User Tag List

Pagina 60 di 73 PrimaPrima ... 105059606170 ... UltimaUltima
Risultati da 591 a 600 di 730

Discussione: Sondaggi

  1. #591
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    15 Dec 2005
    Messaggi
    9,859
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    C'era un tempo in cui davvero Silvio Berlusconi non amava andare in tv. Erano gli anni Ottanta, quando già possedeva metà dell'etere italiano ma non vi appariva quasi mai. Poi il Cavaliere iniziò a cambiare: un messaggio di autocongratulazioni nel '92 (quando vinse l'Oscar come produttore di "Mediterraneo") e un'ospitata gioviale da Mike Bongiorno, in piena bagarre per il lodo Mondadori, furono i due test su cui misurò la sua capacità di parlare agli italiani. Quindi venne il discorso del 26 gennaio 1994, la discesa in campo, e tutto cambiò.

    Da allora il linguaggio berlusconiano è diventato uno degli elementi fondanti della seconda Repubblica, a partire dai mitici «mi consenta» degli esordi fino alla recente alluvione di parole in tv, passando attraverso 111 interventi (tra discorsi istituzionali, comizi e scritti) che tre studiosi hanno deciso di indagare dal punto di vista lessicale e retorico, per capire gli elementi più profondi del berlusconismo e del suo approccio alla società. Il frutto di questa analisi si intitola "Parole in libertà", di Sergio Bolasco, Nora Galli de' Pratesi e Luca Giuliano (uno statistico, una linguista e un sociologo) e sarà in libreria il 3 marzo per le edizioni di Manifestolibri.

    Gli artifici retorici del Cavaliere sono a volte palesi e a volte subliminali, in parte studiati a tavolino e in parte espressioni dirette dell'uomo. Quando inizia la sua parabola nel Palazzo, Berlusconi si pone subito l'obiettivo di rappresentare il nuovo, in contrasto con il quarantennio di astruso politichese crollato con la struttura della prima Repubblica. Gli autori del libro danno per scontato che l'ingresso nell'arena dell'imprenditore lombardo alieno al "teatrino della politica" porti con sé una carica di semplificazione e di comprensibilità, ma vanno oltre questa evidenza. Fin dalle prime parole del primo discorso («L'Italia è il Paese che amo.») irrompe ad esempio una componente di comunicazione affettiva che sarà fondamentale nei due quinquenni a venire, con i continui riferimenti alla sfera del sentimento. Parole come "amore", "cuore", "amicizia", "baci", "affettuoso", "commovente" appariranno in centinaia di comizi e discorsi pubblici, salderanno accordi politici («Bossi è il mio migliore amico», «Saluto con grande affetto Gianfranco Fini», etc.) e alleanze internazionali («L'amicizia personale che mi lega a Putin» etc.). «Come si fa a non commuoversi», dice ai militanti che inneggiano al suo nome; oppure: «Abbraccio tutti i delegati, grazie di cuore»; e altrove: «Ho visto per strada la gente che mi mandava i baci». E così via, in quella che gli autori definiscono una "regressione infantile" della politica, ma che nelle intenzioni e negli esiti è anche l'umanizzazione di un Palazzo considerato a lungo freddo, indifferente e formale.

    Accanto all'affettività - e del tutto coerente con questa - appare un altro elemento di novità, che è il frequente richiamo al compattamento dei "buoni" contro una minaccia esterna poco chiara e per questo ancora più insidiosa. Mai prima di Berlusconi il contrasto nel linguaggio tra "noi" e "loro" era stato tanto evidente e continuo. Spazzata via ogni mediazione, Berlusconi interpreta il reale con una cesura drastica e manichea tra due mondi inconciliabili. Da una parte c'è il "vecchio", parola-prezzemolo agganciata a termini come "partito", "politica", "apparato", "Stato", "balletto", "armamentario", "metodo" e naturalmente "comunisti"; oppure accompagnata da altri aggettivi come "illiberale", "dispotico", "soffocante", "invadente". Per comunicare che questo "vecchio" è tuttavia ancora presente, Berlusconi fa poi spesso ricorso alle parole "Dna" e "cromosomi", a indicare una tara genetica, quella del "Pci-Pds-Ds", assolutamente immodificabile. In più, il pericolo rappresentato dall'avversario è descritto sempre come "strisciante" e "nell'aria", per dare l'idea di un rischio occulto.

