User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Rosario

  1. #1
    torquemada
    Ospite

    Predefinito Rosario

    Mysteria Gaudiosa Rosarii
    In primo mystério gaudióso annuntiatiónem Beátæ Maríæ Virgínis contemplámur et humilitátem pétimus.
    In secundo mystério gaudióso visitatiónem Beátæ Maríæ Virgínis contemplámur et amórem fratrum pétimus.
    In tértio mystério gaudióso nativitátem Dómini Nóstri Iesu Chrísti contemplámur et spíritum paupertátis pétimus.
    In quarto mystério gaudióso oblatiónem Dómini Nóstri Iesu Chrísti contemplámur et obœiéntiam pétimus.
    In quinto mystério gaudióso inventiónem Dómini Nóstri Iesu Christi contemplámur et grátiam quærendi Deum in ómnibus pétimus.

    Mysteria Dolorosa Rosarii
    In primo mystério doloróso agoníam Dómini Nóstri Iesu Chrísti in horto contemplámur et contritiónem pro peccatis nóstris pétimus.
    In secúndo mystério doloróso flagellatiónem Dómini Nóstri Iesu Chrísti contemplámur et mortificatiónem corpóris pétimus.
    In tértio mystério doloróso coronatiónem spinis contemplámur et mortificatiónem supérbiæ pétimus.
    In quarto mystério doloróso baiulatiónem Crucis contemplámur et patiéntiam in tribulatiónibus pétimus.
    In quinto mystério doloróso crucifixiónem Dómini Nóstri Iesu Chrísti contemplámur et donum suiipsius ad redemptiónem animárum pétimus.
    Mysteria Gloriosa Rosarii
    In primo mystério glorióso resurrectiónem Dómini Nóstri Iesu Chrísti a mórtuis contemplámur et fidem pétimus.
    In secúndo mystério glorióso ascensiónem Dómini Nóstri Iesu Chrísti in cælum contemplámur et desidérium supernórum pétimus.
    In tértio mystério glorióso missiónem Spíritus Sancti in discípulos contemplámur et zelum animárum pétimus.
    In quarto mystério glorióso assumptiónem Beátæ Maríæ in cælo contemplámur et grátiam bene moriéndi pétimus.
    In quinto mystério glorióso coronatiónem Beátæ Maríæ in cælo contemplámur et fidúciam in María Regína nostra pétimus.
    Signum Crucis:In nómine Patris, et Fílii, et Spíritus Sancti.Amen.
    Symbolum Apostolorum:Credo in Deum Patrem omnipoténtem, Creatórem cæli et terræ. Et in Iesum Christum, Fílium eius únicum, Dóminum nostrum, qui concéptus est de Spíritu Sancto, natus ex María Vírgine, passus sub Póntio Piláto, crucifíxus, mórtuus, et sepúltus, descéndit ad ínferos, tértia die resurréxit a mórtuis, ascéndit ad cælos, sedet ad déxteram Dei Patris omnipoténtis, inde ventúrus est iudicáre vivos et mórtuos.Credo in Spíritum Sanctum, sanctam Ecclésiam cathólicam, sanctórum communiónem, remissiónem peccatórum, carnis resurrectiónem, vitam ætérnam. Amen.
    Oratio Dominica:Pater noster, qui es in cælis, sanctificétur nomen tuum. Advéniat regnum tuum. Fiat volúntas tua, sicut in cælo, et in terra.Panem nostrum cotidiánum da nobis hódie, et dimítte nobis débita nostra sicut et nos dimíttimus debitóribus nostris. Et ne nos indúcas in tentatiónem, sed líbera nos a malo. Amen.
    Ave María:Ave María, grátia plena, Dóminus tecum. Benedícta tu in muliéribus, et benedíctus fructus ventris tui, Iesus.Sancta María, Mater Dei, ora pro nobis peccatóribus, nunc, et in hora mortis nostræ. Amen.
    Glória Patri:Glória Patri, et Fílio, et Spirítui Sancto.Sicut erat in princípio, et nunc, et semper, et in sæcula sæculórum. Amen.
    Post Decadem:O mi Iesu, indulge peccata nostra, conserva nos ab igne inferni, duc omnes ad cæli gloriam, præcipue tua misericordia indigentes.
    Salve Regína:Salve Regína, Mater misericórdiæ; vita dulcédo, et spes nostra, salve. Ad te clamámus éxsules fílii Evæ; ad te suspirámus, geméntes et flentes in hac lacrimárum valle. Eia ergo, Advocáta nostra, illos tuos misericórdes óculos ad nos convérte: Et Iesum, benedíctum fructum ventris tui, nobis post hoc exsílium osténde. O clemens, O pia, O dulcis Virgo María.V. Ora pro nobis, Sancta Dei Génetrix.R. Ut digni efficiámur promissionibus Christi.
    Orémus:
    Deus, cuius Unigénitus per vitam, mortem et resurrectiónem suam nobis salútis ætérnæ præmia comparávit: concéde, quæsumus; ut hæc mystéria sacratíssimo beátæ Maríæ Vírginis Rosário recoléntes, et imitémur quod cóntinent, et quod promíttunt assequámur. Per eúmdem Christum Dóminum nostrum. Amen.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  3. #3
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    Mysteria Lucis

