User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Mah!

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Mah!

    Alberto Fujimori, Il Dottor Mengele giapponese, eseguì un sinistro piano
    per sterilizzare, in modo massiccio, circa un milione di donne indigene
    del Perù. Si proponeva, attraverso il controllo demografico, di abbassare
    gli indici di povertà. Nell’anno 2000, dopo gli scandali di corruzione e
    le indagini giudiziarie per violazioni dei diritti umani, Fujimori scappò
    dal Perù rifugiandosi in Giappone.


    Colui che fu il Presidente del Perù fino al 2000, oggi è detenuto in Cile.
    Il popolo dei Mapuches ne esige l’estradizione e detenzione in Perù.

    Nei popoli indigeni della sierra peruviana, la visita di un medico produce
    lo stesso effetto che se arrivasse un presidente o un cardinale… Le
    donne abbassano lo sguardo e arrossiscono. I bambini, terrorizzati,
    corrono a rifugiarsi sotto le gonne delle loro mamme. Pur consapevoli del
    timore che suscitano i medici con il loro gergo e lo scintillio sinistro
    degli strumenti, i volontari del centro comunale di Calca quasi non
    prestano attenzione alle lamentele delle donne quando dichiarano che, dopo
    l’ultimo trattamento loro fatto, hanno subito alterazioni delle
    mestruazioni o addirittura non hanno più il ciclo. “Aspettate qualche
    giorno” - dicevano con un sorriso malizioso - “non sarà che siete in stato
    interessante?”.

    Ma le donne di Calca non erano incinte e non lo sarebbero state mai più:
    senza che lo sapessero, i medici le avevano rese sterili… L’invalidità
    inflitta a quelle donne indigene della sierra non fu conseguenza di
    negligenza. Secondo quello che si è poi saputo, Alberto Fujimori, durante
    gli anni del suo mandato, emulando le sinistre pratiche del dottore Joseph
    Mengele instaurò un macabro piano per frenare la crescita demografica
    nelle regioni più povere del Perù: sterminare gli indigeni nel ventre
    materno. Non sappiamo se furono un milione o più le donne indigene vittime
    di tale pratica e, secondo i codici internazionali relativi ai Diritti
    Umani, sarà necessario indagare la portata di quello che si delinea come
    un autentico genocidio. Se ciò venisse dimostrato, l’ex presidente
    Fujimori, attualmente detenuto in Cile, dovrebbe essere portato alla Corte
    Penale dell’Aia per rispondere delle stesse accuse delle quali furono
    accusati gli assassini del regime nazista.

    E’ stato il peruviano Fernando Carbone, ex ministro della Salute, a
    rendere pubblico un rapporto che sembra ispirato ad un film dell’orrore in
    cui un cittadino concepisce un piano demenziale per creare un mondo a suo
    gusto: negli anni compresi fra il 1996 e il 2000, Alberto Fujimori lanciò
    una campagna di sterilizzazione di massa, che solo provoca i brividi solo
    ad essere ricordata… Il denominato piano di “Anticoncepciones
    Quirúrgicas Voluntarias” (AQV) fu applicato soprattutto in alcuni
    dipartimenti e quartieri poveri di Lima. Secondo la denuncia dell’ex
    ministro Carbone, l’elemento “volontario” nella sigla del programma fu una
    totale ipocrisia perché le vittime - in maggioranza donne umili - furono
    portate in sala operatoria come bestie alla mattanza, senza che sapessero
    cosa sarebbe loro successo, anche se in molti casi intuirono il peggio. La
    campagna prevedeva anche la vasectomia per gli uomini, seppur in scala
    assai più ridotta e senza troppi inganni. Sapendo che le donne non si
    sarebbero arrese facilmente alla chiusura delle trombe di Fallopio, i
    responsabili del piano ricorsero agli insulti, ai ricatti, alle minacce.

