User Tag List

Pagina 208 di 252 PrimaPrima ... 108158198207208209218 ... UltimaUltima
Risultati da 2,071 a 2,080 di 2514
Like Tree80Likes

Discussione: Putìn

  1. #2071
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,729
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Putìn

    Fine agosto - inizio settembre 2013.
    Mi trovavo su un'isoletta verso il fondo del mediterraneo.
    Ricordo il sorvolo in zona di caccia militari mai visti in altri momenti.
    Non ho potuto, chiedo scusa, capirne la nazionalità.
    So che c'è una grande base NATO a Heraklion, al centro della costa nord di Creta, "al centro del Mediterraneo", ma non penso arrivassero da lì.
    I missili forse si.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2072
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,729
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Putìn

    PUTIN, SCOPERTE 300 SPIE

    giovedì 26 marzo 2015
    MOSCA - Più di 300 spie straniere sono state smascherate nel 2014 in Russia dal controspionaggio. Se n'è congratulato oggi il presidente Vladimir Putin, parlando con la direzione dell'Fsb, l'erede del Kgb. Putin, lui stesso un ex agente del Kgb ed ex direttore dell'Fsb, ha lodato ''l'efficacia'' degli ex colleghi, secondo quanto riferiscono le agenzie di stampa russe. ''L'anno scorso i nostri servizi di controspionaggio hanno lavorato velocemente ed efficacemente. Hanno messo termine ad attività di 52 ufficiali traditori e di 290 agenti dei servizi segreti stranieri'' ha dichiarato il presidente russo. ''E' importantissimo - ha aggiunto - migliorare la protezione dei dati legati ai segreti di stato e prevenire le fughe d'informazioni sulla nostra organizzazione militare o sulle nostre tecnologie di difesa''. Nel corso della riunione, Putin ha anche messo in guardia contro possibili ''provocazioni'' organizzate da servizi segreti occidentali contro le prossime campagne elettorali, le politiche del 2016 e le presidenziali del 2018.

    Poi ci si stupisce se "sparisce" qualche giorno.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  3. #2073
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    18,921
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Putìn

    Una bella spurgata , purtroppo fino a quando in paese prosperano logge et simili , la longa manus occidentale è per me presente ed attiva come storicamente è già capitato .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  4. #2074
    Forumista
    Data Registrazione
    15 May 2012
    Messaggi
    360
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Putìn

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    Una bella spurgata , purtroppo fino a quando in paese prosperano logge et simili , la longa manus occidentale è per me presente ed attiva come storicamente è già capitato .
    quanto al provlema ed alla "sparizione di Putin" ecco:

    oh capitano...mio capitano!!!!

    Lo strano caso del capitano Heather Cole - Analisi Difesa
    .....articolo interessante nel panorama della "demodoxalogia militare"....
    .......
    Ora, secondo alcuni blogger, il flusso di dati sarebbe stato immediatamente visto anche dai russi che avrebbero reagito con un preallarme delle loro forze strategiche e l’avvio di imponenti esercitazioni, mentre il Presidente Putin scompariva dalla scena pubblica per 11 giorni, fatto di cui si è anche occupata la stampa internazionale suggerendo varie spiegazioni, tra cui la nascita di una figlia segreta in una clinica svizzera.
    ciao
    vb

  5. #2075
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,729
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  6. #2076
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    18,921
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Putìn

    Citazione Originariamente Scritto da Sinbad il marinaio Visualizza Messaggio
    quanto al provlema ed alla "sparizione di Putin" ecco:

    oh capitano...mio capitano!!!!

    Lo strano caso del capitano Heather Cole - Analisi Difesa
    .....articolo interessante nel panorama della "demodoxalogia militare"....
    .......
    Ora, secondo alcuni blogger, il flusso di dati sarebbe stato immediatamente visto anche dai russi che avrebbero reagito con un preallarme delle loro forze strategiche e l’avvio di imponenti esercitazioni, mentre il Presidente Putin scompariva dalla scena pubblica per 11 giorni, fatto di cui si è anche occupata la stampa internazionale suggerendo varie spiegazioni, tra cui la nascita di una figlia segreta in una clinica svizzera.
    ciao
    vb
    Interessante questo caso , una situazione liquida si sta prospettando , dove gli u$a utilizzano ogni occasione per destabilizzare al Russia e schiacciarla .Di fronte ad un simile avversario testardo e maligno , l'unica opzione valida sarebbe schiacciarlo , purtroppo nessuno ha la forza per farlo .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  7. #2077
    Venetia
    Data Registrazione
    06 Sep 2011
    Località
    Venetia
    Messaggi
    4,060
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Putìn

    Citazione Originariamente Scritto da Sinbad il marinaio Visualizza Messaggio
    quanto al provlema ed alla "sparizione di Putin" ecco:

    oh capitano...mio capitano!!!!