    In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.

    http://www.santorosario.net/rosarium3.htm



    Symbolum Apostolorum, Pater Noster, 3 Ave Maria (Adaugeat Dominus in nobis fidem, corroboret in nobis spem, perficiat in nobis caritatem), Gloria Patri.

    aut
    Deus, in adiutorium meum intende. Domine, ad adiuvandum me festina. Gloria Patri.

    Primum Mysterium Lucis. Baptisma Domini nostri Iesu Christi.

    (Tunc venit Iesus a Galilaea in Iordanem ad Ioannem, ut baptizaretur ab eo. Ioannes autem prohibebat eum dicens: "Ego a te debeo baptizari, et tu venis ad me?". Respondens autem Iesus dixit ei: "Sine modo, sic enim decet nos implere omnem iustitiam". Tunc dimittit eum. Baptizatus autem Iesus, confestim ascendit de aqua; et ecce aperti sunt ei caeli, et vidit Spiritum Dei descendentem sicut columbam et venientem super se. Et ecce vox de caelis dicens: "Hic est Filius meus dilectus, in quo mihi complacui".)
    (Mt 3,13-17)

    Brevis mora cogitationis.

    Pater Noster, 10 Ave Maria (mysterium meditantes), Gloria Patri.

    Domine Iesu, dimitte nobis debita nostra, salva nos ab igne inferiori, perduc in caelum omnes animas, praesertim eas, quae misericordiae tuae maxime indigent.

    Secundum Mysterium Lucis. Nuptiae Canenses.

    (Et die tertio nuptiae factae sunt in Cana Galilaeae, et erat mater Iesu ibi; vocatus est autem et Iesus et discipuli eius ad nuptias. Et deficiente vino, dicit mater Iesu ad eum: "Vinum non habent". Et dicit ei Iesus: "Quid mihi et tibi, mulier? Nondum venit hora mea". Dicit mater eius ministris: "Quodcumque dixerit vobis, facite". Erant autem ibi lapideae hydriae sex positae secundum purificationem Iudaeorum, capientes singulae metretas binas vel ternas. Dicit eis Iesus: "Implete hydrias aqua". Et impleverunt eas usque ad summum. Et dicit eis: "Haurite nunc et ferte architriclino". Illi autem tulerunt. Ut autem gustavit architriclinus aquam vinum factam et non sciebat unde esset, ministri autem sciebant, qui haurierant aquam, vocat sponsum architriclinus et dicit ei: "Omnis homo primum bonum vinum ponit et, cum inebriati fuerint, id quod deterius est; tu servasti bonum vinum usque adhuc". Hoc fecit initium signorum Iesus in Cana Galilaeae et manifestavit gloriam suam, et crediderunt in eum discipuli eius.)
    (Io 2,1-11)

    Brevis mora cogitationis.

    Pater Noster, 10 Ave Maria (mysterium meditantes), Gloria Patri.

    Domine Iesu, dimitte nobis debita nostra, salva nos ab igne inferiori, perduc in caelum omnes animas, praesertim eas, quae misericordiae tuae maxime indigent.

