User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24

Discussione: Prodi in Cina

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    13,127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Prodi in Cina

    Alla vigilia del suo viaggio in Europa il primo ministro cinese Wen Jiabao ha spiegato che “la democrazia viene dopo la corsa alla ricchezza”.
    Gli argomenti impiegati dalla leadership cinese per “rinviare” il processo democratico sono i soliti: la vastità del paese, il numero dei suoi abitanti e l’enorme distanza esistente tra il ricco e il povero. Ovviamente gli si potrebbe replicare che altri grandissimi paesi, a cominciare dall’India, hanno affrontato gli stessi problemi con il metodo democratico, ottenendo importanti successi.
    I comunisti cinesi affermano che non ci si può permettere la democrazia perché ci sono profondissime disparità sociali, ma fingono di confondere la causa con l’effetto.
    E’ proprio l’assenza di libertà fondamentali, a cominciare da quella di costituire liberi sindacati, che porta a una così iniqua distribuzione dei risultati dell’impetuosa crescita economica.
    La democrazia è il meccanismo che consente ai conflitti di esprimersi pacificamente, trovando soluzioni sempre provvisorie nell’azione di gruppi dirigenti selezionati dalla volontà popolare.
    Il partito unico cinese, invece, ritiene che i conflitti debbano essere soffocati da un’élite che conserva il proprio potere grazie al controllo della forza e che tenta di legittimarlo con i risultati economici, dal cui godimento resta esclusa una gran parte della popolazione.
    Faceva così quando esprimeva obiettivi di egualitarismo assoluto, continua a farlo ora, mentre persegue quelli diametralmente opposti della corsa selettiva alla ricchezza.
    Nella sua azione brutale per mantenere il monopolio del potere, non tollera alcuna attività che esuli dal suo controllo.
    Così continua la persecuzione della chiesa cattolica che non accetta di sostituire la comunione con Roma a quella con il ministero dei Culti della Repubblica popolare.
    Per questo si continuano ad abbattere le chiese che i fedeli costruiscono a proprie spese, con immensi sacrifici personali.
    Anche la fede, evidentemente, ostacola la “corsa alla ricchezza” e per questo va repressa.

    Ferrara su il Foglio del 7 settembre

    saluti

    Ora è Prodi che restituisce la visita: da buon cristiano fedele ed attivo chiederà di potersi recare in una chiesa cattolica per pregare il suo Dio?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Nebbia nn c'è, è andato via :D
    Data Registrazione
    09 Sep 2006
    Località
    Monselice (PD)
    Messaggi
    549
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A mio avviso la civiltà cinese ha dovuto rinnegare completamente le sue origini e tradizioni per non morire di fame grazie al modello capitalistico occidentale, e si è trasformata in un colosso produttivo con qualche pregio e molte ombre. Senza la società occidentale forse questo sviluppo forzato non si sarebbe verificato in maniera così brusca.
    Dal punto di vista democratico, come fai giustamente notare, l'India è riuscita a fare meglio, ma le condizioni di vita della popolazione in media sono peggiori di quelle della Cina (Calcutta ne è l'esempio più lampante).
    Per quanto riguarda Prodi, spero proprio che gli sia negata la libertà di andare in Chiesa anche in patria: bisogna agire, non perdere tempo a pregare un Dio che potrebbe benissimo non esistere.

  3. #3
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "Ovviamente gli si potrebbe replicare che altri grandissimi paesi, a cominciare dall’India, hanno affrontato gli stessi problemi con il metodo democratico, ottenendo importanti successi."



    Bisogna proprio esser ciechi per non vedere la situazione indiana.

  4. #4
    Nebbia nn c'è, è andato via :D
    Data Registrazione
    09 Sep 2006
    Località
    Monselice (PD)
    Messaggi
    549
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da yurj Visualizza Messaggio
    "Ovviamente gli si potrebbe replicare che altri grandissimi paesi, a cominciare dall’India, hanno affrontato gli stessi problemi con il metodo democratico, ottenendo importanti successi."



