorità italiane davanti al rapimento di Enzo Baldoni non regge il confronto. “Io stesso mi sento parte di questa formidabile mobilitazione, condivido i sentimenti dei miei compatrioti, e ritengo che sia dovere della Francia fare tutto il possibile perché i due giornalisti vengano rilasciati. Quello che assolutamente non condivido è l’autocompiacimento francese. Capisco che la Francia lodi l’unanimità nazionale e che si senta rassicurata dal sentimento di lealtà espresso dai musulmani francesi, ma ritengo osceno che si gioisca ottusamente dell’ondata di simpatia sollevata in tutto il mondo arabo, da quello moderato a quello più integralista. Anch’io mi sarei rallegrato se i rappresentanti del mondo arabo fossero usciti dal loro lungo silenzio sulla barbarie in corso in Iraq e nella cosiddetta resistenza irachena per denunciare la presa di ostaggi in quanto tale. Ma questo non è accaduto: da Arafat ad Hamas passando per la Lega Araba, tutti ci hanno spiegato che si è trattato di un qui pro quo”. [::]
    "

    Shalom

  4. #4
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    da www.iltempo.it

    " Ora x per i francesi


    Scaduto l’ultimatum, gli integralisti annunciano una decisione sugli ostaggi

    L’Esercito Islamico in Iraq smentisce la richiesta di un riscatto da 5 milioni Il governo Raffarin mostra ottimismo e manifesta solidarietà all’Italia

    PARIGI — Nella capitale francese continua il forcing del governo per la liberazione dei due giornalisti Christian Chesnot e Georges Malbrunot, caduti venti giorni fa in mano all'Esercito islamico in Iraq, e per i quali ieri alle 21 scadeva l’ultimatum dei sequestratori. Ieri il premier Jean-Pierre Raffarin ha fatto il punto della situazione con i ministri degli Esteri, degli Interni e della Difesa e ha convocato per stamattina i leader della maggioranza e dell'opposizione. Le ultime notizie sono incoraggianti: su un sito Internet l'Esercito islamico in Iraq ha smentito di aver chiesto 5 milioni di dollari di riscatto e ha indicato che prenderà presto una decisione sugli ostaggi. Intanto un’intervista ha creato grandi disagi in Francia. Un conto i due giornalisti francesi rapiti, un altro gli ostaggi italiani: il leader dei salafisti iracheni, lo sceicco Mehdi al Sumadai, imbarazza i transalpini con un brutale distinguo. Per lui i reporter meritano la liberazione immediata perchè «la Francia si è sempre opposta all'occupazione dell'Iraq». Per l'Italia e per gli altri paesi «membri delle forze di occupazione» è diverso. Lo sceicco, promotore di un solenne decreto religioso («Fatwa») che intima ai rapitori il rilascio immediato dei due reporters, è stato intervistato a Baghdad dal quotidiano comunista francese "L'Humanitè" che ne riporta con palese disagio le esternazioni. Il leader spirituale salafista fa ben presente che Chesnot e Malbrunot vanno rimessi in libertà in ossequio ad una Francia che «non ha finora adottato alcun atteggiamento negativo nei confronti dell'Iraq» e si è ben guardata dall'invio di truppe. Lo sceicco - mette in risalto "L'Humanitè" - non ha invece il minimo rammarico a proposito dell'assassinio di Enzo Baldoni: «Non so - dice a questo proposito - se sia un atto positivo o negativo ma l'Italia è membro delle forze della coalizione che attualmente occupano l'Iraq». Per l'imam salafista non importa che Baldoni fosse contrario alla guerra: «Il suo rapimento è stato un metodo per combattere e sbarazzarci dell'Italia. La religione - così Mehdi al Sumadai spiega come vede le cose - è chiara: non dobiamo aggredire la gente! Ma che fare quando vi attaccano sulla vostra stessa terra? Viviamo in un paese dove dall'oggi al domani uno stato è arrivato a occuparci e destabilizzarci. Ogni giorno ci sono persone strappate alle loro case. Lo testimonia la prigione di Abu Ghraib». Nell'intervista lo sceicco insinua che la liberazione dei due reporter francesi (a Parigi data per sicura e imminente verso la fine della settimana scorsa e adesso derubricata a «possibile») forse tarda a venire perchè il premier iracheno Allaui mette i bastoni tra le ruote. Altro punto importante su cui il leader salafista insiste: nella «resistenza irachena» non ci sono «elementi stranieri». «Ne avevamo prima ma li abbiamo cacciati dall'Iraq. Non vogliamo forestieri che interferiscano negli affari del nostro paese». Pur avendo sfruttando a fondo la carta della sua politica filo-araba e anti-guerra per arrivare ad un epilogo positivo, la Francia - tuttora mobilitata a fondo per il salvataggio dei due reporter (e molto orgogliosa che l'Italia la stia adesso imitando...) - non è ovviamente disposto ad avallare il brutale distinguo di Mehdi al Sumadai tra ostaggi buoni e cattivi. Non a caso il governo Raffarin ha ieri mattina tenuto a sottolineare che la Francia partecipa «con viva emozione» e con piena solidarietà al dramma vissuto dall'Italia per il rapimento delle due Simone. «La Francia - ha dichiarato Hervè Ladsous, portavoce del ministero degli Esteri - ha appreso con viva emozione il rapimento di cui sono state vittime a Baghdad Simona Torretta e Simona Pari, che lavoravano per un'organizzazione umanitaria, e ci tiene ad esprimere alle autorità e al popolo italiano così come alla loro famiglie la sua solidarietà in questa prova».