    Con quale diritto Fujimori e i suoi decisero di sterilizzare come bestie
    le donne indigene povere? Divino o demoniaco? Per Vicentina Usca,
    contadina di 37 anni di San Martín, l’incubo cominciò verso la metà degli
    anni 90, quando alcuni funzionari bussarono alla sua porta. “Mi
    costrinsero a farmi sterilizzare minacciando che se non l’avessi fatto non
    mi avrebbero consegnato il certificato di nascita della mia bambina di sei
    anni”, ha raccontato la donna di Cuzco ai giornalisti che l’hanno
    intervistata. “L’infermiera mi disse che mio marito aveva dato la sua
    approvazione (cosa che risultò falsa), e che lui era d’accordo su tutto”.
    Quando Vicentina insistette per parlare con il marito per verificare se
    lui aveva davvero consentito ad un intervento di quel tipo senza neanche
    consultarla, l’infermiera si infuriò. “Si arrabbiò moltissimo, mi disse
    che le cose andavano fatte subito. Che mio marito aveva deciso così e che
    si sarebbe molto seccato”.

    Le prove raccolte da Fernando Carbone non provano solo le responsabilità
    di Alberto Fujimori, ma anche dei tre ministri della Sanità che si
    succedettero durante il suo mandato e di un centinaio di funzionari. Nei
    56 documenti che provano le accuse è dimostrato che gli ex ministri Marino
    Costa Bauer, Alejandro Aguinaga e Eduardo Yong Matta controllavano i
    medici, assicurandosi che compissero gli ordini provenienti da Lima, dove
    erano stabilite le percentuali di sterilizzazioni da effettuare. Presto i
    grafici cominciarono a mostrare livelli di efficienza che superavano ogni
    aspettativa. Secondo le cifre in possesso dell’attuale ministero della
    Sanità, nel 1993 furono praticate 19.261 legature di trombe di Fallopio e
    906 vasectomie. Nel 1994, 28.251 legature e 468 vasectomie. Nel 1995 si
    passò a 32.883 delle prime e 1.424 delle seconde e così a seguire,
    aumentando anno dopo anno, fino ad arrivare a superare il milione di
    legature. Inoltre la partecipazione al progetto - anche se secondaria - di
    cosiddetti gruppi di aiuti umanitari costituì un ulteriore danno alla
    dignità umana.

    Nei documenti prodotti da Héctor Chávez, capo della commissione, si
    segnala che l’Agenzia di Cooperazione per lo Sviluppo (meglio conosciuta
    con la sigla inglese AID), un’altra entità le cui iniziali sono AVCS e la
    Nippon Foundation, hanno partecipato - anche se in buona fede - ai macabri
    disegni di Fujimori. Vi è anche chi ne attribuisce la responsabilità a
    Vladimiro Montesinos, consulente di Fujimori e suo alter ego quando si
    trattava di concepire ed eseguire macchinazioni sinistre contro
    determinati settori della popolazione. Ma Luis Alberto Zavala, professore
    dell’Università di Stanford ed esperto di quel teatro di ombre cinesi che
    costituiva il regime fujimorista, segnala che dietro l’applicazione delle
    “Anticoncepciones Quirúrgicas Voluntarias” (AQV) vi era un freddo
    ragionamento, estraneo alla mentalità creola di Montesino. Dice Zavala che
    fra le letture preferite del dittatore peruviano vi era “l’Analisi dello
    Sviluppo Economico e della Crescita Demografica nei paesi del bacino del
    Mediterraneo” di Douglas Spencer. Al contrario della lunghezza del titolo,
    l’idea si può riassumere in poche parole: i paesi che riescono a
    stabilizzare la propria crescita demografica in un tasso fra lo 0,5% e
    l’1% riescono facilmente a moltiplicare i propri indici economici. Sembra
    che questo assioma sia rimasto inciso nella mente di Alberto Fujimori: nei
    primi anni del suo mandato non perdeva occasione per parlare della
    denominata “bomba demografica”.

