User Tag List

Pagina 26 di 26 PrimaPrima ... 162526
Risultati da 251 a 252 di 252
Like Tree13Likes

Discussione: Avanti!

  1. #251
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma - Sicilia
    Messaggi
    12,034
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Avanti!

    Una costituente per un moderno partito liberalsocialista


    di Andrea Pinto - "Avanti!", 10 luglio 2018


    Nadia Urbinati intervenendo nel dibattito sulla crisi del PD (“Se la Sinistra dimentica il Socialismo”, La Repubblica del 9 giugno 2018) ha colto finalmente nel segno quando ha stigmatizzato, tra le altre cose, come la carenza identitaria e di proposta politica di tale partito derivi anche dalla scelta deleteria di quanti, anziché ancorare il PD nell’alveo della tradizione socialista, preferirono “consapevolmente” – pur di non dare ragione alla Storia – rimuoverla in nome di un indistinto “democraticismo” dall’incerto avvenire.

    Un’ambiguità identitaria che nemmeno i fondatori hanno mai saputo compiutamente chiarire (salvo aderire opportunisticamente al gruppo parlamentare europeo del Partito Socialista Europeo) e che ha finito per rendere il PD una sorta di “ossimoro politico”, l’incarnazione vivente del celebre adagio montaliano : “Una sola cosa sappiamo: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo”.

    Ebbene, se si vuole evitare che la sinistra scompaia definitivamente condannandosi all’irrilevanza, appare più che mai indispensabile ritornare ai fondamentali della politica, ripartendo – per parafrasare Asor Rosa – da alcuni “pilastri di saggezza” il primo dei quali consiste nella rivalutazione di quelle culture politiche la cui improvvida rimozione ha contribuito non poco a realizzare quel deserto ideale che caratterizza l’attuale dibattito politico e nel quale prospera l’incultura sovranista e populista che ha avuto, tuttavia, il merito di far tesoro della regola prima dei tanto bistrattati partiti d’un tempo: il radicamento territoriale e la capacità di ascolto dei bisogni della gente.

    Di qui la necessità di prendere serenamente atto del sostanziale fallimento politico del PD e del suo progetto politico, promuovendo la formazione di una vera costituente per la formazione di un moderno partito liberalsocialista che rappresenta il naturale approdo di una moderna sinistra riformista e liberale. Un partito che si richiami espressamente alla tradizione del socialismo liberale in modo tale che, per una volta, nomina sunt consequentia rerum.

    “Il socialismo – affermava Carlo Rosselli – è liberalismo in azione, è libertà che si fa per la povera gente”. Un partito nuovo che, partendo dalla presa d’atto di quelle che Guido Calogero, con linguaggio quanto mai attuale, definiva le “insufficienze unilaterali del liberalismo e del socialismo” – che la storia e la cronaca di questi ultimi decenni si sono incaricate di dimostrare massimamente sul piano socio-economico – sviluppi un serio programma in nome della “coerente pienezza del liberalsocialismo”.

    Non si tratta, come pure qualcuno potrebbe pensare, di un vetusto ideologismo superato dalla Storia, quanto della necessità di recuperare un po’ di quella “cultura politica” che altro non è se non l’indispensabile corredo di cognizioni intellettuali applicate alla cura della cosa pubblica che nasce dall’esperienza e si consolida attraverso lo studio e l’interazione di conoscenze storiche, politiche, economiche, culturali, sociologiche, applicate al contesto di riferimento, nel tentativo di comprendere e governare i fermenti ed i mutamenti del nostro tempo. Un bagaglio di conoscenze ed esperienze rielaborate e filtrate attraverso i sempiterni valori di giustizia e libertà propri della tradizione politica del socialismo democratico e riformista.

    Da questo punto di vista occorre lavorare ad un programma politico che facendo proprie, in qualche misura, le ragioni e le analisi sottese alla fine delle “grandi illusioni” (Amato – Graziosi “Grandi illusioni” Il Mulino) che hanno condotto il Paese nelle attuali condizioni, porti a nuova sintesi i valori di libertà e giustizia sociale e si faccia finalmente carico di un nuovo “contratto sociale” – per rimanere nella metafora rousseauiana tanto di moda – inteso a riequilibrare le finanze pubbliche ed a ridisegnare un nuovo e selettivo Stato sociale che garantisca solo ed esclusivamente i ceti effettivamente meno abbienti.