    Tertium Mysterium Lucis. Proclamatio Regni Dei.


    (Postquam autem traditus est Ioannes, venit Iesus in Galilaeam praedicans evangelium Dei et dicens: "Impletum est tempus, et appropinquavit regnum Dei; paenitemini et credite evangelio".)
    (Mc 1,14-15)

    Brevis mora cogitationis.

    Pater Noster, 10 Ave Maria (mysterium meditantes), Gloria Patri.

    Domine Iesu, dimitte nobis debita nostra, salva nos ab igne inferiori, perduc in caelum omnes animas, praesertim eas, quae misericordiae tuae maxime indigent.

    Quartum Mysterium Lucis. Transfiguratio.

    (Factum est autem post haec verba fere dies octo, et assumpsit Petrum et Ioannem et Iacobum et ascendit in montem, ut oraret. Et facta est, dum oraret, species vultus eius altera, et vestitus eius albus, refulgens. Et ecce duo viri loquebantur cum illo, et erant Moyses et Elias, qui visi in gloria dicebant exodum eius, quem completurus erat in Ierusalem. Petrus vero et qui cum illo gravati erant somno; et evigilantes viderunt gloriam eius et duos viros, qui stabant cum illo. Et factum est cum discederent ab illo, ait Petrus ad Iesum: "Praeceptor, bonum est nos hic esse; et faciamus tria tabernacula: unum tibi et unum Moysi et unum Eliae", nesciens quid diceret. Haec autem illo loquente, facta est nubes et obumbravit eos; et timuerunt intrantibus illis in nubem. Et vox facta est de nube dicens: "Hic est Filius meus electus; ipsum audite".)
    (Lc 9,28-35)

    Brevis mora cogitationis.

    Pater Noster, 10 Ave Maria (mysterium meditantes), Gloria Patri.

    Domine Iesu, dimitte nobis debita nostra, salva nos ab igne inferiori, perduc in caelum omnes animas, praesertim eas, quae misericordiae tuae maxime indigent.

    Quintum Mysterium Lucis. Institutio Eucharistiae.


    (Et manducantibus illis, accepit panem et benedicens fregit et dedit eis et ait: "Sumite: hoc est corpus meum". Et accepto calice, gratias agens dedit eis, et biberunt ex illo omnes. Et ait illis: "Hic est sanguis meus novi testamenti, qui pro multis effunditur".)
    (Mc 14,22-24)

    Brevis mora cogitationis.

    Pater Noster, 10 Ave Maria (mysterium meditantes), Gloria Patri.

    Domine Iesu, dimitte nobis debita nostra, salva nos ab igne inferiori, perduc in caelum omnes animas, praesertim eas, quae misericordiae tuae maxime indigent.

    Pater Noster, Ave Maria, Gloria Patri secundum Pontificis mentem.

    Salve Regina.

    In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  4. #4
    torquemada
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Caterina63
    Grazie
    Grazie a te. Quella tua faccina mi riempie il cuore di gioia.

  5. #5
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by torquemada
    Grazie a te. Quella tua faccina mi riempie il cuore di gioia.
    ....e ti spiego il perchè.......Io amo il Rosario in latino lo porto nel cuore come l'Angelus, in latino.......
    Quando ero al collegio a turno (con altri Istituti) si andava alla Radio Vaticana per dire il Rosario della sera........in latino......
    Io fui scelta due volte e Giovanni Paolo II era stato da poco eletto, avevo 17 anni........Sapere che lui pregava con noi...con me...bè.......è uno di quei ricordi che non si dimenticano più

    e trovare in rete chi ancora crede alla preziosità di questa lingua, al mistero che racchiude nel pronunciare queste preghiere non fa altro che emozionarmi.......
    Ergo.di nuovo grazie dal cuore

    Fraternamente Caterina LD
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  6. #6
    torquemada
    Ospite

    Predefinito

    Mi auguro che la feconda pratica del Rosario sia pane quotidiano per tutti gli amici del forum

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    27 Apr 2005
    Messaggi
    510
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito ROSARIUM VIRGINIS MARIAE

    LETTERA APOSTOLICA ROSARIUM VIRGINIS MARIAE
    DEL SOMMO PONTEFICE GIOVANNI PAOLO II
    SUL SANTO ROSARIO

    http://www.vatican.va/holy_father/jo...mariae_it.html
    Gilbert

  8. #8
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Una corona per non sprecare parole

    di Roberto Beretta

    Preghiera dei semplici e delle famiglie. Da recitare a qualunque ora e circostanza. Anche prima di addormentarsi. E se il sonno arriva prima della fine "allora continuano gli angeli". Intervista a René Laurentin.