    Meno variegati e abbondanti invece i termini per descrivere "noi", i buoni, perché Berlusconi preferisce definire la sua parte "a contrario": allora restano solo parole come "cittadini" (contrapposti allo Stato-Moloch) e naturalmente "libertà" (in una voluta fusione di liberismo economico e liberalismo civile), più il prevedibile "nuovo" ("uomini nuovi"). Abbondano in compenso, per raccontare se stessi, le metafore: assai note e scontate quelle di tipo calcistico ("azzurri", "squadra di governo"), più interessanti paiono quelle belliche ("trincea del lavoro", "guerrieri della libertà", "chiamata alle armi", "battaglia storica") e quelle mistico-religiose ("religione della libertà", "credo dell'Occidente", "missionari della verità", "traversata del deserto"). A questi elementi viene poi associata la modernità vera o presunta degli anglicismi, con eventi come il "tax day" e il "security day", spesso mescolata al gergo aziendale per cui l'avversario politico è un "competitor" quasi sempre "fallimentare". Il tutto in una cornice di forte assertività, creata dalla frequente ripetizione di «io sono certo», «sono assolutamente convinto», «non c'è dubbio che».

    Secondo i tre autori di "Parole in libertà" questi strumenti retorici sarebbero finalizzati a creare un canale di comunicazione diretta - e affettiva, appunto - tra il capo e i cittadini, delegittimando così quello che ci sta in mezzo, cioè le formalità della Costituzione, la politica e le istituzioni, tutta roba vecchia che fa "perdere tempo", altro chiodo fisso del dire berlusconiano che si manifesta anche attraverso il linguaggio non verbale, come le continue occhiate all'orologio quando si trova seduto in prima fila a sentire discorsi ufficiali.

    Non tutte le «pastoie dei vecchi apparati», tuttavia, vengono per nuocere: se Berlusconi è messo di fronte a qualche impegno non realizzato, gli viene facile incolpare i limiti imposti dalla Costituzione, per cui «io posso solo consigliare, non decidere». Fino all'episodio un po' grottesco della recente comparsata al "Processo di Biscardi", quando il leader di Forza Italia incolpa gli alleati e il Parlamento per non avergli permesso di portare la moviola in campo, così come richiesto dagli astanti.

    Il richiamo al mondo dell'impresa è molto forte nei primi tempi, quando i suoi avversari vengono spesso definiti come «professionisti della politica che non hanno mai lavorato in vita loro». Questo topos però viene lasciato via via scemare negli anni, quando il Cavaliere si adegua in parte alle dinamiche romane della "politica politicante" non solo alleandosi con i vari Casini, Follini e Fini, ma anche mettendo la guida del suo movimento nelle mani di due onorevoli di mestiere come Sandro Bondi e Fabrizio Cicchitto, mentre spariscono o quasi gli ex manager di Publitalia. Resterà però nel tempo l'elogio per «le mani forti di chi ha lavorato», un'immagine che fa il paio con quella per cui «il sindaco di Milano deve avere la nebbia nei polmoni». E si va addirittura rafforzando la definizione degli avversari come «signori della sinistra», a evocare dei pigri e salottieri chiacchieroni che campano a sbafo dei contribuenti.

    Per quanto riguarda il mondo del lavoro, gli autori di "Parole in libertà" notano poi come i riferimenti di Berlusconi a questa sfera non contemplino mai la parola "diritti", mentre appare con frequenza quella di "bisognosi", il che esprimerebbe una visione sociale per cui le dame di carità siano, in fondo, più utili del sindacato. Non poteva mancare, nella disamina della retorica berlusconiana, un riferimento alle barzellette, strumento di cui il Cavaliere si avvale fin dall'inizio della sua attività di imprenditore per mettere di buon umore i convenuti, siano essi in platea o dall'altra parte della tv. Il "joke" è un espediente tipico delle convention aziendali (americane ma non solo) che Berlusconi fa tracimare nella politica italiana con un nuovo scopo: quello, già teorizzato dal filosofo Henri Bergson, per cui il riso è un "cemento sociale" che si crea nel gruppo che ride a danno di chi è escluso dalla risata stessa. Il famoso «percorso d'intesa e di complicità» tra chi partecipa a una barzelletta risulta quindi assai giovevole allo spirito di squadra e rafforza la spaccatura tra "noi" e "loro". Non a caso questi ultimi, dice Berlusconi, «sono quasi sempre incazzati».