    Lo strano caso del capitano Heather Cole - Analisi Difesa
    .....articolo interessante nel panorama della "demodoxalogia militare"....
    .......
    Ora, secondo alcuni blogger, il flusso di dati sarebbe stato immediatamente visto anche dai russi che avrebbero reagito con un preallarme delle loro forze strategiche e l’avvio di imponenti esercitazioni, mentre il Presidente Putin scompariva dalla scena pubblica per 11 giorni, fatto di cui si è anche occupata la stampa internazionale suggerendo varie spiegazioni, tra cui la nascita di una figlia segreta in una clinica svizzera.
    ciao
    vb
    Fonti vicino alla marina us, dicono che è stata licenziata per "carenze" e questioni "culturali". Sono proprio dei clown.

    A Mosca, dove invece sono un po meno pagliacci, hanno rispolverato 5000 rifugi antiatomici, rischierato missili balistici nucleari nel Kaliningrad, bombardieri strategici in Crimea, più altre cosucce qua e la.
    sklöpp & kanù

  8. #2078
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    08 Sep 2009
    Messaggi
    18,627
    Mentioned
    42 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

  9. #2079
    Venetia
    Data Registrazione
    06 Sep 2011
    Località
    Venetia
    Messaggi
    4,060
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Putìn

    Washington, 26 mar – Paul Craig Roberts, classe 1939, è uneconomista e politologo tra i più autorevoli, esperti e indipendenti, in America e nel mondo. Già funzionario del Congresso negli anni ’70, è stato assistente segretario del Tesoro Usa con delega alla politica economica sotto la presidenza di Ronald Reagan nel 1981-1982, nel corso di una grave crisi economica e di una guerra fredda con l’Unione Sovietica che non accennava a placarsi.
    Roberts è stato editore associato ed editorialista del prestigiosoWall Street Journal, nonché editorialista di Business Week, enel 1993 Forbes lo ha classificato tra i primi sette giornalisti degli Stati Uniti. Dirige oggi l’Istituto per la politica economica (IPE).
    L’intervista rilasciata il 24 marzo a un importante portale web assume una rilevanza tale che è opportuno riportarne almeno i passaggi fondamentali.
    Secondo Roberts, gli Usa sono dominati da gruppi d’interesse privati e dall’ideologia neoconservatrice per cui la storia ha scelto gli Usa stessi come il paese “eccezionale e indispensabile” con il diritto di imporre il suo volere nel mondo. La lobby più influente, secondo l’analista, è senza dubbio il complesso militare e della sicurezza, “privatizzato nel 1991 dall’allora segretario alla difesa William Perry, e che ormai controlla il Pentagono, i suoi obiettivi e le sue spese”.
    Quindi , le quattro o cinque banchetroppo grandi per fallire”, con Wall Street, e lalobby israeliana, quest’ultima particolarmente attiva rispetto alle politiche medio-orientali ma infiltrata profondamente anche nel potere finanziario. Questi gruppi, insieme ai neoconservatori, sostengono l’imperialismo e l’egemonia finanziaria e politico-militare nel mondo, anche attraverso la proprietà diretta di tutti i media di massa, concentrati in sei mega-gruppi.
    In quanto alla Federal Reserve (Fed), l’ex ministro di Reagan ritiene che nel ventunesimo secolo questa serva soltanto gli interessi delle grandi banche: per esempio, negli ultimi otto anni i pensionati Usa non hanno ricevuto un centesimo di interessi sui depositi, a causa dei tassi fissati artificialmente bassi dalla Fed allo scopo di consentire alle banche di indebitarsi a costo zero. Anche in conseguenza di questo, secondo Roberts lo stato di salute dell’economia Usa è semplicemente pessimo, secondo una tendenza che va avanti da quasi venti anni, come del resto suggerivamo tempo fa su queste colonne: “La Federal Reserve, fin dai primi tempi del mandato di Alan Greenspan, ha utilizzato l’espansione del credito al consumo per sostituire l’assenza di crescita del reddito familiare, che continua da decenni, ma la popolazione è oggi troppo indebitata per farsi carico di ulteriori crediti. Niente rimane, quindi, a guidare l’economia, dal momento che sia la manifattura, sia le professioni più specialistiche come l’ingegneria software, sono state delocalizzate, creando una gigantesca disoccupazione, falsificata al ribasso nei dati ufficiali. Il castello di carta – conclude l’analista – crollerà appena il resto del mondo cesserà di utilizzare il dollaro Usa quale valuta di riserva.
    Il presidente Russo Vladimir Putin con il suo omologo cinese Xi Jinping