    Sulla Madonna ne sa più di tutti. E per forza: dei suoi quasi 86 anni, oltre 60 li ha passati studiandola. Così padre René Laurentin è diventato il più autorevole "mariologo" del mondo: i suoi lavori scientifici su Lourdes occupano almeno 30 volumi, senza contare i numerosi altri libri d’argomento religioso, gli articoli giornalistici (è stato per molti anni editorialista del Figaro, uno dei maggiori quotidiani francesi), l’attività di professore in varie università, i premi prestigiosi...

    Ma c’è un’altra rara benemerenza sulla tonaca dell’abbé Laurentin: nonostante non abbia mai cessato di esaminare argomenti difficili come i dogmi o le apparizioni mariane coi rigorosi strumenti della ragione, com’è giusto, nessun accanimento teologico è mai riuscito a velargli lo sguardo di tenerezza verso colei che rimane pur sempre e per tutti una Madre.

    Dunque, padre Laurentin: il rosario è ancora una preghiera "attuale"?

    "Il rosario è una devozione antica, attribuita a san Domenico nel XIII secolo e messa a punto dal domenicano Alano de la Roche nel 1473. Siccome i contadini e la gente del popolo non potevano recitare i 150 salmi come i monaci, sono state loro proposte le 150 Ave Maria, raggruppate in 5 decine per meditare i grandi misteri della vita di Cristo e di Maria.

    Però è anche una preghiera moderna, in quanto è semplice e non presenta difficoltà. La si può recitare ovunque: in chiesa o a casa, a letto o camminando o anche lavorando, come facevano molti contadini.

    Mio padre, architetto, diceva il rosario in auto, aveva persino composto alcuni inni da cantare all’inizio di ogni mistero. Recitavamo la corona insieme quando tornavo per le vacanze; e faccio tuttora la stessa cosa nei Paesi dove mi trovo. Il rosario insomma è una preghiera di sempre. I domenicani poi hanno inventato un sacco di piccoli accorgimenti per rinnovarla: seguendo il ritmo del respiro, richiamando il mistero dopo ogni Ave Maria, eccetera. E molti altri metodi i cristiani se li trasmettono l’un l’altro".

    In passato il rosario lo si recitava in famiglia, intonato dal capo famiglia o dalla nonna. Qualcuno sostiene ancora oggi che sarebbe l’ideale per unire i coniugi tra loro, per educare i figli alla preghiera. È così?

    "Fortunate le famiglie che sanno dare ai loro figli il gusto della preghiera. I bambini vi sono sensibili. Alcune giovani coppie li abituano fin dalla culla alla loro preghiera quotidiana, prendendoli in braccio; e spesso questi neonati sono incuriositi e sorridono. In circostanze del genere talvolta arriva anche il cane di casa, e si accuccia in silenzio ai loro piedi... Con gli adolescenti è più difficile. É l’età in cui si forma una personalità autonoma e ciò richiede ai genitori molta comprensione, pazienza, tolleranza, ma anche fermezza perché la personalità si formi senza deformarsi, né distruggersi attraverso tutte le droghe moderne".

    Il rosario è anche la tradizionale preghiera della sera, con la sua cantilena sembra aiutare a rappacificarsi con se stessi dopo una giornata di lotte e di fatiche, riequilibra i ritmi della giornata e certo facilita il riesame delle cose fatte, buone o cattive che siano...

    "Ma il rosario non ha orario. Tutte le ore sono adatte, basta sapergli trovare un posto. Nella mia vita sovraffollata, per esempio, lo recitavo talvolta la sera, prima di addormentarmi, e qualche volta il sonno arrivava prima della fine della corona: "Allora lo finiscono gli angeli", diceva mia nonna novantenne...

