User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Libero Grassi

  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    06 May 2005
    Località
    palermo
    Messaggi
    157
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Libero Grassi

    Oggi si è ricordato il sacrificio di Libero Grassi nella lotta alla mafia e al racket, scarsa la partecipazione di cittadini, commercianti e imprenditori.................desolante

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    W il Patriottismo Siciliano!
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Palermo, Capitale siciliana
    Messaggi
    4,773
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gfg84
    Oggi si è ricordato il sacrificio di Libero Grassi nella lotta alla mafia e al racket, scarsa la partecipazione di cittadini, commercianti e imprenditori.................desolante
    Onore alla sua memoria.

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    06 May 2005
    Località
    palermo
    Messaggi
    157
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tratto da www.corriere.it

    PALERMO — La mafia in vacanza non ci va e ad agosto fa le sue «campagne pubblicitarie ». Con avvertimenti lugubri da una parte all’altra di Palermo. Con i botti notturni. Facendo saltare in aria una lavanderia nella strada che porta il nome di don Pino Puglisi o un negozio di telefonini in via Foscolo, a cento passi da dove nel ’91 uccisero Libero Grassi. E ogni volta la gente scappa atterrita, in pigiama. Due palazzi evacuati in dieci giorni. Notti d’inferno confinate nelle cronache locali alla vigilia di un anniversario senza entusiasmi, come dice Pina Grassi, la vedova dell’imprenditore assassinato perché si rifiutava di pagare il racket e sbeffeggiava i mafiosi in Tv: «Quindici anni di lotte, ma Palermo non cambia... ».
    L’amarezza di questa signora che si ritrova ogni anno sul luogo del delitto con i suoi due figli fra corone ed autorità è inevitabile se, proprio a cento passi da casa sua, Ferragosto è stato sconvolto dal palazzo in fiamme, dai vicini in fuga, da una famiglia di commercianti ormai in ginocchio. Ecco le storie che alimentano la paura dei bottegai e soffocano le parole anche ai 20 negozianti invano interrogati nell’ultima settimana, come ha rivelato il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso parlando di Libero Grassi ad un convegno del Centro Impastato: «Non ricordano,maun pentito l’ha rivelato che il pizzo glielo chiedevano». Tacciono. Con soddisfazione di chi è pronto a presentarsi da lunedì prossimo per riscuotere la «mesata», come chiamano il pagamento «mensile».
    «Per convincere tutti ad agosto, quando non bloccano le saracinesche con l’attack, fanno saltare qualche negozio. È la loro formadi "pubblicità"», spiega Pina Grassi mentre incoraggia i generosi ragazzi di «Addiopizzo » ed evoca il dramma del ’91: «Anche allora l’omicidio di mio marito doveva servire per scoraggiare la ribellione...». Proprio quell’evento fece però sperare in meglio, anche sulla scia delle denunce dei coraggiosi commercianti di Capo d’Orlando guidati da Tano Grasso. Adesso è lo stesso Grasso, ex commissario dell’antiracket, ad aprire un fronte polemico quando, dopo le cerimonie del quindicesimo anniversario, si aprono le porte della prefettura per il vertice con il sottosegretario all’Interno Ettore Rosato e con il nuovo commissario antiracket, Raffaele Lauro. Entrambi decisi a convocare per il 2 e 3 ottobre a Roma un meeting antiracket.
    Buona idea, condivisa anche dal procuratore Grasso che bacchetta il mondo politico «perché non abbiamo ancora una commissione antimafia», e dal suo successore al vertice della procura di Palermo Francesco Messineo: «Cosa nostra sta riconvertendo molta parte del suo apparato nelle estorsioni, accontentandosi di somme non eccessive per non creare grossi problemi alla aziendema estendendo la sua influenza». E Tano Grasso, sbalzato di sella durante il governo Berlusconi, conferma che a pagare il pizzo sono ancora l’80 per cento dei commercianti: «Un calo dell’11 per cento nelle denunce di estorsioni e del 34 per cento nelle denunce di usura non sono segno di una vera diminuzione del fenomeno, ma di un calo di fiducia nelle istituzioni».
    Posizione simile a quella di Pina Grassi, critica con il sindaco Diego Cammarata impegnato in una difesa d’ufficio: «La battaglia non è finita e non è vintamail muro di omertà si è rotto e Palermo non dimentica... ». No, dopo aver letto il messaggio di Fausto Bertinotti che definisce Grassi «esempio di coraggio e libertà » la vedova replica al sindaco: «Qui manca una sana imprenditoria... ». E sua figlia Alice: «Palermo non dimentica? I giovani e in particolare i ragazzi di "Addiopizzo" no, ma la grandissima parte della città non ha mai voluto vedere come stanno in realtà le cose».
    Non saranno più i tempi in cui il presidente degli imprenditori accusava Grassi di fare «tamburiate», di suonare la gran cassa per pubblicità personale,maancora oggi restano pochi i commercianti disposti a fare ammissioni in tribunale. Anche a costo di beccarsi delle condanne. Come è accaduto a tanti. Compresi i due proprietari del bar dove Tomasi di Lampedusa vergava le pagine del Gattopardo. Condannati per non avere rivelato il nome del loro «esattore». Condannati ad una pena che fa sorridere, un mese di «solidarietà sociale» alla Regione siciliana. Una sorta di «terapia educativa» presso uffici dove non si capisce chi dovrebbe impartire lezioni di legalità.