    Giovedì 9 Settembre 2004
    "


    Saluti liberali

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    13,127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Conflitto....

    ....d'interessi

    Continua l’incredibile silenzio-stampa umanista sulla notizia della settimana: mentre procede la guerra terrorista, con dodici ostaggi nepalesi sgozzati, tre ostaggi turchi massacrati, l’eccidio wahabi a Beslan, la strage degli ebrei a Beersheba, il governo Chirac-Raffarin ha cercato e ottenuto l’appoggio di una parte consistente del terrorismo islamico per la liberazione di due giornalisti presi in ostaggio.
    I lettori della grande stampa occidentale, e quelli della stampa italiana, per non parlare di chi guarda la televisione, sono tuttora all’oscuro del fatto.
    Devono cercarsi con la lente di ingrandimento il doppio comunicato di Hamas, che rivendica l’esplosione di due bus pieni di israeliani, da un lato, e dall’altro sollecita la liberazione degli ostaggi francesi perché la Francia di Chirac è un paese amico;
    i lettori devono frugare tra le righe e non trovano nemmeno la notizia dello sceicco che ha una rubrica su Al Jazeera e ha statuito dopo un incontro con il ministro degli Esteri francese che i francesi non si toccano, perché bisogna concentrarsi nell’uccisione di civili e soldati americani.
    La cricostanza non ha suscitato la curiosità di alcun commentatore occidentale, salvo il coraggioso giornalista francese del Figaro il cui formidabile articolo leggete oggi in prima pagina sul nostro giornale.
    Avanza invece il nuovo umanesimo lunare.
    Numerosi e da cattedre autorevoli i complimenti alla Francia per come si comporta in medio oriente, per la prova di unità nazionale, per il suo dialogo con il mondo islamico moderato, Hamas compreso.
    Avanza l’umanesimo lunare di Carlo Azeglio Ciampi, che predica il dialogo interreligioso ma non ci ha mai spiegato quale sia la base identitaria e politica e di valore di una eventuale difesa dell’occidente dal terrorismo islamico.
    Avanza, con i complimenti di un Ignazio la Russa, l’umanesimo marziano di Walter Veltroni: “Per combattere Bush bisogna condannare con fermezza il terrorismo”.
    Non pensiate che per combattere il terrorismo bisogna allearsi con Bush e denunciare la divisione dell’occidente e il collaborazionismo francese, questo è semmai il tradimento berlusconiano e fogliante e fallaciano dell’umanesimo benpensante.
    Al momento in cui scriviamo non si sa se Chesnot e Malbrunot siano stati liberati, cosa che ci auguriamo e che ci renderebbe felici.
    In fondo non ci interessa nemmeno sapere se il prezzo della loro liberazione lo pagheranno altri ragazzini e ragazzine che viaggiano in autobus a Gerusalemme o a Tel Aviv.
    Ci interessa il trionfo dell’umanesimo dei chierici, quello sì che ci interessa.