    C'è infine la sessualità, categoria alla quale il linguaggio del premier si avvicina secondo gli autori dello studio «con modalità cameratesche e maschiliste» che sarebbero emblematiche, in qualche modo, di tutto un lessico in fondo assai vecchio anche se ben gabellato da nuovo. Agli imprenditori stranieri, ad esempio, il premier consiglia di investire in Italia perché «abbiamo delle bellissime segretarie», mentre il Ponte di Messina consentirà di «andare a trovare l'amante di là dello Stretto»; se Piero Fassino ha incontrato il numero uno di Generali «non è certo per parlare di donne, visto che Bernheim ha più di ottant'anni»; e per incentivare i consumi delle signore il premier assicura dal palco che «il vero punto G è nella G di shopping, che le fa godere».

    Al termine dell'analisi, i tre studiosi traggono conclusioni abbastanza severe sul «degrado razionale» a cui questo linguaggio fabulatorio, emotivo, umoristico e infantile avrebbe portato, «in un'assenza di rispetto demolitoria per le istituzioni democratiche». Un giudizio su cui si può concordare o meno, ma che lascia ovviamente irrisolto l'altro corno del problema, tanto più incalzante e spinoso a poche settimane dalle elezioni del 9 aprile: e la sinistra, invece, con che linguaggio comunica?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #592
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    15 Dec 2005
    Messaggi
    9,859
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  3. #593
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pavia
    Messaggi
    29,047
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da salerno69
    Roma, 9 mar. (Apcom) - Unione avanti di 5 punti alla Camera e di 6 punti al Senato. E' questo, secondo un sondaggio realizzato da Swg per 'L'Espresso' su un campione di 1000 persone, il vantaggio del centrosinistra rispetto alla Cdl se si andasse a votare adesso.

    In particolare la coalizione guidata da Prodi otterrebbe il 52% delle preferenze a Motecitorio e il 52,6% al Senato a fonte di un centrodestra rispettivamente al 47% e al 46,5%.

    Un distacco che aumenta giacché nella precedente rilevazione il centrosinistra alla Camera era al 51,8% e la Cdl al 47,2, mentre al Senato il centrodestra ha perso uno 0,1% di consensi che è invece confuito sulla coalizione di Prodi.

    In base alla rilevazione emerge che l'Ulivo alla Camera conquisterebbe il 32,3% mentre Rifondazione Comunista il 6,9%. Nella Cdl, invece, sale Forza Italia (dal 18,7% al 20), mentre scende di molto l'Udc che passa dal 6,1 al 5,3. Cresce anche An: dal 13 al 13,6%.

    Al Senato, invece, i Ds sono al 20,5% (erano a 20,8) mentre la Margherita passa da 12,2 a 12,5% e Rifondazione guadagna lo 0,5% (da 5,8 a 6,3).

    Anche al Senato cresce notevolmente il consenso di Forza Italia (da 18,7 a 20,1), stabile An (da 13,6 a 13,5) mentre l'Udc passa dal 5,6% dei consensi al 5,1.



    Mi spiace deluderti ma SWG è l'unico che vede un aumento del distacco, per gli altri si sta tra il 3.5% e il 4.5%, in calo, sempre a voler sostenere poi che Euromedia e PSB non si devono guardare.
    Against all odds

  4. #594
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    15 Dec 2005
    Messaggi
    9,859
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Certo, se ci fossero altri 10-12 mesi al voto, il nano potrebbe farcela....