    Meditate, gente, meditate!

  4. #4
    Free Tibet!
    Data Registrazione
    25 Aug 2005
    Località
    www.siciliaindipendente.org Agnes velhom age, bureita dadenami. Eka esti, metere Trinacie geped. Ais darna Trinacie uie, iti Talia tebei, ahita Talia praarei, viadis Talia aite esti. Zudai esti. Puri Trinacie ires.
    Messaggi
    3,504
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' il regime del silenzio. Una drappo che va lacerato.

    Se possibile, riproponete la discussione nel forum MIS: essendo più in "alto" e "in evidenza", magari può aiutare a leggere di questo assordante silenzio anche a chi, piuttosto, continua ad inseguire la sanguinante chimera chiamata "Italia" e la sua storia di leggi e leggine di palazzo...

  5. #5
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma
    Messaggi
    12,761
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito



    LIBERO GRASSI

    Catania, 19.07.1924 - Palermo, 29.08.1991

  6. #6
    Gioa
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Frescobaldi Visualizza Messaggio


    LIBERO GRASSI

    Catania, 19.07.1924 - Palermo, 29.08.1991
    Salve volevo esprimere anch'io un pò di cordoglio, per questo signore ucciso da una violenza folle.

    Poi volevo ancora dire qualcos'altro a proposito di quello che è successo al Signor Grassi.
    Lui diceva che era giusto fare una legge che imputasse reato a chi pagava il pizzo, in parte credo che questa proposta forse è condivisa anche dall'imprenditore Guayana, a cui è stato incendiato un capannone ultimamente a Palermo.

    Io credo si sbagliano.
    Come credo che sarebbe meglio quando qualcuno ti viene a chiedere il pizzo di pagarlo offrendo anche qualcosa in più di quanto viene richiesto, però si deve avere l'obbligo morale d'informare le autorità dell'accaduto ma se queste non funzionano allora mi pare che si debba continuare a pagare.
    La vedo una via più saggia che farsi ammazzare per un pò di soldi.
    Le autorità devono farsi sentire e mi pare che Falcone in un suo discorso li chiamò in qualche modo alle loro responsabilità.

    Ma abbiamo questa legge che per me favoreggia la mafia che favoreggia chi in Sicilia al momento e predisposto ad oppressare, quindi un passo verso la lotta per me sarebbe quello di abolire la legge, pagare il pizzo quando viene chiesto ed informare subito le autorità che dovrebbero provvedere all'arresto e a delle indagini accurate. Infine il lavoro delle autorità dovrebbe essere accompagnato da una riforma penitenziaria e giudiziaria la quale dovrebbe essere diretta al recupero dell'individuo che sbaglia come garantire ampiamente la sicurezza dei cittadini.
    Chi sbaglia per me non dovrebbe avere una pena a tempo determinato ma a tempo indeterminato, autorizzando scarcerazioni solo quando si è convinti di poter rimettere nel territorio il detenuto.
    Questo recupero andrebbe fatto attraverso dei programmi svolti all'interno del carcere, dove i detenuti nella loro persona dovrebbero essere ancor più curati avendo uno spazio maggiore specie nelle celle, ma tutto questo accompangnato da una severità che al momento manca.

    Un saluto

 

 

Discussioni Simili

  1. LIBERO GRASSI -- 20 anni fa veniva ucciso dalla Mafia
    Di Napoli Capitale nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 07-10-11, 17:16
  2. Libero Grassi - la qualità dei consensi
    Di Bladerunner_60 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-01-11, 17:27
  3. Libero Grassi
    Di Italianista nel forum Sicilia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-01-11, 15:17
  4. in pochi ricordano Libero Grassi
    Di agaragar nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-08-02, 05:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226