    Ora che l’età mi ha fatto prescrivere una passeggiata quotidiana per rimediare all’immobilità malsana degli intellettuali, invece, ho tutto il tempo per recitare il rosario completo".

    Qualcuno però accusa il rosario di essere una preghiera "meccanica", ripetitiva, quasi ipnotica. Che cosa risponde lei?

    "A sentire il Vangelo, è giusto così: ‘Non sprecate parole come fanno i pagani - dice Matteo -, che credono di essere ascoltati a forza di parole. Non siate come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate". Gesù diceva una sola cosa per volta. Sì, la preghiera è essenzialmente raccoglimento in Dio. Tutto parte da lì. É meglio dunque cominciare con un periodo di silenzio, che valorizza ciò che segue. Ma poi la Bibbia e Gesù raccomandano la preghiera vocale, anzitutto il Padre nostro: quando il corpo e le labbra non partecipano, infatti, spesso c’è solo il vuoto. La parola sostiene la preghiera. Durante i pellegrinaggi a Chartres e altrove, l’Ave Maria cantata sulla strada orienta e tonifica la marcia verso Dio. Il rosario, come i salmi, è un mezzo per fissare l’attenzione e la concentrazione".

    Di certo il rosario è una preghiera semplice, di poche pretese: si accontenta di stare nei ritagli del nostro tempo affannoso, di essere detta mentalmente nei luoghi più disparati, mentre si guida l’auto, mentre si viaggia in metro... Ma allora sembra quasi più un passatempo che un’orazione, O no?

    "Semplicemente, è un mezzo per associare Dio agli atti elementari della vita del corpo. É un piccolo sistema per far penetrare meglio Dio nella nostra vita. Noi siamo "animali ragionevoli", dice Aristotele; non facciamo nulla senza il nostro corpo. Bisogna dunque mobilitarlo per pregare Dio in modo umano. Oggi, a forza di "spiritualizzare", abbiamo sradicato la nostra vita spirituale, la asfissiamo. Non sempre siamo capaci di meditazione profonda; perciò bisogna radicarla nel nostro corpo anche con la ripetizione di parole".

    Al rosario il Papa ha addirittura dedicato un anno. Perché, secondo lei?

    "L’ha fatto imitando numerosi predecessori, soprattutto Leone XIII. Giovanni Paolo II sottolinea ora l’importanza della meditazione dei misteri, tanto che ha proposto di allargarli con 5 misteri della luce, i quali si possono recitare quest’anno in alternativa ai 5 misteri gaudiosi, che rimangono fondamentali. In questo modo il Papa ha voluto fare più centro su Cristo; ma tocca a ciascuno scoprire tali misteri. Se il Papa ci invita, è perché questa preghiera porta frutti personali e - meglio ancora - comunitari. Tenere in mano il rosario è come tenere la mano della Vergine, che a conduce a Cristo".

    Il Papa e il Rosario

    "Forse c'è anche chi teme che essa possa [la preghiera del Rosario, ndr] risultare poco ecumenica, per il suo carattere spiccatamente mariano. In realtà, essa si pone nel più limpido orizzonte di un culto alla Madre di Dio, quale il Concilio l'ha delineato: un culto orientato al centro cristologico della fede cristiana, in modo che " quando è onorata la Madre, il Figlio [...] sia debitamente conosciuto, amato, glorificato ". Se riscoperto in modo adeguato, il Rosario è un aiuto, non certo un ostacolo all'ecumenismo!". (Giovanni Paolo II, Rosarium Virginis Mariae)

    © Il Timone – n. 25 Maggio/Giugno 2003
    http://www.kattoliko.it/leggendanera..._laurentin.htm
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  9. #9
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    San Pio V (Antonio Ghislieri)

    Papa

    30 aprile

    Bosco Marengo, Alessandria, 1504 - Roma, 1 maggio 1572

    (Papa dal 17/01/1566 al 01/05/1572)
    Antonio Michele Ghislieri, religioso domenicano, creato vescovo e cardinale, svolse compiti di alta responsabilità nella Chiesa. Divenuto papa col nome di Pio V, operò per la riforma della Chiesa in ogni settore, sulle linee tracciate dal Concilio tridentino. Pubblicò i nuovi testi del Messale (1570), del Breviario (1568) e del catechismo romano. (Mess. Rom.)