    Vanno in questo senso le recenti mosse combinate di Cina e Russia, sia in termini di accordi bilaterali sull’energia, il commercio e le infrastrutture, basati sulle rispettive valute, sia con mosse di più ampio respiro, ultime tra le qualiil lancio della grande banca cinese Aiib e il prossimo decollo della banca “mondiale” dei Brics. Insieme al blocco ai piani Usa di invasione della Siria e di bombardamento dell’Iran, il continuo richiamo al rispetto della legge internazionale, nonché l’esempio fornito con la conservazione dei propri valori e tradizioni sociali, tutto questo rappresenta, secondo Roberts, una ragione del tutto sufficiente per costituire bersagli per la distruzione totale.
    Rispetto alla struttura del potere statunitense: “La Nato fu inizialmente creata dagli Usa per proteggere l’Europa da una presunta minaccia sovietica, ma ormai ha assunto il solo ruolo di coprire le attività aggressive degli Usa e procurare forze mercenarie per l’impero americano, nel quale – sostiene Roberts – perfino i presunti alleati ‘privilegiati’, vale a dire Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda, non sono altro che vassalli di Washington, né più né meno rispetto ad altri come Germania, Francia, Italia, Giappone e il resto”. E per quanto all’Unione europea, Roberts sostiene che “gli Usa l’hanno favorita semplicemente perché è più facile da controllare rispetto ai singoli paesi”.
    Recenti manovre militari Nato “Atlantic Resolve” prossime ai confini della Russia

    È proprio sulle politiche di contenimento delle potenze emergenti che si conclude la lunga intervista di Paul Craig Roberts: “Mentre tentano – anche attraverso miriadi di Ngo (organizzazioni non governative) – di innescare rivoluzioni ‘colorate’ ai confini della Russia, per esempio in Asia centrale, gli Usa sembrano aver messo troppa pressione sull’Europa in funzione anti-Mosca, in una pericolosissima spirale di provocazioni. Se in conseguenza di questa eccessiva pressione la Germania dovesse dichiarare l’uscita dalla Nato, per l’impero Usa sarebbe la fine. Alternativamente, la Russia potrebbe trovare il modo di proporre il sostegno finanziario a Grecia, Italia e Spagna in cambio dell’uscita dalla Ue e dall’Euro, che ugualmente sarebbe fatale per Washington. E se – continua Roberts – le offerte non dovessero funzionare, la Russia potrebbe sempre ricordare agli europei che l’alleanza militare con gli Usa potrebbe costare il bombardamento nucleare delle loro capitali (come già reso chiaro alla Danimarca, ndr)”.
    Mentre, quindi, per evitare l’insorgenza di una nuova rivale o, ancora peggio, di un blocco rivale (Russia e Cina) dotato di immense risorse e capacità industriali, gli Usa stanno considerando con assoluta serietà l’opzione dell’attacco preventivo anche nucleare, fiduciosi nei propri sistemi di difesa, l’ex ministro di Reagan sostiene che “la Russia dovrebbe adoperarsi con l’Europa, avvertendola di attendere un attacco americano e che la prima opzione, in risposta, sarebbe di spazzare via l’Europa: lasciare la Nato per prevenire la terza guerra mondiale”.
    Arsenali nucleari nel mondo

    Inoltre – prosegue Roberts – Putin dovrebbe rendere chiaro alla Cina che il loro destino è comune e le rispettive forze nucleari dovrebbero essere poste in uno stato di allerta elevato, allo stesso tempo spiegando al mondo il grado di rischio che tutto questo comporta, in modo da isolare gli Usa. In questo senso– conclude il politologo –i paesi chiave sarebbero India, Giappone, Francia, Germania e anche la Gran Bretagna".Se i russi e i cinesi non si aspettano un attacco nucleare preventivo da parte di Washington, e conseguentemente non vi si preparano da subito – chiude l’intervista Paul Craig Roberts – i loro paesi saranno distrutti”.

    Il possibile attacco nucleare preventivo su Russia e Cina | IL PRIMATO NAZIONALE




    sklöpp & kanù

  10. #2080
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    30,729
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Putìn

    Ci pensano, ci pensano.
    Almeno l'amico ci pensa di sicuro.
    Sono gli altri che devono pensarci, anzichè credersi invincibili.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

 

 

Discussioni Simili

  1. He must be like Putin
    Di Pieralvise nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-08-08, 00:55
  2. putin
    Di andreas (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-12-07, 23:42
  3. Putin
    Di agaragar nel forum Destra Radicale
    Risposte: 48
    Ultimo Messaggio: 15-09-04, 00:45
  4. Putin al 75%
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-12-03, 12:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224