    Ferrara su il Foglio

    saluti

  6. #6
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    dal quotidiano LIBERO di oggi

    " « I francesi mi pagarono per incastrare Bush »
    di ANDREA COLOMBO.

    L’imprenditore italiano, al centro della vicenda dei falsi dossier sulla fornitura di uranio a Saddam, ha raccontato al giudice come sono andate le cose. Rocco Martino ha confermato quello che Libero aveva scritto l’ 8 agosto scorso. Sono stati i servizi segreti francesi a mettere in circolazione il falso documento sul traffico di uranio fra Niger e Bagdad. Un dossier che inizialmente avrebbe dovuto giustificare l’intervento in Iraq (“ Saddam vuole costruire l’atomica”), salvo poi trasformarsi in un boomerang, il “ falso fabbricato dalla Cia” da sbandierare alla stampa . Un ottimo strumento per screditare chi, come Bush e Blair, quell’intervento avevano voluto. Martino - ex ufficiale dei carabinieri, già agente del Sid negli anni ’ 70 - ieri è stato sentito come persona informata sui fatti dal sostituto procuratore della Repubblica di Roma Franco Ionta che sulla vicenda ha aperto un fascicolo. La convocazione in procura di Rocco Martino, denominato “ Giacomo”, era prevista da tempo. Il pm Ionta intendeva verificare se rispondesse al vero quanto riportato dagli organi di stampa e da Libero. I giornali britannici avevano parlato di un coinvolgimento del Sismi nella fabbricazione del dossier. Una circostanza che non trova riscontri nelle dichiarazioni di “ Giacomo” che nega decisamente ogni partecipazione dei nostri agenti segreti nel Nigergate. Al contrario, come aveva scritto Libero, dietro il Nigergate c’erano i francesi. Nei primi giorni dell'agosto scorso di Martino sembravano essersi perse le tracce. La procura aveva dato incarico alla Digos di cercarlo ma dell'uomo, che si pensava fosse riparato all'estero, non era emersa alcuna notizia. In realtà Martino ha trascorso le ultime settimane negli Stati Uniti, dove avrebbe concesso anche una intervista a un’emittente televisiva, mai andata in onda. Qui “ Giacomo” ha avuto modo di riflettere a lungo sull'affare che da più di un anno aveva messo in imbarazzo Bush e il governo britannico. L’ex agente segreto italiano ha spiegato ieri negli uffici della procura di Roma di non aver confezionato il falso dossier sul tentativo di Saddam Hussein di acquistare l'uranio nel 1999, ma di averlo ricevuto pensando che contenesse notizie veritiere. Martino ha detto che quei documenti sull'uranio che il Niger avrebbe venduto all'Iraq gli erano stati girati all'intelligence francese. L’italiano, che lavora da tempo nel campo delle “ Una vicenda costruita su presunti rapporti tra Niger e Saddam informazioni riservate”, ha tentato di vendere il dossier nell'ottobre del 2002 a Panorama. Alla giornalista Elisabetta Burba disse di aver ricevuto le carte da una persona che lavora presso l'ambasciata del Niger a Roma. Il settimanale, poi, fatte le dovute verifiche, fiuterà la bufala e non sborserà neppure un soldo. Al di là dell'affare andato a monte, Martino ha sostanzialmente ribadito al pm Ionta di aver agito in buona fede e, a riprova, avrebbe detto di possedere una serie di documenti su cui sono in corso accertamenti da parte della Digos. Di certo, Martino ha scagionato i nostri servizi segreti da ogni coinvolgimento nella vicenda ( al contrario di quanto avevano insinuato alcuni quotidiani britannici). « Il Sismi e il Governo italiano non hanno avuto alcun ruolo nella vicenda legata al falso dossier sull'uranio di Saddam Hussein » , ha dichiarato Giuseppe Placidi, l'avvocato di Rocco Martino. « Tengo a precisare - spiega il penalista - che il mio assistito si è presentato spontaneamente al magistrato al quale ha spiegato come sono andate le cose. Martino ha detto di aver ricevuto il documento, di averlo passato e di aver guadagnato qualche soldo per questa sua attività di intermediazione. Ha chiarito queste circostanze con prove che ora saranno vagliate dalla procura » . Il fascicolo di inchiesta, che il pm Ionta ha aperto lo scorso anno, non contiene ancora ipotesi di reato. « Credo che Martino - ha commentato l'avvocato Giuseppe Placidi - abbia chiarito la sua situazione » . Ora, svelato il ruolo dei francesi nell’intero affare e scagionati gli 007 americani e italiani, resta da vedere se la sinistra, che aveva gridato allo scandalo per il “ falso dossier fabbricato dalla Cia e dal Sismi”, riserverà la medesima indignazione per la Francia.
    "


