User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: +extra-itagliani.....

  1. #1
    giovanni.fgf
    Ospite

    Predefinito +extra-itagliani.....

    La Stampa, 07 Giugno 2007
    Scuola dei somari: lo straniero non ci sta

    Italia sotto accusa I figli degli immigrati chiedono più severità: per loro la meritocrazia
    rappresenta l’unico modo di annullare le disuguaglianze sociali e farsi largo nella vita

    ALBERTO PAPUZZI
    La scuola italiana «è troppo facile» e «non c'è disciplina». La grande maggioranza degli studenti italiani «fa quel che vuole». E per giunta nelle aule «ci si fa le canne». Gli insegnanti poi «non si fanno rispettare». E i programmi? «Sono più indietro, specie nelle materie scientifiche», rispetto al livello di altri paesi europei e asiatici. Ma soprattutto quella italiana è una scuola «che non premia il merito». Una scuola che non garantisce vantaggi ai più bravi.
    Lo dicono quelli che meno ti aspetti: gli studenti stranieri di seconda generazione, figli di immigrati arrivati da paesi con una tradizione scolastica (Romania, Bulgaria, Moldavia, Ucraina, Cina, Sri Lanka) e decisi a sfruttare la scuola come un pass per farsi largo nella vita. Che siano proprio loro a chiedere una scuola meritocratica sembra un paradosso, invece è il fenomeno forse più sorprendente man mano che si evolvono i processi di integrazione.
    «Il dato viene fuori da una serie di interviste in profondità sulle seconde generazioni di immigrati - dichiara Stefano Molina, ricercatore alla Fondazione Agnelli -. Alla domanda "C'è qualcosa che vorresti andasse meglio a scuola?" una studentessa cinese risponde: "Le professoresse dovrebbero essere molto più severe". C'è una mediatrice culturale che dice: "La scuola italiana è un posto dove non si combina molto, e le famiglie degli immigrati sono preoccupate perché i loro figli non imparano. O imparano male"». In un meeting di Torino Internazionale il ricercatore della Fondazione Agnelli ha usato la metafora dell'asticella del salto: «Comunità come africani e sudamericani - ci spiega - chiedono che l'asticella sia posta più in basso, in modo che i loro ragazzi possano scavalcarla facilmente. Ma altre comunità come i rumeni, gli ucraini o i cinesi fanno pressione perché l'asticella sia alzata, in modo che i loro studenti possano farsi valere. In molti immigrati cresce la consapevolezza che una scuola senza meritocrazia riproduce le disuguaglianze sociali». Se per accedere al mercato del lavoro e per salire la scala sociale non contano i risultati conseguiti nello studio, allora tornano a contare moltissimo la famiglia benestante o lo zio notaio.
    Il fenomeno è stato già studiato in Francia, Germania, Gran Bretagna, Stati Uniti. Le ricerche hanno messo in luce l'aggressività con cui studenti immigrati di seconda generazione combattono a scuola la battaglia per emergere, anche contro il progressismo multiculturale che vorrebbe favorire i processi d'integrazione. Ma nessun paese europeo è riuscito a trovare l'equilibrio fra integrazione e competitività, secondo Jonathan Chaloff, ricercatore inglese che ha lavorato al Cespi e ora è all'Ocse, autore fra l'altro di Scuole e migrazioni in Europa (con Luca Queirolo Palmas): «Direi che hanno fallito tutti, chi per un verso chi per un altro, e non abbiamo un sistema europeo standard per trattare i rapporti fra immigrazione e scuola. In Germania, per esempio, non si sono fatti investimenti sull'apprendimento della lingua tedesca, con il problema che diverse generazioni di immigrati non riescono a padroneggiarla. In Italia è evidente che comunità come gli asiatici o gli ucraini sono deluse dalla nostra scuola. I genitori ucraini che ho intervistato mi dicevano che è “priva di valori”. Inoltre in alcune materie - matematica, musica, lingue - il livello d'insegnamento nelle scuole dell'Est è decisamente più alto che in Italia».
    La resa scolastica degli immigrati dipende d'altronde da molti fattori diversi. «Le ricerche americane mettono in evidenza tre aspetti circa le differenze nelle prestazioni scolastiche dei figli di immigrati - dichiara il sociologo Maurizio Ambrosini, milanese che insegna all'Università di Genova, direttore scientifico del Centro studi migrazioni nel Mediterraneo -. Il loro livello dipende da quello socioculturale dei genitori: siamo abituati a collocare gli immigrati in un rango basso, e non cogliamo la qualità della loro istruzione e il capitale umano che rappresentano per i figli. Inoltre più del paese di provenienza pesa il momento dell'arrivo: chi è arrivato da adolescente fa più fatica rispetto a chi è arrivato da bambino, o addirittura è nato nella nuova patria. Infine le ricerche mostrano che vanno meglio i ragazzi di comunità coese, con un controllo sociale sui comportamenti dei singoli».
    Che cosa dicono gli insegnanti che affrontano questi problemi nella vita quotidiana? Per Marilena Capellino, preside della scuola media torinese Nevio Matteotti, è del tutto plausibile che dagli immigrati venga una richiesta di meritocrazia. Nel suo complesso, su 950 studenti, il 12 per cento sono figli di colf e badanti: filippini, cinesi, rumeni, ucraini. «Dopo la terza media tutti proseguono gli studi. Li vedo lavorare assai bene. Hanno alle spalle famiglie motivate, desiderose che i figli facciano bene. Molti meritano i complimenti, fanno una grossa fatica: oltre a impadronirsi dell'italiano, la scuola gli chiede altre due lingue. Noi li seguiamo anche per il primo anno delle superiori. La loro riuscita è un feedback importante». Le ricerche della Fondazione Agnelli dicono che questi studenti hanno idee chiare sul futuro: non a caso sognano di diventare magistrati, medici o matematici.