    Per fare ciò bisogna ritornare a radicarsi tra la gente con proposte chiare e convincenti rivalutando la forma partito ed opponendosi con forza alle suggestioni ed all’insopportabile vulgata populista di quanti considerano i partiti e le istituzioni rappresentative anziché un “valore” semplicemente un “costo” per la democrazia.

    Si tratta di un impegno di lunga lena per affrontare il quale occorre adoperarsi per formare una classe politica che dimostri di avere una statura personale e morale almeno pari a quella che gestì la ricostruzione del nostro Paese creando le premesse del successivo miracolo economico. Una classe dirigente veramente disposta a mettersi in gioco anteponendo il superiore interesse del Paese ai propri destini personali. Diversamente, senza un orizzonte ideale, un chiaro programma ed un’adeguata leadership politica in grado di giustificare le ragioni di un’appartenenza, la sinistra rischia di essere nel panorama politico italiano nemmeno più un’espressione geografica.



    Una costituente per un moderno partito liberalsocialista | Avanti!
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #252
    SuperMod
    Data Registrazione
    24 Jun 2011
    Messaggi
    16,369
    Mentioned
    371 Post(s)
    Tagged
    52 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Avanti!

    Citazione Originariamente Scritto da Frescobaldi Visualizza Messaggio
    Una costituente per un moderno partito liberalsocialista


    di Andrea Pinto - "Avanti!", 10 luglio 2018


    Nadia Urbinati intervenendo nel dibattito sulla crisi del PD (“Se la Sinistra dimentica il Socialismo”, La Repubblica del 9 giugno 2018) ha colto finalmente nel segno quando ha stigmatizzato, tra le altre cose, come la carenza identitaria e di proposta politica di tale partito derivi anche dalla scelta deleteria di quanti, anziché ancorare il PD nell’alveo della tradizione socialista, preferirono “consapevolmente” – pur di non dare ragione alla Storia – rimuoverla in nome di un indistinto “democraticismo” dall’incerto avvenire.

    [COLOR=#373737][FONT=Verdana]Un’ambiguità identitaria che nemmeno i fondatori hanno mai saputo compiutamente chiarire (salvo aderire opportunisticamente al gruppo parlamentare europeo del Partito Socialista Europeo) e che ha finito per rendere il PD una sorta di “ossimoro politico”, l’incarnazione vivente del celebre adagio montaliano : “Una sola cosa sappiamo: ciò che non siamo, ciò che non vogliamo”.
    Da persona che potrebbe tranquillamente riconoscersi in un partito liberale isolata, devo dire che questo articolo cade in errore già da questo primo passaggio, o meglio rimane fermo in un errore tipico del revanscismo reducista dei socialisti: pensare che tutto giri attorno solo al rifiuto dei postcomunisti cattivi di dargli ragione.

    Non è così, non è che il Pd nasce così perché si voleva fare un dispetto ai socialisti: piaccia o non piaccia, in Italia avevamo due forse aderenti al PSE, i Ds ( al 16-17%) e lo Sdi ( all'1-2%), con tanto di richiami al socialismo europeo ben in vista, negli ultimi anni.

    Semplicemente le forze della sinistra socialdemocratica NON avevano questa gran forza, né questo radicamento.

    Il Pd non nasce da un indistinto, e nell'articolo c'è una rimozione volontaria di questo punto: il Pd nasce dalla tradizione socialcomunista e da quella cattolico democratica, oltre che da liberali ed ecologisti... insieme avevano radicamento e consensi con un bacino tra il 30 e il 35%.

    I cattolico-democratici, i liberali, gli ecologisti socialisti non sono, e non vedo perché dovrebbero diventarlo.

    Il programma del Pd poi può evolvere ovviamente, ma la questione dell'identità è altra cosa.

 

 
Pagina 26 di 26 PrimaPrima ... 162526

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225