    Etimologia: Pio = devoto, religioso, pietoso (signif. Intuitivo)


    E’ ricordato principalmente come il papa della vittoria di Lepanto, non perché fosse un uomo bellicoso, ma perchè con la sua autorità e col suo prestigio personale riuscì ad imporre una tregua nelle risse casalinghe degli Stati europei e a spingerli in "santa alleanza" per arginare la minacciosa avanzata dei Turchi. Il 7 ottobre del 1571 la flotta cristiana inflisse nelle acque di Lepanto una sconfitta definitiva a quella turca. Quel giorno stesso Pio V, che non disponeva dei rapidi mezzi di comunicazione attuali, ordinò di suonare le campane di Roma invitando i fedeli a ringraziare Dio per la vittoria ottenuta che seppe in modo prodigioso: mentre pregava per la risoluzione della battaglia, a mezzogiorno ebbe in visione la vittoria dei cristiani a Lepanto e sopra al cielo cori di Angeli attorno al trono della Beata Vergine che teneva in braccio il Bambin Gesù il quale aveve ain mano la corona del Rosario. Il Papa chiamò quelli che gli erano vicino e con entusiasmo disse loro di far suonare a festa tutte le campane dell'Urbe perchè i cristiani avevano vinto. Due giorni dopo arrivò il messaggero che confermava la vittoria. Nasce da quel giorno l'Angelus di Mezzogiorno che ricordo l'Incarnazione del Verbo e la difesa del Cristo nelle lotte cristiane quotidiane.


    Antonio Ghisleri, eletto papa nel 1566 col nome di Pio V, era nato a Bosco Marengo, in provincia di Alessandria, nel 1504. A 14 anni era entrato tra i domenicani. Dopo l'ordinazione sacerdotale, bruciò tutte le tappe di un'eccezionale carriera: professore, priore del convento, superiore provinciale, inquisitore a Corno e a Bergamo, vescovo di Sutri e Nepi, cardinale, grande inquisitore, vescovo di Mondovì, papa. Il titolo di inquisitore può renderlo antipatico agli occhi dell'uomo d'oggi, che dell'Inquisizione s'è fatto un concetto spesso deformato da racconti superficiali. In verità, Pio V fu un papa scomodo, come sono scomodi tutti i riformatori dei costumi. Ma è titolo di merito per lui di avere debellato la simonia della Curia romana e il nepotismo. Ai numerosi parenti accorsi a Roma con la speranza di qualche privilegio, Pio V disse che un parente del papa può considerarsi sufficientemente ricco se non conosce l'indigenza.
    Tra le riforme in campo pastorale, da lui promosse sulla scia del concilio di Trento, ricordiamo l'obbligo di residenza per i vescovi, la clausura dei religiosi, il celibato e la santità di vita dei sacerdoti, le visite pastorali dei vescovi, l'incremento delle missioni, la correzione dei libri liturgici, la censura sulle pubblicazioni. La rigida disciplina che il santo pontefice impose alla Chiesa fu norma costante della sua stessa vita. Prima come vescovo e cardinale, poi come papa, attuava l'ideale ascetico del frate mendicante.
    Accondiscendente con gli umili, paterno con la gente semplice, ma irriducibilmente severo con quanti compromettevano l'unità della Chiesa, non esitò a scomunicare e a decretare la destituzione della regina d'Inghilterra, Elisabetta I, ben sapendo quali conseguenze tragiche avrebbe avuto questo gesto per i cattolici inglesi. A lui si deve l'abito bianco del Pontefice, infatti fino alla sua elezione il papa vestiva di rosso come i vescovi, ma lui, Domenicano nel cuore, non volle abbandonare il suo abito, e fu il primo Papa non solo a vestire di bianco, ma a mantenere l'abito del carisma originario alla sua vocazione. Ben presto ci si accorse che il colore piaceva e dopo la sua morte nessuno osò cambiarne il colore, ma venne fatto uguale all'abito dei cardinali solo di colore bianco.