    Shalom

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    47,860
    Mentioned
    27 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    francesi perché la Francia di Chirac è un paese amico;
    i lettori devono frugare tra le righe e non trovano nemmeno la notizia dello sceicco che ha una rubrica su Al Jazeera e ha statuito dopo un incontro con il ministro degli Esteri francese che i francesi non si toccano, perché bisogna concentrarsi nell’uccisione di civili e soldati americani.
    ====
    PER FERRARA è GIUSTO SOLO IL CONTTRARIO???
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    13,127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'incomprensione francese per...

    ….le decapitazioni

    Anche lui, Jacques Chirac, è incredulo.
    Prova orrore e “incomprensione”, come ha dichiarato a margine dell’assemblea generale dell’Onu, per la decapitazione dell’ostaggio americano da parte di al Zarqawi.
    Che anima candida, questo presidente dalla lunga e fortunata carriera. Vediamo se gli possa andare bene questa, di spiegazione, non lasciamolo solo con i suoi dubbi.
    Dunque, sarebbe in corso una guerra. Da una parte l’avanguardia organizzata della umma musulmana, gli islamisti detti radicali o fondamentalisti, con le evidenti complicità diffuse nelle società e negli stati arabo-islamici.
    Dall’altra ci saremmo noi, gli infedeli.
    L’occidente in primo luogo, con i suoi cristiani delle diverse confessioni e con i suoi ebrei, ma anche tutti gli altri, buddisti nepalesi, shintoisti giapponesi, e magari i cinesi che sono nella prospettiva d’assalto anche loro.
    Ne va di mezzo di tanto in tanto qualche apostata, sia gli ulema rivali sia l’odiato sciita educato a Londra fatto fuori a due giorni dalla liberazione di Baghdad sia qualche obiettivo ascrivibile a quella parte della casta saudita che non finanzia direttamente il terrorismo e le sue madrasse, le scuole coraniche dove si insegna ad amare il paradiso e a conquistarlo offrendo agli infedeli nel martirio il loro inferno.
    Non è l’apocalissi né la fine della storia, è anzi la continuazione della storia dal medioevo ad oggi, quella storia che nelle scuole francesi si insegna con puntiglio e serietà.
    Può essere che in questa guerra la diplomazia francese riesca a trovare una via di salvezza per i due ostaggi francesi, di cui si dice che siano “liberi”, su autorizzazione speciale di al Zarqawi, di documentare le atrocità americane in Iraq e la benevolente resistenza all’occupazione.
    Può essere, e tutti ce lo auguriamo.
    Ma la sottile differenza tattica non cancella la tenacia strategica, e la vena profetica, di una guerra religiosa e di civiltà nata nel cuore puritano dell’islam contemporaneo e nella sua variante sciita candidata a possedere l’arma nucleare, una guerra di cui il terrorismo è solo la tecnica operativa, una guerra e non l’opera di “criminali”, come ha detto per consolarsi il leader della sinistra italiana Fassino in tv.
    Una guerra che unisce un numero di musulmani radicali sufficiente a spargere il terrore in occidente, con il rito delle decapitazioni, ma che non è ancora riuscita a unire l’occidente, anche per i veti francesi, nella controffensiva.
    Eccola la spiegazione che potrebbe diradare l’incomprensione del presidente Chirac.