    Bisogna proprio esser ciechi per non vedere la situazione indiana.
    Da certi punti di vista è meglio della Cina, invece.
    Lì in media il governo in carica viene mandato a casa più di due volte su tre alle elezioni politiche. Inoltre, negli ultimi anni hanno fatto molti progressi (in particolare c'era bisogno di togliere le vacche dalle strade ) e ne faranno ancora. Io aspetterei una ventina di anni prima di giudicare le condizioni dell'India.

  5. #5
    a.k.a. tolomeo
    Data Registrazione
    18 Jul 2005
    Messaggi
    42,310
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da yurj Visualizza Messaggio
    "Ovviamente gli si potrebbe replicare che altri grandissimi paesi, a cominciare dall’India, hanno affrontato gli stessi problemi con il metodo democratico, ottenendo importanti successi."



    Bisogna proprio esser ciechi per non vedere la situazione indiana.
    Bisogna essere ciechi per non vedere la situazione in Cina.

    Denunciare gli sfruttamenti dei ragazzi è un reato punito col carcere
    Ma sui giornali del Guandong qualche vicenda sfugge al silenzio

    Cina, le "città segrete"
    del lavoro minorile

    dal nostro corrispondente FEDERICO RAMPINI


    PECHINO - Jimi: in cinese è l'equivalente di "top secret". Nel 2000 il ministero del Lavoro e l'Ufficio di polizia per la protezione dei segreti di Stato hanno varato un regolamento che all'articolo 3 comma 1 classifica come jimi la "diffusione di informazioni sul lavoro minorile". Chiunque contribuisca a rivelare casi di sfruttamento di bambini nelle fabbriche cinesi è quindi imputabile di avere tradito "segreti di Stato". È un crimine per il quale si rischia l'arresto immediato, una condanna per le vie brevi senza avvocato difensore, e pesanti pene in carcere.

    Questo spiega perché sia molto difficile trovare informazioni sul lavoro infantile, una piaga sociale che secondo le stime più prudenti colpisce almeno 10 milioni di bambini in Cina (ma è ben più drastico l'Ufficio internazionale del lavoro con sede a Ginevra: calcola siano fino all'11,6% i minorenni costretti a lavorare, cioè molte decine di milioni). Eppure sui giornali del Guangdong - la regione meridionale che è il cuore della potenza industriale cinese - qualche vicenda sfugge alla legge del silenzio. Il sito online del quotidiano di Nanfang espone un'inchiesta sui lavoratori immigrati: c'è la foto di un sedicenne con un dito amputato da un incidente in fabbrica. Un'altra immagine, ripresa da lontano con il teleobiettivo, mostra una piccola impresa di giocattoli: tanti bambini lavorano seduti dietro i banconi.

    Si scopre che uno dei paraventi utilizzati per nascondere il lavoro minorile è camuffarlo come apprendistato organizzato dalle scuole. Zhang Li, un ragazzo di 15 anni, ha rivelato che la sua scuola tecnica lo ha portato insieme con altri 40 studenti (alcuni di soli 13 anni) a lavorare in una fabbrica elettronica di Shenzhen. Salario: dai 600 agli 800 yuan (60-80 euro) al mese per lavorare dall'alba a mezzanotte, e dormire stipati in 12 per stanza. L'inganno delle scuole usate come una copertura per far lavorare i ragazzi venne alla luce per la prima volta con una sciagura del 2001, riportata anche dai mass media nazionali. 42 bambini delle elementari morirono nel rogo di una scuola dello Jianxi. L'incendio era scoppiato perché quella in realtà non era una scuola ma una fabbrica di fuochi d'artificio. Non ha "bucato" i filtri della censura, invece, una tragedia più recente. È accaduta due giorni prima dello scorso Natale nel paesino di Beixinzhuang. Cinque ragazzine quattordicenni sono morte soffocate dal fumo nel sonno, nel minuscolo dormitorio adiacente alla fabbrica di tessuti in cui lavoravano. Particolare atroce, si sospetta che un paio di loro siano state sepolte ancora agonizzanti dal padrone dell'azienda che aveva fretta di fare sparire i corpi.