  5. #595
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Apr 2002
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,796
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Riccardox
    Campione: 1.000 cittadini residenti in Italia, disaggregati per sesso, età ed area di residenza

    Percentuale
    di rispondenti:
    95%

    Committente:
    la Repubblica

    1000 cittadini? Ma dai....
    rispondono solo il 95%...quindi, almeno, puoi tranquillamente aumentare del 2% il risultato della CdL o toglierlo all'Unione.

    Committente: la Reppubblica....ma ci vuoi far crepare dalle risate...ma sii serio...come il tuo leader ti suggerrisce...serietà...serietà...serietà...resist ere...resistere...resistere...
    Premesso che questi benedetti sondaggi contengono un margine di errore inevitabile, non tanto per la probabilità (piccola) di prendere un campione sballato, quanto per l'oggttiva difficoltà delle modalità da scegliere per individuare un campione corretto, è altresì chiaro che, dal momento che i campioni effettuati sono ormai CENTINAIA, anche volendo considerare un piccolo errore sistematico (mi riferisco ai campioni SERI, non a quelli fatti per tentare di mischiare le carte!), siamo arrivati a consultare ormai centinaia di migliaia di persone ed il trend è sempre lo stesso, con piccolissime oscillazioni.
    Quindi puoi anche crepare dalle risate (meglio adesso che dopo i risultati elettorali). Se la differenza è dello 0,1-0,2% (vedi bush-Kerry)può succedere qualunque cosa, ma quando andiamo oltre il 5 non c'è storia!

  6. #596
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    15 Dec 2005
    Messaggi
    9,859
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da vend. solitario
    Premesso che questi benedetti sondaggi contengono un margine di errore inevitabile, non tanto per la probabilità (piccola) di prendere un campione sballato, quanto per l'oggttiva difficoltà delle modalità da scegliere per individuare un campione corretto, è altresì chiaro che, dal momento che i campioni effettuati sono ormai CENTINAIA, anche volendo considerare un piccolo errore sistematico (mi riferisco ai campioni SERI, non a quelli fatti per tentare di mischiare le carte!), siamo arrivati a consultare ormai centinaia di migliaia di persone ed il trend è sempre lo stesso, con piccolissime oscillazioni.
    Quindi puoi anche crepare dalle risate (meglio adesso che dopo i risultati elettorali). Se la differenza è dello 0,1-0,2% (vedi bush-Kerry)può succedere qualunque cosa, ma quando andiamo oltre il 5 non c'è storia!
    OK

  7. #597
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Nov 2011
    Messaggi
    4,160
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La CDL recupera nei sondaggi

    Intanto - rossi della malora - la Cdl è risalita a -4,3%.
    Si, è chiaro che il proclama di Ancona del premier era la solita puttanata (mi viene però il dubbio che quel sondaggio lo abbia pagato Pantalone...).

    E domani è la notte del Sarchiapone.
    Immagino che il moderatore Mimun, noto mao-trotzkysta, arrivi con gli stivaloni neri (i baffetti già ce l'ha...) una vanga ed un martello: sono sicuro che difenderà i brogli elettorali dei comunistacci a spada, pardon vanga tratta.
    Qui insomma bisogna cominciare a contarsi: la CDL non può far leva su giornalisti Rai e di Repubblica, Corsera, Stampa, Messaggero, il Sole24ore eccetera eccetera, cioè l'85% della stampa italiana (anche qui abbiamo recuperato, prima eravamo al 90%!). Cancelliamo i magistrati (ne dobbiamo parlare?). Forse della Confindustria ci si può fidare. O no: guarda il loro giornale e addirittura il loro capo!
    Di Mediaset siamo delusi: Mentana l'altra sera non ha neanche mollato un cazzotto a quel capellitinti di Diliberto, mentre addirittura Fede mi sembra moscetto (ma quanti anni ha?).
    I sindacati sono tutti comunisti e lo sapevamo, ma vi pongo una domanda:degli avvocati (tolti Pecorella, Taormina e Ghedini) ci si può fidare? Scoprendo che Franzo Grande Stevens e Guido Rossi (omen, nomen!!!!) sono ancora impunemente in giro, direi di no!
    Vogliamo contare gli alleati? Un cretino gioca al vu' cumprà da spiaggia con magliette e risatine ebeti da "abbronzati", un altro lascia che la mia migliore alleata venga spiata, nonostante i poliziotti di quartiere...
    M'è rimasto Sarchiapone: e domani lo tiro fuori!!!

