User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree2Likes
  • 2 Post By mirkevicius

Discussione: Ortodossi in Puglia

  1. #1
    288 amu
    Data Registrazione
    19 Sep 2009
    Località
    115
    Messaggi
    21,155
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Ortodossi in Puglia

    “Noi cerchiamo e preghiamo per il ritorno al quel tempo quando, essendo uniti, dicevamo le stesse cose e non c’era divisione tra di noi”
    (San Marco d’Efeso)


    E’ credenza diffusa che il mondo greco si limiti all’area “grika” del Salento; nel suffragare ciò si tende a dimenticare che tutto il Salento (così come tutto il Meridione d’Italia) appartenne per molti secoli all’Impero Romano d’Oriente e che, in ogni salentino scorre anche sangue greco, come è facile rilevare considerando semplicemente quanti cognomi salentini presentino radice greca.
    Dopo la guerra gotica (VI secolo) il Salento (così come tutta l’Italia) passò sotto il controllo dell’Impero Romano d’Oriente con capitale Costantinopoli, la Nuova Roma (come la ribattezzò il santo Isapostolo, l’imperatore Costantino). Ciò comportò l’ellenizzazione del Salento, grazie soprattutto alla presenza e al grande lavoro dei Monaci Orientali che fondarono in tutto il Salento numerosissimi monasteri: centri di fede e di cultura che ci testimoniano un Medioevo luminoso e non oscuro.
    Un famoso monastero fu San Nicola di Casole ad Otranto, distrutto dai Turchi nel 1480 e i cui codici superstiti sono sparsi nelle biblioteche di tutta Europa; basti pensare che alcuni inni del Mattutino del Sabato Santo furono composti da Marco, vescovo di Otranto, la cui diocesi apparteneva alla giurisdizione del Patriarcato di Costantinopoli.
    Il dominio dell’Impero Romano d’Oriente terminerà nell’XI secolo con l’arrivo dei Normanni, i quali cercarono di latinizzare il Salento e di portarlo con la forza sotto l’egemonia del Papato. Tuttavia, la fede Ortodossa rimase ancora forte, nonostante la discesa Normanna e il triste scisma della Chiesa di Roma, come testimoniano alcuni scritti dell’abate di Casole Nettario che, nella prima metà del XIII secolo, condanna nei suoi Syntagmata l’innovazione del Filioque nel Credo niceno-costantinopolitano, esponendo tutta la dottrina dei Santi Padri e dei Sette Concili Ecumenici, e quella del Purgatorio.
    Le cose si complicarono dopo il Concilio di Trento nel XVI sec., quando la lotta da parte dei Vescovi latini verso gli Ortodossi della Puglia s’inasprisce: al numerosissimo clero greco fu proibito di celebrare e di essere ordinato da vescovi Ortodossi.
    Tuttavia gli usi, i costumi, le abitudini sopravvissero, tramandate da padre in figlio, da madre in figlia da nonna a nipote e ancora oggi la gente di Lecce e del Salento continua a viverle e a tramandarle, a volte in maniera inconsapevole della loro origine. L’imminenza e la luce delle feste Pasquali ci dona l’occasione di riflettere sulle tradizioni di origine ortodossa, che sono giunte fino a noi: Una festa e una processione molto sentita dai Leccesi è quella della Madonna Addolorata, compatrona di Lecce, che la Chiesa Lyciense festeggia il quinto venerdì di Quaresima, ma che di norma dovrebbe essere celebrata il 15 settembre. Consultando un semplice Imerologhion (calendario liturgico della Chiesa Ortodossa) scopriremo che per il quinto venerdì di quaresima è prevista la grande officiatura dell’inno Akathistos dedicato alla Madre di Dio; per di più, se consulteremo una guida ai monumenti di Lecce, noteremo che l’antico titolo dell’Addolorata di Lecce era quello di “Madonna di Costantinopoli”.
    Un’altra festa di numerosa partecipazione è la fiera di San Lazzaro, che si svolge a Lecce, nell’omonimo quartiere, il sabato prima della domenica delle Palme; in questa fiera sono venduti oggetti tipici dell’artigianato leccese ma anche palme e rami d’ulivo che il giorno successivo saranno benedetti nelle chiese. Per giunta in alcuni paesi del Salento, specie quelli dell’aerea grika, alcuni cantori girano per le strade o si fermano presso le chiese per cantare le “kalimere di San Lazzaro” canti augurali in lingua “grika” che parlano della resurrezione di Lazzaro e preannunciano la Pasqua ormai vicina. La Chiesa Cattolica commemora san Lazzaro a Luglio, mentre in questo giorno nella vicina Grecia così come in tutta la Chiesa Ortodossa si festeggia il sabato di Lazzaro come preludio della Risurrezione di Cristo che sarà celebrata la settimana successiva: recita, infatti, l’ufficiatura: “Per confermare la comune resurrezione, prima della tua passione, hai risuscitato dai morti Lazzaro, o Cristo Dio”; inoltre, le stesse “Kalimere” sono cantate nei paesi della Grecia.
    Cinquanta giorni dopo la pasqua, la Chiesa celebra la Pentecoste (dal greco “pente” cinquanta), giorno in cui, con l’effusione dello Spirito Santo, nacque la Chiesa. Dopo la domenica di Pentecoste, la Chiesa latina festeggia la Santa Trinità mentre la Chiesa Ortodossa festeggia tutti i Santi. Anche per quanto riguarda questa festa abbiamo scoperto di recente, grazie ai ricordi di alcune signore anziane, che sino alla metà del secolo scorso, nei giorni successivi alla Pentecoste si portavano in processione per le vie dei paesi tutte le statue dei santi presenti nelle varie chiese e cappelle.
    Numerose sono le tradizioni che potremmo riferire, ma già queste testimoniano il profondo legame che esiste tra il Salento e l’Antica Fede della Chiesa Una e Indivisa: la Chiesa Ortodossa. Spetta a noi, future generazioni, riscoprire queste radici, tramandando ciò che è il nostro tesoro, poiché non sono più i Normanni che ci minacciano, bensì un male ancora più forte: quello della globalizzazione.

    L'ORTODOSSIA IN PUGLIA

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    23 Jun 2012
    Località
    Orotelli (NU)
    Messaggi
    115
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Ortodossi in Puglia

    Anche la Sardegna è stata coll'Impero Romano d'Oriente dal 534 fino al 1000 più o meno, ma ad un certo punto, dopo la conquista di Cartagine nel 698 e della Sicilia tra l'827 ed il 963 la dipendenza da Costantinopoli diventa solo nominale essendo la Sardegna troppo lontana ed il governatore imperiale della Sardegna, l'arconte, diventa di fatto indipendente. Le parole greche che sono rimaste nella lingua sarda non sono molte, ma nonostante la latinizzazione seguita allo scisma del 1054 (prima la Sardegna era di rito bizantino ed aveva avuto l'autocefalia dal patriarca ecumenico) attualmente la chiesa sarda è di culto greco benché sia di rito latino.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-03-10, 22:23
  2. E gli Ortodossi?
    Di Nazzareno nel forum Cattolici
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 09-05-09, 14:19
  3. Missionari ortodossi
    Di oggettivista nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 12-11-08, 15:16
  4. ortodossi in America
    Di uva bianca nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 19-06-05, 17:46
  5. Cattolici - Ortodossi
    Di Odisseo nel forum Cattolici
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-01-04, 21:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226