    Lo si è saputo cinque mesi dopo, e solo grazie all'associazione umanitaria Human Rights in China. Sun Jiangfen, la mamma di una delle ragazzine morte, si è spiegata così: "Nelle campagne noi non possiamo permetterci di mandare i figli a scuola come fanno i cittadini. In questo villaggio ogni famiglia ha dei figli che lavorano in fabbrica". Sua figlia Jia Wanyun era diventata operaia a 14 anni perché i genitori potessero pagare gli studi al fratello. Le era stato promesso un salario di 85 euro al mese per lavorare dodici ore al giorno, sette giorni alla settimana, senza ferie. Quando è morta era in fabbrica già da più di un mese ma il padrone non le aveva versato lo stipendio, con la scusa che era ancora una apprendista.

    Le organizzazioni umanitarie che si battono per proteggere i bambini contestano la credibilità delle multinazionali che subappaltano la produzione in Cina, quando i manager occidentali affermano che nelle loro fabbriche i diritti umani sono rispettati. In realtà nelle aziende cinesi che riforniscono le multinazionali, i manager locali obbligano gli operai a imparare a memoria le risposte false che devono dare in caso di ispezione. Gli operai dell'azienda He Yi di Dongguan sono riusciti a procurare all'associazione China Labor Watch un esemplare originale delle "istruzioni per l'inganno": è un questionario in 28 punti distribuito dai capi, per preparare i lavoratori ad affrontare una visita dei rappresentanti di Wal-Mart, la grande catena di ipermercati americani. Una delle domande-risposte da imparare a memoria: "Avete mai visto lavorare dei minorenni in questa fabbrica? No, mai". Sono in tutto 28 domande, dal salario agli orari di lavoro, dalle ferie allo spazio vitale nei dormitori. Su ogni punto gli operai sono addestrati in anticipo, con l'obbligo di mentire se non vogliono perdere il posto. È previsto che rispondano di sì anche alla domanda: "Qui siete felici?"

    La He Yi di Dongguan è al centro di uno scandalo che colpisce una delle marche americane più celebri in tutto il pianeta, la Walt Disney. Alla He Yi nella stagione di punta (maggio-ottobre) 2.100 operai fabbricano bambole e giocattoli di plastica con il marchio Disney. Dall'interno della fabbrica gli operai insieme con il "manuale delle bugie" hanno fatto giungere agli attivisti umanitari anche le fotocopie dei veri cartellini orari, le buste paga autentiche. Fanno turni quotidiani che con gli straordinari obbligatori possono raggiungere le 18 ore al giorno. Hanno una settimana lavorativa di sette giorni su sette, con un solo giorno di riposo al mese. Le paghe sono di 13 centesimi di euro all'ora, inferiori perfino al salario minimo legale cinese. I ritardi nel pagare i salari sono frequenti, e 50 operai sono stati licenziati nel gennaio 2004 dopo aver osato protestare perché la paga non arrivava. Non c'è pensione, né assistenza sanitaria in caso di malattia. Nei dormitori vengono stipati venti operai per stanza. E si riducono a una farsa le ispezioni della Walt Disney: vengono annunciate con ben venti giorni di anticipo al management della He Yi, che obbliga gli operai a recitare una versione dei fatti più rassicurante. La Disney, messa di fronte a questi documenti, è costretta ad ammettere. Ho scritto alla direttrice delle Corporate Communications della Walt Disney Consumer Products negli Stati Uniti, Nidia Caceros Tatalovich, per avere una reazione ufficiale dell'azienda di fronte allo scandalo dei "giocattoli della miseria". Mi ha risposto che "una verifica condotta dalla Disney (in seguito alle denunce delle associazioni umanitarie, ndr) ha confermato la validità di varie accuse". La direttrice delle relazioni esterne aggiunge che adesso la Disney sta "incoraggiando" il management dell'azienda a migliorare le condizioni in fabbrica.

    Gli attivisti di China Labor Watch non vogliono aizzare il protezionismo anti-cinese in Occidente. Le loro denunce si concludono sempre con un appello: "Questa non è una campagna per il boicottaggio dei prodotti cinesi. Non vogliamo spingere le multinazionali americane ad annullare i loro acquisti. I lavoratori che ci hanno rivelato queste notizie non possono permettersi di perdere il posto. È meglio essere sfruttati che essere disoccupati. Loro chiedono solo di poter essere trattati come esseri umani". In questo avvertimento c'è una preoccupazione comprensibile. Le inchieste che cominciano a spezzare l'omertà sul lavoro minorile in Cina, sullo sfruttamento e sui soprusi contro i lavoratori, possono portare a conclusioni pericolose: un alibi per i paesi ricchi che vogliono chiudere le frontiere.