    Informauro

  8. #598
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Sep 2005
    Messaggi
    4,206
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    veramente sono mesi che il banana parla di un +0,5 a suo favore.
    indi, perché sei contento?

  9. #599
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    15 Dec 2005
    Messaggi
    9,859
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'Unione VOLA +6,8%(senza calcolare ancora l'effetto duello)!!

    ELEZIONI/ SWG-ESPRESSO: UNIONE AVANTI A CAMERA 6,6% E SENATO 6,8%[16/03/2006 15.16] - Autore: Swg-Espresso
    Listone al 33,2%, giù FI e An, cresce Alternativa sociale

    Roma, 16 mar. (Apcom) - Unione avanti di 6,6 punti percentuali sulla Cdl alla Camera e del 6,8% al Senato.

    E' quanto emerge dal sondaggio Swg-Espresso, eseguito il 9 e 10 marzo.

    A Montecitorio l'Unione cresce dello 0,6% rispetto alla settimana precedente, mentre la Cdl cala di 1 punto.

    A Palazzo Madama il centrosinistra guadagna lo 0,4% rispetto a sette giorni fa, mentre il centrodestra perde lo 0,4%.

    Fra i partiti, alla Camera cresce dello 0,5%, la Lista unitaria dell'Ulivo (33,2%), dello 0,2% la Rosa nel Pugno (2,6%) e la Lista Di Pietro (2,5%), dello 0,1% il Prc (7%) e il Pdci (1,5%).

    I Verdi (2,5%) perdono lo 0,2%, mentre calano di 0,1 punti i Popolari-Udeur.

    Nella Cdl, cala di un punto e mezzo Forza Italia (18,5%), dello 0,2% l'Udc (5,1%) e la Lega (4%), dello 0,5% An (13,1%). Cresce invece Alternativa sociale, passando dall'1 all'1,6%.

    Al Senato, cresce nel centrosinistra la Margherita, passando dal 12,5 al 12,8%, e i Ds, che salgono dal 20,5 al 20,9%.

    Cala invece dello 0,6% la lista Verdi-Pdci (3,2). Giù anche l'Udeur (dall'1,4 al 1%) e la Rosa nel pugno (dal 2,6 al 2,5%). Nel centrodestra, scende dell'1,5% FI (18,6%). Giù anche An (dal 13,5 al 13,3%), Dc-Nuuovo Psi (dall'1,3 all'1,1%) e la Lega (dal 4,1 al 4%). Salgono invece Udc (dal 5,1 al 5,3%) e Alternativa sociale (dall'1 all'1,5%).

    Al Senato, per quanto riguarda la distribuzione dei seggi, il centrodestra oscilla fra i 142 e i 146 senatori, mentre il centrosinistra dovrebbe ottenere dai 163 ai 167 posti a Palazzo Madama.

    Calano infine rispetto a una settimana fa gli indecisi, passando dal 14 al 13,8%, così come gli astenuti, che scendono dal 7 al 6,8%.

    Il sondaggio è stato realizzato da Swg Srl-Trieste. Committente e acquirente: l'Espresso. Data di esecuzione: 9-10 marzo. Tipo di rilevazione: sondaggio telefonico CATI su un campione nazionale stratificato per quote di 1000 soggetti (su 6800 contatti), rappresentativi dell'universo della popolazione italiana di età superiore ai 18 anni

  10. #600
    Senzapadrone
    Data Registrazione
    29 Mar 2005
    Messaggi
    9,999
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Unione avanti tutta !!!

 

 
Pagina 60 di 73 PrimaPrima ... 105059606170 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Sondaggi......
    Di Danielino nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-03-08, 17:18
  2. sondaggi
    Di Jefferson nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 16-06-07, 06:55
  3. Sondaggi..................
    Di salerno69 nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 31-03-07, 17:40
  4. Sondaggi
    Di Totila nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 30-01-06, 19:03

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226