    (ricordiamoci che il 90% dell'insegnamento itagliano è in mano ai terroni...)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Oh, almeno il comunismo a questi ha dato qualcosa

  3. #3
    giovanni.fgf
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da yurj Visualizza Messaggio
    Oh, almeno il comunismo a questi ha dato qualcosa

    certo....

  4. #4
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da giovanni.fgf Visualizza Messaggio
    La Stampa, 07 Giugno 2007
    Scuola dei somari: lo straniero non ci sta

    Italia sotto accusa I figli degli immigrati chiedono più severità: per loro la meritocrazia
    rappresenta l’unico modo di annullare le disuguaglianze sociali e farsi largo nella vita

    ALBERTO PAPUZZI
    La scuola italiana «è troppo facile» e «non c'è disciplina». La grande maggioranza degli studenti italiani «fa quel che vuole». E per giunta nelle aule «ci si fa le canne». Gli insegnanti poi «non si fanno rispettare». E i programmi? «Sono più indietro, specie nelle materie scientifiche», rispetto al livello di altri paesi europei e asiatici. Ma soprattutto quella italiana è una scuola «che non premia il merito». Una scuola che non garantisce vantaggi ai più bravi.
    Lo dicono quelli che meno ti aspetti: gli studenti stranieri di seconda generazione, figli di immigrati arrivati da paesi con una tradizione scolastica (Romania, Bulgaria, Moldavia, Ucraina, Cina, Sri Lanka) e decisi a sfruttare la scuola come un pass per farsi largo nella vita. Che siano proprio loro a chiedere una scuola meritocratica sembra un paradosso, invece è il fenomeno forse più sorprendente man mano che si evolvono i processi di integrazione.
    «Il dato viene fuori da una serie di interviste in profondità sulle seconde generazioni di immigrati - dichiara Stefano Molina, ricercatore alla Fondazione Agnelli -. Alla domanda "C'è qualcosa che vorresti andasse meglio a scuola?" una studentessa cinese risponde: "Le professoresse dovrebbero essere molto più severe". C'è una mediatrice culturale che dice: "La scuola italiana è un posto dove non si combina molto, e le famiglie degli immigrati sono preoccupate perché i loro figli non imparano. O imparano male"». In un meeting di Torino Internazionale il ricercatore della Fondazione Agnelli ha usato la metafora dell'asticella del salto: «Comunità come africani e sudamericani - ci spiega - chiedono che l'asticella sia posta più in basso, in modo che i loro ragazzi possano scavalcarla facilmente. Ma altre comunità come i rumeni, gli ucraini o i cinesi fanno pressione perché l'asticella sia alzata, in modo che i loro studenti possano farsi valere. In molti immigrati cresce la consapevolezza che una scuola senza meritocrazia riproduce le disuguaglianze sociali». Se per accedere al mercato del lavoro e per salire la scala sociale non contano i risultati conseguiti nello studio, allora tornano a contare moltissimo la famiglia benestante o lo zio notaio.
    Il fenomeno è stato già studiato in Francia, Germania, Gran Bretagna, Stati Uniti. Le ricerche hanno messo in luce l'aggressività con cui studenti immigrati di seconda generazione combattono a scuola la battaglia per emergere, anche contro il progressismo multiculturale che vorrebbe favorire i processi d'integrazione. Ma nessun paese europeo è riuscito a trovare l'equilibrio fra integrazione e competitività, secondo Jonathan Chaloff, ricercatore inglese che ha lavorato al Cespi e ora è all'Ocse, autore fra l'altro di Scuole e migrazioni in Europa (con Luca Queirolo Palmas): «Direi che hanno fallito tutti, chi per un verso chi per un altro, e non abbiamo un sistema europeo standard per trattare i rapporti fra immigrazione e scuola. In Germania, per esempio, non si sono fatti investimenti sull'apprendimento della lingua tedesca, con il problema che diverse generazioni di immigrati non riescono a padroneggiarla. In Italia è evidente che comunità come gli asiatici o gli ucraini sono deluse dalla nostra scuola. I genitori ucraini che ho intervistato mi dicevano che è “priva di valori”. Inoltre in alcune materie - matematica, musica, lingue - il livello d'insegnamento nelle scuole dell'Est è decisamente più alto che in Italia».
    La resa scolastica degli immigrati dipende d'altronde da molti fattori diversi. «Le ricerche americane mettono in evidenza tre aspetti circa le differenze nelle prestazioni scolastiche dei figli di immigrati - dichiara il sociologo Maurizio Ambrosini, milanese che insegna all'Università di Genova, direttore scientifico del Centro studi migrazioni nel Mediterraneo -. Il loro livello dipende da quello socioculturale dei genitori: siamo abituati a collocare gli immigrati in un rango basso, e non cogliamo la qualità della loro istruzione e il capitale umano che rappresentano per i figli. Inoltre più del paese di provenienza pesa il momento dell'arrivo: chi è arrivato da adolescente fa più fatica rispetto a chi è arrivato da bambino, o addirittura è nato nella nuova patria. Infine le ricerche mostrano che vanno meglio i ragazzi di comunità coese, con un controllo sociale sui comportamenti dei singoli».
    Che cosa dicono gli insegnanti che affrontano questi problemi nella vita quotidiana? Per Marilena Capellino, preside della scuola media torinese Nevio Matteotti, è del tutto plausibile che dagli immigrati venga una richiesta di meritocrazia. Nel suo complesso, su 950 studenti, il 12 per cento sono figli di colf e badanti: filippini, cinesi, rumeni, ucraini. «Dopo la terza media tutti proseguono gli studi. Li vedo lavorare assai bene. Hanno alle spalle famiglie motivate, desiderose che i figli facciano bene. Molti meritano i complimenti, fanno una grossa fatica: oltre a impadronirsi dell'italiano, la scuola gli chiede altre due lingue. Noi li seguiamo anche per il primo anno delle superiori. La loro riuscita è un feedback importante». Le ricerche della Fondazione Agnelli dicono che questi studenti hanno idee chiare sul futuro: non a caso sognano di diventare magistrati, medici o matematici.