    Un altro dato fornito dal congressista Héctor Chávez punta nella direzione
    dell’Esercito del Perù. Si tratta del lavoro inviato dal corpo medico al
    generale di brigata Nazario Mercado Zedano. In esso si sollecita il
    responsabile della Casa Militare a fornire materiale medico per lo
    sviluppo del Programma di Pianificazione Famigliare, un eufemismo dietro
    il quale si nascondeva l’orripilante natura del progetto.

    In realtà, per molti aspetti, l’AQV si sviluppò come una autentica
    operazione militare. Il rapporto segnala che “in cinque località al limite
    fra la Sierra e l’Amazzonia, l’equipe medica arrivava con veicoli
    militari. Installava nelle scuole e in altri edifici pubblici barelle e
    siparietti per i pazienti e, al termine della giornata, toglieva
    l’accampamento e riprendeva il viaggio verso altra destinazione”. A quanto
    pare i militari non avevano una reale conoscenza del piano, così come non
    l’aveva il 90% delle donne indigene che subirono l’intervento chirurgico.

    Molte delle sopravvissute sono ora inabili. Odilio Jiménez, operaio di un
    quartiere marginale di Lima, ha dichiarato che sua moglie “è rimasta quasi
    invalida e non può più fare nessun lavoro che richieda uno sforzo fisico”.
    Ha aggiunto che sua moglie fu sottoposta al legamento delle trombe
    all’Ospedale Carrión di Lima e “da quando è uscita da lì soffre
    continuamente di emorragie. Prima avevo una compagna sana che mi aiutava
    nel lavoro, ora deve rimanere quasi tutto il tempo a letto”.

    La criminale politica di sterilizzazione è stata operata in un paese come
    il Perù la cui densità di popolazione è di 20 persone per km2 (l’europea è
    di 213, l’asiatica di 422 persone al km2)…

    Detenuto a Santiago del Cile, Alberto Fujimori attende oggi il responso
    della giustizia cilena per sapere se sarà riportato nel paese che ha
    governato con pugno di ferro e dove lo aspettano più di 40 indagini
    giudiziarie. La giustizia è lenta ma non dimentica. Fujimori dovrà
    affrontare anche l’accusa di “genocidio della popolazione indigena”, che
    va a sommarsi alla sua complicità nel massacro dei guerriglieri,
    all’assassinio di oppositori politici, alla corruzione e a delitti minori
    come la malversazione di fondi fiscali. Il genocidio attraverso la
    sterilizzazione di massa di donne indigene è uno dei maggiori crimini di
    cui si sia macchiato un presidente latinoamericano. Una pratica contro la
    libertà, la dignità, il diritto delle donne indigene a concepire. E’
    giusto che sia portato davanti alla Corte Internazionale dell’Aia. Questo
    chiedono al Cile i dirigenti indigeni che esigono il rispetto dei trattati
    dei diritti umani e la consegna di Fujimori al Tribunale della Giustizia
    del Perù. Il Consiglio di “Todas las Tierras”, organizzazione del Popolo
    Mapuche, ha rilasciato una dichiarazione pubblica nella quale “esorta le
    autorità cilene a intraprendere tutte le strade necessarie per
    l’estradizione di Fujimori”. Ha inoltre ricordato che durante il conflitto
    interno in Perù “furono commessi 69.280 fatti relazionati a violazioni dei
    diritti umani dei quali il 75% compiuti sui popoli indigeni di Quechua e
    Ashaninka”. I dirigenti mapuches hanno anche affermato che “il Cile non
    può essere il rifugio di persone e organizzazioni perseguite
    internazionalmente per delitti di lesa umanità”.

    Il governo del Cile deve far prevalere su qualsiasi opportunità politica
    l’impegno permanente per i diritti umani e particolarmente per i crimini
    di Lesa Umanità che devono essere puniti dai tribunali del paese in cui si
    sono compiuti e/o da tribunali internazionali così come stabilito dalla
    comunità internazionale…

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Mah?! A vedere tutti i peruviani, equadoregni, colombiani etc che girano nelle nostre città, forse Fujimori, ci ha risparmiato un'ondata di nuovi arrivi dalle Ande agli Appennini...

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226