    Pio V morì il I maggio 1572, a sessantotto anni. Fu canonizzato nel 1712. Il nuovo calendario ha fissato la sua memoria il 30 aprile. Precedentemente veniva celebrata il 5 maggio.


    Autore: Piero Bargellini

    www.santiebeati.it
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  10. #10
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    CITTA' DEL VATICANO, lunedì, 11 ottobre 2004 (ZENIT.org).- Una preghiera "fortemente contemplativa" e potente: questo è il Rosario, constata il segretario della Congregazione vaticana per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, l'arcivescovo Domenico Sorrentino.

    Nell'udienza di mercoledì scorso, Giovanni Paolo II ha rivolto questo invito per il mese di ottobre, considerato dalla Chiesa il "mese del Rosario": "Fate del Rosario la vostra preghiera di ogni giorno".

    "Personalmente ho visto miracoli intorno alla riscoperta di questa preghiera - ha ammesso l'arcivescovo Sorrentino in un'intervista concessa a "Radio Vaticana" -. Persone che hanno trovato in questa preghiera nutrimento dell'anima e motivo di conversione".

    La recita del Rosario è nata "in maniera molto umile nei primi secoli del secondo millennio - ha spiegato il prelato -. Si diceva allora la preghiera dei salmi nella sua organizzazione liturgica, il salterio con le Lodi e i Vespri, ma c'erano tanti che non riuscivano a pregare con una preghiera che era fatta allora in Latino e quindi si cominciò a sostituire i salmi con la preghiera del Pater, con la preghiera dell'Ave e questo pian piano assunse anche una certa organizzazione che variò a seconda delle circostanze, a seconda degli ambienti".

    "Poi, progressivamente, si aggiunse la meditazione dei Misteri - ha proseguito -. La preghiera andò crescendo fino a quando assunse la forma tipica che noi siamo abituati a recitare e questo avvenne in particolare quando, con San Pio V, si istituì la festa della Madonna del Rosario, festa allora legata ad una particolare circostanza storica, la vittoria della cristianità sulla minaccia ottomana".

    "Il Papa ritenne che questa vittoria fosse dovuta alla preghiera insistente dei Cristiani, attraverso l'intercessione della Madre di Dio", ha sottolineato l'arcivescovo Domenico Sorrentino.

    Da allora il Rosario "è stato recitato dalla comunità cristiana secondo questo schema, fino a quando Giovanni Paolo II, due anni fa, con l'Anno del Rosario" ha dato "un ulteriore ritocco a questa preghiera, focalizzandone meglio il suo Aspetto cristologico e biblico, in modo particolare aggiungendo i Misteri della Luce" (cfr. la Lettera Apostolica "Rosarium Virginis Mariae").

    "E' una preghiera che dice molto se viene ben compresa" - ha aggiunto il prelato: il Rosario "ha un'anima fortemente contemplativa. La ripetizione, che tante volte vista così distanza potrebbe sembrare una cosa meccanica, in realtà è tutta funzionale a un respiro dell'anima che, guardando a Gesù Cristo, si pone in un atteggiamento di contemplazione con gli occhi e con il cuore di Maria".

    Se si considera questo punto di vista, ci si rende conto del fatto che questa preghiera mariana "può veramente dare un tono all'animo cristiano, può aiutare le giornate del Cristiano a stare sempre ben ancorate al mistero della nostra salvezza, in modo speciale a Gesù Cristo, che è il cuore, il centro della vita del Cristiano", ha sottolineato.

    "Purtroppo, qualche volta può capitare che la preghiera venga recitata al minimo delle sue possibilità"; "bene sarebbe che il popolo di Dio prendesse coscienza delle potenzialità di questa preghiera seguendo da vicino le indicazioni che ha dato il Papa", ha concluso.
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il rosario
    Di Ucci Do nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-11-13, 19:36
  2. Il Rosario
    Di Lacroix nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 27-07-06, 14:04
  3. La Potenza del Rosario
    Di Caterina63 nel forum Cattolici
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 24-05-06, 23:56
  4. Rosario
    Di el Bardo nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 07-08-05, 22:49
  5. Modifiche al Rosario
    Di Vassilij nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-10-02, 00:04

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226