    (ricordiamoci che il 90% dell'insegnamento itagliano è in mano ai terroni...)

    Notizia veramente incredibile.
    Effettivamente nei Paesi dell'Est+Cina la scuola è un fatto molto serio.
    Non mi sorprende che africani e sudamericani vogliano una scuola ancora + facile: loro pensano solo a cazzeggiare.
    Che la sQuola poi sia in mano agli insegnanti terronici che nemmeno sanno parlare in itagliano non è una novità.

  5. #5
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Onestamente io non ho ancora capito come questo Paese ha fatto a diventare una potenza industriale negli anni passati.
    Ad ogni modo, per come stanno andando le cose, non so quanto la situazione reggerà.

    Girandola da tutti i punti i vista,l'Itaglia è in declino profondo.

    Da quando il baricentro si è spostato e si sta spostando da Nord a Sud tramite i colonizzatori itagliani attraverso i loro sgherri messi lì apposta in tutto il settore pubblico,si sta passando pian piano ma costantemente da una mentalità vicino al Centro Europa ad una mentalità mediterranea.
    Dall'ordine ci sta spostando verso il disordine.
    Dalla precisione al pressapoco.

    E lo si vede soprattutto nelle piccole cose,ma significative.

    Si sta perdendo oggettivamente il contatto e la mentalità dei Paesi vicini seri come la Svizzera o l'Austria per mentalità prettamente mediteranee.
    Va detto che la televisione e il martellante lavaggio del cervello fatto per 60anni sono stati fattori decisivi.

    L'Itaglia,tutta,in tutti i campi,si sta meridionalizzando e il disastro è sotto gli occhi di tutti.

    Solo chi va spesso all'estero nei Paesi seri si accorge come siamo e stiamo andando indietro.

 

 

Discussioni Simili

  1. manganelli itagliani
    Di aussiebloke (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-06-07, 23:34
  2. Itagliani in Germania...
    Di Wasabi nel forum Padania!
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 28-12-05, 16:44
  3. Itagliani!!!
    Di Iunthanaka nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 17-05-05, 15:25
  4. gli irakeni come gli itagliani
    Di Herr Mann nel forum Padania!
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 13-04-03, 23:12
  5. Gli iracheni come gli itagliani
    Di Herr Mann nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 11-04-03, 20:07

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226