    Ferrara su il Foglio del 22 settembre

    saluti

  9. #9
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    dal quotidiano LIBERO di oggi

    " La gauche adesso ci vuole in Iraq

    di BARBARA ROMANO
    ROMA -

    La sinistra francese cambia idea: no al ritiro delle truppe. Anzi, è ora che la Francia entri attivamente nello scacchiere di guerra dell’Iraq, mobilitando i suoi uomini e i suoi mezzi. L’appello parte dalle colonne di Libération, il quotidiano della sinistra radicale d’Oltralpe, per bocca di Hosham Dawod, un antropologo iracheno del Consiglio nazionale per la ricerca scientifica. Interpellato assieme ad altri due esperti di diplomazia internazionale, Toby Dodge, ricercatore al “ Queens Mery College” dell’università di Londra, e Joe Wilson, l’ultimo ambasciatore americano in carica in Iraq, Dawod giudica « catastrofica » l’eventuale scelta degli americani di ritirarsi. « Più catastrofica della loro decisione di invadere l’Iraq » , precisa l’antropologo iracheno. Ma il coro è pressoché unanime. Alla prima domanda posta da Libération ai tre esperti, se « è ipotizzabile un ritiro della colazione » , la risposta unanime è: « Allo stato attuale, no » . « Accrescerebbe solo la violenza » , spiega Dodge, « che è certamente concentrata sulle truppe Usa, ma non solo. Dal 28 giugno gli americano sono asserragliati nelle loro caserme » , ricorda l’esperto di relazioni internazionali, « quindi è con le forze dell’ordine irachene che si accaniscono di più gli insorti » . Prima di mandare a casa le truppe Usa, « bisogna cercare di convincere il resto del mondo a impegnarsi in uno sforzo internazionale per mettere fine all’instabilità in Iraq e lanciare un vero progetto di ricostruzione » , interviene l’ambasciatoreWilson, « perché un Iraq instabile nel cuore del Medio Oriente è un problema di tutto il mondo, non solo degli Stati Uniti » , chiosa il diplomatico, che paventa addirittura il rischio di « una guerra civile » se gli alleati lasciassero l’ex terra di Saddam. La vera ragione che rende indispensabile la presenza degli americani in Iraq, per i tre esperti, è la debolezza del governo provvisorio guidato da Iyad Allawi. « È incapace da solo di assicurare la sicurezza e di rimettere in sesto le infrastrutture e l’economia » , osserva Dawod che nel sottolineare « il fallimento » della strategia del governo ad interim di tirare dalla sua parte la frangia baasista della guerriglia, per la fase di transizione invoca l’intervento della comunità internazionale, ma non solo. « Europa e Francia devono essere pronte a mobilitare tutti i suoi uomini e i suoi mezzi » , proclama, « accontentarsi di criticare la guerra in Iraq non rientra in nessuna politica » , osserva l’antropologo iracheno. C’è un solo sistema per controllare la situazione che ora è in mano alla guerriglia, secondo Wilson: « Disporre un’autorità centrale dotata di una forza preponderante » . E se oggi il governo provvisorio dispone, anche se solo in parte, di questa forza, per l’ambasciatore, è grazie alla presenza delle truppe americane. In caso di ritiro » , ipotizza, « bisognerebbe verificare se Allawi può trovare abbastanza alleati interni per mantenere la sua preponderanza. Io dubito » , chiosa Wilson. Assai più scettico sul potere di controllo dell’attuale premier iracheno è Dodge: « Non credo che Allawi sia in grado di gestire da solo il Paese » , commenta, « non ha milizie su cui poter contare, non può fidarsi della guardia nazionale e men che meno delle forze di polizia irachena. Sta cercando di ricostruire dal nulla l’intero sistema di difesa, che crollerebbe d’un colpo se gli alleati se ne vanno » . Perché, non ha dubbi Dodge: « Allawi è finito senza gli americani » . Parola di Libération.
    "


    Saluti liberali

 

 

Discussioni Simili

  1. Sti francesi
    Di yure22 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06-09-11, 08:31
  2. I francesi e i Re
    Di FrancoAntonio nel forum Monarchia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-03-10, 11:41
  3. i francesi
    Di BITRE nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 11-09-04, 10:26
  4. Riflessioni sulle regionali francesi
    Di Oasis nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 44
    Ultimo Messaggio: 23-03-04, 21:47
  5. Le Pen - Le francesi ai francesi
    Di Roderigo nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-05-02, 12:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226