User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Impronta SUICIDA

  1. #1
    Oltre la destra e la sinistra
    Data Registrazione
    08 Jul 2007
    Località
    www.movimentozero.org
    Messaggi
    437
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Impronta SUICIDA

    Articolo tratto da MZ, il giornale online di Movimento Zero (www.movimentozero.org/mz):


    Impronta suicida
    11 ottobre 2007


    6 ottobre scorso: da questo giorno fino alla fine del 2007 possiamo considerarci in debito dal punto di vista ambientale. Le risorse di cui abbiamo bisogno sono da considerarsi ecologicamente esaurite: fino al 31 dicembre qualunque cosa produciamo sarà automaticamente inquinamento, senza poter riassorbito dal pianeta.
    E' il risultato a cui giunge l'annuale rapporto sull'"Impronta ecologica" della Terra, che è il "peso" che l'umanità lascia sul territorio a sua disposizione: un indicatore di sostenibilità ambientale che ha come unità di misura l'"ettaro di territorio biologicamente produttivo" (terra per il cibo e per le infrastrutture edilizie, pascoli e mare per i prodotti animali, foreste per legno, carta e per assorbire le emissioni di Co2). Tutto ciò che esce da questo "ettaro" è sfruttamento e inquinamento, e prima o poi dovrà essere smaltito in qualche modo. E se non viene smaltito, si accumulerà finchè un giorno dovremo pagarne le conseguenze, tutte insieme. In termini di riscaldamento globale, per esempio.
    Ogni anno siamo fuori misura di un terzo: ci vorrebbe un terzo di pianeta in più per assorbire tutto ciò che produciamo. Da metà degli anni '80 l'uomo consuma più risorse di quante la Terra ne produca. E se tutti gli esseri umani consumassero come in Occidente, servirebbero 2,3 pianeti.
    Purtroppo la Natura non è stata abbastanza previdente quando ci ha assegnato un pianeta solo. E se il dato è inquetante di per sè, ancora più imbarazzanti sono le motivazioni che ci spingono a un simile risultato: necessità di sussistenza dell'intera popolazione mondiale? raggiungimento di mirabili livelli di felicità e di serenità?
    No, niente affatto. Il grosso dello sfruttamento lo pongono in atto gli abitanti dei paesi ricchi per ingrassarsi di superfluo, non certo per star bene.
    Ogni anno due milioni di ettari di ecosistema amazzonico viene distrutto definitivamente, di cui solo una piccola parte per le necessità della popolazione locale (la gran parte serve a creare pascoli per i fast food dove ogni giorno milioni di frustrati tentano invano di placare le proprie insoddisfazioni, o a produrre carta per giornali e riviste che altrettanti bramano smaniosamente per tenere il cervello costantemente in una ripetitiva quanto vuota attività).
    Ora: se una parte dei consumi è ormai necessaria alla nostra vita, un'altra la possiamo diminuire grazie a quel poco senso di responsabilità che ci resta. Nessuno ormai può più dirsi completamente innocente.
    Massimiliano Viviani

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Colpa dei cinesi e degli indiani e un pò degli americani. Noi ormai viviamo in una società a 'crescita zero', anzi: sono in molti coloro che possono dire di essere in fase di decrescita, per altro non felice.
    Pensiamo ancora di vivere in una società del superfluo, ma ne siamo sicuri? Chi ha casa in affitto spende il 50% del proprio stipendio netto per un tetto; l'altro 40 se ne va in beni di prima necessità, e il restante - se va bene - viene 'sperperato' per garantirsi qualche piccolo svago, dalla palestra al cinema.
    Questa è la vita che conduce il popolo.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,923
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ZENA Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione

    Colpa dei cinesi
    e degli indiani
    e un pò degli
    americani.
    i cinesi e gli indiani
    fino a un paio di decenni fa,
    si accontentavano giusto
    di vivere quasi in modo
    autarchico, cioè senza
    creare "debiti" sull'impronta
    ecologica.

    ma è arrivato anche laggiù lo zio idiota,
    che li ha convinti a imitare
    i suoi consumi;
    gli sventurati lo hanno preso
    sul serio e ora sono
    in competizione per
    arraffare ogni tipo di risorsa.

    andrà a finire male,
    perché quel tipo di risorse non
    si pagano, ma si conquistano,
    con le conseguenze che sappiamo..........


 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226