    Gli operai cinesi stanno indicando che un'altra soluzione è possibile. Nella stessa città di Dongguan c'è un gigante dell'industria calzaturiera che si chiama Stella International: 42.000 operai. Il nome di quell'azienda sta diventando il simbolo di una nuova èra per la Cina, la stagione delle lotte operaie. L'anno scorso il malcontento è esploso, la Stella è stata paralizzata dagli scioperi spontanei. Ci sono state anche manifestazioni violente, centinaia di operai hanno saccheggiato alcuni stabilimenti, hanno ferito un dirigente, finché un esercito di poliziotti ha riconquistato la fabbrica e arrestato i leader della rivolta. Tutta la vicenda è stata isolata da un cordone sanitario di censura. Ma di recente è trapelata una notizia sorprendente. Dieci leader della protesta operaia, condannati in primo grado a tre anni e mezzo di carcere, sono stati assolti dalla corte d'appello del Guangdong. È un segnale di speranza per i tanti altri conflitti sociali che sono già esplosi, e per quelli che covano sotto la cenere. Dalla protezione dei bambini agli aumenti salariali, dal diritto di sciopero al Welfare, i lavoratori cinesi cominciano a battersi per le loro conquiste sociali. In un paese dove la Asian Development Bank stima vi siano 230 milioni di persone sotto la soglia della povertà assoluta - un dollaro al giorno - la strada è ancora lunga.


    http://www.repubblica.it/2005/e/sezi...b/cinminb.html
    .

    A fool and his money can throw one hell of a party.

  6. #6
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ross the Boss Visualizza Messaggio
    Da certi punti di vista è meglio della Cina, invece.
    Lì in media il governo in carica viene mandato a casa più di due volte su tre alle elezioni politiche. Inoltre, negli ultimi anni hanno fatto molti progressi (in particolare c'era bisogno di togliere le vacche dalle strade ) e ne faranno ancora. Io aspetterei una ventina di anni prima di giudicare le condizioni dell'India.
    Si, ma non citi i vantaggi.

  7. #7
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    tolomeo: e chi dice cosa? Repubblica? Il governo cinese? La magistratura cinese? AI?

    Come si fa ad affermare che una scuola era in realtà una fabbrica di fuochi d'artificio? Ma fa ridere!

  8. #8
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito

    Io sinceramente mi VERGOGNO che a trattare coi Cinesi anche per me ci sia Prodi e la sua manica di incompetenti.

  9. #9
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "L'anno scorso il malcontento è esploso, la Stella è stata paralizzata dagli scioperi spontanei. Ci sono state anche manifestazioni violente, centinaia di operai hanno saccheggiato alcuni stabilimenti, hanno ferito un dirigente, finché un esercito di poliziotti ha riconquistato la fabbrica e arrestato i leader della rivolta."

    quando accade in italia, li chiamate "terroristi". Che buffoni che siete.

  10. #10
    a.k.a. tolomeo
    Data Registrazione
    18 Jul 2005
    Messaggi
    42,310
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da yurj Visualizza Messaggio
    tolomeo: e chi dice cosa? Repubblica? Il governo cinese? La magistratura cinese? AI?

    Come si fa ad affermare che una scuola era in realtà una fabbrica di fuochi d'artificio? Ma fa ridere!


    Certo, il Manifesto o Liberazione non si azzarderebbero mai di sospettarlo per un solo momento.
    Mi pari la Rossanda

    .

    A fool and his money can throw one hell of a party.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Prodi in CINA
    Di pacatamente (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 103
    Ultimo Messaggio: 17-12-08, 13:14
  2. Prodi, la Cina e Amnesty
    Di Paolo2005 nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-09-06, 18:35
  3. Prodi cina a democrazia
    Di Willy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 16-09-06, 10:27
  4. Prodi e la Cina
    Di Spirit nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-03-06, 17:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226