Citazione Originariamente Scritto da Aladar Visualizza Messaggio
Ci sono però delle cose francamente orribili, come "a me mi" e sebbene io possa condividere la spiegazione formale, rimango dell'avviso che il linguaggio deve essere snello, fruibile e non ridondante. Pertanto se anche fosse vero che dal punto di vista strettamente grammaticale non vi è ridondanza, essa riappare prepotentemente a livello di significato percepito: "a me" e "mi" rimandano al soggetto che sta pronunciando o scrivendo la frase, pertanto dal punto di vista logico e comunicativo è ridondante senza ombra di dubbio.
Si vede che nella testa della gente c'era bisogno di rafforzare il concetto, non si dice forse che gli italiani siano individualisti? O magari l'errore è venuto fuori per una questione di musicalità sonora: amemì ci sta bene in italiano, sembra quasi un nome di un personaggio di De Sica.
Cmq il popolo ha deciso di perseverare nell'errore fin quando la grammatica lo ha eliminato dalla lista degli errori. Accettalo!